IGNOTA VERITAS

MISTERI - ENIGMI - RIVELAZIONI

 
 

TAG

 

UN VANGELO SPIRITUALE

Gesù disse: "Colui che cerca, non smetta di cercare finchè non trova e quando troverà sarà commosso e quando sarà commosso contemplerà  e  regnerà  su  tutto"    Vangelo di Tommaso

  

 

LA PORTA ALCHEMICA

La Porta Alchemica, detta anche Porta Magica o Porta Ermetica o Porta dei Cieli, è un monumento edificato tra il 1655 e il 1680 da Massimiliano Palombara marchese di Pietraforte (1614-1680) nella sua residenza, villa Palombara, sita nella campagna orientale di Roma sul colle Esquilino. La villa che ora non esiste più, si trovava vicino piazza Vittorio, dove oggi è stata collocata la strana porta. La Porta Alchemica è l'unica sopravvissuta delle cinque porte di villa Palombara, sull'arco della porta perduta sul lato opposto vi era un iscrizione che permette di datarla al 1680, inoltre vi erano altre quattro iscrizioni perdute sui muri della palazzina all'interno della villa.

 

AFFRESCO CON CAVALIERI CROCIATI A CLERMONT

 

PASTORI IN ARCADIA DI N. POUSSIN.

 

L'ULTIMA CENA,DI LEONARDO DA VINCI

 
 

CHI E'?

 

MARIA MADDALENA, ATTRIBUITO A LEONARDO DA VINCI

 

SAN MICHELE ARCANGELO

 

MADONNA DEL PILERIO, COSENZA

 

LA DEA ISIDE CHE ALLATTA HORUS

 
Questo blog non è a scopo di lucro, le immagini e il contenuto degli articoli presenti, sono dei rispettivi proprietari.
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 21
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

 

« Convegno a RomaCavalieri templari »

Dio è solo?

Post n°43 pubblicato il 07 Febbraio 2009 da AlessioFerrazzoli
 

La situazione in cui versa oggi la Chiesa cristiana cattolica è molto preoccupante, specialmente in Europa. La carenza di vocazioni  è senz’altro il problema che impensierisce maggiormente i Sacri palazzi del Vaticano in questo secolo, ma non è questo, il problema reale. Il vero problema è l’offerta spirituale della Chiesa cattolica, che non è più in grado di soddisfare, la voglia di sacro della popolazione europea. La gente è sempre più immersa nel pensiero relativista, che sta pian piano logorando il tessuto della religione cristiana e delle altre religioni istituzionali. La credibilità  verso il clero non ha mai raggiunto un livello così basso, anche a causa dei terribili e numerosi casi di pedofilia che hanno riguardato molti uomini di fede e preti, cattolici. A questo proposito s’impone una riflessione sul cosa fare in questo preciso momento storico. Come fermare questa serie di impressionanti eventi? Cosa fare per arginare questa emorragia di fedeli e di vocazioni? Tra i 256 padri sinodali intervenuti  al sinodo generale dei vescovi che si è tenne a Roma, dal 2 al 23 ottobre del 2005, alcuni consegnarono i propri interventi per iscritto. “I fedeli sono condizionati da influssi ed impulsi esterni di un mondo secolarizzato e individualista” Queste parole dell’arcivescovo di  Utrecht  in Olanda, Cardinale Adrianus Johannes Simonis confermano in assoluta onestà, questo scenario desolato. “Le problematiche complesse odierne sono in grado di incidere sul fedele in misura diversa a secondo di quanto riesce a vivere il mistero  dell’eucarestia. Nel giorno del Signore  tanti danno la preferenza, certe volte costretti, ad altre attività che diventano purtroppo prioritarie rispetto all’incontro col Signore. Tutto questo corrode il significato centrale dell’eucarestia. Corrode anche il tessuto sociale  della comunità della fede.” [1] In questo particolare momento così carico di pessimismo le parole di allarme per il pericolo che la Chiesa possa essere bandita dalla vita pubblica dichiarate dalle gerachie ecclesiastiche e da papa Benedetto XVI, all’apertura del sinodo, risultano essere quanto di più drammatico possa scaturire dal pensiero di chi si appresta a guidare una comunità religiosa. Papa  Ratzinger sin dall’inizio del suo pontificato ha sempre cercato di difendere la Chiesa in Europa, ponendo la tradizione cristiana come punto di  riferimento per capovolgere una situazione che vede proprio l’Europa come epicentro di una profonda crisi culturale e spirituale, nonché una diminuzione delle vocazioni, costante e di grave entità. La maggior parte delle vocazioni riguardano uomini adulti, sono infatti ormai rare le vocazioni giovanili, questo dato evidenzia come i giovani si stanno allontanando dalla religione cristiana a favore di nuove offerte spirituali, al passo con i tempi e quindi maggiormente attraenti.  I paesi che vedono un tendenza diversa e quindi un leggero aumento delle vocazioni sono soltanto l’Africa e l’ Asia,  l’America tra molte difficoltà sembra tenere, mentre in Europa, culla del cristianesimo, la Chiesa cristiana sembra sgretolarsi tra l’indifferenza della gente. La devozione popolare sta vivendo un progressivo e inquietante fenomeno di cambiamento generazionale che sta finendo per far diminuire le già scarne comunità dei fedeli che fino a qualche anno fa ancora affollavano i grandi santuari adesso soltanto alcuni di questi santuari non hanno subito particolari flessioni nella loro frequentazione, come Lourdes e S. Giovanni Rotondo. Le masse di fedeli che si riversano ai vari eventi che la Chiesa organizza sono per lo più fonte delle così dette sette cristiane come: l’Opus Dei, i neo catecumenali, i focolarini, la comunità di Sant’Egidio, e tanti altri piccoli centri di potere che convivono all’interno della Chiesa. Questi gruppi approfittano della loro influenza  per poter attenere riconoscimenti e benefici dai Sacri palazzi del  Vaticano, che nella situazione attuale non possono permettersi altre defezioni. Paradossalmente la mancanza di sacerdoti si sta manifestando nei paesi dove i fedeli hanno maggior bisogno di guide per ridare  valore alla fede religiosa. Le varie entità che si muovono all’interno della Chiesa generano un discussione viva, ma senza una via d’uscita condivisa ed unitaria. La crisi delle vocazioni nei paesi Europei non fanno presagire alcun cambiamento di rotta da parte della guida vaticana, ma anzi un voler continuare su questa china. Quello che sta sotto gli occhi del mondo è soltanto la tenuta estrema del Vaticano, forse aspettando tempi migliori o forse un miracolo. In questa situazione s’innestano i laici che premono per un maggior coinvolgimento nella gestione della Chiesa e gli uomini sposati potrebbero essere una novità positiva nel campo dell’educazione morale e della formazione religiosa dove i molti casi di pedofilia hanno quasi annientato la credibilità degli educatori e la bontà degli insegnamenti della Chiesa cattolica. Questa forte perdita di potere da parte della Chiesa , va a danneggiare un tessuto sociale già fragile e problematico come è quello europeo, dove convivono una miriade di situazioni più o meno complicate come : i matrimoni gay,  (che in alcuni paesi europei sono stati approvati) l’eutanasia (che la chiesa non ammette ma è in continua ricerca di una mediazione) la fecondazione assistita non viene accettata dalla Chiesa ma c’è chi con questa pratica ha creato un business. (proprio perché sono pochissimi i luoghi dove si esegue)

        
(Nella foto, rissa  tra monaci nel Santo Sepolcro), schiaffi e colpi di candelabro tra armeni e ortodossi. Notizia del 10/11/2008.    
Dio intanto è sempre più solo e sconsolato, soprattutto quando dalla Terra Santa ci giungono le immagini e le notizie di risse e tensioni tra i religiosi delle confessioni cristiane che occupano la chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme. Quali speranze ci sono per una nuova chiesa pentita e redenta che continui realmente il cammino di Cristo? Purtroppo, credo molto poche.



[1] Francesco Peloso, Se Dio resta solo, LINDAU Torino 2007 pag. 48

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ignotaveritas/trackback.php?msg=6466027

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
knighttemplar
knighttemplar il 07/02/09 alle 14:44 via WEB
ciao fratello, complimenti per questa riflessione spero che verrà percepita nel senso buono delle responsabilità...
 
paralotti
paralotti il 10/02/09 alle 12:31 via WEB
Ciao Alessio:-)Tutto vero ciò che scrivi ma l'argomento che vorrei affrontare è quello della verità e come viene affrontata dalla Chiesa sia ieri e sia oggi. Questo è uno dei maggiori problemi in cui si dibattono oggi le religioni ed in particolare la Chiesa Cattolica. La tendenza a sradicare e a sopprimere tutte le informazioni e gli interrogativi che non confermano lo status quo. La nostra storia mostra che il fattore più costante è stato la repressione della verità piuttosto che l'apertura a essa. Nei primi tempi del cristianesimo gli insegnamenti di Gesù e degli apostoli erano un'ispirazione per la gente, ma quando il cristianesimo fu messo a confronto con l'impero romano e il paganesimo, i cristiani dovettero cominciare a spiegare e a formulare, a sistematizzare ciò in cui credevano. Fu allora che apparve l'istituzione religiosa con i suo dogmi, i credi, le regole e le norme. La libertà e l'esperienza diretta del sacro di Dio non erano viste di buon occhio e questo accade ancora oggi, perchè erano difficili da controllare. Se si avesse un proprio accesso indipendente al divino ci sarebbe bisogno della Chiesa? Oggi sta avvenendo questo Alessio, la Chiesa si è costruita dei muri invalicabili, che invece di proteggerla, l'hanno resa prigioniera! Prigioniera di tutte le sue innumerevoli contraddizioni! Buona giornata:-) Otto
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: AlessioFerrazzoli
Data di creazione: 25/11/2007
 

TORRE MAGDALA, RENNES-LE-CHÂTEAU

 
 

CHIESA DELLA MADDALENA, RENNES-LE-CHÂTEAU

 

CHIESA DELLA MADDALENA, RENNES-LE-CHÂTEAU.

Il demonio Asmodeo, sostiene l'acqua Santa
 

LABIRINTO, CATTEDRALE DI CHARTRES

 
 

SAN GALGANO, SIENA

L'abbazia di San Galgano, dalle marcate caratteristiche architettoniche gotico-cistercensi, fu costruita a partire dal 1218 e poco lontano dalla Rotonda. L'edificio è imponente e testimonia, così, la diffusione ed il grande seguito del culto di san Galgano. L'abbazia raggiunse, nel XIV secolo, una grande potenza, anche grazie alle immunità ed ai privilegi concessi da vari imperatori, tra i quali Federico II, ed alle munifiche donazioni ricevute; a ciò si aggiunse l'esenzione dalla decima da parte di papa Innocenzo III. La ricchezza raggiunta nel Cinquecento fu tale da scatenare una contesa tra la Repubblica di Siena ed il Papato, che portò nel 1506 ad un interdetto del papa Giulio II contro Siena, che resistette ordinando ai sacerdoti la celebrazione regolare di tutte le funzioni liturgiche.

 

CATTEDRALE DI SANTIAGO

 

CHIOSTRO, CATTEDRALE DI SANTIAGO DE COMPOSTELA

 

ABBAZIA DI CASAMARI

 

L' Abbazia di Casamari è uno dei più importanti monasteri italiani di architettura gotica cistercense. Fu costruita nel 1203 e consacrata nel 1217. Si trova nel territorio del comune di Veroli, in provincia di Frosinone.

 

CORO DELL'ABBAZIA DI CASAMARI

 
 

BASILICA DI COLLEMAGGIO, L'AQUILA.

 

INTERNO DELLA BASILICA DI COLLEMAGGIO,(AQ)

 

PIETRA DEI COSTRUTTORI, COLLEMAGGIO, (AQ)

 

SAN PIETRO AD ORATORIUM, CAPESTRANO, (AQ)

La chiesa di San Pietro ad Oratorium, si trova nel territorio di Capestrano, a sinistra del fiume Tirino, nella valle Tritana, fu fondata da Desiderio, ultimo re dei Longobardi verso la fine del 756 d. C. Il re Desiderio, donò all'abate di allora, Attone, molti beni e possedimenti perchè vi edificasse anche un monastero da dare ai monaci. La chiesa che oggi vediamo, è un rifacimento del 1100 come si legge dall'iscrizione sul portale. Nell' VIII secolo fu uno dei principali monasteri di tutto l'Abruzzo e godeva di particolari privilegi, rinconfermati successivamente anche da Carlo Magno nel 775 e da re Pipino, Ludovico, Lotario I e II. Pochi monasteri, furono così celebri, Papi, imperatori, re, cardinali, granduchi e in specialmodo i Medici di Firenze, lo resero celebre con la loro protezione e questo condizionò profondamente la vita delle popolazioni della valle Tritana.

 

SATOR, SAN PIETRO AD ORATORIUM, CAPESTRANO (AQ)

 

ARCHEOLOGIA E MISTERI

EGITTO 2007

 

ULTIME VISITE AL BLOG

lactranslunasmastros_lsfede.ale2005cristi700antoninodicolaill.mocatsergintgigici20ospite100Ri.emersakingianeecosiarch.antoniolombardotheSaint74m.ricc69
 

ULTIMI COMMENTI

Nadir certo che si possono fare ipotesi sul significato...
Inviato da: Ettore
il 02/10/2017 alle 02:47
 
P.S.: la traduzione da me prospetatta spiega anche perché...
Inviato da: Nadir
il 21/04/2017 alle 15:32
 
Salve, ROTAS non significa "le ruote" bensì...
Inviato da: Nadir
il 21/04/2017 alle 15:23
 
bello questo post. Buona giornata da Artecreo
Inviato da: sexydamilleeunanotte
il 10/09/2016 alle 11:12
 
Ciao mi chiamo luca e per lavoro cammino molto,un giorno...
Inviato da: luca
il 20/04/2016 alle 09:01
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom