Creato da: fulvia1953 il 14/11/2011
Terra aria acqua fuoco

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

fulvia1953eles515Ladama.dei.velenipaia2010Bernardodgl1soulesoulletizia_arcuriElemento.ScostanteoscardellestelleSAL313chiarasanylacky.procinoacer.250Sky_Eagle
 

Ultimi commenti

Carissima Fulvia, intanto grazie per i tuoi passaggi sempre...
Inviato da: Riyueren
il 31/05/2017 alle 15:30
 
E' vero, cerchiamo proprio di rendere sacro il nostro...
Inviato da: fulvia1953
il 27/05/2017 alle 11:10
 
Grazie Susanna, un carissimo saluto.
Inviato da: fulvia1953
il 27/05/2017 alle 11:06
 
Concordo pienamente.
Inviato da: Riyueren
il 26/05/2017 alle 19:35
 
Ognuno ha i suoi modi per rendere sacri i momenti della sua...
Inviato da: Riyueren
il 26/05/2017 alle 19:34
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

"Un  eremo non è un guscio di lumaca"  di Adriana Zarri

Con i suoi giorni brevi e le notti lunghissime, l'inverno è un abisso di luce e di buio; col suo silenzio è una stagione di ascolto, di attesa, di incontro: un incontro piu' intimo e segreto di quanto non sia dato in altre stagioni dell'anno: un incontro che ha sapore di casa, di madia, di stufe accese e di polenta. Bisogna per forza guardare dentro perchè di fuori non c'è nulla: solo stupende sfumature di grigio: dal piombo al perla, al luminescente al quasi bianco; e, se la nebbia si dirada, emergono le  braccia nude degli alberi, protese al cielo, inutilmente, come preghiere inascoltate. L'esaudimento, il calore, l'amore, si rifugia all'interno delle case; con le lampade accese, le tinte vive per contrastare gli smorti colori della terra. Ridimensiono la casa:Per risparmiare carburante mi rifugio in una sola stanza, a mezzogiorno. Tutto è piu' piccolo e raccolto. E dalla finestra guardo cadere le foglie, guardo scrosciare la pioggia, guardo salire la nebbia.

 

 

 

 
« E' il tempo della ricon...tenebra e luce - »

Pensieri sulla giornata della Memoria

Post n°24 pubblicato il 29 Gennaio 2012 da fulvia1953

 L'anno scorso mi ricordo  andai ad una conferenza. Eravamo poche persone, ma ho notato che c'erano degli studenti e questo mi aveva allietato il cuore.  La presentazione da parte delle autorità mi lascia sempre indifferente se non annoiata, ma poi ha preso la parola un giovane studioso, parlava con animazione, pienamente coinvolto ed aveva diverse diapositive a conferma delle sue parole.  Quello che voleva dimostrare era come certe idee, che ognuno di noi rifiuta a priori perchè sono contro l'umanità, possano iniziare quasi per scherzo e talmente in sordina che nessuno penserebbe mai che muovano un'onda gigantesca di odio come quella che poi ha devastato l'umanità. I principi nazisti comprese le leggi razziali sono nati intorno ad un tavolino da bar dove erano seduti alcuni giovani di scarsa cultura ed intelligenza che passavano in chiacchiere il loro pomeriggio, degli sfaccendati senza talento, tra cui c'era Adolf Hitler, che, per non annoiarsi avevano cominciato a mettere su carta le regole di un immaginario partito. Idee assurde, ma che lentamente hanno cominciato ad attecchire incontrando via via, interessi e rancori personali finchè è diventato, nel giro di pochi anni, quel bubbone che conosciamo.                                                Questa cosa mi ha sconcertato,  mi ha inorridito e mi sono chiesta, cos'è l'uomo?

Quest'anno il 27 gennaio, giorno della memoria, ho ascoltato  i racconti degli ultimi testimoni, sopravissuti ai campi di concentramento. Parlavano direttamente da Auschwitz e con loro ho visto i forni crematori, le baracche e quelle distese enormi di filo spinato che li stringeva tutti in una morsa di morte. Ho visto i tavolacci di legno, i loro letti, quei numeri marchiati sulle braccia, ascoltavo le angherie di ogni genere, fatte solo per pura crudeltà e quei momenti ed anche quelle decisioni che, nel giro di un attimo, possono decidere la tua salvezza o la tua morte.  Non riesco a togliermi dagli occhi la vista di montagne di corpi umani, accatastati senza rispetto nè pietà fuori all'aperto, mentre dentro alcune baracche c'erano altrettante montagne di scarpe e vestiti e capelli e dentiere, ma queste era ben tenute perchè avevano la  loro utilità.  Quello che mi ha agghiacciato è stata l'intervista ad alcuni tedeschi responsabili di esecuzioni di massa di ebrei. Li osservavo in volto mentre raccontavano, erano senza emozione, assolutamente estranei, freddi e duri come se stessero parlando dell'elimanazione di oggetti senza importanza. e di fatto, l'ultimo intervistato ha confessato tranquillamente il suo odio per gli ebrei perchè erano la causa della distruzione dell'economia tedesca e di tante famiglie contadine, come la sua: " Quelli uccisi erano solo degli ebrei e  l'unica cosa che ho pensato mentre sparavo, era di prendere bene la mira e non risparmiare nessuno".  Ancora mi chiedo, cos'è l'uomo?

Queste testimonianze, questi pensieri, la voce tremante di chi aveva subìto e di contrasto quei volti impassibili con quel lampo di odio non ancora sopito degli aguzzini, tutto questo oggi l'ho avvertito con maggiore angoscia e mi accorgo che tutto è così precario, e quest'odio che è pura raffinatezza dell'uomo, dove ci porterà? 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog