Creato da Euthanasia12223 il 26/01/2013
ovvero, « Merda d'Artista », in ermetici esperimenti, sull'« Humana Fragilitas ».

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

calleguadianaCuore.NudoEsploro7christie_malryEuthanasia12223SEMPLICE.E.DOLCEnessunatracciadimegufo2005dinobarilitobias_shufflefenormone0MarquisDeLaPhoenixgioiaamoreOvunqueSei1982v_e_n_u_s_i_a_2011
 

Ultimi commenti

Mi rieccheggia Apollinaire.
Inviato da: christie_malry
il 13/05/2014 alle 10:58
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« -Condanna-Infectum »

-Naxos, nexumque

Post n°6 pubblicato il 12 Maggio 2014 da Euthanasia12223
 

« Scappare, scampar a questo perpetuo verno:

ma dalla cera che io lacrimo
solo ali che soccombono s'ergono. »


 

« Naxos », l'isola di Nasso, fu il luogo nel quale Arianna fu abbandonata da Teseo seguitamente all'aiuto prestatogli nel Labirinto di Cnosso, le vicende dei costruttori, Dedalo ed Icaro, del quale, sono richiamate nei versi 2-3. Essa è il « luogo dell'abbandono » per eccellenza, tant'è che ve n'è traccia nella polirematica « piantare in Nasso ».

Il « nexum » era, nella Roma antica, un istituto per la contrazione dei debiti nel quale il debitore forniva, come forma di garanzia per il saldo, la sua stessa persona-riducendosi in un effettivo stato di schiavitù « non ufficiale », qualora non fosse riuscito, fatto molto difficile e raro, ad estinguerlo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog