Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Contrada: giudicate voi!Riflessioni dentro una c... »

UN MUSEO NAVALE PER NAPOLI

Post n°646 pubblicato il 06 Aprile 2008 da vocedimegaride
 

http://www.petitiononline.com/2008navy/petition.html  è l'indirizzo della petizione poc'anzi da noi lanciata in rete; ve ne chiediamo sottoscrizione e massima diffusione. - la redazione -

Al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
Al Capo di Stato Maggiore della Difesa generale Vincenzo Camporini
Al Capo di Stato Maggiore della Marina Militare ammiraglio di Squadra Paolo La Rosa
Al Ministro della DIFESA in carica
Al Presidente della Regione Campania
Al Presidente della Provincia di Napoli
Al Sindaco di Napoli

PETIZIONE POPOLARE PER L’EDIFICAZIONE E L’ORGANIZZAZIONE DI UN MUSEO STORICO NAVALE IN NAPOLI

Illustri Signori,
è innegabile che la Storia della Marina Militare Italiana principiò sotto il cielo napoletano, ove si acclarò quale Real Marina – in Europa, seconda solo agli Inglesi - durante il glorioso Regno delle Due Sicilie, che fu poi colonizzato e ingiustamente “continentalizzato” in epoca post-risorgimentale quindi deprivato delle sue massime peculiarità: la flotta mercantile e quella militare, i numerosi porti e la marineria, i collegi militari, la cantieristica navale, le attività marittime e marinare e gli scambi commerciali, sprofondando, così, il Mezzogiorno d’Italia nel vortice del declino che l’ha frullato nel budino ch’è ora, ovvero il bacino depresso d’Italia e d’Europa. Tanta “acqua”… del mare nostrum è passata sotto i ponti dell’oblio e del disfacimento dell’orgoglio identitario delle genti marinare del Sud dell’Italia ed oggi più che mai si ha la necessità ed il dovere morale ed istituzionale di recuperare Dignità a costoro ed alle loro gloriose radici offese, occultate. E’ incredibile come ad una città quale Napoli, sorta tra i seni salati di una dolce creatura marina che è il simbolo stesso dei nostri antichissimi natali e della nostra più intima essenza, la storia del ‘900 abbia praticato una lobotomia radicale, privandola persino delle memorie, della personalità, per relegarla esclusivamente nella volgare iconografia folkloristica, ch’è – mi perdonino – autentica pornografia.  I tempi odierni che vedono l’affaccendarsi di tutte le più importanti Istituzioni di Stato al capezzale della “dichiarata” moribonda Napoli, laddove si cercano disperatamente medici e medicine anche costosissime, per rimetterla in piedi, non fanno sperare nel miracolo a breve della sua guarigione. Un input vivificante sarebbe rintracciabile esclusivamente nel riacculturamento delle genti napoletane, restituendo loro la storia negata ed insieme l’orgoglio. I tempi moderni del federalismo invitano i piccoli popoli d’Italia alla riacquisizione delle lingue e dei dialetti, delle tradizioni, usi e costumi e della storia di ognuno, differente secondo ogni diversa coordinata geografica e comunque tutti – nessuno escluso – partecipi della Dignità Nazionale Italica. Sarebbe l’ora di restituire anche a Napoli il privilegio dei suoi primati, delle sue eccellenze in numerosi campi dell’ingegno e della cultura, che vanno al di là dell’abusato “pizza e mandolino” , “camorra e tammorra”, “monnezza e assistenzialismo”.
Conosciamo bene l’attività dell’eccellente MariDist di Napoli per la sua notevole sensibilità culturale e per il suo rispettoso amore per le origini partenopee della Marina Italiana  ampiamente dimostrate, per esempio, durante la presentazione della mostra de “I rami dell’Atlante Marittimo” Napoletano e di altri eventi grandiosi ai quali non è mai stato dato, a nostro avviso, il giusto riconoscimento nazionale e la piena diffusione massmediatica. Confidiamo che vogliate condividere e sostenere, anche nell’opportunità di un rilancio turistico di questa città UNICA AL MONDO, la richiesta di noi che amiamo Napoli -  e che siamo tra i pochi privilegiati ad avere avuto la possibilità di poterne approfondire la conoscenza storica – per l’edificazione e l’organizzazione di quel Museo Navale che riteniamo debba spettare di diritto alla “mamma” per eccellenza della Marina Militare Italiana, che si è fregiata per lungo tempo del titolo di Ammiraglia dei mari d’Europa, che ha dato alla luce generazioni e generazioni di coraggiosi marinai ed esploratori. Con un rapido accenno ai lontanissimi successi in soccorso alla flotta della Serenissima, nella battaglia di Lepanto, non dimentichiamo i suoi eccellenti primati nazionali, europei e mondiali, tra i quali:  
1783 – Primo Codice Marittimo (Michele Jorio) adottato, poi, anche da altre Nazioni;
1792 - Primo Atlante Marittimo – Rizzi Zannoni – elaborato dalla prestigiosa Scuola di Cartografia Marittima;
1818 – Prima nave a vapore “Ferdinando I”;
1833 – Prima nave da crociera “Francesco I” in Europa;
1836 – Prima compagnia di navigazione a vapore nel Mediterraneo, e agenzia marittima;
1841 – Primo sistema a fari lenticolari a luce costante in Italia;
1843 – Prima nave da guerra a vapore d’Italia, pirofregata “Ercole”, varata a Castellammare;
1852 – Primo bacino di carenaggio in muratura in Italia, Porto di Napoli;
1852 – Primo telegrafo in Italia;
1853 – Primo piroscafo nel Mediterraneo per l’America , il “Sicilia” della Società Sicula Transatlantica del palermitano Salvatore De Pace. gg. di navigazione 26;
1860 – Prima flotta mercantile e prima Flotta Militare d’Italia (seconda al mondo);
1860 – Prima nave ad elica “Monarca” varata a Castellammare; che fu la prima ammiraglia del successivo Regno d’Italia e sul cui disegno fu realizzata la più recente “Vespucci”, nostra gloria nazionale;
1860 – La più grande Industria Navale d’Italia per numero di operai ( Castellammare, 2000 operai)…
… e sono solo alcuni…
L’onestà intellettuale che deve essere requisito fondamentale delle Istituzioni Pubbliche, deve riconoscere a Napoli le sue prerogative e le sue eccellenze, se davvero si vuole seminare nella Napoli “smarrita” di oggi, l’orgoglio che scaturisce dal senso dell’appartenenza e se se ne vuole rilanciare una più decorosa immagine.  A prescindere quindi dal fatto che Napoli merita ed esige il suo Museo Navale, i napoletani meritano ed esigono la Dignità che gli spetta…perché il solo “Museo dell’Emigrante”, sinceramente, li offende.
VAI SU http://www.petitiononline.com/2008navy/petition.html E FIRMA!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: