Creato da holy.bast il 22/12/2006

Fusa alla rinfusa

Miagolando qua e la

 

 

Post N° 33

Post n°33 pubblicato il 02 Maggio 2007 da holy.bast

CLOSED!!

 
 
 

AAA Principe azzurro vendesi.

Post n°32 pubblicato il 05 Aprile 2007 da holy.bast
 

immagine

Stufe della vostra vita da single e siete alla ricerca dell’uomo ideale, l’uomo perfetto, insomma il classico principe azzurro e non lo avete ancora trovato? Niente paura... cliccando qui troverete l’uomo dei vostri sogni. Pensate: é pulito, non dice mai di no e c’è sempre quando avete bisogno di lui. Inoltre non fa mai domande, non controlla mai la carta di credito, non mastica con la bocca aperta, non russa e soprattutto non ti guarda storto quando torni a casa con il tuo 2349mo paio di scarpe nuove.

Bastano 3,49 dollari e potrete portaee a casa un simpatico pupazzetto che, messo a mollo nella vasca da bagno per circa 72 ore, "cresce" del 600% e sarà a vostra disposizione in qualunque momento lo desideriate e non vi farà sentire mai sole.

 
 
 

Oggi giornata nera!

Post n°31 pubblicato il 03 Aprile 2007 da holy.bast

immagine










... affrontare Lord Fener sarebbe stato un gioco da ragazzi. Meglio un guerriero che una pazza.

 
 
 

Tutti al mare

Post n°30 pubblicato il 02 Aprile 2007 da holy.bast

Ieri, ho deciso che la giornata era abbastanza buona per andare al mare così ci siamo "svegliati" relativamente presto. Ammettiamo di essere stati sbrandati dalla piccola peste il cui orologio interno le dice che le 7.30 é un ottimo orario per buttarci giù dal letto. Mio marito dopo tutto l'inverno passato ad "oziare", ha deciso che quella era la mattina ideale per riprendere la sua corsa mattutina, perchè fino all'altro ieri - dice lui - c'era freddo. Diciamo pure che, a parte qualche giorno di pioggia a marzo, l'inverno ce l'ha fatta da frattello regalandoci una prematura primavera (scusate il bisticcio di parole).
Ne ho approfittato per sistemare alcune piante, non prima di avere sfamato la piccola peste.  Mio marito é tortnato verso le nove, tra doccia, barba, vestizione e colazione si sono fatte le undici e ancora stavamo li a cercare di ricordare dove avevamo riposto i teli da mare alla fine della scorsa estate. E' stata un vera caccia al tesoro ma alla fine ce l'abbiamo fatta. Siamo finalmente usciti e nessuno ci poteva più fermare tranne la sosta per fare benzina e per comprare qualcosa da mettere sotto i denti per il pranzo.
Finalmente siamo arrivati in spiaggia e....
AHHHHHH
Volevo scappare !
Mio marito me lo aveva detto, o meglio mi aveva detto che voleva andare da un'altra parte su altri lidi e invece io ho insistito: "ma no, andiamo alla playa, é più vicino e non vale la pena andare lontano" ecc.
Beh, avrei preferito andare lontano e vedere una spiaggia pulita piuttosto che camminare tra l'immondizia. Praticamente la spiaggia era una discarica a cielo aperto : bottiglie di vetro rotte ed inetere, bottiglie di plastica, vaschette delle patatine fritte, siringhe da chiappa, cassette della frutta di legno e di plastica, buste di tutti i tipi - piccole, grandi, dei fazzolettini - cibo o meglio quello che ne restava, copertoni, contenitori per detersivi, detriti di varia natura  e altra robba non meglio identificata.
Ci credo che questa città abbia sviluppato un turismo cosidetto mordi e fuggi. Se quelli che arrivano in questa landa desolata e disgraziata vedono quello che ho visto io é comprensibilissimo che dopo tre secondi girino i tacchi e vadano via, possibilmete schifati.
In trutto quello schifo c'erano appollaiati qua e la gurppetti di persone che si godevano la giornata come se niente fosse.
E' vero che vicino alla riva, quasi sulla battigia, c'erano degli spazi più puliti ma tutto intorno era un letamaio.
Sembravamo in un paese del terzo mondo (qualcuno sa dirmi quali sono i paesi del primo e del secondo?); che scena pietosa! Non ce l'abbiamo proprio fatta a restare e ci siamo dovuti accontentare di una passeggiata sugli scogli di Ognina sicuramente erano più puliti.
Il sole comodamente sdraiati lo prenderemo un altro giorno e in un'altra città.

 
 
 

Quando si dice la sfortuna!

Post n°29 pubblicato il 31 Marzo 2007 da holy.bast
 

immagine Non sono passata sotto una scala, nessun gatto nero mi ha tagliato la strada. Non mi è capitato di rompere alcuno specchio e nemmeno ho incrociato carri funebri vuoti sulla mia strada. Tuttavia sembrerebbe, per via dei tanti eventi funesti che si sono susseguiti nell'arco di così breve tempo, che un campo elettro magnetico di carica molto negativa si sia scatenato sopra la mia testa facendo convergere su di me la peggiore di tutte le sfighe. Era brutta e pure incazzata (questa vredo di averla rubata a qualcuno, Pinketts forse). Vorrei tanto sapere chi è stato a farla arrabbiare.
Sentivo che mi alitava sul collo già da diverso tempo fino a quando non mi ha acciuffato e stretta nella sua morsa sfigosa. Non sono del dutto sicura che sia riuscita a liberami di lei.
"Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglia. Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio. Corna e bicorna". 
Non si sa mai!
Narrarvi ciò che mi è accaduto sarebbe cosa lunga e noiosa e io non  voglio male a nessuno.
L'unica cosa veramente triste e irrimediabile è la perdita di un "vecchio" amico. Non lo vedrò più camminare con la sua andatura attempata mentre va a fare la presa. Mi mancheranno i sue visite in negozio e le sue chiaccherate. Diceva sempre sono vecchio ed invece aveva una vitalità da fare invidia ad un ragazzino. Mi mancherà il suo sorriso. "Maresciallo mio Maresciallo". Addio!

Una perla positiva in mezzo a così tante disgrazie è l'arrivo di Giacomino. Il pupetto ha deciso di nascere a tutti i costi. E' forte, sano ed é bellissimo. Dalle mie parti si dice "tali patrozzu, tali figghiozzu" trad. "tale padrino, tale figlioccio". In questo caso "patrozza" visto che sarò la madrina.


 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK