Creato da itaca.dgl il 26/08/2007

itaca e poi

il mio spazio..quasi libero

 

 

.

Post n°46 pubblicato il 17 Gennaio 2012 da itaca.dgl

 

.... agonia  .....

.... megalomania umana ....

.... S.O.S  alle coscienze ....

 
 
 

oltre le tempeste

Post n°45 pubblicato il 03 Gennaio 2011 da itaca.dgl
Foto di itaca.dgl

 

I giorni che vivo,

anche quelli  in cui prevale la testa

non riescono a rubarmi i sogni

più  profondi,

fatti di  possibili realtà

e

d'improbabili previsioni.

Sogni convinti

imbastiti sulla tela di certezze

-- sincere --

resistenti ad ogni ragionamento

che li potrebbe dissolvere

 

          

 
 
 

auguri

Post n°44 pubblicato il 11 Dicembre 2009 da itaca.dgl

Buone Feste  nell'unità della famiglia

e degli affetti, con l'animo pronto a

migliorare verso noi e gli altri

da oggi in poi .. ogni giorno dell'anno

(immagine del Presepe Napoletano http://www.partecipiamo.it/Turismo/Napoli/presepe_napoletano/Storia_presepe_napoletano.htm )

 
 
 

punti fermi nella vita

Post n°43 pubblicato il 17 Dicembre 2008 da itaca.dgl

Punti interrogativi  sui secondi che corrono via

..sono i perché durante i nostri stand by

Virgole e virgole e virgole

sono invece il susseguirsi delle nostre azioni

Il punto, quello fermo e deciso,

quello che ci fa respirare senza il carico vecchio,

lo mettiamo raramente

..presi come siamo ad allungare la lista delle virgole.

E’ di moda la frenesia del fare tanto.

Pochi punti, troppe virgole

Per fortuna abbiamo le parentesi in cui chiudere

i ricordi e  a volte.. il cuore

 
 
 

piccola considerazione

Post n°42 pubblicato il 14 Novembre 2008 da itaca.dgl

mi pare che si sia arrivati ad un tale punto di relativismo generale
per cui è  lodevole il malsano, il furbesco, l'indecente, il superbo
mentre viene dequalificato l'onesto, il buono...
e l'intelligenza spesa per il bene

 
 
 

il gioco di prestigio

Post n°41 pubblicato il 18 Agosto 2008 da itaca.dgl

Un bluff come l’inchiostro simpatico..

scuro, consistente nell’aspetto

poi evanescente appena gli si affida noi

E di ogni gioco di prestigio

è accattivante la suspense

intrigante l’illusione

ma è così deludente

il trucco svelato…

 

e resto qui a chiedermi

se ho acceso il riflettore

su una scatola magica..

io un po' sprecata come lo è

il raggio di luna su un abisso

 

Già !!!

 

 

 

 
 
 

Foto Surreali di Rodney Smith

Post n°40 pubblicato il 08 Aprile 2008 da itaca.dgl

Untitled, Leaning House
2004

     

                    Twins in Tree                   Don Jumping Over Hay Roll, No. 1
         Snedens Landing, New York             Monkton, Maryland, 1999

Danielle in Boat
Beaufort, South Carolina, 1996

 

 

 

 

L’impossibile sulla Terra

L’insensato nella Realtà

L’inconscio sconosciuto

L’imprevisto dell’IO


..e tutto ciò affiora
 in flash improvvisi

   portando sorpresa persino

 in noi stessi

che non conosciamo

l'immenso nostro profondo

( L. )

 

(mi scuso, mancano le immagini, appena possibile le ripristino)

 
 
 

Post N° 39

Post n°39 pubblicato il 27 Gennaio 2008 da itaca.dgl

itaca coraggio !!  

 
 
 

Post N° 38

Post n°38 pubblicato il 27 Gennaio 2008 da itaca.dgl

Una ROSA Rossa

una ROSA Rossa Truccata

Una ROSA Rossa Gigantesca

TRE ROSE Rosse, dalla delicata fino a quella barocca,
perchè affoghi nell'esagerazione del cattivo gusto l'esasperazione di una rosellina.. piccola,
profumata di natura, ancora vellutata come quando si schiuse

 
 
 

pare favola.. è realtà

Post n°37 pubblicato il 25 Gennaio 2008 da itaca.dgl

 
 
 

la festa più bella dell'anno

Post n°36 pubblicato il 24 Gennaio 2008 da itaca.dgl
Foto di itaca.dgl

QUANDO I BURLONI

QUANDO I BAMBINI

QUANDO I FINTI LEONI

QUANDO I VERI CRETINI

LIBERATI AL CARNEVALE

CHE DA’ SPAZIO A TUTTI

NELL’ALLEGRIA TOTALE

A DISPETTO DEI LUTTI

COSTUMI FRUSCIANTI

MASCHERE ELEGANTI

NELLA FESTA PIU’BELLA CHE C’E’.

COSì E’…

ALMENO PER ME !

        

 
 
 

son diventata...

Post n°35 pubblicato il 24 Gennaio 2008 da itaca.dgl

     ... che vuoi che
               sia se al mondo
resto solo una sognatrice

 
 
 

Post N° 33

Post n°33 pubblicato il 11 Dicembre 2007 da itaca.dgl

                  



Caro Gesù Bambino …

Tu sai che a volte sono buona ,
ma volte subisco paziente per un po’ e poi reagisco
E’ tradizione chiederti qualcosa,
ma cio’ che vorrei, non puoi più darmelo
.. quindi questa letterina
è per ringraziarti del bello che mi hai mandato
e mi manderai .. è per chiederti più forza
per sopportare il brutto che mi arriverà.
Per tutti ti chiedo salute e dolcezza d’animo..
che l’amabilità e l’altruismo mi paiono
carenti di questi tempi, nei potenti e nei semplici

itaca e poi … fin quando ci sarà

 
 
 

il crepuscolo

Post n°32 pubblicato il 07 Novembre 2007 da itaca.dgl

Il sole ha baciato il mare,
il mare ha abbracciato il sole forte forte
Lo ha sommerso in ogni suo raggio,
gli ha spento quel bruciore spietato,
gli ha lenito quella cocente grinta che lo fa a volte insopportabile
Sole acquietato, mare accogliente.
Quello che ci rimane è uno splendido
cielo affrescato di sfumature piacevoli …
piacevoli al punto da fissarle
finchè la notte non ci accompagna in altri abbracci

                 

 
 
 

                                Voglia di pulito

Post n°31 pubblicato il 17 Ottobre 2007 da itaca.dgl

(dedicato a me e ad un'amica carissima)

Non cercate Gesù in terre lontane:
Lui non è là.
E' vicino a voi.
E' con voi.
Basta che teniate il lume acceso
     e Lo vedrete sempre.
    Continuate a riempire il lume
     con piccole gocce d'amore
       e vedrete quanto è dolce
     il Dio che amate.

                        (Madre Teresa di Calcutta)

Amica mia ...

                    Non cerchiamo Gesù in terre lontane:
                    Lui non è là.
                    E' vicino a noi.
                   E' con noi.
             Basta che teniamo il lume acceso
              e Lo vedremo sempre.
          Continuiamo a riempire il lume
           con piccole gocce d'amore
         e vedremo quanto è dolce
           il Dio che amiamo.

            ( io )

 
 
 

una sola volta

Post n°30 pubblicato il 16 Ottobre 2007 da itaca.dgl

 

Inciampando in una radice, un giorno ne vidi

la chioma. Foglie smeraldo e rami al cielo

e sotto, l’ombra confortante.

Mi fermai a quel riparo, per quanto avesse

tentato di intralciarmi il passo.

Mi fermai giusto il tempo di un riposo

di un ricordo e di un pensiero

Mi fermai perché era la prima volta

che mi fermavo.

Poi ripresi il mio cammino,

che troppo bello sarebbe stato

radicare là sotto,

e ripresi sapendo che esiste un’ombra..

confortevole            L.

 
 
 

Quello Che Le Donne Non Dicono

Post n°29 pubblicato il 11 Ottobre 2007 da itaca.dgl

                        

.. ci fanno compagnia certe lettere d'amore, parole che restano con noi....

e non andiamo via ma nascondiamo del dolore, che scivola.. lo sentiremo  poi

..cambia il vento ma noi no e se ci trasformiamo un po' è per la voglia di piacere a chi c'è già o potrà arrivare a stare con noi

siamo così, dolcemente complicate,
sempre più emozionate, delicate...
portaci delle rose
nuove cose
e ti diremo ancora un altro    si

 
 
 

ANDATE E RITORNI

Post n°28 pubblicato il 05 Ottobre 2007 da itaca.dgl
Foto di itaca.dgl

Andate e Ritorni  sulla linea della rete..

in quella laguna che permette scambi

all’apparenza vagheggianti , sostenuti

dalla Fantasia dalle Esperienze da una

Follia che ogni tanto molla le briglie

**Isole**

La notte è stata piccola e piena di voci, la spiaggia è ancora umida. La signora fuma
cigarillos alla menta, aspira senza fretta e poi fa nuvole di fumo che la brezza
le restituisce in faccia, sorride appena per ringraziare il cameriere, riporta lo sguardo
verso il mare e riprende a nuotare. E'un'isola nel mattino. Ordino un caffè e penso
che stai guardando un altro mare

... e dove lasci le due fette di melone , parentesi tonde e dolci tra cui
sognare un'estate da favola? hanno il colore dell'insipida zucca ma portano
il profumo della stagione più vibrante. La signora le avvicina e le allontana
a seconda di quanto è grande il sogno, spera che il cameriere non l'assimili
ad una folle turista di quelle pittoresche ed esigenti......e restando signora
ne assapora la seconda affinchè il sogno inizi e non abbia mai fine. Avvia
una fantasia frequente: chi buttare giù dalla torre? chi ha portato ansia
mistificandosi per risolutore degli affanni oppure la levatrice che alla
mia nascita avrebbe potuto prender ferie? il corteo là sulla torre si fa
affollato quindi meglio
affacciarsi ad un sogno più impossibile : un portone,
un atrio buio, laggiù un cancello serrato dà su un cortile soleggiato...
...impossibile frenarsi e non avvicinarsi e non godere della stupefacente
vista del giardino interno, eden fiorito fontane zampillanti aiuole ordinate,
quasi dipinto nella sua perfezione.
E il cancello cede e inoltrarsi è facile quanto doloroso ...perchè è un sogno
disabitato ....... e da soli si sogna amaramente.
Ma la seconda fetta di melone non c'è più... la speranza di un nuovo
sogno popolato resta come il papillon del cameriere che solerte
serve ai tavoli ....

                                

 
 
 

ANDATE E RITORNI

Post n°27 pubblicato il 05 Ottobre 2007 da itaca.dgl
Foto di itaca.dgl

Andate e Ritorni  sulla linea della rete..

in quella laguna che permette scambi

all’apparenza vagheggianti , sostenuti

dalla Fantasia dalle Esperienze da una

Follia che ogni tanto molla le briglie

**Nighthawks**

Una vamp in rosso, un baro col cappello, in un bar sulla strada 
mentre
la notte si sfalda. Neanche il barman saprebbe dire
chi dei due è
entrato per primo. L’uomo ha preso un cognac,
la donna un latte caldo, fuori
c’è il mondo che gira, i lampi
sono lontani. L’odore della donna,
buono e deciso come quello
della vigna al mattino prima che il sole
l’asciughi, si intromette
nei pensieri dell’uomo e li scioglie. L’uomo pensa
che dovrebbe
voltarsi verso la donna, la donna muove le gambe e il
profumo
diventa ancora più intenso, accenna un sorriso ma l’uomo non può
vederlo, non ci sono specchi nel bar sulla strada. Non lasciarmi
solo ad
aspettare il mattino, chiede l’uomo senza guardare.

i fumetti sui riccioli di LEI hanno i cerchietti dei pensieri : che ne dici

piccola se diamo una svolta a questa vita... e in un altro : bevi latte

come un infante, ti addobbi come una francese .. e poi : ma sono sola qui? 
  E non ha più respiro al timor che barista e compagno
di gomito
abbiano potuto leggerla. La notte sa di nebbia sporca di
traffico chetato e di mance al taxi.
Lo sguardo al latte, nessuna reazione attorno, nessuno l'ha violata. La svolta può giacere nel

fumetto, le ciglia si voltano, felinamente oblique, verso il biondo cognac. Lui ha dita affusolate,
ottime per un piano ed allora: Suonala ancora Sam! 

Allibiti, curiosi, la guardan tutti.

E lei.. sorride !

        

 
 
 

ANDATE E RITORNI

Post n°26 pubblicato il 05 Ottobre 2007 da itaca.dgl
Foto di itaca.dgl

Andate e Ritorni  sulla linea della rete..

in quella laguna che permette scambi

all’apparenza vagheggianti , sostenuti

dalla Fantasia dalle Esperienze da una

Follia che ogni tanto molla le briglie

**mister ... con gli stivali**

 Hai deciso cosa farne della vita? Io non ancora. Sono qui alle

prese  con un sigaro che non tira e con le ombre che si ritirano
a passo lento, vorrei essere un gatto con gli stivali e bere
a dismisura fino a mettermi di traverso sulla strada che fai per
tornare a casa. Mi farei mettere nel sacco e ti ringrazierei

per avermi dato retta. Le cose sono cambiate e cambieranno
ancora, un giorno senza te non è poi così diverso da una
vita intera senza te. Diverso è invece sapere, prima di partire,
se è vero che la tua bocca sa di pioggia.
Sul mare si accendono le luci, troppo tardi per ricominciare.

Si Si  Ho  Deciso  cosa  farne : una menta col buco che come
non si fa a non assaggiare all'interno, una preghiera di ringraziamento
perchè nonostante tutto di cose belle ne ho avute, una risata mentale
di scherno a chi si crede un volpino  ma modulando la voce e lo sguardo
ad attenzione riverente, l'incontro tra me e il fumo di una sigaretta
con la
compiacenza nel vietato.
Tanto,  MisterDelloStivale, impenetrabile e trasparente come sono
non posso
pretendere che contraddizioni.
Ultime volute di fumo e la brace si consuma

                               

 
 
 
Successivi »
 

MAGIC MOMENTS

 
 
 
 

METAFORA

"Anche un viaggiatore abituato, anche il piu' disciplinato, qualche volta s'imbatte in un particolare oggetto che vuole assolutamente riportare a casa. Va tutto bene; purche' uno sia pronto ad accettare le complicazioni e i disagi che ogni bagaglio in piu' necessariamente provoca."

Turista per caso

(ringrazio MacRaiser che mi concede di far mio questo pensiero)

 

LETTURE

 IL LIBRAIO DI SELINUNTE di Roberto Vecchioni (Un libraio che non vende libri ma li legge ad alta voce. E li legge a un ragazzo, l'unico che abbia orecchie per lui. Saffo, Pessoa,  Rimbaud.... )

NO di Diego Cuggia (Uno show sulle ultime visioni dei morenti è il Grande Fratello del futuro.  E Il pubblico deciderà se il presentatore dovrà iniettare l’antidoto  alla protagonista o lasciarla morire con i suoi ricordi.)

LADRA DI PAROLE di John Jaffe (Ci sono quelli che corteggiano con i fiori o con i cioccolatini: Jack DePaul, giornalista del "Baltimore Star-News", no. Lui usa il potere delle parole)

SOLA COME UN GAMBO DI SEDANO di L. Littizzetto (toh! ma allora non vedo solo io certe cose ehehe)

IL TAILLEUR GRIGIO di A. Camilleri (Un uomo che si pone una domanda e che.. trova la risposta.  E la classe di Camilleri )

 

             

  poesie spettinate 

 

   Avrei

Avrei voluto portare l'aquilone là
dove il profumo di rosa confonde
gli arcobaleni         ma.....pioveva

Avrei voluto cogliere ciliege rubizze
dal ramo proteso ma....è autunno

Avrei.... sfidato a scacchi il tempo
per fare matto il suo Re

peccato..

peccato..

peccato.... è notte

 

 .. astinenza ..

quel trattenersi da piacevolezze veniali,
quasi candidi bon bon, confetti dolci dolci
per una compiacenza sottile e svelta
o.... da più ardite.calde.spinte.estreme
pienezza abbandono limite inconfessabile
varcato col piacere, affrontato con lo sprezzo

volontà e coraggio a tener lontane
tentazioni desiderate, abitudini gradite,
modi cresciuti in noi in uno spazio silenzioso,
carezze amorevoli accanto a cupe nubi..

la loro mancanza, la crisi che ne segue

col tempo sparirà..

saranno altri modi al posto loro,

più pudiche espressioni muoveremo

rigore e virtù ci imporremo

ma l'aver vissuto non ci condanni !!

 

A volte 


A volte canto un grido

di dolore.. io

rivolta sola al muro

bianco

Non ho alberi di bosco

attorno

e i miei antichi sentieri

polverosi

son così lontani ormai

Cerco angoli bui,

i più segreti,

perché raccolgano

e si inzuppino delle lacrime

Ma sono muri

.. e duri

restano inerti,

dispettosi e odiosi

 

 

 
  si ..

 .. quell'altalena certe volte dondolata

al ritmo sciolto delle ventate d'aprile

aria tiepida e odorosa

evasa dai raggi più nuovi

.. non più lane alla pelle ma sete leggere

fluenti e lievi ad ogni ritorno ..

ritorni veloci per corse più spinte

salite decise ad altezze lontane

.. un ritorno ..un ritorno..

e se manca un ritorno ..

l'aria fresca avvolta al respiro diventi ..

l'attesa .. curiosa

.. fremente .. gradita

.. che sazia ad un palmo

dalle acque stagnanti

dalle terre pesanti

 

 

Lettera al cielo  

 A te Cielo,

da me che son certa del tuo essere attraverso le tue scomparse.

Mi distrai dai tuoi manti ponendoti stelle come lucciole brillanti

e batuffoli di spume bianche sfrangiate quando e’ giorno.

Diventi schivo vestendo spesse coltri grigie dense allo sguardo

e ti veli con la luce buia della notte per fingere di non esserci.

Ma tu, generoso e benevolo animo,

mi regali pienezze intime, soddisfazioni grandi

quando ti lasci solleticare dalle ali delle rondini

o giochi a esser tavolozza per il pittore dei tramonti.

Dedicata a te Cielo,

Immensa pagina sicura,

Diario dei miei sogni impossibili..

che sempre li abbracci per me

 

 

La preghiera dei navigatori di Facebook 

Il testo, di Patrizio Righero, arriva dal Centro Giovani diocesano di Pinerolo. Certamente può essere una buona bussola per non perdere la rotta giusta tra i flutti virtuali della navigazione on line...

In questo angolo del mondo digitale, Signore,
ci sono centinaia di nomi,
appiccicati alle pareti di una casa
che esiste solo sullo schermo e nella mia fantasia.
Li chiamo “amici”,
ma molti di loro li conosco poco,
altri solo di vista,
altri ancora sono poco più che volti
(a volte nemmeno quelli!).
Qualcuno non l’ho incontrato,
qualcun altro vive dall’altra parte del mondo;
con qualcuno condivido molto,
con altri poco o nulla.
Alcuni li ho scelti.
Altri hanno scelto me.
E ora sono qui,
sulla mia home
come sorelle e fratelli,
posti sulla mia rotta virtuale.
Te li affido, Signore,
uno per uno.
Ti affido le loro speranze,
le loro paure,
i loro progetti di felicità.
Rendimi, per loro,
immagine – sia pur sbiadita!-
del tuo amore paziente e misericordioso.
Rendimi amico vero,
pronto ad ascoltare,
a condividere, a esserci. 
Rendimi apostolo,
capace di annunciare,
anche sul Web
il tuo Vangelo di salvezza.
Ti ringrazio, Signore,
per questo spazio immenso,
per questa vita a colori,
per questi incontri che forse non sono così casuali.
Tuttavia, Signore,
di chiedo di non lasciarmi affogare
in questo mare di finta compagnia:
risveglia in me il desiderio
di uscire là fuori,
di ascoltare voci reali,
di abbracciare persone autentiche
e stringere amicizie vere.
Amen.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

leonardissrlcercandoitacaitaca.dglparisi_annaritaAT502RTacquaeventoleggenda2009Giulyyyyyymercuzio3061sulkitanuarlidgianduiottodgl0kiara77_cDoubleG91
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

THUNDER ROAD