Creato da Estelle_k il 01/04/2015

INFINITY

E S T E L L E

 

 

« --,--'-(@ OCCHIO PER OC...--,--'-(@ OCCHIO PER OC... »

--,--'-(@ OCCHIO PER OCCHIO- Capitolo 5 @)-'--,--

Post n°675 pubblicato il 22 Maggio 2019 da Estelle_k

 

RACCONTO BREVE DI ESTELLE_K

 

- Non riesco a capire perchè sia accaduto. Com'è possibile?

Jack guardava il suo caffè nel bicchiere di carta come fosse

un abisso di domande senza risposte.

Gli avevano appena comunicato l’omicidio di Russel Berg,

il primario del reparto dove lavorava come secondo

in squadra nella sua equipe personale.

Nonostante le divergenze avute con lui a causa del suo stato

di crisi per la perdita della moglie, questa per Jack era una notizia 

sconvolgente. Russel era anche un suo caro amico.

- E' stata aperta un'indagine, stanno lavorando ai dettagli Jack,

  la notizia l’abbiamo ricevuta solo qualche ora fa, ci aggiorneranno

  appena possibile.

  Per quanto sia dolorosa la circostanza, tu sai che dobbiamo

  prendere  in considerazione tutte le alternative riguardo

  all’operazione che Russel avrebbe dovuto eseguire stamane.

 E c’è pochissimo tempo. Credo tu capisca la gravità della faccenda

 e le priorità, per tutti noi.

Mentre il direttore dell’ospedale Donovan gli parlava, Jack notò

il suo sguardo in perenne passaggio fra la cartella clinica che aveva

in mano e il cellulare che continuava a suonare.

A quella vista provò un senso di nausea.

- Cosa volete da me, Donovan? Non posso sostituire Russel

in poche ore. se questo è quello che mi chiedete.

Sebbene conosca la procedura io non l'ho mai praticata,

solo lui era in grado di fare un’operazione di quel genere.

Sono stato escluso un mese fa dalla possibilità di partecipare

all’intervento, in pratica non so nulla, e sapete che la cosa

non l’ho affatto digerita.

Ora mi chiedete addirittura di prendere il suo posto.

Cosa vi fa credere che…

- Metti da parte le questioni personali Jack, qui si tratta di codice

deontologico, del futuro di un giovane e soprattutto del prestigio

e credibilità di questo reparto e dell’intera struttura ospedaliera.

Jack gli  notò la fronte imperlata di sudore mentre continuava

a usare lo stesso fazzoletto di carta in più punti del viso,

parlava con lui e tentava di zittire il suo cellulare inferocito.

- Maledizione Donovan, ho capito! Dammi quella dannata cartella 

  clinica, dovrò studiarla.

- E’ tutto qui Jack, però hai poco tempo.

  L’operazione inizia fra due ore.


----------------------------------------


“” Mary sto rientrando, devo passare prima in ufficio per sistemare

le ultime cose. Farò in modo di essere lì nel pomeriggio all'ora prevista.

Tu scrivimi per farmi sapere dell’ operazione . Avvisa Bryan

del mio ritorno, digli che sarò lì presto. ””

Fece appena in tempo a leggere il messaggio che sul display

apparve il segnale "batteria al 2%".

- Mi spiace signora , in questa area non ci sono prese per ricaricare

un cellulare. Provi alla sala ristoro, prosegua sempre dritto e poi

svolti a destra.

Con queste parole nella testa Mary guardò con ansia verso la direzione

indicata, suo figlio aveva ragione, la sua disattenzione era imperdonabile.

Senza volerlo pose di nuovo lo sguardo all’interno della stanza n.13,

stavolta vide il ragazzino seduto sul letto con una matita in mano

concentrato a disegnare qualcosa che non poteva vedere,

la sua espressione non era felice, ma almeno non era più spaventato.

La madre accanto a lui era assorta a guardare quella matita che si

muoveva sul foglio come fosse in trans.

Dev’essere stanchissima come me – pensò Mary- e  si affrettò

di gran passo verso la sala ristoro.


--------------------------------------------

 

I soliti messaggi dei soliti clienti barbosi che avevano sempre

qualcosa da puntualizzare prima della firma di un contratto,

le solite virgole messe in evidenza solo per prendere

strategicamente tempo.

Bill detestava quel lavoro di agente immobiliare con tutto se stesso,

ma purtroppo era un sacrificio che doveva fare, per suo figlio,

oltre che un’ottima copertura per tutto il resto.

Tutto quel resto che nel tempo si era rivelato non essre più una 

mera necessità economica, ma una vera e propria passione.

Essere un killer assoldato lo faceva sentire vivo, necessario a uno scopo,

un mercenario al servizio di una giustizia oscura ma onorevole,

 lo faceva sentire invincibile sopra un mondo di degrado e sfacelo.

Il fascino che lui subiva per quel mondo sapeva di averla trasmessa

a suo figlio Bryan come eredità di sangue.

Nella mente di quell' adolescente aveva scoperto chiare similitudini 

per indole e idee di vita, nonostante fosse completamente all’oscuro

di ciò che lui facesse come seconda occupazione.

La sua smodata curiosità per le armi era il segnale più significativo.

E se ciò fosse risultato utile per aiutare il figlio a costruirsi una vita

diversa dal padre, diviso fra dovere e passione, avrebbe fatto

di tutto perchè questo avvenisse. 

Presto sarà tutto finito, figlio mio, fidati di me. Ti voglio bene.


(CONTINUA)


 

 

 

 

 

Licenza Creative Commons

Licenza Creative Commons
tutto il contenuto in esso è protetto da
copyright Estelle_k©
 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

missely_2010Estelle_kviaggiatorenotturnoun_uomo_della_folladonadam68lacey_munronina.monamourdivinacreatura59je_est_un_autretanmikPassione_e_CharmeambradistelleLutero_Paganodavide.russiello
 

 

AREA PERSONALE