Creato da la_fenice00 il 02/12/2013

LA FENICE

post fata resurgo

 

 

« ... la vedi la cameriera...... queste persone, ognu... »

... vivi sempre nel momento, cogli il giorno e tanto amore, cogli i fiori di lillÓ

Post n°13 pubblicato il 04 Agosto 2014 da la_fenice00

 

Tengo la televisione accesa anche se non la guardo. Spesso faccio altro, scrivo, navigo in rete, leggo. Ogni tanto sollevo lo sguardo verso lo schermo, seguo per un momento la trasmissione, poi torno a occuparmi delle mie faccende. È una compagnia, un dolce sottofondo che mi aiuta anche a dormire.

Qualche tempo fa, non ricordo il canale e nemmeno se fosse un film o altro, ebbi modo di sentire questo dialogo, due semplici battute scambiate tra una donna e un uomo:

  “Perché ci hai messo tanto?”
“Non trovavo la strada”

Restai folgorato, tanto che le trascrissi subito sul notes per non dimenticarle. C’era dentro una storia, anche se ancora non riuscivo a vederla e in più mi suggeriva l’idea del viaggio. C’era qualcuno che aspettava e qualcuno che era arrivato in ritardo perché si era perso. Mi piaceva. Tutti abbiamo qualcuno che ci aspetta, qui o altrove, e tutti abbiamo una meta nella nostra vita e può capitare di perdere l’orientamento.
 

Più recentemente mi sono imbattuto in una canzone di Alberto Fortis del 1979, “La sedia di lillà”. Bella e triste ha fatto subito breccia nel mio cuore perché tocca alcuni argomenti che ho vissuto personalmente. Ognuno ci può vedere quello che vuole, darle il senso che preferisce, io le ho dato il mio e l’ho subito associata a quelle due battute sentite in TV tempo fa. Qual è il nesso? Eeh… quello che preferite, naturalmente.

Buona vita, e alla prossima chi vuole.


 La sedia di lillà

 Stava immobile nel letto, con le gambe inesistenti
e una piaga sulla bocca, che seccava il suo sorriso
mi parlava rassegnato, con la lingua di chi spera
di chi sa che è prenotato sulla sedia di lillà
Ogni volta che rideva, si stracciavano le labbra
e il sapore che ne usciva era di stagione amara
le sue rughe di cemento lo solcavano di rosso
prontamente diluito da una goccia molto chiara
"Penso troppo al mio futuro" mi diceva delirando
"penso troppo al mio futuro, penso troppo e vivo male,
penso che fra più di un anno cambieranno i miei progetti
penso che fra più di un anno avrò nuove verità,
tu non farmi questo errore vivi sempre nel momento,
cogli il giorno e tanto amore, cogli i fiori di lillà"
"Quanti amici hanno tradito" continuava innervosito
"quanti amici hanno tradito per la causa dell'Amore"
Sono andato a casa sua, sono andato con i fiori
mi hanno detto che era uscito, che era andato a passeggiare
ma vedevo un'ombra appesa, la vedevo dondolare
l'ombra non voleva stare sulla sedia di lillà


La sedia di lillà - Alberto Fortis

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Benvenuti nel mio blog.

Quello che scrivo prende spunto da quello che vedo e sento intorno a me, dalla vita e dalle occasioni che essa ci offre. Alcune sensazioni girano un pò per la testa e svaniscono, altre si concretizzano, prendono corpo e diventano storie.

Il mio motto è post fata resurgo, perchè sono morto e risorto dalle mie ceneri e anche questa è una delle mie storie, una delle tante.

Potete fermarvi a leggere, se vi piace, oppure passare oltre. Non mi sentirò offeso e non verrò a bussarvi a casa per rendermene conto. Sentitevi liberi di scegliere, io sarò sempre qua ad aspettarvi perchè... io sono la Fenice.

I testi sono miei, tutto il resto viene dalla rete. Prima di mandarmi i carabinieri a casa per violazione del copyright, avvisatemi e rimuoverò il materiale.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

la_fenice00pinnamariafranc.m1piinurobywan2ambrosiadossi88totors90carolinaballadapetrovickaminimi14lubopoAvril1967sensibilealcuorebellicapellidgl3antropoetico
 

ULTIMI COMMENTI

molto bello questo articolo. mi Ŕ piaciuto. Ciao da...
Inviato da: ambrosiadossi88
il 25/08/2016 alle 11:41
 
Incredibile.. Rimango basito anche dopo che me lo avevi...
Inviato da: Manuel
il 18/04/2014 alle 00:00
 
Ma che ne sai? Magari chattavano su Whatsapp nel loro...
Inviato da: Clotilde
il 22/02/2014 alle 23:26
 
carissimo sapevo che col tempo quella poesia che non so...
Inviato da: MARINA PROSERPIO
il 30/12/2013 alle 20:27
 
Condiviso in tutto
Inviato da: slatter
il 19/12/2013 alle 13:25
 
 
 

CHI PUĎ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

AREA PERSONALE