Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvsguub.comQuartoProvvisoriomarcellomaggiolidomenicodpsiamoliberidigirareQuivisunusdepopulomangga2pokerpaco20000animegemelle20legrin2marzianadgl12pasquale.troia
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 03/05/2022

Con chef Mariola, il Gargano e i trabucchi tornano su Sky con ricette a…”fuoco vivo”

Post n°29542 pubblicato il 03 Maggio 2022 da forddisseche

Con chef Mariola, il Gargano e i trabucchi tornano su Sky con ricette a…”fuoco vivo”

201

Laziale doc, star di YouTube, volto di numerosi programmi Sky in onda su Gambero Rosso, Max Mariola è uno degli chef più amati e seguiti d’Italia, anche se preferisce definirsi “cuoco in divenire”. E grazie a lui, il Gargano, e Vieste in particolare, tornano in tv nazionale con i nostri trabucchi. Mariola, infatti, nelle scorse settimane è stato a Vieste e ha avuto modo di scoprire e conoscere, grazie all’Associazione “La Rinascita dei trabucchi storici del Gargano”, i nostri giganti del mare. Su quello di Molinella, accompagnato dal presidente dell’Associazione, Matteo Silvestri, e dallo chef stellano, Domenico Cilenti de “La porta di basso” di Peschici, ha registrato alcune puntate della sua nuova serie televisiva, dal titolo “Fuoco”, che andranno in onda su Sky (canale 415), oltre che sul canale del Gambero Rosso (133). Registrazione anche nella tipica masseria della “Valle del Cerro”, a diretto contatto con la natura.

Una bella combinazione, quella di “Fuoco” con il Gargano, perché chef Mariola con questa suo nuova trasmissione ritorna al fuoco vivo come unica forma di cottura. Per cui insegna trucchi, temperature e ricette per cucinare come si faceva alle origini.

Le puntate girate a Vieste, e in altre zone del Gargano, andranno in onda su Sky giovedì 5 maggio, alle ore 21, sabato 7 e domenica 8 maggio, alle ore 19. Altre puntate andranno in onda nelle successive cinque settimane.

Una bella promozione per il nostro Gargano.

 

 
 
 

Il Comune di Vieste dichiara guerra all’evasione fiscale, accordo con “Andreani Tributi” per servizio riscossione

Post n°29541 pubblicato il 03 Maggio 2022 da forddisseche

Il Comune di Vieste dichiara guerra all’evasione fiscale, accordo con “Andreani Tributi” per servizio riscossione

 

“Avvieremo attività di accertamento e riscossione coattiva delle entrate tributarie. Opereremo in stretta sinergia con gli uffici comunali e stabiliremo insieme le priorità da adottare”

 

 

 

 

 

Il Comune di Vieste volta pagina e dichiara guerra all’evasione fiscale con le nuove tecniche di accertamento. Sottoscritto il contratto con la società Andreani Tributi di Corridonia (Mc) che da oggi si occuperà di gestione, accertamento e riscossione delle entrate tributarie. Nelle scorse ore la firma della convenzione tra Comune di Vieste e Andreani Tributi, alla presenza del sindaco Giuseppe Nobiletti e del rappresentante della Andreani, Michele Russo. “Per conto del Comune di Vieste – ha affermato Russo – avvieremo attività di accertamento e riscossione coattiva delle entrate tributarie. Opereremo in stretta sinergia con gli uffici comunali e stabiliremo insieme le priorità da adottare. Ci occuperemo di IMU, TASI e imposta di soggiorno, in massima sintonia con il contribuente, senza atteggiamenti vessatori. Cercheremo di mettere nelle condizioni migliori il contribuente che dovrà assolvere i propri obblighi. Sarà nostro intento – continua Russo – individuare quelle sacche di contribuenti oggi sconosciuti all’anagrafe del Comune. Tutti i cittadini di Vieste e gli immobili saranno oggetto di accertamento”.

“Ci dotiamo di un nuovo strumento – aggiunge il sindaco Giuseppe Nobiletti – per la lotta all’evasione, e con le nuove tecniche di accertamento daremo la caccia agli evasori totali, a tutte quelle persone che ad oggi non risultano censite nella nostra anagrafe tributaria. A Vieste tutti devono pagare le tasse. Inoltre andremo ad arginare quella odiosa pratica dei doppi proprietari di case che fanno finta di risiedere a Vieste per evitare il pagamento dell’IMU sulla seconda casa. Un nuovo percorso che porterà maggiori risorse al Comune per dare ulteriori risposte ai nostri cittadini”.

 
 
 

VIESTE – La gioiosa “Festa a Maria” degli alunni del comprensivo Rodari-Alighieri-Spalatro Il Mag 3, 2022

Post n°29540 pubblicato il 03 Maggio 2022 da forddisseche

VIESTE – La gioiosa “Festa a Maria” degli alunni del comprensivo Rodari-Alighieri-Spalatro 

 
65
 

Ieri sera, 2 maggio, in cattedrale, gli alunni dell’ Istituito comprensivo Rodari, Alighieri, Spalatro di Vieste hanno reso omaggio alla Santa Protettrice con una performance musicale, arricchita da letture e preghiere.
Una serata attesa e desiderata, dopo due anni in cui, a causa dell’epidemia da Covid 19, tutti noi abbiamo modificato abitudini e stili di vita tra distanziamento e sorrisi celati dietro le mascherine.
Ieri sera la chiesa cattedrale ha ritrovato il suo massimo splendore, le voci dei ragazzi e la tanta gente accorsa ad assistere allo spettacolo hanno donato a noi tutti la spensieratezza e la voglia ancora più forte di stare insieme.
Il lavoro presentato ieri sera dai ragazzi è stato il risultato di un impegno quotidiano, in cui ciascuno si è sentito protagonista, un piccolo mattoncino facente parte dell’architettura della Pace, affinché essa diventi duratura e di tutti.
Attraverso le loro letture, i ragazzi e le ragazze hanno accompagnato i fedeli alla riflessione sul tempo presente e sull’importanza dell’ascolto reciproco, in un momento in cui si amplifica l’assordante rumore dei conflitti.
Si ringrazia don Gioacchino, il DS prof. Loconte, la Dsga dott. Ssa Iavicoli, i collaboratori scolastici Lorenzo e Michele De Vita, le docenti Annamaria Troia, Costanza Mafrolla, Patrizia Grassi, Eleonora Mafrolla, Rita Sacco, Simona Valente.
Un grande grazie alle famiglie e agli alunni.

  

Prof. Ssa Eleonora Mafrolla

 
 
 

Dopo due anni Peschici in festa ieri per la Madonna di Loreto Il Mag 3, 2022

Post n°29539 pubblicato il 03 Maggio 2022 da forddisseche

Dopo due anni Peschici in festa ieri per la Madonna di Loreto 

 
59
 
 

Dopo due anni di stop forzato a causa della pandemia, a Peschici è tornato il tradizionale appuntamento con la festa in onore della Madonna di Loreto. Una lunga processione che parte dalla chiesa madre e termina al caratteristico santuario adagiato su una collina da dove il panorama è mozzafiato e da dove si intravedono le prime isole della Croazia. Edificato tra il XVI e il XVII secolo, il piccolo santuario imbiancato a calce ricorda per dimensioni una grossa imbarcazione. A volerne la costruzione, un gruppo di pescatori come atto di devozione per l’intervento miracoloso che aveva permesso loro di mettersi in salvo in una notte di tempesta. Una grande cappella quanto la loro barca ospita ancora oggi diversi ex voto marinari a forma di barche, remi, velieri e altri attrezzi, donati da pescatori ed emigranti. La Madonna di Loreto per tradizione è ricordata ogni secondo lunedì di Pasqua, quando gli abitanti si recano al santuario e, al termine della celebrazione, si trattengono nella pineta a consumare i tipici dolci pasquali a forma di cestelli con le uova sode chiamati “canestredd”. Ieri, oltre al sindaco Francesco Tavaglione, erano presenti anche l’arcivescovo di Manfredonia, padre Franco Moscone, e il presidente del comitato feste, Matteo Martella.

 
 
 

Irregolarità in 12 lidi nel Foggiano. Sequestrati sette stabilimenti: denunciati i proprietari

Post n°29538 pubblicato il 03 Maggio 2022 da forddisseche

Irregolarità in 12 lidi nel Foggiano. Sequestrati sette stabilimenti: denunciati i proprietariAlle operazioni hanno partecipato 25 militari che hanno mappato l'intera costa foggiana, da Zapponeta fino a Marina di Chieuti, procedendo a una verifica su 141 strutture balneari

Irregolarità in 12 lidi nel Foggiano. Sequestrati sette stabilimenti: denunciati i proprietari

I militari della Guardia costiera hanno accertato irregolarità in 12 stabilimenti balneari del Foggiano e denunciato i titolari dei lidi per violazioni di norme a tutela del demanio marittimo e del paesaggio.

Nello specifico per sette stabilimenti si è proceduto al sequestro dei manufatti realizzati abusivamente e che coprivano una superficie totale di 900 metri quadrati.

I risultati dei controlli sono stati trasmessi alle municipalità costiere per consentire l'adozione delle ordinanze di demolizione e il recupero dei canoni quale indennizzo per l'abuso commesso. Alle operazioni hanno partecipato 25 militari che hanno mappato l'intera costa foggiana, da Zapponeta fino a Marina di Chieuti, procedendo a una verifica delle aree demaniali dove sono posizionati complessivamente 141 stabilimenti balneari.

 

 
 
 

Le “ali” di Colette Miller a Monte Sant’Angelo: mercoledì l’inaugurazione dell’opera della street artist americana | FOTO - VIDE

Post n°29537 pubblicato il 03 Maggio 2022 da forddisseche

Le “ali” di Colette Miller a Monte Sant’Angelo: mercoledì l’inaugurazione dell’opera della street artist americana | FOTO - VIDEO La Città dei due Siti Unesco entrerà nella mappa internazionale “Global Angel Wings Project”. Il sindaco: «Si rafforza proiezione internazionale in occasione della festa di San Michele» 

 

 

 

Dalla Città degli Angeli alla Città dell’Arcangelo. Da Los Angeles a Monte Sant’Angelo: la street artist americana Colette Miller è arrivata nella Città dei due Siti Unesco per realizzare una coppia di ali d’angelo inedite che faranno parte della mappa internazionale del suo “Global Angel Wings Project”.

 

In dieci anni l’opera di Miller ha raggiunto Stati Uniti, Kenya, Australia, Inghilterra, Cina, Giappone, Francia, Cuba, Messico, Emirati Arabi Uniti, Taiwan e altri Paesi. Ali libere per il mondo, che non appartengono a nessuno ma possono essere “indossate”, ritraendosi di spalle all’opera come protagonisti dell’immagine, in un rito collettivo.

 

L’artista americana è stata accolta dal sindaco Pierpaolo D'Arienzo, dall’assessore alla cultura e al turismo Rosa Palomba e dalla direttrice del Circuito del Contemporaneo - Puglia Giusy Caroppo.

 

Per il Sindaco d’Arienzo «la presenza di Colette Miller rafforza la proiezione internazionale di Monte Sant'Angelo. La sua residenza nella Città dell'Arcangelo Michele si inserisce infatti in questa edizione speciale del Festival dedicata alla pace e all’Ucraina e lei, dipingendo “ali” d’angelo sui muri delle città di tutto il mondo, sottolinea questo messaggio forte di pace che vogliamo lanciare da qui, dalla Città dell’Arcangelo Michele patrono di Monte Sant’Angelo e di Kiev».

 

«Ho visto delle immagini di questa location, con San Michele, e mi è sembrata eccezionale», ha detto Colette Miller. «Ho scelto questi colori perché associo san Michele al blu e all’argento ed è uno degli arcangeli più potenti e ho successivamente scoperto che è anche il patrono di Kiev. Quindi sembra ci sia stata questa convergenza di elementi con il progetto originale nato a Los Angeles, la città degli angeli, a Monte Sant’Angelo, la montagna dell’angelo. È proprio come se tutti questi elementi si siano uniti per questo evento, il Festival Michael, in questa location». 

 

L’opera sarà inaugurata mercoledì 4 maggio alle 18:30 in Piazza de Galganis per l’apertura della quinta edizione di Michael, il festival del patrimonio culturale, spirituale, naturale ed enogastronomico della Città dei due Siti Unesco.