Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Contrada: ALLELUJA!'O Pazzariello »

Eroi per caso

Post n°610 pubblicato il 05 Marzo 2008 da vocedimegaride
 

E' con viva emozione che comunico di aver vinto una piccola battaglia personale, grazie anche e soprattutto all'obiettivo impegno di Giuseppe Crosio dell'Archivio di Stato di Vercelli e di Enrico De Maria giornalista de "La Stampa".
In breve: è stata tolta la salma di un partigiano dal mausoleo degli "eroi della Resistenza" dal cimitero della città di Vercelli. Si tratta di Felice Starda, partigiano comunista che il 7 maggio 1945 insieme ad alcuni suoi complici massacrò per motivi del tutto alieni dalla politica Luigi Bonzanini di 38 anni, le due nipoti Elisa e Laura Scalfi di 17 e 22 anni casualmente a casa dello zio, ed infine la paralitica settantenne Luisa Meroni soltanto in quanto testimone oculare dell'eccidio.
Lo stesso Starda fu fucilato tre giorni dopo dai suoi compagni di partito che però fecero passare il suo omicidio come ennesima violenza fascista, per cui la moglie del delinquente fruì di un'apposita pensione vista la fine del "povero" marito. E così il corpo finì al mausoleo degli "eroi partigiani" ove rimase per più di sessant'anni non fosse che, riprendendo le ricerche di Crosio, parlai sulle "Pagine strappate della Resistenza" (Tabula Fati, Chieti 2005) anche di questa losca vicenda che il giornalista vercellese De Maria a sua volta riprese a grandi titoli facendo (ri)aprire il caso.
Alla fine, dopo due anni di polemiche ed alcune sedute della commissione toponomastica del comune di Vercelli, la decisione è stata infine presa: e credo si tratti di decisione clamorosa in quanto molte altre storie simili dovranno essere in futuro considerate. I giornali locali hanno dato modesto risalto alla notizia, La Stampa a parte, dimostrando ancora una volta quanto sia difficile e pericoloso al presente "toccare i totem" come qualcuno ha detto.
Mi piace concludere con una considerazione; da anni presento questi libri su certa Resistenza in giro per l'Italia ed in alcune - troppe - occasioni mi sono però sentito dire che "seminavo soltanto falsità per giunta decontestualizzandole": ciò che è accaduto a Vercelli è quindi la prova dell'esatto contrario di ciò che invece potrebbe essere soltanto un inizio di un nuovo capitolo della nostra storia, altro che "revisionismo".

Lodovico Ellena

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: