Mestizaje

Negro africano, asiático oriental, indio americano, africano musulmán, blanco europeo, aborigen australiano, cinco continentes en un mismo corazón

 

immagine

 

immagine

 

LA GUERRA IN IRAQ

immagine

Numero di vittime dall'inizio della guerra (19 marzo 2003). Dati aggiornati alle 16 del 19 marzo 2008.

Iracheni       81.881-89.760
Soldati USA                   3.990
Soldati altre naz.            308

Fonte: iraqbodycount.net, icasualties.org - da Internazionale

 

PALESTINESI E ISRAELIANI

immagine

Numero di vittime dall'inizio della seconda intifada (28 settembre 2000). Dati aggiornati alle 16 del 19 marzo 2008. Tra le vittime palestinesi sono inclusi i kamikaze, mentre non sono conteggiate le persone accusate di collaborazionismo e uccise da altri palestinesi.

Palestinesi     5.173
Israeliani           1.067
Altre vittime          78
Totale               6.318

Fonte: Afp - da Internazionale

 

immagine

 

SOLAMENTE PER PENSARE...

Ahi llega un coche official
Con su bandera nacional
Medidas de seguridad
Policia nacional
Al otro lado, la accion
Es una manifestacion
Son antiglobalisacion
CADA DIA SOMOS MAS, CADA DIA SOMOS MAS

YA ESTA BIEN, HAY QUE MATAR LA BESTIA
DESPEREDAD DE VUESTRA INDEFERENCIA
EL PODER CORROMPE LAS CONCIENCIAS
UNETE, AUN QUEDA RESISTENCIA

La cumbre ya termino
Ya ha comenzado el mogollon
Hay mas monos que en el zoo
PROTEGIENDO AL CRIMINAL
Es evidente la opresion
La policia disparò
Carlo Giulani pagò
LA VIOLENCIA POLICIAL DE UN ESTADO CRIMINAL

YA ESTA BIEN, HAY QUE MATAR LA BESTIA
DESPEREDAD DE VUESTRA INDEFERENCIA
EL PODER CORROMPE LAS CONCIENCIAS
UNETE, AUN QUEDA RESISTENCIA, RESISTENCIA

El pasado 20 de julio del año 2001
Fue brutalmente asesinado nuestro compañero carlos giuliani
Por la policia fascista italiana

Solamente por revindicar un reparto mas equitativo de la economia mundial
Solamente por adquirir conciencia,
Solamente por poner voz a la "sin voz"
Solamente por pensar...

YA ESTA BIEN, HAY QUE MATAR LA BESTIA
DESPEREDAD DE VUESTRA INDEFERENCIA
EL PODER CORROMPE LAS CONCIENCIAS
UNETE, AUN QUEDA RESISTENCIA, RESISTENCIA

EH OH, NO CALLES
EH HO, NO TE CALLES
Solamente por pensar...

 

immagine

Alle volte mi ritrovo con la testa tra le mani e penso di essere diventato pazzo mi dico cazzo! non è reale qua mi devo calmare.
[…]
Vai a lavorare, lì ti possono sfruttare, umiliare, sottopagare, cassaintegrare, […] cazzo, morire, cazzo morire per poco più di un milione non può capitare, ma non si sa come succede ogni giorno a ben tre persone e io sarei il pazzo! mille morti l’anno è una guerra perdio ed io sono un pazzo fottuto che con una guerra in corso vado ancora in giro disarmato, un pazzo, un pazzo fottuto!

[…]

Il fatto che non sono diventato pazzo è solo che là fuori c’è qualcuno che si è messo in testa di ammazzarci tutti
[…]
Che poi non è neanche uno, perché sono tanti e sono pure tanto ricchi e potenti e sfacciati maledetti siano loro e chi cazzo li ha creati, avidi assassini senza scrupoli
[…]
I bastardi fottuti, figurati se c’hanno orecchie per sentire chi gli parla di riduzione dell’orario di lavoro, per loro se dopo otto ore di lavoro sei stanco, fai una cazzata e muori, è un peccato e manco per la tua vita quanto per la pensione che hanno cacciato e comunque hanno risparmiato rispetto all’assunzione di nuove persone a pieno salario. È questo lo straordinario obbligatorio, chi vola alle Bahamas e chi va all’obitorio e dovremmo pure dirgli grazie perché “offrono” lavoro

[…]

Alle volte mi ritrovo con la testa fra le mani e penso, penso e rifletto: in Italia c’è un conflitto una guerra che fa più di mille morti all’anno tra lavoro e mala sanità, e dimmi tu se questa qua non è pulizia etnica cos’è come si chiama?
Quando uno che c’ha i soldi può avere tutto e uno che ne ha di meno non ha diritto nemmeno a un letto in un ospedale quando sta male e se vuol farsi curare deve pagare solo che coi soldi che gli danno quelli del lavoro interinale c’è l’affitto da pagare, il bambino da mantenere e cosa cazzo vuoi pagare un dottore quando non sai nemmeno se tra due mesi c’avrai ancora un fottuto lavoro, perché il lavoro interinale non è altro che una prestazione occasionale di lavoro manuale, non qualificato, esattamente il caso in cui il rischio d’incidente sul lavoro è quintuplicato e tutto questo non è capitato, ma è stato pensato, progettato e realizzato dal padronato in combutta con l’apparato decisionale dello stato
[…]
È evidente il disegno criminale o no? O sono io che sono pazzo?
Povera vita mia - 99 Posse

 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

 

1.000 MORTI! 332 BAMBINI! ISRAELE FESTEGGIA IL RECORD BOMBARDANDO L'ONU

Post n°50 pubblicato il 19 Gennaio 2009 da jackflash77


Riporto tre articoli di Alessandro Robecchi che trovo veramente interessanti.


1.000 MORTI! 332 BAMBINI! ISRAELE FESTEGGIA IL RECORD BOMBARDANDO L'ONU
Sostenuto da tutta la comunità mediatica mondiale, fatte salve piccole eccezioni, Israele si avvia a stabilire il suo nuovo record di democrazia: 332 bambini ammazzati nella striscia di Gaza e 1500 feriti. I morti palestinesi sono oltre mille, contro 1 (uno!) provocato dai razzetti di Hamas. Per festeggiare questi notevolissimi numeri, Israele ha bombardato questa mattina la sede dell’agenzia Onu per i rifugiati: un fuoco artificiale per cui lo stato israeliano riceverà forse qualche buffetto dalla comunità internazionale: ehi, stai più attento! Come sei distratto! Nessuno dirà niente invece per i 15 ospedali e ambulatori distrutti: sparare sui feriti e sui bambini pare essere lo sport preferito di Israele. Così i telegiornali italiani (peraltro tutti collegati da Gerusalemme e nessuno dalle zone di guerra…. state comodi, eh! Un altro martini!) possono continuare a raccontare a distanza din sicurezza della guerra giusta e dell’autodifesa di Israele. Oggi si parla di tregua vicina. Bene. Qualcuno lo spieghi ai 332 bambini palestinesi che non possono più sentire queste buone notizie. Per lo strabiliante record di civili e bambini ammazzati, si sono congratulati con Israele molti personaggi della politica Italiana: Andrea Ronchi (che ha portato il saluto del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi), Piero Fassino, Fabrizio Cicchitto, Fiamma Nirenstein, Maurizio Gasparri, Umberto Ranieri, Gianni Vernetti, Furio Colombo, Ferdinando Adornato, Daniele Capezzone e Ottaviano Del Turco, per l’occasione senza i suoi cestini di mele. L’iniziativa si intitolava: "Con Israele per la pace", un titolo davvero satirico. "La simpatica  riunione doveva chiamarsi <Con Israele per ammazzare più bambini> - hanno detto gli organizzatori - ma il titolo era troppo lungo". Nella foto (quella del post ndj), un momento dell’autodifesa dello stato di Israele.


LUCY E LE ARMI DI DISTRAZIONE DI MASSA
E’ un indiscutibile merito di Lucia Annunziata se oggi il presidente della camera, molti politici e giornalisti, le prime pagine dei giornali e i soliti noti e notissimi invece di parlare dell’aggressione israeliana alla striscia di Gaza, dei morti civili, dei bambini uccisi, degli ospedali bombardati, delle armi vietate, delle convenzioni internazionali usate come carta da cesso e di oltre mille morti, parlano di Michele Santoro. Brava Lucia! Mission accomplished. Un’altra eccellente arma di distrazione di massa sganciata con rara perizia. Bene. Tutto spazio tolto alla vergogna di una guerra ferocissima: così impara, Michele, a far sentire la voce dei palestinesi, fino ad oggi esclusa da tutti i grandi media italiani. Ma nel fervore del dibattito, la sora Lucy, che si picca di dare a destra e a manca lezioni di giornalismo, irritata perché della guerra parlavano anche "delle ragazzine" (scandalo!), si è fatta scappare una frase illuminante: "Noi giornalisti dobbiamo orientare il pensiero degli italiani su questa cosa". Opperbacco! Orientare? E noi ingenui che pensavamo che i giornalisti dovessero informare e raccontare! Cretini che siamo! Invece no! Orientare! Capito? Certo Lucy ha orientato eccome: guardate come si è orientato il signor Fini! Evidentemente far sentire le ragioni degli aggrediti invece che la solita solfa degli aggressori è un peccato grave. Brava Lucy! Orientaci ancora!


VOI SIETE QUI - IL SOR MICHELE E LA SORA LUCIA
Come arma di distrazione di massa non è niente male. Se davanti a migliaia di civili uccisi il dibattito si sposta sul sor Michele e la sora Lucia e sui mediocrissimi cazzetti nostri, allora pietà l’è morta, e basta là. Se il dito mostra l’ospedale di Gaza e invece di raccapricciarsi per i bimbi fritti da armi illegali, si dice quanto è fazioso il dito, forse il buonsenso e la pietà non possono che ritirarsi in buon ordine. Eppure mi si permetta una notazione in margine sullo scazzo Santoro-Annunziata. E’ davvero strano, molto strano, che nei commenti sulla faccenda (ieri più numerosi di quelli sul massacro di Gaza) nessuno si sia soffermato nemmeno per un istante su un’affermazione di Lucia Annunziata che trascrivo letteralmente. Intervenendo per interrompere il dibattito tra due ragazze di opposte vedute, Annunziata dice: “…Voi avete ragione, ma qui siamo italiani e dobbiamo anche orientare il pensiero degli italiani su questa cosa”. Affermazione che merita una certa qual vertigine. Orientare? Chissà se qualcun altro ha fatto lo stesso balzo sulla sedia che ho fatto io. Informare. Raccontare. Far vedere. Spiegare. Mostrare. Illustrare. Chiedere. Esprimere un parere. Che da bravi giornalisti si debba “orientare il pensiero” non l’avevo mai sentita, e tendo a considerarla una voce dal sen fuggita, una cosa che si sa, ma che nessuno aveva mai confessato con tanta chiarezza. Orientare, bella parola. Quando Saddam aveva le armi di distruzione di massa siamo stati informati o orientati? Quando il paese tremava per un’inesistente emergenza sicurezza che serviva soltanto a far vincere le elezioni al solito noto siamo stati informati o orientati? Il signor Fini, con tutti gli altri, si è orientato subito. Quelli che hanno ancora una coscienza, invece, e qualche pietà, potrebbero orientarsi verso Gaza e vedere quel che succede. Senza polemica, per una volta, ma con infinita tristezza.

 
 
 

REGOLE PER LE NOTIZIE DAL MEDIO ORIENTE

Post n°49 pubblicato il 14 Gennaio 2009 da jackflash77

Testo anonimo, inviato in francese al blog che Emir Sader ha all'interno della pubblicazione brasiliana Carta Maior; riprodotto dal sito http://www.sinpermiso.info/

1) In Medio Oriente sono sempre gli arabi che attaccano per primi, ed è sempre Israele che si difende. Questa difesa si chiama “rappresaglia”.

2) Nè gli arabi, nè i palestinesi, nè i libanesi hanno il diritto di uccidere civili. Ciò si chiama "terrorismo".

3) Israele ha il diritto di uccidere civili. Ciò si chiama "legittima difesa".

4) Quando Israele uccide civili in massa, le potenze occidentali chiedono che lo faccia con moderazione. Ciò si chiama “reazione della comunità internazionale”.

5) Nè i palestinesi, nè i libanesi hanno il diritto di catturare soldati israeliani in istallazioni militari con sentinelle e trincee. Ciò va chiamato “sequestro di persone indifese”.

6) Israele ha il diritto di sequestrare a qualsiasi ora e in qualsiasi luogo un certo numero di palestinesi e libanesi, se gli aggrada. La cifra attuale gravita intorno ai 10mila, 300 dei quali sono bambini e 1000 sono donne. Non risulta nessuna prova di colpevolezza. Israele ha il diritto di trattenere i suoi prigionieri indefinitamente, anche qualora fossero autorità democraticamente elette dai palestinesi. Ciò va definito “incarceramento di terroristi”.

7) Quando si menziona la parola “Hezbollah”, è obbligatorio aggiungere nella stessa frase “appoggiati e finanziati da Siria e Iran”.

8) Quando si menziona Israele è categoricamente proibito aggiungere “appoggiati e finanziati dagli Stati Uniti”. Ciò potrebbe dare l’impressione che il conflitto sia diseguale e che l’esistenza di Israele non corra nessun pericolo.

9) Quando si parla di Israele, bisogna sempre evitare che appaiano le seguenti locuzioni: “Territori occupati”, “Risoluzioni dell’ONU”, “Violazioni dei Diritti Umani” e “Convenzione di Ginevra”.

10) I palestinesi, come d’altronde i libanesi, sono sempre “vigliacchi” che si nascondono tra una popolazione civile che “non li vuole”. Se dormono in casa con le loro famiglie, la cosa ha un nome: “vigliaccheria”. Israele ha il diritto di radere al suolo con bombe e missili i quartieri dove dormono. Ciò si definisce “azione chirurgica di alta precisione”.

11) Gli israeliani parlano meglio l’inglese, il francese, lo spagnolo o il portoghese degli arabi. Per questo meritano di essere intervistati con maggiore frequenza e avere più opportunità degli arabi per spiegare al grande pubblico le presenti regole di redazione (dalla 1 alla 10). Ciò si definisce “neutralità giornalistica”.

12) Tutte le persone che non sono d’accordo con le suddette regole sono, è evidente, “terroristi antisemiti ad alta pericolosità”.

di Anonimo (trad. di Giorgio Tinelli)

 
 
 

BURN GREECE BURN!

Post n°47 pubblicato il 22 Dicembre 2008 da jackflash77

Se io non brucio
Se tu non bruci
Se noi non bruciamo
Come dal buio nascerà la luce?
(Nazim Hikmet “Come Kerem”)

Con la paura tra i denti i cani rabbiosi urlano: tornate alla normalità, la festa dei folli è terminata. I filologi dell’assimilazione hanno iniziato a diseporre le loro carezze taglienti: “Siamo pronti a dimenticare, a comprendere le deviazioni dei giorni precedenti, ma ora state buoni altrimenti porteremo i nostri sociologi, i nostri antropologi, i nostri psichiatri! Come padri comprensivi abbiamo assistito con sopportazione il vostro sfogo sentimentale, ora osservate come appaiono vuoti i banchi di scuola, gli uffici, le vetrine! E' giunta l’ora del ritorno e chi rifiuta questo sacro dovere verrà attaccato, verrà tarato socialmente, psichiatrizzato. Questa è la richiesta che si aggira in città :”Siete ai vostri posti?”. La democrazia, l’armonia sociale, l’unità sociale e tutti i grandi abbracci che puzzano di morte hanno già teso le loro sporche mani.

Il potere (dal governo ai genitori) ha lo scopo non solo di reprimere la rivolta e la sua espansione, ma di creare un rapporto di subordinazione, soggettivazione. Un rapporto che determina il vissuto, cioè la vita politica, come una palottola di cooperazione, di compromesso e di accettabilità sociale. «La politica è la politica del socialmente accettabile, tutto il resto è una guerriglia da briganti, scontri, caos»: questa è la traduzione fedele di ciò che ci viene detto. I loro tentativi di negare la parte vitale di ogni azione, di dividerci, di isolarci da ciò che possiamo fare: non fare di due cose una, ma rompere ancora e ancora una cosa in due. I mandarini dell’armonia, i baroni del silenzio - dell’ordine- e della sicurezza ci richiedono di essere dialoganti. Questi trucchi però sono disperatamente vecchi e la loro miserabilità si vede nelle pancie dei vecchi sindacalisti, negli occhi slavati dei mediatori che come uccelli rapaci si aggirano sopra ogni rifiuto, sopra ogni passione per il reale. Li abbiamo già visti a maggio, a Los Angeles e a Brixton, li vediamo in giro da decenni che leccano le ossa del Politecnico. Li abbiamo visti pure ieri che invece di indire sciopero generale a oltranza, si sono inclinati di fronte alla legalità e hanno annullato la manifestazione. Perchè sanno molto bene che la strada verso l’espandersi della rivolta passa per il suo spostamento nel campo di produzione – passa per l’occupazione dei mezzi di produzione del mondo che ci distrugge.

Domani inizia una giornata in cui niente è sicuro. E cosa potrebbe essere più liberatorio dopo tanti anni di sicurezze? Una pallottola è stata capace a interrompere la sequenza meccanica di tante giornate uguali a sè stesse. L’assassinio di un quindicenne è stato un momento che ha redato uno spostamento capace a portare tutto sotto sopra. Lo spostamento dal compimento di una ulteriore giornata al punto tale che tante persone nello stesso momento hanno pensato: basta, le cose devono cambiare e siamo proprio noi che le dobbiamo cambiare. E la vendetta per la morte di Alexis si è trasformata nella vendetta per ogni nostra giornata che siamo stati costretti a svegliarci in questo mondo. E ciò che appariva così difficile si è dimostrato così semplice.

Questo è qualcosa che è successo, qualcosa che possediamo. Se qualcosa ci spaventa è il ritorno alla normalità. Perchè nelle strade distrutte ed espropriate delle nostre lucenti città non vediamo solo gli ovvi segnali della nostra rabbia, ma la possibilità di cominciare a vivere. Ormai non abbiamo altro che la possibilità di stabilirci sopra tale possibilità trasformandola in vissuto: atterrando la nostra creatività nel suolo della quotidianità, la nostra forza a dare sostanza ai nostri desideri, la forza non di osservare, ma costruire il reale. Questo è il nostro spazio vitale. Tutto il resto è morte.

Chi vuole capire, capirà. Ora è il momento di rompere le gabbie invisibili che costringono ognuno di noi nelle nostre piccole e misere vite. E ciò non significa solamente o necessariamente attaccare stazioni di polizia o bruciare negozi e banche. Il momento in cui qualcuno abbandona la sua poltrona e la passiva osservazione della sua stessa vita ed esce per strada per parlare e ascoltare, lasciando spontaneamente il privato, comprende, nell’ambito dei rapporti sociali, la forza destabilizzante di una bomba atomica. Questo proprio perchè la (fino a ora) stabilizzazione di ognuno nel suo microcosmo è legata alle forze attrattive della persona. Quelle forze che permettono al mondo (capitalista) di andare avanti. Questo è il dilemma: stare dalla parte dei rivoltosi o stare da soli. Questo è uno dei rari momenti in cui un dilemma è così assoluto e contemporaneamente reale.

Grecia, 11 dicembre 2008
dal sito: informa-azione

 
 
 

MERRY CRISIS AND HAPPY NEW FEAR

Post n°46 pubblicato il 19 Dicembre 2008 da jackflash77

L’aria brucia, pesa, entra nelle vene e le fa pulsare in modo strano.
Droghe chimiche gratuite…ironizzano così le donzelle greche che mi hanno accolto fino a questo momento…
Atene si presenta assurda agli occhi di chi atterra, pur consapevole che troverà una città in rivolta.
Ma cavolo, la rivolta, chi l’aveva mai vista così radicata, trasversale, spontanea e allo stesso tempo organizzata.
Una città che pullula di facoltà occupate, di scuole occupate, di sedi dei sindacati occupate...una città che sembra non aver voluto perdere un pezzetto di strada, una città che si è voluta riprendere non dico tutto, ma almeno la dignità di alzare la testa e andare avanti giorni e giorni...
Andare avanti giorni e giorni con gli occhi che bruciano, con le mani che prendono e lanciano, con le assemblee che si susseguono e le strade che sono sempre piene…sempre piene di una generazione e non solo.

Non solo, infatti…perchè quando arrivi ai concentramenti sembra di vedere solo loro…i “giovani”, i miei coetanei precari, sfruttati, senza speranze, senza nulla da perdere…ma basta iniziare ad assistere all’avvicinamento degli opliti dai caschi bianchi e dalle divise verdi che , il panorama cambia. Immediatamente.
Perchè se la polizia provoca qui sono TUTTI a rispondere, tutti ad insultarli, tutti a sputare verso di loro e difendere ogni centimetro di strada. La strada si, perchè è proprio da quella che si dovrebbe ripartire..la strada da riempire, da far straripare, la strada da bruciare per poi ricostruirla in piena autonomia.
Una strada che schifa la fasulla democrazia che poi arma le mani di qualche divisa assassina, la strada che vuole avere futuro, speranza, collettività, la strada che qui è un muro di fuoco, un mucchio di macerie.
Macerie che a vederle ti si apre il cuore. Ti trema il sangue mentre scorre.
Dobbiamo ringraziare questo paese, questi giovani rabbiosi rivoltosi, dobbiamo ringraziarli e nemmeno poco, perchè ci stanno dimostrando ( a noi, ciechi compagni europei) che il vento della rivolta può ancora sfiorarci.
Può ancora cambiare le nostre vite…può ancora darci la forza di non aver paura delle loro pistole, delle loro armi, dei loro irrespirabili nuvoloni di sostanze chimiche. La forza di combattere, di crederci, di lottare contro chi ci vuole precari, isolati, emarginati e anche morti.

Morti si, perchè ci ammazzano per le strade, ci fanno morire sui posti di lavoro o per le loro guerre, perchè abbiamo un Mediterraneo che non è altro che un liquido cimitero di migranti.
Da questo paese dobbiamo imparare molto in questi giorni: imparare a crederci, imparare dagli immigrati, che nella nostra società sono gli unici che ancora CREDONO di poter cambiare la loro condizione…altrimenti non proverebbero a solcarlo quel nostro mare assassino.
Impariamo, impariamo ad alzare la testa, ad essere uniti, a sovvertire tutto ciò che ci opprime, ci sfrutta, ci uccide o ci incarcera.
ATENE RESISTE, ATENE E’ IL SIMBOLO CHE ANCORA SI PUO’… CHE BASTA VOLERLO!

http://baruda.wordpress.com/

PS. Foto dalla Grecia in fiamme: 1 - 2 - 3

 
 
 

RAZZISMO DI STATO

Post n°45 pubblicato il 12 Novembre 2008 da jackflash77

In questi giorni si parla (giustamente) della crisi Alitalia, del nuovo presidente americano e della crisi finanziaria...sicuramente tutti argomenti importanti da trattare, ma nel frattempo cosa sta succedendo in Italia? Quali norme stanno per essere votate, nello specifico dal Senato? Di seguito un articolo per capire quale tipo di governo abbiamo in questo paese...un governo RAZZISTA!!!

Il razzismo va in aula
Giorgio Salvetti

Ronde legalizzate. Multe salatissime e divieto di matrimonio per chi non ha il permesso di soggiorno, tasse e test di italiano per chi ne ha diritto. Campi rom solo se approvati con referendum e un'odiosa «patente a punti» sull'integrazione. Sono gli emendamenti vessatori approvati in commissione che, se possibile, peggiorano il disegno di legge 733 sulla sicurezza. Il provvedimento sarà oggi (11 novembre 2008 ndj) all'esame del Senato e, a meno di colpi di scena, potrebbe presto diventare legge. Un'ipotesi tanto più probabile visto il silenzio generale e la mancanza di indignazione di fronte a un decalogo a dir poco razzista, studiato a punto per discriminare e colpire duramente gli stranieri e i poveri.
Entriamo nel merito e esaminiamo punto per punto le nuove norme. Gli enti locali possono avvalersi di associazioni di cittadini per presidiare il territorio. Significa che le ronde di destra e di sinistra, gradite a Cofferati come a Gentilini, sono riconosciute dallo Stato che delega e privatizza la sicurezza di tutti a gruppi di pochi «valorosi» fai da te. Possono essere arzilli pensionati, leghisti ubriachi o fascistelli infoiati. Poco importa. La casa non è più un diritto ma un dovere. E chi non ne ha una decorosa deve pagare dazio. Tutti i senza dimora saranno schedati e inseriti in un apposito registro. La richiesta di variazione anagrafica, per tutti (italiani, europei ed extraeuropei) è subordinata alla verifica delle condizioni igienico-sanitarie dell'immobile in cui la persona intende risiedere. Per gli stranieri significa che chi non ha una casa non avrà diritto al permesso di soggiorno. Per i rom c'è l'aggravante, qualsiasi comune voglia allestire un campo nomadi dovrà prima sottoporre la decisione a referendum. Significa rendere ingestibile e esplosiva la già pesante situazione delle comunità nomadi che prevedibilmente verranno scacciate da ogni parte.
Per gli stranieri anche il matrimonio non è più un diritto, infatti chi non ha il permesso di soggiorno non potrà nemmeno sposarsi. «Nel caso uno dei nubendi - recita l'emendamento all'art. 51 - sia cittadino straniero è necessaria la presentazione di un documento attestante la legittimità del soggiorno nel territorio italiano». Per ora ci avevano provato solo alcuni arditi sindaci lombardi a discriminare i promessi sposi stranieri, adesso, grazie ai colleghi leghisti del Senato, questa bravata rischia di diventare legge per tutta Italia.
Il «reato» di immigrazione clandestina non prevede il carcere, ma «solo» un'ammenda da 5 mila a 10 mila euro. Una somma che un «clandestino» non sarà mai in grado di pagare. Chi ha diritto ad avere il permesso di soggiorno per fare la pratica, oltre a presentare mille incartamenti dovrà anche pagare 200 euro. Se si considera una famiglia di tre persone si parla di una tassa per soli stranieri di 600 euro ogni due anni. Ma i soldi non basteranno perché per avere la carta di soggiorno sarà anche obbligatorio superare un test di lingua. Dopo le classi separate per i bambini, ora tocca ai grandi. Le modalità del test le deciderà per decreto il ministro degli interni chiamato a occuparsi di glottologia.
Dulcis in fundo, e ci sarebbe da ridere, ma dato l'argomento, viene solo rabbia: il nuovo ddl prevede una patente dell'integrazione a punti. Recita il testo di legge: «contestualmente alla presentazione della domanda per il permesso di soggiorno», lo straniero sottoscrive un «accordo di integrazione articolato per crediti». Dieci punti a chi consegue un certificato di conoscenza dell'italiano, aderisce alla «Carta dei valori della cittadinanza italiana», ha «conoscenze basilari del sistema giuridico», ha frequentato un corso di «integrazione sociale e culturale» e un «livello adeguato di partecipazione economica e sociale alla vita della comunità». Decurtazione di punti per chi commette illeciti anche amministrativi (multe) o tributari (tasse). Manca solo la prova di dialetto lombardo veneto. Ma non si sa mai, i criteri infatti saranno fissati ancora una volta per decreto del ministero degli interni. In un paese dove l'italiano si parla male, multe e tasse non si pagano, e le leggi non le conosce nessuno e le rispettano in pochi, ci vuole davvero un bel coraggio. A quando la patente per i politici razzisti?

Tratto da Il Manifesto dell'11 novembre 2008

 
 
 

SULLA RELAZIONE CAUSA-EFFETTO

Post n°44 pubblicato il 31 Ottobre 2008 da jackflash77

A seguire il racconto (veramente bello) di uno dei presenti, per ulteriori info clicca qua.

CAUSA

Ieri mattina il Blocco Studentesco ha tentato per l’ennesima volta di strumentalizzare la protesta studentesca presentandosi direttamente sotto il Senato così come aveva già fatto il giorno precedente. Il giochino è paraculo quanto semplice, arrivo con il mio camion e la mia amplificazione, mi porto pure il servizio d’ordine di squadristi e a quel punto cerco di monopolizzare la comunicazione di una piazza che si presenta spontanea e non strutturata. Insomma, come si dice in gergo, metto il cappello. Ma  non è detto che quello che funziona una volta funzioni per sempre. Ieri, infatti, a rovinare i piani di Casa Pound ci hanno pensato i lavoratori dei Cobas Scuola che, a differenza dei borghesucci fascisti di Piazza dei Giuochi Delfici, avevano mille e una ragione per stare in piazza. Visto che il decreto taglierà 87.000 posti di lavoro colpendo principalmente i precari che non vedranno rinnovato il loro contratto. A quel punto i fascisti, infastiditi anche dalla presenza di un’altra amplificazione che rompeva il loro monopolio, hanno comunque tentato di prendere la testa della manifestazione caricando più volte studenti e lavoratori che non volevano farsi strumentalizzare. Il tutto sotto lo sguardo acquiescente delle forze dell’ordine. Direte voi, ecco che riemerge il pregiudizio nei confronti delle guardie, ma leggete (più in basso nel blog ndj) quanto scrive Curzio Maltese (mica un Autonomo) su La Repubblica (mica Lotta Continua) di oggi. A rimetterci sono stati alcuni studenti e due compagni, uno dei quali dopo essere caduto a terra colpito da una catenata è stato preso a calci in testa da numerosi di questi “eroici” combattenti (daje Vale’, partigiano combattente sempre in prima fila).

EFFETTO

La notizia dell’aggressione fa il giro della città, arriva al corteo degli studenti medi e nelle Facoltà occupate della Sapienza. La rabbia è diventata enorme e si è fatta onda, questa si, incontrollabile. Perché ne abbiamo le palle piene delle aggressioni sotto le scuole, delle coltellate assassine, degli assalti squadristici contro i centri sociali… e perché questi topi di fogna d’ora in poi dovranno averlo ben chiaro: guai a chi ci tocca.Arriviamo incordonati su Corso Vittorio Emanuele accolti dagli applausi dei compagni giovanissimi cacciati a bastonate dalla piazza. Ad attenderci altri cordoni, altri compagni e altre compagne. La stessa rabbia negli occhi, la stessa determinazione. Si va. Il corteo entra da Piazza di San Pantaleo, un cordone di PS ci si para davanti, ma oggi non è aria e allora si spostano. Qualcuno lancia un coro: CAMERATA, BASCO NERO e il corteo risponde ruggendo IL TUO POSTO E’ AL CIMITERO. Finalmente, non se ne poteva più della presunta apoliticità, dei “ne destra ne sinistra” dei vari Bascetta e dei suoi epigoni. Entriamo in piazza, parte, ritmato, un SIAMO TUTTI ANTIFASCISTI. Li vediamo, stanno dall’altra parte della piazza. Avanziamo compatti, incordonati, decisi. Noi siamo a mani nude, loro hanno tutti dei manici di piccone. Avanziamo ancora, arriviamo a dieci metri da loro. Qualche “pompiere” si para davanti, dice di “non rompere” il movimento. Ma vaffanculo, che movimento vuoi fare con chi spranga i compagni. Al tre, decidiamo, si parte. UNO e allora pensi cazzo non c’ho niente in mano DUE e neanche un fazzoletto in faccia TRE ma ‘sti cazzi CAAARICAA. Vola di tutto, le loro prime file reggono quelli dietro si squagliano come neve al sole. Provano a tenerci a distanza coi bastoni e noi non abbiano altro a disposizione che le sedie di vimini del bar affianco. Che anche se lanciate da un palazzo non farebbero male a nessuno. Fa niente, li stringiamo all’angolo, li sommergiamo. Qualcuno arriva al contatto, e ora quel bastone sai dove te lo infiliamo, pezzo di merda. Scappano, scomposti. Quel coglione di Polacchi sta li a chiamare la linea, ma non s’è ancora accorto che dietro non c’è più nessuno.  Si gira, capisce, e la sua faccia, da sola, vale il prezzo del biglietto. La polizia a quel punto carica sia noi che loro. Finisce così, alcuni di noi sono ammaccati ma nemmeno un dubbio ne valeva la pena, cazzo se ne valeva la pena. 50 fascisti armati di bastoni sono stati cacciati dalla piazza dai compagni a mani nude, e adesso che vadano pure a piangersi addosso.

Questa è per Renato, questa è per DAX.

 
 
 

Post N° 43

Post n°43 pubblicato il 30 Ottobre 2008 da jackflash77

COME IERI

ANCHE OGGI

 
 
 

PESTATI E SCACCIATI I FASCI DA PIAZZA NAVONA

Post n°42 pubblicato il 30 Ottobre 2008 da jackflash77

 

Di seguito il racconto di quanto accaduto ieri 29 ottobre in piazza navona tra un gruppo di fasci (tra cui blocco studentesco) e gli studenti medi e poi universitari in piazza a protestare; il racconto è di Curzio Maltese per Repubblica presente agli avvenimenti e testimone dello schifo degli sbirri! Peccato che i fasci ne abbiano prese così poche...questo è antifascismo e quei bastardi bisogna ricacciarli nelle fogne!!!

Un camion carico di spranghe e in piazza Navona è stato il caos
di CURZIO MALTESE

Aveva l'aria di una mattina tranquilla nel centro di Roma. Nulla a che vedere con gli anni Settanta. Negozi aperti, comitive di turisti, il mercatino di Campo dè Fiori colmo di gente. Certo, c'era la manifestazione degli studenti a bloccare il traffico. "Ma ormai siamo abituati, va avanti da due settimane" sospira un vigile. Alle 11 si sentono le urla, in pochi minuti un'onda di ragazzini in fuga da Piazza Navona invade le bancarelle di Campo dè Fiori. Sono piccoli, quattordici anni al massimo, spaventati, paonazzi.
Davanti al Senato è partita la prima carica degli studenti di destra. Sono arrivati con un camion carico di spranghe e bastoni, misteriosamente ignorato dai cordoni di polizia. Si sono messi alla testa del corteo, menando cinghiate e bastonate intorno. Circondano un ragazzino di tredici o quattordici anni e lo riempiono di mazzate. La polizia, a due passi, non si muove.
Sono una sessantina, hanno caschi e passamontagna, lunghi e grossi bastoni, spesso manici di picconi, ricoperti di adesivo nero e avvolti nei tricolori. Urlano "Duce, duce". "La scuola è bonificata". Dicono di essere studenti del Blocco Studentesco, un piccolo movimento di destra. Hanno fra i venti e i trent'anni, ma quello che ha l'aria di essere il capo è uno sulla quarantina, con un berretto da baseball. Sono ben organizzati, da gruppo paramilitare, attaccano a ondate. Un'altra carica colpisce un gruppo di liceali del Virgilio, del liceo artistico De Chirico e dell'università di Roma Tre. Un ragazzino di un istituto tecnico, Alessandro, viene colpito alla testa, cade e gli tirano calci. "Basta, basta, andiamo dalla polizia!" dicono le professoresse.
Seguo il drappello che si dirige davanti al Senato e incontra il funzionario capo. "Non potete stare fermi mentre picchiano i miei studenti!" protesta una signora coi capelli bianchi. Una studentessa alza la voce: "E ditelo che li proteggete, che volete gli scontri!". Il funzionario urla: "Impara l'educazione, bambina!". La professoressa incalza: "Fate il vostro mestiere, fermate i violenti". Risposta del funzionario: "Ma quelli che fanno violenza sono quelli di sinistra". C'è un'insurrezione del drappello: "Di sinistra? Con le svastiche?". La professoressa coi capelli bianchi esibisce un grande crocifisso che porta al collo: "Io sono cattolica. Insegno da 32 anni e non ho mai visto un'azione di violenza da parte dei miei studenti. C'è gente con le spranghe che picchia ragazzi indifesi. Che c'entra se sono di destra o di sinistra? È un reato e voi dovete intervenire".
Il funzionario nel frattempo ha adocchiato una telecamera e il taccuino: "Io non ho mai detto: quelli sono di sinistra". Monica, studentessa di Roma Tre: "Ma l'hanno appena sentito tutti! Chi crede d'essere, Berlusconi?". "Lo vede come rispondono?" mi dice Laura, di Economia. "Vogliono fare passare l'equazione studenti uguali facinorosi di sinistra". La professoressa si chiama Rosa Raciti, insegna al liceo artistico De Chirico, è angosciata: "Mi sento responsabile. Non volevo venire, poi gli studenti mi hanno chiesto di accompagnarli. Massì, ho detto scherzando, che voi non sapete nemmeno dov'è il Senato. Mi sembravano una buona cosa, finalmente parlano di problemi seri. Molti non erano mai stati in una manifestazione, mi sembrava un battesimo civile. Altro che civile! Era stato un corteo allegro, pacifico, finché non sono arrivati quelli con i caschi e i bastoni. Sotto gli occhi della polizia. Una cosa da far vomitare. Dovete scriverlo. Anche se, dico la verità, se non l'avessi visto, ma soltanto letto sul giornale, non ci avrei mai creduto".
Alle undici e tre quarti partono altre urla davanti al Senato. Sta uscendo Francesco Cossiga. "È contento, eh?" gli urla in faccia un anziano professore. Lunedì scorso, il presidente emerito aveva dato la linea, in un intervista al Quotidiano Nazionale: "Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand'ero ministro dell'Interno (...) Infiltrare il movimento con agenti pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino le città. Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto della polizia. Le forze dell'ordine dovrebbero massacrare i manifestanti senza pietà e mandarli tutti all'ospedale. Picchiare a sangue, tutti, anche i docenti che li fomentano. Magari non gli anziani, ma le maestre ragazzine sì".
È quasi mezzogiorno, una ventina di caschi neri rimane isolata dagli altri, negli scontri. Per riunirsi ai camerati compie un'azione singolare, esce dal lato di piazza Navona, attraversa bastoni alla mano il cordone di polizia, indisturbato, e rientra in piazza da via Agonale. Decido di seguirli ma vengo fermato da un poliziotto. "Lei dove va?". Realizzo di essere sprovvisto di spranga, quindi sospetto. Mentre controlla il tesserino da giornalista, osservo che sono appena passati in venti. La battuta del poliziotto è memorabile: "Non li abbiamo notati".
Dal gruppo dei funzionari parte un segnale. Un poliziotto fa a un altro: "Arrivano quei pezzi di merda di comunisti!". L'altro risponde: "Allora si va in piazza a proteggere i nostri?". "Sì, ma non subito". Passa il vice questore: "Poche chiacchiere, giù le visiere!". Calano le visiere e aspettano. Cinque minuti. Cinque minuti in cui in piazza accade il finimondo. Un gruppo di quattrocento di sinistra, misto di studenti della Sapienza e gente dei centri sociali, irrompe in piazza Navona e si dirige contro il manipolo di Blocco Studentesco, concentrato in fondo alla piazza. Nel percorso prendono le sedie e i tavolini dei bar, che abbassano le saracinesche, e li scagliano contro quelli di destra.
Soltanto a questo punto, dopo cinque minuti di botte, e cinque minuti di scontri non sono pochi, s'affaccia la polizia. Fa cordone intorno ai sessanta di Blocco Studentesco, respinge l'assalto degli studenti di sinistra. Alla fine ferma una quindicina di neofascisti, che stavano riprendendo a sprangare i ragazzi a tiro. Un gruppo di studenti s'avvicina ai poliziotti per chiedere ragione dello strano comportamento. Hanno le braccia alzate, non hanno né caschi né bottiglie. Il primo studente, Stefano, uno dell'Onda di scienze politiche, viene colpito con una manganellata alla nuca (finirà in ospedale) e la pacifica protesta si ritrae.
A mezzogiorno e mezzo sul campo di battaglia sono rimasti due ragazzini con la testa fra le mani, sporche di sangue, sedie sfasciate, un tavolino zoppo e un grande Pinocchio di legno senza più una gamba, preso dalla vetrina di un negozio di giocattoli e usato come arma. Duccio, uno studente di Fisica che ho conosciuto all'occupazione, s'aggira teso alla ricerca del fratello più piccolo. "Mi sa che è finita, oggi è finita. E se non oggi, domani. Hai voglia a organizzare proteste pacifiche, a farti venire idee, le lezioni in piazza, le fiaccolate, i sit in da figli dei fiori. Hai voglia a rifiutare le strumentalizzazioni politiche, a voler ragionare sulle cose concrete. Da stasera ai telegiornali si parlerà soltanto degli incidenti, giorno dopo giorno passerà l'idea che comunque gli studenti vogliono il casino. È il metodo Cossiga. Ci stanno fottendo".

 
 
 

DELIRI O PIANO STRATEGICO?

Post n°41 pubblicato il 23 Ottobre 2008 da jackflash77

La storia, dicono, si ripeta...probabilmente perchè a prendere determinate decisioni ci sono le stesse persone di allora. Ecco la "nuova" e intelligentissima soluzione dell'uomo più di merda della storia italiana: Francesco Cossiga.
Ora c'è scritto nero su bianco quali sono stati i metodi utilizzati dallo Stato durante i periodi "caldi" della storia italiana...ad esempio...qualcuno si ricorderà di Giorgiana Masi uccisa da colpi d'arma da fuoco durante un corteo da agenti in borghese, oppure le azioni dei black block a Genova nel 2001 così come le infiltrazioni durante gli anni di piombo nei vari gruppi definiti terroristici.
Se uniamo a questa intervista la dichiarazione (fresca fresca) del nano bastardo (non Brunetta) che dichiara di non aver mai chiesto l'uso della polizia per reprimere la lotta studentesca, allora forse il quadro si fa più chiaro...no? O sono io che sono pazzo?

COSSIGA SI' CHE SE NE INTENDE: SOLUZIONE?

"Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto"

Andrea Cangini per Quotidiano nazionale

Presidente Cossiga, pensa che minacciando l'uso della forza pubblica contro gli studenti Berlusconi abbia esagerato?
«Dipende, se ritiene d'essere il presidente del Consiglio di uno Stato forte, no, ha fatto benissimo. Ma poiché è l'Italia è uno Stato debole, e all'opposizione non c'è il granitico PCI ma l'evanescente PD, temo che alle parole non seguiranno i fatti e che quindi Berlusconi farà quantomeno una figuraccia».

Quali fatti dovrebbero seguire?
«A questo punto, Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand'ero ministro dell'Interno».

Ossia?
«In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino di dodici anni rimanesse ucciso o gravemente ferito...».

Gli universitari, invece?
«Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città».

Dopo di che?
«Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».

Nel senso che...
«Nel senso che le forze dell'ordine dovrebbero massacrare i manifestanti senza pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli a sangue e picchiare a sangue anche quei docenti che li fomentano».

Anche i docenti?
«Soprattutto i docenti. Non quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che indottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».

E lei si rende conto di quel che direbbero in Europa dopo una cura del genere? «In Italia torna il fascismo», direbbero.
«Balle, questa è la ricetta democratica: spegnere la fiamma prima che divampi l'incendio».

Quale incendio?
«Non esagero, credo davvero che il terrorismo tornerà ad insanguinare le strade di questo Paese. E non vorrei che ci si dimenticasse che le Brigate Rosse non sono nate nelle fabbriche ma nelle università. E che gli slogan che usavano li avevano usati prima di loro il Movimento studentesco e la sinistra sindacale».

FONTE: "GIORNO/RESTO/NAZIONE" di giovedì 23 ottobre 2008

 
 
 

LIBERTA' PER TUTTI/E!!!

Post n°40 pubblicato il 29 Settembre 2008 da jackflash77

Come poter credere ancora alla stampa di regime??? Come poter digerire un articolo scritto e confezionato solo per apparire “lindi” agli occhi dell’opinione pubblica??? Come si fa a parlare di “ospiti” quando nella realtà dei fatti questi esseri umani sono DETENUTI senza aver commesso nessun crimine per giunta non in un carcere, dove almeno qualche diritto potrebbe venir loro riconosciuto, bensì in questi LAGER (perché tali sono i CPT) dove viene negata loro qualsiasi richiesta e anzi dove se osano chiedere rispetto e un trattamento da esseri umani, passano la solerzia di manganellatori della ben nota polizia di stato…il tutto, ovviamente, sotto l’attenta osservazione del personale della Croce Rossa Italiana (che gestisce il centro) che quantomeno legittima la condotta delle forze del (dis)ordine, non denunciando gli episodi di violenza e anzi coprendoli attivamente. Per quanto riguarda la Croce Rossa Italiana sarebbe davvero interessante poter intervistare veramente chi “lavora” tutti i giorni all’interno di Corelli per chiedergli come mai l’organizzazione, che più di ogni altra dovrebbe garantire e salvaguardare i diritti umani, li viola palesemente tutti i giorni.

Queste persone chiedono soltanto libertà!!! Lo status di clandestino viene affibbiato loro dallo stato italiano, lo stesso stato che poi in base a quello status li perseguita, li umilia e li detiene in posti paragonabili più ai famigerati campi di lavoro nazisti che a centri di accoglienza!!!

LIBERTA’ PER TUTTI/E!

Durante la lettura inserirò alcune mie precisazioni, contrassegnate dalla sigla ndj (nota di jackflash), per smascherare le bugie che vengono dette durante il racconto; queste precisazioni non sono frutto della mia immaginazione ma sono tutte documentabili e le trovate nei vari documenti disponibili a questo indirizzo: http://lombardia.indymedia.org/?q=node/7732

Il viaggio "perfetto" al CPT di via Corelli

Un compitino perfetto. Anche troppo, per non destare qualche perplessità. Stamattina era tutto in ordine, tutto lindo, tutto perfetto: tutto organizzato. Abbiamo visto, abbiamo fotografato, abbiamo filmato, ma solo quello che loro volevano vedessimo. Siamo stati portati a passeggio, e poi riportati a casa, con un piccolo biscottino in bocca al posto dell'osso che chiedevamo.

Stamattina sono stato all'interno di un posto di cui si parla tanto, e ancora di più si scrive, ma di cui poco o nulla si sa: il CEI (Centro di Identificazione ed Espulsione, una volta più noto come CPT, Centro di Permanenza Temporanea) di via Corelli 28 a Milano. Una pattuglia di consiglieri comunali guidati dal deputato Matteo Salvini della Lega Nord (quello che padanamente ha bruciato il campo ROM nei pressi di Opera ndj) chiedeva una visita al centro dallo scorso dicembre, alla fine spuntata per la mattinata di oggi. L'invito è stato esteso alla stampa, e alla fine siamo entrati circa in una quindicina di cronisti. Io l'ho saputo ieri sera alle 22, e mi sono accreditato all'ultimo nella garitta fuori dall'ingresso! Clamorosamente l'esercito mi ha fatto meno storie di qualsiasi altro ente con cui abbia avuto a che fare! Esistono ancora posti dove il mitico tesserino blu conta ancora qualcosa...

Queste sono le foto di quello che ho visto stamattina (le ho messe tutte insieme ndj). Vi avviso: non vedrete immigrati, e nemmeno militari. Nemmeno gran parte degli ambienti dove siamo stati, in cui non ci è stato permesso di fare alcunché. Di persone vedrete a stento noi. Ci è stato detto da subito: "vietato fotografare qualsiasi persona, pena l'immediato trascinamento fuori". "Qui ci sono dei rifugiati politici - è stata la spiegazione - e tramite internet le foto che potreste fare potrebbero arrivare ovunque e metterli potenzialmente in pericolo". Sarà. Di sicuro le foto non fatte non hanno messo in pericolo loro. (non è vero…delle 5 sezioni del CPT di via Corelli, solo una è per i rifugiati politici che attualmente sono meno di una decina e come verrà detto più avanti anche dal giornalista, godono di un trattamento migliore rispetto agli altri detenuti ndj)

Comunque: that's all...

L'ingresso dell'ex Centro di permanenza temporanea (ora Centro di Identificazione ed Espulsione) è in una stradina laterale di via Corelli. Sulla strada stazionano 2 jeep Defender dei militari. All'ingresso, il piccolo posto di controllo che vedete con una sbarra. A fianco la sopraelevata della tangenziale: lo scorso luglio da lì sopra persone mai identificate tirarono diverse bombe carta all'interno del centro.

Una volta superata la sbarra, c'è il piccolo ingresso nel mezzo del muro grigio. Un metal detector all'interno si frappone tra noi e il cortile. Prime raccomandazioni: "Fate i bravi". Nessuna foto non autorizzata, specialmente agli "ospiti" (qui reclusi sembra una parola brutta, si parla sempre di "ospitalità" come se fosse un albergo) pena l'essere subito sbattuti fuori. "We Agree", per forza.

L'interno del cortile principale. L'entrata è dritto in fondo, al centro della foto. Il centro - ci spiegano - può contenere massimo 114 persone, e non può mai sforare il suo limite di capienza. Le sezioni sono 5, da 28 persone l'una: due per gli uomini, una per le donne, una per i trans e un'altra per i rifugiati politici. Oggi ci sono 80 persone: il centro è comunque pieno, perché una delle sezioni è fuori uso per lavori di ristrutturazione. (ma quali lavori di ristrutturazione??? In realtà una sezione è andata a fuoco dopo le rivolte durante il mese di agosto, per questo è stata chiusa ndj) Vedremo una sola delle 5 sezioni , ed una ventina scarsa di uomini. Non ci sarà permesso di parlare con nessuno.

Una delle stanze di astanteria all'ingresso. Una volta portati al centro, dopo essersi fatti una doccia agli immigrati è fatta una visita medica accurata, per evitare di prendere all'interno gente con malattie infettive gravi (stile Tbc). (se si parla con detenuti usciti dall’inferno di Corelli, il racconto che fanno dell’ingresso nel lager è completamente diverso ndj) Chi è positivo ai controlli viene portato col 118 al S. Raffaele, l'ospedale più vicino. "Come qualsiasi milanese", ribadiscono i nostri "tutor" della prefettura.

Magliette, calzini e ciabatte per chi arriva. L'ambiente è pulito, asettico: non c'è una pagliuzza fuori posto. (certo ora che hanno pulito tutto perché dovevate arrivare ndj) Girando siamo scortati da una decina tra militari e uomini della croce Rossa Italiana. Noi reporter siamo una quindicina, i consiglieri comunali una dozzina circa. Perennemente scortati, e mai lasciati soli. Nelle stanze si sta uno o due minuti. Una veloce spiegazione e poi subito fuori.

Il medico nell'infermeria (con cui ci fanno parlare, ma di cui non ci permettono di fare foto) racconta che qui le uniche malattie che si vedono sono al massimo quelle stagionali, sintomi da raffreddamento, febbri e varie. (oltre ovviamente alle ferite da traumi o i tentativi di suicidio…ah già…di questo non poteva parlare ndj) Questo per tranquillizzare i consiglieri che gli chiedono di sospetti casi di tubercolosi. Questo cartello messo all'ingresso della zona letti però insospettisce un po'...

Una saletta per i colloqui. Agli immigrati è concessa un'ora di colloqui la mattina con i legali ed un'ora nel primo pomeriggio con i parenti. (questo non è assolutamente vero, è uno dei motivi per i quali sono scoppiate le proteste questa estate, praticamente la durata dei colloqui non è regolamentata e quindi è a totale discrezione degli sbirri presenti; di conseguenza quello che succede è che dopo aver aspettato anche 15 giorni per avere un colloquio, una volta arrivati lì oltre a non avere privacy poiché lo sbirro si mette a fianco al tavolo dei colloqui, il colloquio stesso può durare anche due minuti oppure mezzora, dipende “dall’umanità” dello sbirro preposto al controllo di quel colloquio; scopriamo così l’arbitrarietà dei colloqui all’interno di corelli ndj) Possono restare nel centro fino a 60 giorni, ma la media di permanenza si assesta sui 40. Dopo questo termine scatta l'espulsione o il foglio di via. Dei 1100 "ospiti" che la struttura ha avuto nel 2008 ne sono stati espulsi "solo" 540.

Il pasto tipico di un immigrato, e il cosiddetto "kit di ingresso". (durante tutti i mesi estivi maggio-settembre, il menu comprendeva sempre e solo riso!!! ndj) Il pasto messo lì in bella vista la dice lunga su quanto questa visita fosse stata "progettata" a priori. La maggior parte dei transiti del Cie - ci raccontano - sono costituiti da persone colpevoli di reati che prevedono l'espulsione oppure già colpiti dal provvedimento. Ciò fa sì che il centro costituisca praticamente una "porta d'uscita" dal paese, al contrario di un ingresso che blocca chi entra irregolarmente come normalmente si pensa. (anche questa è una menzogna, le persone dentro Corelli non sono delinquenti bensì la stragrande maggioranza, l’80%, è composta da lavoratori e molti sono stati addirittura catturati direttamente sul posto di lavoro o sui mezzi atm diretti al lavoro ndj)

Un corridoio di una delle sezioni, quella dei richiedenti asilo politico. Questa sarà l'unica sezione delle 5 che ci sarà permesso visitare. (perché l’unica decente ndj) Al soffitto sono appesi festoni in stile islamico. "Tra poco finirà il mese sacro del Ramadan - dicono - e si farà una grande cena a base di cous cous per festeggiare" Addirittura ci dicono che qui ci sono feste quasi tutte le sere (stasera festa trans...), perché in questo modo le persone non dimentichino la loro cultura di origine. (certo le feste di cui parla qua forse sono quelle dei poliziotti che si divertono a manganellare magari dopo aver pippato ndj)

Ogni sezione resta però un mondo a parte, divisa da tutte le altre. Chi è all'interno non può parlare con quelli delle altre sezioni, salvo pochi rari momenti comuni come le festività religiose. (ma quando mai??? Forse possono parlare durante le ore d’aria che passano in cortile ndj) Da una delle finestre laterali all'improvviso sbucheranno tre stranieri chiedendo di parlarci, ma verremo subito fatti allontanare in un'altra stanza. "Vogliamo tornare a casa", è ciò che sentiamo prima che la porta si chiuda. Singolare la sezione dei rifugiati politici. Non abbiamo potuto fare foto, ma vi giuro che sembrava di essere in una scuola media multiculturale! Disegni a pennarello alle pareti con scritto "Armenia Loves Italy", "Iraqi thanks Italy", disegni di calciatori fatti a matita e via così. Surreale... (forse perché preparati ad hoc??? ndj) I rifugiati politici hanno libertà di movimento anche fuori dal centro dalle 8 alle 20, ma la sera sono obbligati a tornare all'interno.

Un ospite costa mediamente allo Stato 60 euro al giorno, a cui si devono aggiungere i costi per la gestione delle strutture e la sicurezza. Il centro copre 6.000 mq, di cui 4.000 di edifici. Il tutto è sorvegliato da telecamere a circuito chiuso. Ci hanno portato anche nella sala regia, dove 22 schermi sorvegliano costantemente muri e corridoi. Lì (ovviamente) proibito fotografare. (tipico di un centro d’accoglienza…no??? ndj)

A sentir loro sembra quasi un albergo. Non si parla mai di "reclusi" ma solo di "ospitalità", "camere" e concessioni agli internati, che possono addirittura girare ognuno con un proprio cellulare. Ma le sbarre ci sono e basta girare l'angolo per vederle bene. Questo è uno dei piccoli cortili interni delle varie sezioni. Ci viene detto che chi lo occupa non può parlare con noi. La maggioranza è gente scalmanata, esaltata, e userebbe i nostri microfoni per scenate con cui potrebbero spingersi l'un con l'altro ad esagerare. L'ultima rivolta fu nell'ottobre dell'anno scorso, e qui se la ricordano in molti. (un’altra menzogna…l’ultima rivolta risale a poco tempo fa più precisamente ad agosto e quella rivolta ha prodotto la liberazione di due detenuti, potete trovare la cronaca degli avvenimenti nel link in alto ndj)

Due jeep dell'esercito parcheggiate all'interno. Il personale che lavora nel centro è diviso tra volontari della Croce rossa, 60 persone divise su quattro turni giornalieri, e delle forze dell'ordine, 20, tra poliziotti e militari, divisi su tre turni.

Alla fine della visita i consiglieri commenteranno che 1) il centro dovrà far ricredere chi parla di lager. "Ho visto gente giocare, e un posto pulito e tranquillo", commenterà Salvini all'uscita. (certo Salvini, ti metterei te lì dentro a giocare e divertirti ndj) 2) i centri così purtroppo costano, e tanto. Bisognerebbe riuscire a bloccare l'immigrazione a monte per risparmiare, "purtroppo è inutile riempirla di Cpt che poi si riempiono subito".

Mi sarebbe piaciuto parlare con qualcuno, raccogliere le loro storie, sapere come erano arrivati lì e sulla strada per dove. Sapere se avevano dei messaggi da mandare a qualcuno, vedere le loro vite lì dentro, conoscere davvero cosa sia un Cpt. Non ce l'hanno permesso. Sarà per la prossima. (ma ci crede veramente che capiterà o vuole soltanto non dare una chiusura troppo tetra??? ndj)

Almeno, come commentava quello del Corriere, "quando succederà di nuovo qualcosa lì dentro sarò in grado di descriverlo bene e capire un po' di più". Per il momento ci accontentiamo del biscottino che ci hanno dato. (non credo proprio che potrete capire un po’ di più finchè vi accontentate del biscottino che vi danno…andate a lavorare seriamente servi dei padroni!!! ndj)

 
 
 

11 Settembre 1973 - 11 Settembre 2008

Post n°39 pubblicato il 11 Settembre 2008 da jackflash77

11 settembre…qual è lo stato terrorista? Ricordo che gli Stati Uniti d’America sono l’unico paese al mondo ad essere stato condannato dalla corte di giustizia internazionale dell’Aja nel 1986 per le vicende in Nicaragua. Ora tutti spenderanno parole e lacrime per ricordare 3.000 vittime dell’unico attacco sul suolo americano…quante parole e quante lacrime dovranno ancora versare le popolazioni afghane e irachene che con quell’attentato non c’entrano assolutamente nulla? L’11 settembre è ormai sotto gli occhi di chiunque vuole vedere un auto attentato per giustificare un piano criminale per arrivare a possedere i più grandi giacimenti petroliferi.

LE ULTIME PAROLE DI SALVADOR ALLENDE ALLA RADIO L'11 SETTEMBRE 1973

7.55 Radio Corporaciòn
Parla il Presidente della Repubblica dal palazzo della Moneda.
Viene segnalato da informazioni certe che un settore della marina avrebbe isolato Valparaiso e che la città sarebbe stata occupata. Ciò rappresenta una sollevazione contro il Governo, Governo legittimamente costituito, Governo sostenuto dalla legge e dalla volontà del cittadino. In queste circostanze, mi rivolgo a tutti i lavoratori. Occupate i vostri posti di lavoro, recatevi nelle vostre fabbriche, mantenete la calma e la serenità.
Fino ad ora a Santiago non ha avuto luogo nessun movimento straordinario di truppe e, secondo quanto mi è stato comunicato dal capo della Guarnigione, la situazione nelle caserme di Santiago sarebbe normale.
In ogni caso io sono qui, nel Palazzo del Governo, e ci resterò per difendere il Governo che rappresento per volontà del Popolo. Ciò che desidero, essenzialmente, è che i lavoratori stiano attenti, vigili, e che evitino provocazioni. Come prima tappa dobbiamo attendere la risposta, che spero sia positiva, dei soldati della Patria, che hanno giurato di difendere il regime costituito, espressione della volontà cittadina, e che terranno fede alla dottrina che diede prestigio al Cile, prestigio che continua a dargli la professionalità delle Forze Armate. In queste circostanze, nutro la certezza che i soldati sapranno tener fede ai loro obblighi.
Comunque, il popolo e i lavoratori, fondamentalmente, devono rimanere pronti alla mobilitazione, ma nei loro posti di lavoro, ascoltando l'appello e le istruzioni che potrà lanciare loro il compagno Presidente della Repubblica.

8.15
Lavoratori del Cile
Vi parla il Presidente della Repubblica. Le notizie che ci sono giunte fino ad ora ci rivelano l'esistenza di un'insurrezione della Marina nella Provincia di Valparaiso.
Ho dato ordine alle truppe dell'Esercito di dirigersi a Valparaiso per soffocare il tentativo golpista.
Devono aspettare le istruzioni emanate dalla Presidenza.
State sicuri che il Presidente rimarrà nel Palazzo della Moneta per difendere il Governo dei Lavoratori.
State certi che farò rispettare la volontà del popolo che mi ha affidato il comando della nazione fino al 4 novembre 1976.
Dovete rimanere vigili nei vostri posti di lavoro in attesa di mie informazioni.
Le forze leali rispettose del giuramento fatto alle autorità, insieme ai lavoratori organizzati, schiacceranno il golpe fascista che minaccia la Patria.

8.45
Compagni in ascolto
La situazione è critica, siamo in presenza di un colpo di Stato che vede coinvolta la maggioranza delle Forze Armate.
In questo momento infausto voglio ricordarvi alcune delle mie parole pronunciate nell'anno 1971, ve lo dico con calma, con assoluta tranquillità, io non ho la stoffa dell'apostolo né del messia.
Non mi sento un martire, sono un lottatore sociale che tiene fede al compito che il popolo gli ha dato.
Ma stiano sicuri coloro che vogliono far regredire la storia e disconoscere la volontà maggioritaria del Cile; pur non essendo un martire, non retrocederò di un passo.
Che lo sappiano, che lo sentano, che se lo mettano in testa: lascerò la Moneda nel momento in cui porterò a termine il mandato che il popolo mi ha dato, difenderò questa rivoluzione cilena e difenderò il Governo perché è il mandato che il popolo mi ha affidato.
Non ho alternative.
Solo crivellandomi di colpi potranno fermare la volontà volta a portare a termine il programma del popolo.
Se mi assassinano, il popolo seguirà la sua strada, seguirà il suo cammino, con la differenza forse che le cose saranno molto più dure, molto più violente, perché il fatto che questa gente non si fermi davanti a nulla sarà una lezione oggettiva molto chiara per le masse.
Io avevo messo in conto questa possibilità, non la offro né la facilito.
Il processo sociale non scomparirà se scompare un dirigente.
Potrà ritardare, potrà prolungarsi, ma alla fine non potrà fermarsi.
Compagni, rimanete attenti alle informazioni nei vostri posti di lavoro, il compagno Presidente non abbandonerà il suo popolo né il suo posto di lavoro.
Rimarrò qui nella Moneda anche a costo della mia propria vita.

9.03 Radio Magallanes
In questi momenti passano gli aerei.
Potrebbero mitragliarci.
Ma sappiate che noi siamo qui, almeno con il nostro esempio, che in questo paese ci sono uomini che sanno tener fede ai loro obblighi.
Io lo farò su mandato del popolo e su mandato cosciente di un Presidente che ha dignità dell'incarico assegnatogli dal popolo in elezioni libere e democratiche.
In nome dei più sacri interessi del popolo, in nome della Patria, mi appello a voi per dirvi di avere fede.
La storia non si ferma né con la repressione né con il crimine.
Questa è una tappa che sarà superata.
Questo è un momento duro e difficile: è possibile che ci schiaccino.
Ma il domani sarà del popolo, sarà dei lavoratori.
L'umanità avanza verso la conquista di una vita migliore.
Pagherò con la vita la difesa dei principi cari a questa Patria.
Coloro i quali non hanno rispettato i loro impegni saranno coperti di vergogna per essere venuti meno alla parola data, rotto la dottrina delle Forze Armate.
Il popolo deve stare in allerta e vigile.
Non deve lasciarsi provocare, né deve lasciarsi massacrare, ma deve anche difendere le proprie conquiste.
Deve difendere il diritto a costruire con il proprio sforzo una vita degna e migliore.

9.10
Sicuramente questa sarà l'ultima opportunità in cui posso rivolgermi a voi.
La Forza Aerea ha bombardato le antenne di Radio Magallanes.
Le mie parole non contengono amarezza bensì disinganno.
Che siano esse un castigo morale per coloro che hanno tradito il giuramento: soldati del Cile, comandanti in capo titolari, l'ammiraglio Merino, che si è autodesignato comandante dell'Armata, oltre al signor Mendoza, vile generale che solo ieri manifestava fedeltà e lealtà al Governo, e che si è anche autonominato Direttore Generale dei carabinieri.
Di fronte a questi fatti non mi resta che dire ai lavoratori: non rinuncerò!
Trovandomi in questa tappa della storia, pagherò con la vita la lealtà al popolo.
E vi dico con certezza che il seme affidato alla coscienza degna di migliaia di cileni, non potrà essere estirpato completamente.
Hanno la forza, potranno sottometterci, ma i processi sociali non si fermano né con il crimine né con la forza.
La storia è nostra e la fanno i popoli.
Lavoratori della mia Patria: voglio ringraziarvi per la lealtà che avete sempre avuto, per la fiducia che avete sempre riservato ad un uomo che fu solo interprete di un grande desiderio di giustizia, che giurò di rispettare la Costituzione e la legge, e cosi fece.
In questo momento conclusivo, l'ultimo in cui posso rivolgermi a voi, voglio che traiate insegnamento dalla lezione: il capitale straniero, l'imperialismo, uniti alla reazione, crearono il clima affinché le Forze Armate rompessero la tradizione, quella che gli insegnò il generale Schneider e riaffermò il comandante Ayala, vittime dello stesso settore sociale che oggi starà aspettando, con aiuto straniero, di riconquistare il potere per continuare a difendere i loro profitti e i loro privilegi.
Mi rivolgo a voi, soprattutto alla modesta donna della nostra terra, alla contadina che credette in noi, alla madre che seppe della nostra preoccupazione per i bambini.
Mi rivolgo ai professionisti della Patria, ai professionisti patrioti che continuarono a lavorare contro la sedizione auspicata dalle associazioni di professionisti, dalle associazioni classiste che difesero anche i vantaggi di una società capitalista.
Mi rivolgo alla gioventù, a quelli che cantarono e si abbandonarono all'allegria e allo spirito di lotta.
Mi rivolgo all'uomo del Cile, all'operaio, al contadino, all'intellettuale, a quelli che saranno perseguitati, perché nel nostro paese il fascismo ha fatto la sua comparsa già da qualche tempo; negli attentati terroristi, facendo saltare i ponti, tagliando le linee ferroviarie, distruggendo gli oleodotti e i gasdotti, nel silenzio di coloro che avevano l'obbligo di procedere.
Erano d'accordo.
La storia li giudicherà.
Sicuramente Radio Magallanes sarà zittita e il metallo tranquillo della mia voce non vi giungerà più.
Non importa.
Continuerete a sentirla.
Starò sempre insieme a voi.
Perlomeno il mio ricordo sarà quello di un uomo degno che fu leale con la Patria.
Il popolo deve difendersi ma non sacrificarsi.
Il popolo non deve farsi annientare né crivellare, ma non può nemmeno umiliarsi.
Lavoratori della mia Patria, ho fede nel Cile e nel suo destino.
Altri uomini supereranno questo momento grigio e amaro in cui il tradimento pretende di imporsi.
Sappiate che, più prima che poi, si apriranno di nuovo i grandi viali per i quali passerà l'uomo libero, per costruire una società migliore.
Viva il Cile! Viva il popolo! Viva i lavoratori!
Queste sono le mie ultime parole e sono certo che il mio sacrificio non sarà invano, sono certo che, almeno, sarà una lezione morale che castigherà la fellonia, la codardia e il tradimento.

Santiago del Cile, 11 settembre 1973

 
 
 

SABATO 6 SETTEMBRE DALLE ORE 15

Post n°38 pubblicato il 04 Settembre 2008 da jackflash77

IN PIAZZA CIMITERO MAGGIORE PRESIDIO
CONTRO L'APERTURA DI CUORE NERO...

...UNA E UNA SOLA LA RISPOSTA!

 
 
 

Riflessioni

Post n°37 pubblicato il 24 Luglio 2008 da jackflash77

immagine

Se è lo Stato a essere violento nella repressione di tutto quello che non è definito (dallo Stato stesso) conforme, come dobbiamo reagire? Sono state spese tante parole sul pacifismo e soprattutto sulla non-violenza che deve avere un movimento di massa popolare, ma chi definisce quale comportamento è da definirsi violento? Spaccare una vetrina è violenza? E manganellare a morte un ragazzo? Sparare a chi non è armato? Sono più importanti le cose (vetrine, auto e cassonetti) o le vite delle persone? Di seguito trovate un pezzo che mi ha fatto pensare...la soluzione che prende il protagonista della storia è sicuramente la più sensata (contestualizzata nel periodo storico in cui si svolge), ma ora (visto che le analogie sono tante) perchè non restare e RESISTERE? Perchè non opporsi a chi vuole uniformarci alla massa o, se non ci riesce, ridurci al silenzio? Quante vittime (Carlo, Dax, Aldro, Aldo...) dobbiamo piangere per reagire?

Con un altro nome

di Alessandra Daniele

Quel fottuto ometto grottesco e maligno! – La ragazza scaglia il giornale attraverso la stanza.
L’uomo seduto segue con lo sguardo la parabola discendente, poi commenta sarcastico
- Il paese è con lui…
- Stronzate!
- Ti ricordo che il mio omonimo è stato regolarmente eletto con un’ampia maggioranza
- Ha approfittato delle paure della gente, paure che aveva creato lui stesso, insieme alla sua banda di criminali! – dice la ragazza. L’uomo si appoggia allo schienale
- Ha fatto anche di meglio. Gli ha dato un capro espiatorio – dice cupo.
Lei scuote la testa – ma non può continuare così, tutto questo è troppo assurdo per durare…
L’uomo alza improvvisamente la voce – Da quanti anni lo dite? Per quanti lo direte ancora? – La ragazza trasale. La voce di lui torna cupa e sarcastica - Prima vi siete illusi che quel mostriciattolo fosse solo una moda, un fenomeno folkloristico. Poi, che fosse semplicemente il nuovo volto della solita vecchia minestra, corrotta e autoritaria ma sopportabile. Poi che fosse soltanto un’esplosione di barbarie sì, ma passeggera. Non avete ancora capito con che cosa abbiamo davvero a che fare? -
L’uomo si alza, spinge via la sedia.
Fino a quando continuerete a illudervi? Finché ogni opposizione sarà stata spazzata via dal paese come è stata spazzata via dal parlamento? In che cosa sperate? Che la brava gente delle fottute verdi lande che l’ha votato a valanga gli si rivolti contro per salvare gli zingari, o qualcun’altra di quelle che considera “razze inferiori”? – L’uomo fissa la ragazza - No, il suo popolo continuerà ad applaudirlo. Continuerà ad applaudirlo fino alla rovina. E agli altri penserà l’esercito..
– Cosa possiamo fare? – chiede la ragazza.
- Qui niente. – risponde l’uomo. Si avvicina al giornale e lo calcia via con disgusto, come la carogna di un topo morto. – Io me ne vado.
- Dove?
- Dovunque quelli come lui non siano ancora arrivati. Francia… no, meglio Inghilterra.
La ragazza sospira
- Per te è più facile, sai le lingue, hai già un nome…
- Il nome lo cambio.
- Ma è con questo che sei conosciuto!…
- Non importa. E’ come il suo. Lo cambio – ripete lui. La sua voce diventa dura e tagliente – Non intendo assolutamente venire associato a quel ripugnante pezzo di merda di Adolf Hitler.

Anton Walbrook (1896-1967) nato a Vienna col nome di Adolf Wohlbrück, lascia l’Austria nel 1936. La sua carriera di attore riprenderà in Inghilterra, con film di esplicita propaganda anti-nazista alternati a cult-movies come “The Murder on Thornton Square” (la prima e più gotica versione di “Gaslight”, 1940) e “Scarpette Rosse” (“The red shoes” 1948 ). Negli anni successivi diventerà l’interprete alter-ego di Max Ophüls, col quale girerà “La Ronde” (1950), e “Lola Montès” (1955). La sua ultima apparizione cinematografica sarà ne “L’affare Dreyfus” (“I accuse” 1958), film che attraverso la ricostruzione della celebre vicenda storica di fine ‘800, denuncia le persecuzioni maccartiste degli anni ‘50.

 
 
 

CRONACA DAL CPT DI VIA CORELLI

Post n°36 pubblicato il 15 Luglio 2008 da jackflash77

Diario Corelli - Luglio 2008

Giovedì 10 luglio: Oggi il passaggio della stradina che porta all’ingresso del Centro è sorvegliato, ma non più blindato. Per questo, nel pomeriggio, alcuni militanti del Comitato antirazzista si sono ritrovati all’ingresso del centro, durante l’orario di visita. I colloquio tra i detenuti e la nostra delegazione continua ad essere negato dalla prefettura, nonostante alcuni detenuti continuino a rifiutare il cibo della Croce rossa e rovesciarlo quando viene portato. Nella, rilasciata nel pomeriggio dopo due mesi di detenzione, ci fa il seguente racconto. “Nella mia sezione, quella dei trans, alcune di noi sono ancora in sciopero, io l’ho fatto un solo giorno, perché sono sieropositiva. Ieri hanno rilasciato una di noi e oggi toccava a me. Dopo di me, le altre, che sono entrate da poco, usciranno solo alla fine di agosto. Nella sezione delle donne, l’unica con cui noi riusciamo a entrare in contatto, alcune continuano a protestare, ma io non avevo molti rapporti con loro perché stavo sempre nella stanza. Non sto tanto bene, da quando sono qui ho delle macchie su tutto il corpo e per questo ho chiesto di essere portata dal medico dell’ospedale, per fare i miei soliti esami di controllo. Ma per molti giorni mi hanno dato solo una pomata, poi davanti a quelli della Croce rossa, il capitano, ho rovesciato tutti i miei vestiti e le altre cose che c’erano nella stanza e per questo, alla fine, mi hanno portata a fare il controllo. I controlli all’ospedale, per le sieropositive, non li fanno mai. C’era una ragazza che stava male da quando era entrata nel Centro e per 15 giorni è stata sempre male, anche con la febbre molto alta, anche lei era sieropositiva, ma l’hanno ricoverata solo quando la febbre è salita moltissimo, prima lei e noi chiedevamo che venisse portata all’ospedale ma non lo facevano. Poi non è più ritornata al Centro. Alcuni poliziotti ci insultano, soprattutto a noi, trans. Ti direi una bugia se ti dicessi che picchiano ogni giorno, ma ti direi una bugia anche se ti dicessi che non lo fanno mai. Dipende, se protesti un po’ e gli sei antipatica allora arrivano i manganelli. Ma gli insulti sempre. Un giorno uno di loro se la stava prendendo con una mia amica, ma io lo conoscevo e gliel’ho detto, “tu sei quello di via…., con quella macchina grigia, non ti ricordi di me? invece ti dovresti ricordare bene”, così lui se ne è andato, per la vergogna. Quando voi avete fatto quel rumore fuori (sabato pomeriggio) hanno picchiato una ragazza nella sezione delle donne. Poi qualcuno è stato male anche quando eravate qui fuori lunedì e ci chiamavate. Per lo sciopero, era disteso, svenuto, e sono arrivati i medici. Alla fine hanno chiamato l’ambulanza ma l’hanno fatta uscire dall’altra parte (il Centro ha due uscite, una delle quali irraggiungibile), perché da questo lato c’eravate voi. Poi, la notte, quando abbiamo visto che c’erano delle persone fuori e che c’era fumo siamo uscite tutte, ma anche nelle altre sezioni, e gridavamo. I poliziotti si sono preparati per entrare con tutte quelle cose che si mettono, gli scudi, non so come si dica. Nella sezione degli uomini oggi hanno buttato via il cibo della Croce rossa e sono entrati i poliziotti, ma non so che cosa sia successo perché si sentivano solo i rumori”.

Venerdì 11 luglio: Verso le 00.40 arriva una telefonata dal CPT. A seguito di un diverbio con un poliziotto, un detenuto transessuale viene portato via. Sembra che la discussione fosse nata dal fatto che non gli venissero somministrati dei farmaci, problema più volte emerso in Corelli. Dopo poco viene riportato indietro conciato proprio male, perde sangue dalla bocca e ha un seno aperto con fuoriuscite di materiale. Sale la rabbia. Chiede un'ambulanza, vuole essere portato in ospedale ma non gli viene concesso, probabilmente a causa delle visibili condizioni in cui è stato ridotto. Alle 2.00 un piccolo presidio di compagni si è formato a metà dello stradello che porta alla sbarra d'ingresso del CPT. Di fronte all'ingresso un cordone di polizia. Chiediamo di parlare con un responsabile, sappiamo quello che é accaduto e che sta accadendo, dov'é l'ambulanza? All'interno intanto sono tutti usciti nei cortili. Prima uno e poi un altro ci dicono che il detenuto si è rifiutato di salire sull'ambulanza e che preferisce farsi medicare nell'infermeria posta all'interno della struttura. Invece, ha soltanto avuto timore di andare da solo dopo quello che era successo e ha chiesto di poter essere accompagnato da un'amica anch'essa detenuta. Alle 2.30 esce un'ambulanza scortata da due macchine della polizia. Ci vogliono far credere che finalmente lo stanno portando all'ospedale ma da dentro ci dicono che è ancora lì, nell'ambulanza non c'é nessuno. Ogni tanto, in un tratto della tangenziale est dal quale si vedono i cortili interni, qualche compagno accende dei fumogeni e fa sentire la nostra presenza solidale.Un dirigente della polizia esce per conferire con noi ma prontamente viene richiamato indietro proprio mentre ci stava raccontando la sua versione dei fatti, del litigio fra due "ospiti", come amano chiamarli loro, sedato dal solerte intervento della polizia all'interno, che uno ha picchiato un altro ma che ora è tutto a posto e che quindi possiamo andarcene. Ma non fa in tempo a finire che molto fumo si alza sopra il CPT. Hanno cominciato a dare fuoco ai materassi. Da dentro ci dicono che stanno bruciando tutto. Alle 3.00 entrano, da un'altra strada, svariati mezzi della polizia. Dove siamo noi è un via vai continuo di polizia, carabinieri, digos. Poco dopo entrano anche due camion dei pompieri. Verso le 3.30 entra una nuova ambulanza che riesce dal secondo ingresso. Sembra che questa volta l'abbiano caricato per portarlo all'ospedale ma non ci sono conferme perché nell'ultimo contatto avvenuto ci aveva detto che stavano separando le donne e i trans dagli uomini e che un dirigente della polizia gli avrebbe comunicato il suo arresto ed avrebbe aggiunto, con quel modo paternalistico con cui dicono "ospiti", di non fidarsi di quelli la fuori che li usano soltanto per fare politica...
Non facciamo cadere nel silenzio la dignità e il coraggio dimostrati in questa ennesima notte bianca milanese.

Nel pomeriggio, due detenute trans vengono chiamate dalla polizia che comunica loro che saranno liberate. Erano state portate a Corelli il 20 giugno, quindi la loro liberazione non dipendeva dalla scadenza della durata della detenzione ma dal fatto che erano tra quelle che più avevano protestato per l’episodio accaduto durante la notte. Loro rifiutano di uscire, perché, insieme alle altre e agli altri, rivendicano la libertà di tutti. “Nessuno esce, sinché non escono tutti”, fanno sapere le detenute e i detenuti alla Croce rossa e alle forze dell’ordine. Dapprima la polizia reagisce dicendo che per loro potevano anche rimanere dentro, poi, accorgendosi che si tratterebbe di un sequestro di persona chiamano una compagna del comitato affinché interceda, cosa che ovviamente non viene fatta. Le detenute, comunque, alla fine decidono di uscire per testimoniare all’esterno quello che sta succedendo dentro la macchina Corelli in questi giorni.

Questo il racconto di una di loro: “Ieri sera, verso le 23, un gruppo di noi trans è andato all’infermeria per prendere la terapia. Alla ragazza che poi hanno picchiato l’hanno data per prima, ma c’erano due poliziotti. Uno di loro forse era drogato, perché era molto incazzato, troppo, e mentre la mia amica parlava al cellulare le ha detto “qui è vietato parlare al cellulare”. Invece, noi avevamo chiesto più volte alla Croce rossa se si potesse usare il cellulare quando ci facevano andare in infermeria per le medicine e la Croce rossa aveva stabilito che non era vietato. Lei ha risposto: “ma sto parlando con la mia fidanzata”. Mentre altre stavano uscendo, lei ha aperto la finestra e il poliziotto l’ha spinta e le ha dato un calcio. Poi le ha imposto di sedersi, ma lei ha rifiutato. Allora lui ha reagito in malo modo e le ha detto: “siediti negro schifoso che il tuo colore mi fa schifo” e le ha sputato in faccia. A quel punto anche lei ha sputato. Questo è successo tra le 23 e le 23.30. L’ispettore ha chiamato altri poliziotti della sicurezza e sei poliziotti l’hanno presa e trascinata in una stanza, mentre la Croce rossa assisteva a tutto senza far nulla. I sei l’hanno picchiata, in testa, sulle braccia, sulle gambe. L’hanno picchiata per dieci minuti. Poi sono usciti dalla stanza e hanno lasciato la porta aperta. Io sono entrata e l’ho trovata su un letto con la bocca sanguinante. Ho chiamato quelli della Croce rossa, che mi hanno detto che non aveva nulla e che era colpa sua perché aveva reagito contro un poliziotto. L’hanno portata nella sezione. Lì ci siamo riunite tutte quante e quando quelli della Croce rossa sono venuti a prenderla abbiamo detto loro che noi l’avremmo lasciata uscire solo quando sarebbe arrivata l’ambulanza. Non ci fidavamo più, l’avevano già presa una volta per picchiarla e non volevamo che rimanesse da sola con loro, nella parte del Centro oltre la porta blindata che chiude le sezioni e dove noi non possiamo sapere quello che succede. L’ispettore, dal quale sono andata per parlare, mi ha detto che lei era caduta dal letto e che nessuno aveva visto niente. Insomma, ci stavano prendendo in giro. Abbiamo aspettato l’ambulanza, che non arrivava, mentre lei continuava a sanguinare e poi c’era il problema del silicone che si stava gonfiando. Allora noi, nella nostra sezione, ma anche nella sezione delle donne e in una degli uomini abbiamo dato fuoco alle lenzuola e quando sono arrivati i poliziotti e l’ispettore per chiedere chi aveva messo il fuoco abbiamo risposto come prima ci avevano risposto loro: “nessuno, è caduta una sigaretta”. Le sezioni bruciavano, anche quella delle donne, accanto alla nostra. Alla fine è arrivato un altro ispettore, con il quale si poteva parlare, perché gli altri sono proprio maleducati, arroganti. E mentre io parlavo con lui per protestare per tutto quello che era successo lui ha ammesso che il poliziotto che prima ha insultato e poi picchiato insieme ad altri la mia amica era nervoso. Quindi, in pratica ha ammesso la responsabilità degli altri. Alla fine, alle 3.30 è arrivata l’ambulanza e l’ha portata all’ospedale. Ma all’ospedale le hanno fatto solo le radiografie richieste dalla Croce rossa al centro, quindi solo quelle delle braccia. Mentre a lei facevano malissimo le gambe, dove l’avevano picchiata di più e perché il silicone si era gonfiato per i colpi. Le hanno fatto un’iniezione, l’hanno tenuta sino alle 5. Le hanno detto che non potevano farle altre radiografie, perché non erano state richieste dalla Croce rossa. Un medico le ha detto che, però, nella parte in cui era stata picchiata di più il silicone si era gonfiato e che si era fermato il sangue. Poi verso le 5.30 le 6 del mattino l’hanno riportata al Centro, nella nostra sezione. A lei, però, facevano davvero molto male le gambe, che erano tutte gonfie e così l’hanno riportata un’altra volta in infermeria. Io sono stata chiamata dallo stesso ispettore con cui avevo parlato durante la notte, che voleva sapere bene chi fosse lei e il suo numero di cellulare. Di nuovo si è scusato per quello che era successo, e per il fatto che i suoi colleghi ieri erano troppo nervosi. Poi mi ha detto “mi hai fatto un casino della madonna sui giornali”, perché i giornalisti questa mattina mi hanno chiamata e io ho raccontato tutto. Ma l’ispettore voleva anche sapere chi stava intorno a noi, fuori, chi avesse dato il mio numero ai giornalisti. Io però ho detto che non sono un’infame, non gli ho dato il numero della mia amica e ho smesso di parlare con lui. Così, a un certo punto, nel pomeriggio mi hanno portato un foglio, a me e a un’altra e ci hanno detto dovete andare via (io ero a Corelli dal 20 giugno e anche lei, quindi non ci scadevano i termini oggi). Tre giorni fa era venuto il console del Brasile per le identificazioni, ma non ha identificato nessuno. Noi due, però, abbiamo detto “noi non usciamo se non escono anche tutti gli altri”. (Per questo poi il responsabile dell’ufficio immigrazione ha contattato la compagna del Comitato, perché non sapevano più che cosa fare). Ma alla fine abbiamo deciso di uscire per potervi incontrare, perché sapevamo che anche questo pomeriggio eravate lì fuori, e per far sapere quello che è successo. Dentro, gli altri sono molto incazzati. Soprattutto nella nostra sezione, quella dei trans. Ma anche in quella degli uomini protestano e buttano via il cibo della Croce rossa. Noi però eravamo vicino alla sezione delle donne e così decidevamo anche con loro che cosa fare. Con gli uomini riuscivamo a parlarci solo al telefono. Però questa notte abbiamo visto il fumo anche nelle loro camerate. I fumogeni sull’autostrada io non li ho visti, perché non sono uscita in cortile come le altre perché volevo stare con la mia amica e andare con lei sull’ambulanza, perché io parlo l’italiano e così potevo denunciare, mentre lei non lo parla. Volevo farle da mediatrice culturale. Quando però l’ambulanza è arrivata non mi hanno permesso di salire”.

 
 
 

CRONACA DAL CPT DI VIA CORELLI

Post n°35 pubblicato il 15 Luglio 2008 da jackflash77

Diario Corelli - Luglio 2008

Sabato 5 luglio: in mattinata, i detenuti di Corelli fanno sapere, telefonando a un compagno del Comitato antirazzista, che hanno proclamato lo sciopero della fame in tutte le sezioni del Centro di detenzione. Chiedono la loro libertà e denunciano le condizioni della loro detenzione. Chiedono inoltre che si diffonda la notizia attraverso i mass-media. Da fuori, noi del comitato telefoniamo ad alcune radio e giornali che cominciano a diffondere la notizia anche con alcune interviste telefoniche dentro al centro. Nel pomeriggio, mentre ci prepariamo per un presidio davanti al centro, veniamo a sapere dai detenuti che la prefettura di Milano ha chiesto di incontrare una loro delegazione. Nell’incontro, la delegazione ribadirà la richiesta della libertà e la volontà di continuare lo sciopero della fame, per questo il colloquio sarà brevissimo.
In serata, alcune decine di militanti antirazzisti, si presentano davanti all’ingresso del Cpt per un presidio di solidarietà e sostegno alla protesta. Slogan, rumorose battiture con le pietre sul guard rail e uno striscione "chiudiamo i CPT, libertà per tutti" appeso sul cavalcavia della tangenziale, hanno caratterizzato l'iniziativa. Dai numerosi scambi telefonici con l'interno è emerso che la polizia, in tenuta antisommossa, era entrata nei corridoi delle sezioni con chiaro intento intimidatorio, e che una ragazza egiziana che protestava è stata malmenata. Veniamo a sapere da alcuni avvocati e anche da alcune testimonianze dal Centro che svariati sono i casi di immigrati detenuti nonostante la non convalida del trattenimento, che alcuni sono in possesso di permesso di soggiorno in altri paesi d'Europa, e, soprattutto, che molti sono i lavoratori in nero prelevati direttamente sul posto di lavoro. Ma i detenuti denunciano anche le condizioni della detenzione: cibo scarso e scadente, condizioni igieniche pessime, continue intimidazioni e maltrattamenti da parte della polizia, nessuna attenzione per le cure mediche (ai malati di AIDS non vengono somministrati i farmaci appropriati), continue espulsioni addirittura in paesi diversi da quelli di provenienza. Mentre è in corso l’iniziativa, i detenuti chiedono un incontro con una delegazione dei presenti al presidio, negata al momento dalla prefettura, e rinviata a lunedì.

Domenica 6 luglio: Sempre in mattinata cominciano le prime telefonate per avvisarci che lo sciopero continua. Nel corso del pomeriggio, la situazione dentro al centro si fa più surriscaldata: un detenuto in sciopero della fame sviene e viene portato in infermeria, mentre nella sua sezione comincia una forte protesta che diventa più intensa quando la Croce rossa, gestore del centro, si rifiuta di chiamare l’ambulanza per ricoverarlo all’ospedale. Noi, da fuori, improvvisiamo un altro presidio e verso le 20.30, due ore dopo le prime chiamate che ci avvisavano dell’episodio, vediamo arrivare l’ambulanza che riparte verso l’ospedale scortata da alcune macchine della polizia.

Lunedì 7 luglio: Al mattino i detenuti chiamano per aggiornarci sulla situazione.
Lo sciopero della fame, dopo tre giorni, continua in tutte le sezioni, nonostante i tentativi intimidatori di Polizia e Croce Rossa, e le pessime condizioni sanitarie di molti detenuti (in particolare i "trans" a cui vengono negati i farmaci retro-virali).
Durante la giornata diverse persone sono svenute senza ricevere nessun tipo di soccorso.
Dall'interno giungono telefonate allarmate per la situazione con forte richiesta di divulgare la notizia e ricevere una delegazione del comitato.
Al centro di detenzione arrivano nuovi detenuti (tra cui una donna tunisina, pesantemente picchiata in Questura, e privata poi di ogni cura medica).
Alle 19, una cinquantina di militanti antirazzisti partecipano al presidio convocato dal Comitato antirazzista, ma si ritrovano davanti un pesante cordone dei Carabinieri e non riescono quindi a raggiungere il Cpt.
All’interno aspettano l’evolversi degli avvenimenti, continuando a denunciare quanto sta accadendo e rendendo pubbliche le loro rivendicazioni. La prefettura, nel frattempo, nega alla delegazione del Comitato l’accesso al centro e l’incontro con i detenuti. In contemporanea con il presidio a Milano, si sono svolti i presidi al centro di detenzione di Corso Brunelleschi, a Torino, e davanti al centro di Bologna.

Martedì 8 luglio: Quarto giorno di sciopero della fame. Il centro di detenzione rimane blindato per l’intera giornata. La stradina che porta all’ingresso del centro è bloccata, sino a notte inoltrata, da un cordone di camionette dei carabinieri, macchine della polizia, funzionari della digos. Nessuna possibilità di avvicinarsi al Centro da parte dei militanti del comitato. Continuano, invece, i contatti telefonici con i detenuti delle varie sezioni, sempre in sciopero della fame. I detenuti ribadiscono la loro volontà di proseguire la lotta e chiedono con insistenza un incontro con una delegazione del Comitato antirazzista, che la Prefettura continua a negare. Vengono, invece, portati in Questura, per un’ennesima identificazione e intimidazione i detenuti che hanno avuto contatti con i mezzi di comunicazione. Alcuni di essi, nel corso della giornata, vengono trasferiti in altri centri di detenzione italiani. Nonostante i malori che si sono susseguiti durante tutta la giornata, la Croce rossa non ha chiamato alcuna ambulanza e non ha proceduto ad alcun ricovero all’ospedale.
In tarda serata i detenuti, in concomitanza con un segnale di saluto del comitato, forzatamente da lontano, ma comunque rumoroso e visibile, escono tutti contemporaneamente nei cortili delle varie sezioni per rivendicare la loro libertà.

Mercoledì 9 luglio: La macchina Corelli è in funzione per far ritornare la “normalità” all’interno del Centro. Dalle telefonate ai detenuti, nel pomeriggio, apprendiamo che alcuni di loro, tra i più determinati nel proseguire la protesta e farla conoscere all’esterno, sono stati espulsi. Continua, comunque, l’agitazione nelle varie sezioni.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: jackflash77
Data di creazione: 20/02/2008
 

immagine

 

immagine

 

immagine

 

IL POPOLO È UN BAMBINO

immagine

Il popolo e' un bambino. Fa tante domande e tu non gli puoi dire la verità sennò quello ti mette in difficoltà. Per esempio io c'ho un figlio si chiama Robertino Casoria, è il peggiore della classe. Mi ha detto "papà cosa sono i terroristi?" Io gli ho dovuto dire la verità, gli ho fatto:
"ti ricordi quando eri bambino e a Natale ti ho detto che sarebbe arrivato Babbo Natale?
Tu eri un bambino intelligente e non ci hai creduto. Ma poi la notte io sono andato a mettere i regali sotto l'albero e la mattina appresso quando li hai visti hai subito cominciato a credere che li aveva portati Babbo Natale. Hai pensato che se c'è il regalo significava che c'è anche il barbone che lo porta con la slitta e le renne.
E invece ero sempre io.
E i terroristi sono la stessa cosa.
Qualcuno dice che ci sono i terroristi e tu non ci credi. Poi scoppia 'na bomba, crollano un paio di grattacieli e tutti pensano che se c'è l'attentato significa che ci stanno anche i terroristi che l'hanno fatto....ma è tutta una bugia, è sempre papà che zitto zitto di notte fa scoppiare la bomba e poi dà la colpa ai terroristi"

...

Il popolo è come un bambino.
Se gli metti paura ti ubbidisce subito.

Ascanio Celestini

 

immagine

Dicono che non puoi fumare erba, dicono che è illegale, che ti rende ribelle.... ribelle contro chi?

 

SONO STATO QUI PRIMA E TORNERÒ QUI DI NUOVO.

immagine

 

ULTIME VISITE AL BLOG

ElioDiDomenicoamos.texmax_6_66danteperrialbertogranadoivan.berreluboposudpubblicitacarminerocca58nijko0opp.fazChiara.7Carlo.Cartaanip_1979katangadgl1
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

"Sei andato a scuola? Sai contare?"
"Come contare?"
"Come contare? 1, 2, 3, 4, sai contare?"
"Sì, so contare"
"Sai camminare?"
"So camminare"
"E contare e camminare insieme lo sai fare?"
"Sì! Penso di sì!"
"Allora forza! Conta e cammina! Dai...1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8..."
"Dove stiamo andando?"
"Forza! Conta e cammina! 9...90, 91, 92, 93, 94, 95, 96, 97, 98, 99 e 100! Lo sai chi ci abita qua? A? U zù Tanu ci abita qua!"
"Cento passi ci sono da casa nostra,cento passi!"

E’ nato nella terra dei vespri e degli aranci, tra Cinisi e Palermo parlava alla sua radio. Negli occhi si leggeva la voglia di cambiare, la voglia di Giustizia che lo portò a lottare. Aveva un cognome ingombrante e rispettato, di certo in quell'ambiente da lui poco onorato. Si sa dove si nasce, ma non come si muore e non se un'ideale ti porterà dolore. "Ma la tua vita adesso puoi cambiare, solo se sei disposto a camminare, gridando forte senza aver paura contando cento passi lungo la tua strada".
Allora…1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi! …1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi! …1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi! …1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi!

"Noi ci dobbiamo ribellare"

 

Poteva come tanti scegliere e partire, invece lui decise di restare. Gli amici, la politica, la lotta del partito…alle elezioni si era candidato. Diceva da vicino li avrebbe controllati, ma poi non ebbe tempo perché venne ammazzato. Il nome di suo padre nella notte non è servito, gli amici disperati non l'hanno più trovato. "Allora dimmi se tu sai contare, dimmi se sai anche camminare, contare, camminare insieme a cantare la storia di Peppino e degli amici siciliani"
Allora…1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi! …1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi! …1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi! …1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi!

Era la notte buia dello Stato Italiano, quella del nove maggio settantotto. La notte di via Caetani, del corpo di Aldo Moro, l'alba dei funerali di uno stato. "Allora dimmi se tu sai contare, dimmi se sai anche camminare, contare, camminare insieme a cantare la storia di Peppino e degli amici siciliani".
Allora…1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi! …1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi! ...1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi! …1, 2, 3, 4, 5, 10, 100 passi!

"E' solo un mafioso, uno dei tanti"
"E' nostro padre"
"Mio padre! La mia famiglia! Il mio paese! Io voglio fottermene! Io voglio scrivere che la mafia è una montagna di merda! Io voglio urlare!”

I Cento Passi - Modena City Ramblers

 
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom