Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Non c'è peggior sordo d...Per rinfrescare la memoria »

Tutti i figli di Caino

Post n°578 pubblicato il 01 Febbraio 2008 da vocedimegaride
 

di Marina Salvadore

Se lo Stato è per definizione l’organizzazione sovrana di un popolo che vive stabilmente su di un territorio, affermare che siamo nauseati rispetto all’organizzazione sovrana di certi partiti e certa magistratura che come vampiri monopolizzano stabilmente il territorio e le risorse dopo averne detronizzato il popolo sovrano, è poco. E’ uno strano Paese, il nostro, nato sul trauma di un’Unità fatta male che ha incollato coriandoli di territorio e di dissimili piccoli popoli sovrani. A testimoniarlo, l’enorme quantità di forze di polizia per uno staterello così piccino! Circa centocinquant’anni di precario equilibrio, di menzogne, di voracità ci hanno reso ciò che siamo: uno Stato unico al mondo! Unico, per ipocrisia, per furbizia, per avidità. Per pavidità! Agli eroi e martiri si sono sostituiti arraffoni e pusillanimi, ai condottieri e statisti, delinquenti incalliti e segretari di partito, ai partigiani i banditi, al Diritto il… Rovescio. I peggiori criminali, cari alle cronache giudiziarie, secondo dittature subliminali imposte dalla sempre carica arma mediatica, s’intrecciano falsamente agli eroi romantici dell’abusato risorgimento ed agli dei e miti dell’era classica. I coniugi assassini di Erba riproposti all’infinito sullo schermo, avvolti in un’aura greve d’amor platonico, mano nella mano, volgarmente ridanciani, come una struggente coppietta impressa sulla scatola dei Baci Perugina di San Valentino, evirata persino – non si capisce per quale fine – della sua follia patologica, addirittura del suo atroce e inenarrabile crimine, per il quale l’arte dello spettacolo all’italiana richiederebbe persino venia, oltrechè il caritatevole oblio, quasi giustificandolo perché noi si possa alfine comprenderlo e accettarlo, l’atroce crimine, secondo dettato dell’art.1 di una Costituzione virtuale che recita all’infinito “volemose bene” e “tirammo ‘a campa’”… in piena vittoria, infine, dell’assegnazione di personalità a chi, per gli effetti del triste fenomeno dell’anomia sociale ha commesso l’orrendo reato. Tutta questa sdolcinata spicciola sociologia fa da coreografia a mille morbosi processi intesi più come rappresentazioni di avanspettacolo e rivista, con delinquenti, avvocati e magistrati tutte star del varietà, che riempiono le aule dei Tribunali più dei Teatri. Eppoi, c’è lo schifo supremo delle povere comparse, le vittime che invocano giustizia, condannate a soffrire in eterno, ad ogni rappresentazione… e il cartellone dei Tribunali, si sa, è solitamente quello di un Teatro Stabile, dove le repliche durano anni, fino a distruggere per consunzione le vittime, sacrificandole al successo del gossip dei protagonisti. Non è forse immorale che i genitori del piccolo Tommy di Parma ma soprattutto il fratellino di soli otto anni debbano, ancora dopo tanto tempo, assistere alle repliche dell’orrore di quella terribile sera in cui gli fu strappato il cucciolo adorato? Non è immorale che il signor Castagna cui i coniugi “innamoratini di Peynet” hanno strappato dalle sue braccia una moglie, una figlia e un nipotino, debba ora, ancora dopo un anno, rivivere modalità e tempi di quella terribile strage, mentre il pubblico in sala e quello davanti uno schermo televisivo, morbosamente impazza per gli assassini? Come dev’essersi sentito, il signor Castagna quando il terzo e nuovo di zecca avvocato difensore dei “puttini di Erba” ha dichiarato non esservi prove certificate a carico degli imputati e che Frigerio, l’unico scampato alla mattanza e testimone oculare non sarebbe attendibile, nonostante il marchio di fabbrica della strage impresso nelle carni e negli occhi e la perdita della moglie? Quanti anni durerà lo strazio di quest’altro processo del quale al pubblico pagante interessa solo sapere se Vittorio Corona rinuncerà a manageriare il fotomodello Azouz in favore dei “colombi di Erba”, più adatti ad una fiction lassativa della TV di regime? Ci sono crimini e criminali talmente orridi che non meriterebbero neppure le trafile di tre costosissimi gradi di processo dove distribuire paccate di carta che si lascia scrivere, a bella posta per distrarre i carnefici dalle vittime, fino all’oblio di queste ultime; certi criminali, senza necessità di soppesare le responsabilità di complici, esecutori e mandanti implicati nel turpe progetto, meriterebbero per direttissima, tutti assieme, la galera e la tanto invocata certezza della pena! Che brutta gente, gli Italiani, che hanno fatto fallire il primato storico delle Arti patrie per ritornare a godere dei giochi crudeli del Colosseo: amorali vegetali, così come il regime li ha plasmati nel tempo! Gaudenti e morbosi cazzoni, fino a quando siedono da spettatori sugli spalti, senza lasciarsi sfiorare mai dal sospetto che a qualcuno di loro potrebbe capitare di essere gettato nell’arena, al supplizio del Toro o tra le belve feroci, quale oggetto dei Giochi! Che strano Paese è il nostro, dove è la meritocrazia del crimine a distribuire carriere e cariche, come nel caso dei tanti Brigatisti, assurti a modello intellettuale che dirigono servizi alle dipendenze del Consiglio dei Ministri o che siedono in Parlamento, di quelli premiati addirittura con cittadinanze onorarie che un tempo si concedevano a coloro che lavorano per il progresso umano, mentre le vittime del Terrorismo sbiadiscono in quelle false, abusate parabole, scritte nel vangelo apocrifo politichese di ogni campagna elettorale, ulteriormente derise e sfruttate: una volta di più assassinate. Analogamente, per gli schifosi pseudo Pentiti di Mafia, lautamente retribuiti “per se’ e per i suoi”, vitto e alloggio gratuito, riciclabili e indistruttibili come la plastica e sempre utili nelle spietate strategie di mobbing nella raccolta differenziata dei rifiuti tra i vari Pubblici Amministratori, i Politicanti e “certa” Magistratura giacobina. Liberi e belli, star del palcoscenico istituzionale, i criminali incalliti di ieri se la ridono di un Bruno Contrada condannato tacitamente alla pena capitale e, angelicati, sponsorizzano pure le moratorie contro la Pena di Morte nel mondo: Nessuno Tocchi Caino è lo spudorato leit-motiv finto cristiano… mentre quel fesso di Abele “se lo prende sempre in quel posto”.
W L’ITAGLIA!          

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: