Post N° 51

Post n°51 pubblicato il 27 Dicembre 2007 da ladycosette

Quella mattina Lei era felice. Si alzò come sempre pochi istanti prima di me per andare in cucina a preparare il latte caldo. Aspettai il gorgoglio della caffettiera prima di buttarmi giù dal letto. A metà strada, nel corridoio, ci si veniva già in contro, lei con la tazza io con la voglia di fermare il tempo a quell'istante infinito. Mi guardò, in silenzio, allungando le mani verso me perchè bevessi. E così fu, in piedi, lì. Non c'era tempo di aspettare, avevamo tutto il programma scandito e lei me lo avrebbe fatto rispettare.

Poi entrai in bagno, l'acqua calda nella vasca, i capelli da lavare, la schiena...prepararsi. Mi sentii togliere la spugna dalle mani e la sua voce mi disse:      - Dai che la schiena te la lavo io come quando eri piccola -
La lasciai fare, paga di quelle coccole che ora mancano tanto. Io e lei come sempre, così uguali eppure esseri differenti. Tutto quello che sono e quello che so viene da lei. Nonna era fantastica. Una donna di quelle che solo il passato può consegnare a noi come mito da emulare. Forte del suo essere donna. Matriarca indiscussa. Ed io per tutti la sua erede, scelta tra tutti, per meriti e onori conseguiti sul campo di battaglia. Non l'avremmo mai più immaginato ma quella mattina lei stava passando lo scettro dalle sue alle mie mani. Quella mattina fu la mattina dell'incoronazione: ero pronta. Così lei voleva, così aveva previsto.

Quel giorno passò senza che noi due smettessimo di guardarci negli occhi fiere, unite, sospiranti lo stesso sospiro, ridendo dello stesso riso, parlando con le medesime mute parole.

Dopo quella ci fu una tremenda e lunghissima mattina in cui feci a velocità folle tutti i chilometri che ci separavano in un tempo inumano. Avevo giurato che non l'avrei lasciata morire sola e così fu. Arrivai da lei che, come percepì la mia presenza, si staccò con un ultimo gesto folle la mascherina del respiratore. Era come se mi dicesse:   -Ora sono pronta a morire-

Per i tre interminabili giorni che seguirono non mi mossi dal suo fianco. Imploravo silente infermiere e medici per non mandarmi fuori dalla camera. Stavo lì, giorno e notte ora dopo ora, senza dormire, a tenerle la mano, medicarle la bocca, darle un po' di sollievo bagnandole le labbra. La coprivo, cercavo di scaldarla, le parlavo e continuai a farlo baciandole la fronte, le mani, passandomi le sue mani sul viso chiedendo implorando una sua carezza. Inutilmente, piano piano, la giravo nel letto per farle cambiare posizione e per avvicinala, per meglio abbracciarla. La notte nascondevo il viso nell'incavo tra la sua spalla e il collo. La baciavo, respiravo il suo odore e stavo lì, come quando ero piccola, quando mi teneva stretta e pelle contro pelle ci scambiavamo la vita la forza l'esperienza.

Spirò così, tra le mie braccia.

Ricordo ancora come un mare di dolore quella corsa giù per le scale, quel grido in mezzo alla via, quel battere al portone della chiesa e finalmente farmi aprire, scaraventare a terra il parroco e avicinarmi all'altare sfidando Dio! Tu me l'hai presa. Tu me l'hai rubata. TU ADESSO ME LA RIDAI O VENGO SU E TI SPACCO LA FACCIA!

Basito il sacerdote gridava all'eresia: -Si fermi...si fermi...lei non sa quello che dice!- Io ferma in piedi, ritta, col pugno teso, sfidavo Dio in persona senza timore senza vergogna! L'avrei abbattuto se la coscienza non mi avesse fermata. Spaccai una sedia. Me ne andai.

Ora faccio i conti col tempo che è passato. Faccio i conti con la sua assenza. Faccio i conti con il mio dolore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 50

Post n°50 pubblicato il 22 Dicembre 2007 da ladycosette

Per una notte ancora
un respiro
in silenzio
raffinato.
Gusterò un'assenza divina
e le preghiere forse rimarranno tra tramonto e alba

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 49

Post n°49 pubblicato il 20 Dicembre 2007 da ladycosette

Mi chiedo come sono queste lacrime che si piangono per me. Vorrei tanto credere che non siano acqua denaturata!! Eppure....mi fan sentire in colpa. Mi fan sentire ingrata. Mi fanno sentire quello che con tutte le mie forze vorrei non essere.

Eppure non mi vengono risparmiate, non a me che invece faccio di tutto per risparmiare le mie agli altri! Io, che nascondo il mio dolore meglio che posso, io che aspetto la notte, io che pochissimi hanno sentito o visto piangere (ne conto sule dita di una mano e nemmeno le finisco!), io sono invece schiacciata dal dolore altrui di cui son causa E NON SO COME FRONTEGGIARLO. Non lo controllo e finisce che per paura e inadeguatezza fuggo quando forse dovrei restare ed in silenzio accoglierlo!

Sto sbagliando a guardare chi ho di fronte? Sto sbagliando a leggerne le lacrime?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 48

Post n°48 pubblicato il 15 Dicembre 2007 da ladycosette
Foto di ladycosette

Io mi nascosi in te poi ti ho nascosto,
da tutto e tutti per non farmi più trovare...
e adesso che torniamo ognuno al proprio posto
liberi finalmente e non saper che fare...

Non ti lascia un motivo, né una colpa,
ti ho fatto male per non farlo alla tua vita....
tu eri in piedi contro il cielo ed io così
, dolente mi levai "imputato alzatevi"...

Chi ci sarà dopo di te,
respirerà il tuo odore,
pensando che sia il mio....io e te..
che facemmo invidia al mondo

avremmo vinto mai,
contro miliardi di persone...
e una storia va a ....
sapessi andarci io...

Ci separammo un po' come ci unimmo,
senza far niente e niente poi c'era da fare,
se non che farlo lentamente noi fuggimmo
lontano dove non ci si può più pensare...

Finimmo prima che lui ci finisse,
perché quel nostro amore non non avesse fine,
volevo averti e solo allora mi riuscì...
quando mi accorsi che ero lì per perderti ...

Chi mi vorrà dopo di te..
si prenderà il tuo armadio,
e quel disordine...che tu,
hai lasciato nei miei fogli andando via così,
come la nostra prima...scena...

solo che andavamo via di schiena incontro a chi...
insegneremo quello che...noi due imparammo insieme,
e non capire mai...cos'è...se c'è stato per davvero...
quell'attimo di eterno che non c'è...

Mille giorni di te e di me....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 47

Post n°47 pubblicato il 14 Dicembre 2007 da ladycosette
Foto di ladycosette

A come amore,
come sogno e dolore
come fiore
appassito sotto il sole
A come amanti
nascosti, fuggiti
A come briganti.

Acome attesa,
come acqua di fonte,
come fresca sorpresa
A come l'ultima rata sospesa.

Acome assenza,
come cuore
con tutto il suo sapore
A come eterno
come vita
A come tamonto.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

CHI PASSA DI QUI

SI FERMI

ED ANCHE SE NON VUOL ASCOLTARE

ALMENO ACCETTI UN SORRISO

 

Ultime visite al Blog

zoia.brunoladycosette0angelicaciurarulisetta1958m.wishLallaBeKim74xEdna_Millaymadis3ascored
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom