**TEST**
Creato da ibisco9 il 05/08/2007
sono io

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

lucilachinino.graziellaagaverossa2chiarina.2008ellaessapacha210ezio.fantinavighetortempobiondo300finisterraNellywoodmezzosigaro1desantisotiLucreziaSorgona
 

Ultimi commenti

Ciao Eugenio, sono passata a rileggere qualcosa che mi...
Inviato da: Wilma
il 29/06/2015 alle 10:23
 
Buon compleanno carissimo, lassù fra le stelle ti giunga il...
Inviato da: ellaessa
il 28/07/2014 alle 21:26
 
Carissimo, ho deciso: quando avrò una casetta tutta mia,...
Inviato da: Orsetta
il 03/05/2014 alle 22:28
 
Sembra ieri....sono gia' passati due anni.....ti...
Inviato da: wilma
il 27/04/2014 alle 20:15
 
Ciao Mariella! Ti ringrazio, sei sempre gentilissima. Beh,...
Inviato da: Orsetta
il 14/02/2014 alle 23:40
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« canti perdutimeteore »

un tenente

Post n°1074 pubblicato il 22 Febbraio 2012 da ibisco9

Era mio cognato...ora è morto e non ha più nessuno che lo ricorda...morti genitori sorelle e moglie. Lo ricordo io con un piccolo scritto, per farmi perdonare qualche sgarbo che gli ho fatto.

------------------------------------------------------------------------------

Cercare....capire.... perchè un uomo

non si spegne come una candela,

dolcemente, col sorriso sulle labbra,

in partenza verso un meritato riposo.

Non è così.

Vedo un uomo che saltella come un uccellino,

sorretto ai due lati, le guance infossate,

la bocca aperta e gli occhi spenti.

Era un tenente,

e un quadretto sul tavolino lo ritrae impettito,

orgoglioso nella sua divisa.

Ora è curvo sulle ginocchia e trema come una foglia

e articola suoni incomprensibili.

Un'attimo di distrazione e risuona un colpo cupo.

Era lui, disteso bocconi e il sangue usciva copioso

gocciolando sul pavimento.

Lampeggia nella mente il Gregoire di Kafka,

ma la pietà prevale,

e quel povero corpo stanco, immobile al suolo,

colpisce al cuore.

------------------------

eugen

-----------------------

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog