Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechefrancotrottaQuartoProvvisoriolaboratoriotvP_Vigosurfinia60CosmoMadamedony686bagant70giovannapiglionicaAliceSettequerceper_letterabibliofrancescanadomgrimaldi
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 02/09/2022

VIESTE – Santa Maria Stella Maris, la festa della “Gente di mare” Ultimo aggiornamento Set 2, 2022

Post n°29989 pubblicato il 02 Settembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Santa Maria Stella Maris, la festa della “Gente di mare” 

 
242
 

E’ la festa di Santa Maria Stella Maris, la festa popolare legata, in particolare, al mondo della pesca e della marineria. Come da tradizione, l’evento civile e religioso si svolge il primo week-end di settembre, per cui tutto è programmato per domani, 3, e dopodomani, domenica 4 settembre.
Caratteristica della festa, la processione a mare del simulacro della Vergine, accompagnata da decine d’imbarcazioni in una sorta di “pellegrinaggio” lungo la costa. Un momento molto suggestivo che ha luogo al calar della sera, al termine del corteo processionale che si snoda, in particolare, attraverso il quartiere di “corso Tripoli”, che si affaccia sul porto.
Il programma della festa, organizzato dall’apposito comitato, presieduto da Vincenzo Azzarone, e che sta crescendo di anno in anno, prevede per domani, per ciò che riguarda la parte religiosa, la celebrazione di sante messe, di cui quella delle 17, nella chiesa parrocchiale del SS.Sacramento, ove si è svolto il novenario di preparazione. Dopo la messa la processione della statua della Madonna, via terra e via mare. La processione che giunge fino al porto vecchio dove, dopo l’atto d’affidamento dei pescatori alla Madonna, il simulacro Stella Maris viene imbarcato a bordo di un motobarca adibita alla gita lungo la costa,per prendere il largo insieme con tante altre imbarcazioni, una delle quali ospita anche la banda musicale “Gerolamo Cariglia” che accompagna la barca con la statua della Madonna oltre l’isolotto del faro. Una volta al largo, vengono recitate preghiere ed invocazioni e quindi lanciata in acqua una corona di fiori in onore di tutte le vittime del mare.
Il corteo marinaro, salutato dalle sirene delle tante imbarcazioni al seguito, fa poi ritorno in porto, dove la statua della Madonna viene deposta nella nicchia, ricavata da una grotta nella roccia, che la ospita tutto l’anno. Nella serata, spettacolo musicale sul piazzale del molo peschereccio, e in chiusura fuochi pirotecnici.
Domenica, 4 settembre, invece, giornata dedicata ai giochi in mare, con gare di nuoto, gara remiera, tiro alla fune, corsa nei sacchi, palo della cuccagna, pentolaccia e bignettatta. In serata, invece, la tradizionale “Sagra del pesce”, che ha luogo al porto, sul piazzale del molo Sud, con l’offerta di fritture e grigliate di pesce, con vino a volontà, allietata da uno spettacolo musicale. In chiusura i tradizionali fuochi d’artificio in mare.

 
 
 

VIESTE – Maltempo: allagamenti e frane, prezioso intervento della nostra Protezione civile Il Set 2, 2022

Post n°29988 pubblicato il 02 Settembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Maltempo: allagamenti e frane, prezioso intervento della nostra Protezione civile 

 
332
 

Il violento temporale che si è abbattuto, anche su Vieste, ieri pomeriggio (con una coda nel primo mattino di oggi), ha causato, come prevedibile, a causa dell’abbondante pioggia caduta, alcuni allagamenti in diverse zone del centro abitato e nelle contrade esterne. E’ stato necessario il prezioso, come sempre, intervento dei gruppi di volontari della nostra Protezione civile (Pegaso e Gev Capitanata), per liberare strade e locali da acqua e fango.

  

Gli interventi principali da parte dei volontari, si sono concentrati, come sempre, nelle zone più critiche, sotto questo aspetto, vale a dire via Pizzomunno-Silvio Pellico (dove a breve, finalmente, dovrebbero partire i lavori proprio per il nuovo sistema di raccolta e deflusso delle acque meteoriche), via Dante Alighieri (Pietà),  viale Italia, anfiteatro Adriatico (biblioteca comunale), contrade “Reginella”, “Macchia di Mauro”. Verificatasi anche una frana sulla statale 89 per Mattinata, subito dopo il cimitero, dove massi e detriti hanno per gran parte invaso la carreggiata. Qui è intervenuto un mezzo meccanico di una ditta privata, fatta convergere dal Comune su segnalazione della Polizia locale, successivamente le Gev Capitanata (Nucleo operativo emergenze) di Vieste, con una “lama” ed un camion, oltre ad un escavatore fatto arrivare dall’Anas.

 

Interventi sono stati effettuati, sia da parte di Pegaso sia da parte delle Gev, anche in un paio di villaggi turistici, sempre alle prese con allagamenti.

 
 
 

VIESTE – Bagno di folla per l’ex premier Giuseppe Conte che “passeggia” tra la gente Il Set 2, 2022

Post n°29987 pubblicato il 02 Settembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Bagno di folla per l’ex premier Giuseppe Conte che “passeggia” tra la gente 

 
484
 

Bagno di folla, ieri a Vieste, per il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, giunto sul Gargano per un tour elettorale, cominciato in mattinata a San Severo, e proseguito poi, nel pomeriggio, prima a Vico e poi a Vieste, per concludersi in serata a San Giovanni Rotondo.

 

L’ex premier, è giunto a Vieste poco dopo le 19, appena dopo il violento acquazzone che ha provocato anche diversi allagamenti in varie parti del centro abitato e fuori. L’auto del presidente si è fermata nei pressi dell’ufficio postale, in via Vittorio Veneto, da dove Conte ha cominciato la sua “passeggiata” viestana. Non ha tenuto comizio, infatti, ma ha espresso il desiderio di stare tra la gente e sentire il loro calore. E, in effetti, in tantissimi hanno accolto il leader pentastellato, tanto che gli uomini della sua scorta hanno fatto fatica a trattenere la gente, tutta desiderosa di immortalare il momento con un selfie o una semplice foto.

  

Conte ha poi proseguito la passeggiata, prima di una breve sosta al bar-gelateria “Ruggieri”, all’incrocio di corso Fazzini. Qui, tra l’altro, erano ad attenderlo Mariateresa Bevilacqua, candidata alla Camera dei deputati per il M5S, nel collegio plurinominale “Puglia 1”, che comprende il Gargano, Rosa Barone, assessore regionale al welfare, e l’eurodeputato Mario Furore. Nel bar, dove ha incontrato tanti suoi sostenitori giunti dai vari centri del Gargano e della provincia, Conte ha potuto gustare un buon caffe, accompagnato da un ottimo gelato al cioccolato.  Il presidente ha anche ricevuto un gradito omaggio, vale a dire una originale riproduzione di nostri antichi trabucchi, da parte dei trabuccolanti di Molinella e dal presidente dell’Associazione viestana “La rinascita dei trabucchi storici”, Matteo Silvestri. Prima di riprendere la passeggiata sul corso, il leader del M5S si è fermato con i giornalisti (una troupe di TGcom 24, e la nostra di Gargano tv). Questa l’intervista che ci ha rilasciato.

 

Conte ha voluto poi continuare a passeggiare tra la gente, che nel frattempo è diventata sempre più numerosa, con tanti nostri ospiti in vacanza, Una breve sosta anche presso l’enoteca Bua, dove ha potuto apprezzate l’ampia cantina con le etichette più prestigiose di vini pugliesi e nazionali.  Proseguendo, il presidente Conte si è incontrato anche con il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti (gesto molto apprezzato dai tanti), con il quale, oltre ai saluti, ha scambiato anche alcune battute sull’attività amministrativa del Comune di Vieste.

 

Nonostante la necessità di riprendere il tour per ritrovarsi a San Giovanni Rotondo per il comizio finale, Conte si è intrattenuto ancora un po’ a Vieste, fino a raggiungere il viale Marinai d’Italia dove, tra cori e battimani, ha poi salutato i tanti che lo attorniavano. Quindi partenza con destinazione la sua San Giovanni Rotondo dove, nonostante la pioggia, erano in tantissimi ad attenderlo in piazza dei Martiri.

 
 
 

Piccola di 50 giorni trasferita d’urgenza da San Giovanni Rotondo al Bambin Gesù di Redazione 1 Settembre 2022

Post n°29986 pubblicato il 02 Settembre 2022 da forddisseche

Piccola di 50 giorni trasferita d’urgenza da San Giovanni Rotondo al Bambin Gesù
 
 
 

Trasportata dall’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo al Bambin Gesù di Roma una piccola paziente di circa cinquanta giorni.

 

La piccola con diagnosi di emorragia cerebrale, è stata trasportata con elicottero Alidaunia ed accompagnata dal rianimatore dell’elisoccorso.

 

Il tutto grazie alla collaborazione dei vertici della ASL e alla organizzazione della Centrale Operativa del 118.