Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« UN MUSEO NAVALE PER NAPOLIINSORGENZA: DIARIO DI BORDO »

Riflessioni dentro una cabina elettorale

Post n°647 pubblicato il 11 Aprile 2008 da vocedimegaride
 

PRIMA DI APPORRE LA “X” SULLA SCHEDA RICORDATE CHE:

da avvocato Giuseppe LIPERA - Mi è doveroso informare l’opinione pubblica che l'11 aprile 2008, presso il Comando dei Carabinieri di Catania ho presentato formale denuncia-querela, per diffamazione aggravata a mezzo stampa, nei confronti del Sig. Travaglio Marco, che in un articolo, pubblicato sul settimanale “L’Espresso” nel gennaio scorso, intitolato “Gran teatro Contrada”, ha ritenuto, inopinatamente ed ingiustificatamente, utilizzare, nei miei personali confronti, espressioni assolutamente lesive della mia immagine e professionalità. La querela, così come per Legge, anche nei confronti del direttore responsabile del settimanale “L’Espresso” per omesso controllo. Ho ritenuto inaccettabile che il Sig. Travaglio Marco, senza conoscere gli atti né le persone, e mostrando di non ben sapere le norme del codice di procedura penale vigente, abbia cercato gratuitamente di screditare quello che ho fatto nella mia vita e soprattutto il mio rapporto professionale con l’ex Dirigente Generale della Polizia di Stato, Bruno Contrada, un uomo che - ancorché anziano, gravemente ammalato e condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa - ritengo in tutta coscienza essere una persona degna della massima stima e rispetto.
************************
 
 
Caso Contrada: Siamo ancora in attesa degli esiti dell’udienza del 3 aprile presso il Tribunale di Sorveglianza di Napoli. Questo silenzio è ulteriore dimostrazione di arroganza da parte dei togati con delirio di onnipotenza. Riservandoci di commentare quando si degneranno di manifestarsi nella pienezza della loro divinità, rendiamo omaggio alla sensibilità di tutti i sostenitori di Bruno Contrada con il meraviglioso pensiero di uno di loro: Mimmo Di Renzo, disabile e presidente della onlus Senza Barriere”. La sua voce è anche la nostra! “ Cara Marina. Spero che quanto da noi espresso finora, sia stato reso noto al giudice. E' inquietante il silenzio, è assordante la noncuranza di tutte le ragioni addotte. Ogni tipo di considerazione vale zero, e lo stesso codice umano è stravolto. Di chi è la colpa. Abbiamo forse sbagliato tutto nel considerare la vicenda una questione di vita o di morte. Io stesso mi sento assediato, circondato e non riesco più a vedere una reale situazione di svolta. Sono dubbioso, di ogni tipo di preparazione personale, professionale, di vita, di esperienze fatte o subite. A cosa valgono gli studi universitari; dove sono i precetti impartiti dai professori giuristi; a cosa vale essersi trascinati per più di sessant'anni, preda di una disabilità a cui ho tentato sempre di sfuggire, traendone sensibilità, conoscenza, forza e coraggio; a cosa vale infine di essere oggi il Direttore di un'associazione di disabili, nonostante tutto e tutti. Cosa potrò dire loro, quando mi chiederanno ragione di non essere riuscito a far tornare a casa un disabile di settantasetteanni, affetto da pluripatologie, di per sè, giustamente considerate, invalidanti. Tutto quanto abbiamo tentato, denunciato, suggerito, gridato è caduto nel nulla. Forse non vogliono che Contrada muoia davvero, vogliono essere sicuri di distruggerlo nello spirito, vogliono ucciderlo nella memoria, negli affetti, vogliono che vaghi nel limbo degli sconosciuti,  nella solitaria plaga di chi non è mai esistito, dei dimenticati. Dopo, molto dopo, ci sarà il sordo rumore della vanga, di un pugno di terra ed il ricadere di una pietra tombale. Una tomba senza nome. Noi stessi, finiremo con Lui. Ciao. Sono triste. Mimmo Di Renzo
********************
da Massimiliano De Cristofaro/Fondazione Iustitia – di Marco Saba (fonte Lady Silvia) PROCESSO FALSI DOSSIER CONTRO VIOLANTE - GLI IMPUTATI DENUNCIANO IL TESTE DELL'ACCUSA. - Vi ricordate il procedimento dei falsi dossier contro Luciano Violante instauratosi nel lontano settembre1998, che vedeva coinvolto anche il noto faccendiere Francesco Pazienza? Ebbene, dopo 10 lunghi anni di bagarre da parte della Procura di Roma, il primo e solo teste dell’accusa viene denunciato per falsa testimonianza, si tratta del Vice Questore della Polizia di Stato Raffaele Clemente, in servizio presso la Questura di Roma, che all’epoca dei fatti contestati era funzionario presso la Polizia di Prevenzione - U.C.I.G.O.S.- L’udienza chi si è tenuta il 4 u.s. è servita al collegio della 6^ Sez. Penale del Tribunale Ordinario di Roma, Presidente Dr. Barbalinardo, per decidere le eccezioni sollevate dalle difese, ovvero se il teste Clemente Raffaele, già denunciato, doveva essere sentito per “reato connesso”, con la presenza di un difensore di fiducia. Il Tribunale, dopo essersi espresso accogliendo le richieste delle difese dei poliziotti imputati, aggiornava l’udienza al 20 giugno 2008. Da rilevare che il Pubblico Ministero Maria Monteleone, non ha accettato di buon grado la decisione del Tribunale riguardanti la presentazione della denuncia querela nei confronti del suo teste da parte dei poliziotti imputati, lasciandosi andare a veri e propri improperi affermando con tono di sfida: "… Quando chiamerò a testimoniare l'onorevole Violante, il prefetto De Gennaro e l’Avvocato Taormina cosa faranno denunceranno tutti…??!?" Quindi, sono volati nomi grossi in aula!!! I poliziotti hanno dichiarato: “Noi siamo per la verità e vogliamo andare fino in fondo, infatti abbiamo rinunciato alla prescrizione dei reati…!" A questo punto della vicenda sorge spontanea una domanda: "Vi sono situazioni o nomi che non devono trapelare da questo processo?" Appuntamento alla prossima udienza! (uno schietto “IN BOCCA AL LUPO, MAX!” dalla redazione di Megaride, fiduciosa)
********************
da Bruno BERARDI -  Walter Veltroni Sindaco con consulenti terroristi e da Premier?  L’Ex Sindaco di Roma Walter Veltroni si è avvalso della collaborazione di moltissimi ex terroristi come supporter alla conduzione dell’amministrazione Civica di Roma pagandoli profumatamente , ma quando sarà (se sarà) Premier come gestirà le attività del Governo futuro sempre attingendo all’esperienza dei terroristi ? Si avvarrà sempre della collaborazione di ex Terroristi  pagati dallo Stato , mettendo sotto i piedi le richieste delle vittime del terrorismo , come per esempio la volontà di raccontare la storia degli anni di piombo nelle scuole di ogni ordine e grado visto con gli occhi delle vittime e non dei terroristi? Attendiamo una risposta (Bruno Berardi Associazione Nazionale  “Domus Civitas” Vittime del terrorismo e mafia – 3295340474)
*****************
CAMPANIA: RACCOLTA FIRME CONTRO LA PRIVATIZZAZIONE DELL'ACQUA - firma la petizione su   http://www.politichesociali.it/petizione_acqua.php          L’acqua potabile della Campania rischia diventare proprietà privata. Eni AcquaCampania, l’azienda che fornisce l’acqua nelle province di Napoli e Caserta, sta per essere acquistata da una triade societaria controllata dagli azionisti di minoranza: Caltagirone, la multinazionale Veolia e l’onnipresente Impregilo. L’azienda idrica è controllata dall’ente pubblico Eni attraverso una partecipazione pari al 50,5 %. Quote che stanno per essere cedute. In base ad accordi parasociali, le aziende private, per diritto di prelazione, acquisterebbero le quote Eni, determinando la privatizzazione delle sorgenti e dei pozzi potabili e della depurazione. L’acqua è un bene pubblico essenziale e non può essere gestito da soggetti con finalità commerciali o lucrative. Rischia di essere condizionata la vita di milioni di persone, determinando l’aumento delle tariffe, senza garanzie sulla qualità dell’acqua distribuita. È necessario fermare la privatizzazione dell’acqua della Campania. Per questo ti chiediamo di sostenere questa battaglia con la tua firma. Il nostro obiettivo è chiedere al Consiglio regionale a trasformare in legge il ddl n° 75 che giace in consiglio dal 18/01/2006, dando vita alla società interamente pubblica Campaniacque per gestire, con ampie garanzie per le popolazioni, tutti i grandi impianti, le sorgenti e l’acquedotto campano. Per scongiurare il rischio della privatizzazione dell’acqua campana e di Napoli bisogna fare una scelta chiara a difesa di un essenziale bene pubblico. Non lasciamo che i cittadini vengano espropriati di una risorsa vitale.
****************
di ANTIMO CEPARANO - PADRE PIO IL MANAGER
Ho letto nella giornata odierna, per la cronaca siamo all’11 di aprile dell.A.D. 2008, un articolo sul giornale IL MATTINO su Padre Pio da Pietrelcina. In breve questo ne è il sunto: Le stimmate di Padre Pio sarebbero frutto di una patologia rara e non di origine divina e comunque la santità del Frate non viene messa in discussione per le notevoli doti umane che Egli possedeva, oltre ad una notevole capacità manageriale poiché è riuscito a costruire una struttura ospedaliera di proporzioni mediche logistiche e tecnologiche che non era assolutamente realizzabile in quel luogo, con quelle risorse e con quello scenario. Mi perdonerà l’attento lettore di Megaride se trovo in questo contesto, fatto di segni linguistici che dovrebbero esprimere un pensiero, l’enorme contraddizione di chi non analizza quanto e quando dice, poiché l’Idea espressa dovrebbe essere l’espressione di ciò che si pensa! se questo è vero spesso tra l’idea espressa e quello che ne è il retroterra culturale vi è l’arteriosclerosi  delle coscienze bacate dal materialismo più acceso. Mi spiego meglio e domando con la serietà dovuta ad un cinquantenne, tale è l’età veneranda che conto! se sia logico o meno riconoscere Santo chi per tutta la vita ed attraverso la propria vita avrebbe fatto della menzogna un’arma ideologica?  E’ noto che Padre Pio testimonia attraverso i propri scritti le lotte feroci con il demonio, è noto la testimonianza che Egli dona sulla natura divina delle proprie stimmate. Basta questo solo per farne o un grande Santo o un grandissimo impostore. Personalmente propendo per la Santità di questo Frate che proprio perché troppo grande per i piccoli uomini viene da costoro continuamente attaccato, e ora addirittura con l’arma benevole di chi pur svuotandolo di ogni carisma spirituale lo vuole ricoprire di una grandezza umana a passo con i tempi: un Santo che santifica la managerialità!
***************

Dal Sole 24 ore del 4 aprile - Rimborsi elettorali, spesi 117 milioni e poi incassati 500 -  di Mariolina Sesto -
Alle politiche 2006 i partiti hanno speso un quinto dei rimborsi statali incassati: 117,3 milioni contro 498,5 milioni. Che i contributi pubblici per le spese elettorali andassero ben oltre i costi delle campagne per il voto era nell'aria. Ora a certificarlo è la relazione della Corte dei conti appena depositata a Montecitorio. I costi  Le spese accertate dalla Corte, benché moderate rispetto alle elargizioni dello Stato, sono tuttavia consistenti. Significativo, ad esempio, l'investimento di Forza Italia che da sola ha speso quasi la metà di quanto hanno sborsato tutti i partiti insieme: il tesoriere Rocco Crimi ha messo sul piatto oltre 50 milioni di euro. Quasi il doppio rispetto ai fondi (circa 28 milioni in tutto) impegnati dal vecchio Ulivo (Ds e Margherita, che parteciparono separatamente al Senato e uniti alla Camera). Gli incassi  Ma i costi assumono l'aspetto di briciole quando vengono comparati agli incassi dovuti ai partiti per i cinque anni di legislatura, peraltro interrotta dal voto anticipato. Forza Italia potrà consolarsi con un "avanzo" rispetto a quanto speso di quasi 79 milioni di euro e a Ds e Margherita insieme rimarrà un tesoretto di oltre 130 milioni. Un bel patrimonio per il Partito democratico se non fosse che i due "padri fondatori" si tengono gelosamente nelle rispettive casse i fondi arrivati dallo Stato. Stessa dolce musica per tutti gli altri partiti: ad An resteranno in cassa oltre 59 milioni, a Rifondazione oltre 33, all'Udc poco più di 24 milioni e alla Lega oltre 17 milioni. In totale alle segreterie sono fluiti oltre 381 milioni di euro. Un dato che fa gridare allo scandalo i Radicali, tradizionali oppositori del finanziamento pubblico dei partiti, a partire dal referendum abrogativo del '93. «La media annuale dei fondi pubblici ai partiti – ha calcolato Maurizio Turco, candidato nelle liste Pd nella quota dei Radicali – è aumentata del 600% rispetto al '93, ultimo anno di finanziamento pubblico». Il partito di Pannella annuncia dunque che porrà la questione come priorità del prossimo Parlamento. « Per quanto riguarda il rimborso delle spese elettorali – annuncia ancora Turco – proponiamo che sia di massimo un euro per ogni voto raccolto dal partito e per ogni euro la cui spesa sia stata giustificata. Infine proponiamo di sottrarre all'interna corporis di Camera e Senato la gestione dei finanziamenti e di creare una sezione della Corte dei Conti che vigili sui contributi pubblici destinati a soggetti privati singoli od organizzati. Per quanto riguarda il sostegno ai partiti noi siamo per dei benefit in servizi ma non in denaro e per il principio guida dell'autofinanziamento». I rilievi  Quanto ai tetti di spesa, la Corte non ha riscontrato sforamenti. Ha tuttavia segnalato delle irregolarità nel conto consuntivo del Prc che non ha presentato idonea documentazione per un importo di spesa di circa 500mila euro. Multato invece "Progetto Nord Est", il movimento di Giorgio Panto (l'imprenditore televisivo veneto morto qualche mese dopo le elezioni), accusato di aver acquisito in modo irregolare gli 800mila euro spesi per la propaganda elettorale.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: