Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 
Creato da: r.capodimonte2009 il 13/10/2009
attualità, politica, cultura

 

 
« Prima ci chiudono all'a...LA FAMIGERATA LEGGE MOSC... »

LA FAMIGERATA LEGGE MOSCA e altre bazzecole

Post n°37 pubblicato il 06 Settembre 2011 da r.capodimonte2009

Meno male che oggi qualcuno  ha deciso di scioperare! Un tempo, si diceva, che lo sciopero è l’anticamera della rivoluzione: non è che, tanto tanto, l’androgina Camusso (avete visto che bicipiti?), vuole rispolverare le stantie pagine leniniste? E, magari, con qualche aiutino dei Casarini di turno vestiti di nero, voglia “attentare” a questo regime ormai in “decadenza”?

Noi non lo crediamo e tra poco vi spiegheremo il perché. Crediamo, invece, nelle rivoluzioni, in senso stretto, perché anche la liberale lo fu, così come lo fu quella fascista. Ma le rivoluzioni hanno un senso se nascono dalla gente: un piccolo esempio ci viene dall’Islanda, dove il popolo, stanco dei banchieri, dei politici, dei corrotti, che avevano ridotto il paese del ghiaccio e del fuoco sul lastrico, un bel giorno è sceso in piazza, ha buttato giù il governo e ha mandato via l’intera classe dirigente politica, sindacale, amministrativa e giudiziaria, s’è riscritto la costituzione via web, lanciando un referendum su internet, ha fatto nuove elezioni, ma soprattutto ha cooptato una serie di cittadini che, per acclamazione, ha posto responsabili di banche, ministeri, dicasteri, enti di stato, a costo zero (perché lo stipendio è lo stesso che prendevano prima!). Ora la bilancia commerciale del paese sta velocemente risalendo e pensiamo, visto che le galere sono piene (là la galera è esclusivamente lavoro forzato, non a spaccar pietre, ma a produrre beni!), che per un bel pezzo tutto andrà come deve andare. Per fare questa rivoluzione, che ha visto dalla stessa parte polizia, studenti, cittadini, casalinghe, pensionati, disoccupati, gente ricca e povera, c’è scappato il morto, naturalmente: un vecchio di 80 anni che, alla notizia che era stata varata una nuova costituzione popolare, è morto d’infarto per la felicità! (No, non è una favola è pura realtà!)

Vi dicevamo che per noi è impossibile che il sindacato, oggi, in Italia, si metta di traverso al potere… Riprendiamo per un attimo il discorso sulle caste. Avrete notato che ne stiamo parlando da mesi e la somma di quanto avremmo risparmiato abbattendole, avrebbe permesso al paese di superare la crisi, questo è certo! Ma andiamo avanti.

Oggi parleremo della legge n. 252 del 1974, meglio conosciuta come “legge Mosca”. Una delle leggi più “misteriose” che siano mai state scritte, ma anche una delle più dispendiose e deleterie in tema di privilegi assegnati ad una determinata casta, quella dei politici e soprattutto, dei sindacalisti.

Innanzi tutto chi  è Giovanni Mosca. È un ex-deputato socialista poi travasato dentro la CGIL al posto del defunto Fernando Santi e di nuovo deputato quando passò l’incompatibilità tra mandato parlamentare e quello sindacale. Caduto con Craxi, oggi è un vecchietto arzillo che vive nella sua villa del Chianti e ripete: “La legge era giusta, non mi sono mai pentito. Calcolammo allora che in Italia ci fossero circa 7-8000 persone in questa situazione. All’inizio quasi la metà delle domande fu bocciata (a esaminare le pratiche c’era una commissione di funzionari del Ministero del Lavoro e dell’Inps). La legge doveva durare solo due anni e invece fu prorogata per altri 20 anni (e le domande di riferimento continuano anche oggi a pervenire all’Inps e non sappiamo che fine facciano!)

Alla fine questa legge ha permesso fin’ora a 37.119 persone di beneficiare di “contributi figurativi” (gli stessi che Tremonti voleva togliere ai pensionati che hanno servito la patria come soldati) per oltre 25.000 miliardi di lire, pari a circa 12,5 miliardi di €, tutti a carico dell’Inps!

Andiamo per ordine.

Chi sono i soggetti destinatari di questa legge?

Funzionari di partito e sindacalisti.

Di quale parte politica e sindacale?

9.368 sindacalisti della CGIL; 3.042 della CISL; 1.385 della UIL

8.081 funzionari ex-PCI; 3.952 ex-DC; 1.901 ex PSI

9.390 appartenenti a organizzazioni minori o incarichi diversi.

Qual’è l’intendimento della legge?

Riscattare a costo zero gli anni trascorsi nel partito o nel sindacato, pagati al nero o non pagati perché in regime di volontariato (attenzione alla truffa!).

Qual è il titolo per avere diritto ai benefici di legge?

Una dichiarazione in carta semplice siglata dal sindacato o dal partito.

Avrete già capito dove andremo a parare: ma dobbiamo fare dei nomi, per altro leggibili negli elenchi della Previdenza Sociale.  Giorgio Napolitano, Achille Occhetto, Armando Cossutta, Franco Marini, Ottaviano del Turco, Sergio D’Antoni, Piero Larizza, Antonio Pizzinato, Bruno Trentin, Antonio Bassolino e, tra i deceduti, Bettino Craxi, Nilde Jotti e Alessandro Natta.

Capirete che sono solo alcuni, ma piuttosto sconcertanti. Comunque i due unici  interventi fatti nei confronti dell’Inps (e certo non si trattava di un intervento contro la privacy), per la pubblicazione degli elenchi sono del 1998 da parte del senatore di FI Eugenio Filigrana e del  2001 da parte del consigliere comunale di Roma, Marco Palma. Evidentemente si vuole evitare un’azione di rivalsa, da parte dello Stato stesso, contro questa che non c’è ritegno a definire “truffa ai danni dello Stato”. Perché parliamo di azioni di rivalsa? Perché la maggior parte di coloro che si sono “spacciati” per giovani attivisti impegnati nei partiti e nei sindacati a sudare le sette camicie peggio dei minatori o degli operai metalmeccanici, oggi godono di prebende ulteriori, per non dire che sono parlamentari, manager di Stato, personaggi altolocati. Esempio:

Sergio D’Antoni, ex-segretario della Cisl, parlamentare del PD: da quando aveva 55 anni prende una pensione da insegnate dall’Inpdap di 5.233 € netti al mese, grazie all’intervento della legge Mosca che gli ha condonato gli anni fino al 40°, un po’ troppi visto che figurerebbe docente a 15 anni! Ma Ottaviano del Turco lo supera, perché Mosca gliene ha condonati dall’età di 14 anni; Carniti da 17, Occhetto da 18, Napolitano da 33, Natta da 27, Jotti da 25 e Craxi da 18! Tutta questa gente, e tante altri migliaia e migliaia, potrebbero essere “rivisitati” per accertare se l’intervento di Mosca è tutt’ora compatibile col loro reddito. Non per parlare sempre di D’Antoni, poveretto, ma si becca pure la miseria di 14.000 € di stipendio come deputato. Del Turco, invece, che tentò la carta regionale (e finì in galera), oltre alla pensione Mosca, riscossa a 54 anni, gode anche della pensione di parlamentare, per dodici anni di “frequenza”, pari a 5.400 €!

E’ possibile che la legge Mosca abbia “aiutato” gente bisognosa (voi ci credete?), tutto è possibile. Allora chiediamo al Presidente dell’INPS di tirare fuori gli elenchi di questi “autentici evasori e privilegiati”, e, in segreto, naturalmente, andiamo a confrontare i loro redditi, e, se del caso facciamogli r

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

MAGNETHIKAossimorapiterx0aletalaxLaStanzaChiusamassimiliano650frutto.dibosco.ioMAGNETICA_MENTE.2017tempestadamore_1967letizia_arcurialphabethaaprefazione09danimillo76cassetta2ReCassettaII
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom