Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Ippocamorra: cavalli "mai visti"caso Contrada: ultime "s... »

'O Pazzariello

Post n°665 pubblicato il 02 Maggio 2008 da vocedimegaride
 

tadzebao di cronache, annunci e denunce

da redazione - Non appena cessate le celebrazioni per il 200.mo di Garibaldi, la solita retorica risorgimentista impone l’obbligo di massiccia propedeutica ai festeggiamenti del 2011, centocinquantenario dell’Unità d’Italia. Non ci è piaciuto affatto, ieri sera, l’ascaro abruzzese Bruno Vespa, emulo di Piero Angela, in quel Porta-a- “Porta sbattuta in faccia” ad almeno i tre quarti di italiani, dal nord al sud,  ormai intollerante all’abuso di sterile folklore tricolorico, utile solamente a distogliere l’opinione pubblica da più pressanti ed attuali problematiche nazionali. Abbiamo trovato molto sconveniente la stolta rappresentazione in presenza di un pubblico d’eccezione costituito, questa volta, da due ignare scolaresche costrette a sorbirsi dal vivo tutte le puttanate storiche già abbondantemente reperibili nei testi scolastici dei pennivendoli di regime. In totale assenza di “par condicio” neppure un ospite proveniente da quel vasto Sud d’Italia cancellato dalla vorace furia garibaldesca e massonica di un sempiterno Risorgimento. Unico bastian contrario pro domo sua padana, il sen. Castelli della solita Lega Nord; neppure uno straccio di relatore dal clone leghista siculo del M.P.A. di Lombardo. Un Bruno Vespa insolitamente fuori dalla realtà, ora che dappertutto – in rete, nelle librerie e nei salotti “buoni”, persino al vertice dell’Ordine dei Giornalisti, con il presidente Del Boca – proliferano testi storici revisionisti in gran quantità; praticamente, ancora una volta, la TV di Stato mediante i suoi menestrelli da noi pagati calpesta il nostro diritto all’informazione, la nostra intelligenza, la nostra identità, le nostre radici… tracciando sempre più profondo il solco tra le due Italie, elevando sempre più alte mura tra l’Italia e le sue colonie interne, così fomentando solamente il disordine e l’odio classista tra due ben distinte etnìe in Patria… che mai troveranno, in alcun futuro, afflato sinergico per arrivare a considerarsi, dopo un secolo e mezzo di coabitazione, Popolo dell’Italia Una!(marina salvadore)
------------------------
Il Porta a Porta di ieri sera ci offre l’occasione per presentare agli amici un nuovo blog meridionalista in rete, curato dall’appassionato Antonio Ambrosino di Procida, marittimo ed esperto di storia della marineria delle Due Sicilie; in particolare dell’altrettanto importante marineria procidana. Il suo sito, AMBROSIADI- Stati d’animo e riflessioni in chiave sudista – è stato lanciato in rete da pochissimi giorni all’indirizzo http://ambrosiadi.blogspot.com … siccome il nostro Ambrosino è un tipo un po’ “fumino” come noi, vi proponiamo il suo più recente ed infiammato post, i cui contenuti condividiamo: “
Bruno Vespa, che tu sia maledetto ! Ieri hai avuto il coraggio di fare il tuo teatrino (porta a porta) su Garibaldi addirittura invitando in studio due gruppi di studenti. Tu sai bene come andarono effettivamente le cose, sei colto, e proprio per questo E' INACCETTABILE che tu, con la tua enorme visibilita' mediatica organizzi una trasmissione su queste tematiche senza il NECESSARIO contraddittorio con i MERIDIONALISTI ! Strafottendotene del genocidio perpetrato ai danni del SUD e di tutte le conseguenze nefaste che ha generato questa devastante operazione di occupazione che dura ancora oggi. Alla faccia della verita' e alla faccia della tua etica professionale. Ma ce l'hai veramente un'etica professionale ?”
-----------------------------------

Il 29 aprile Bruno Contrada ha lasciato l’ospedale Melario di S.Maria Capua Vetere, ov’era stato ricoverato d’urgenza il 17 aprile, ed ha fatto ritorno nel carcere militare ov’è recluso. Un insolito silenzio è calato nuovamente su quest’uomo e la sua tragedia, speriamo sia foriero di buone nuove. Intanto, ricordiamo che l’avv. Giuseppe Lipera  ha recentemente chiesto anche la ricusazione del giudice di sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere, Daniela Della Pietra: l'udienza si terrà il prossimo 7 maggio davanti alla terza sezione penale della Corte d'appello di Napoli.
--------------------------

da “LIBERA”/Basilicata - Un libro sul malaffare in Basilicata - Martedì 6 maggio 2008 con inizio alle ore 18.30 al Teatro don Bosco di Potenza, Libera in collaborazione con la casa editrice EGA di Torino presenteranno il volume di don Marcello Cozzi “Quando la mafia non esiste. Malaffare e affari della mala in Basilicata”. In 480 pagine una ragnatela di nomi, luoghi e settori produttivi inquinati dal malaffare; la ricostruzione di uno scenario criminale che coinvolge alcuni dei settori tradizionali della mafia quali droga, sequestri di persona, usura, gioco d’azzardo fino ad interessare gli affari più moderni: prostituzione e tratta, gestione dei rifiuti compresi quelli radioattivi. Un libro che racconta il malaffare e gli affari della mala in Basilicata non solo servendosi di una montagna di atti giudiziari ma anche attraverso storie mai raccontate. Alla presentazione del 6 maggio, oltre all'autore, interverranno don Luigi CIOTTI, Presidente nazionale di Libera, Francesco FORGIONE, Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia della XV legislatura, e i lavori saranno guidati da Maurizio TORREALTA, vice-caporedattore di RAINews 24.
--------------------------
L'Associazione Culturale Flegreando presenta "Antrum Immane" II edizione Visita con spettacolo al Parco Archeologico di Cuma Dopo l'eccezionale successo dello scorso anno, Domenica 4 Maggio, verrà riproposto presso lo pseudo "Antro della Sibilla", all'interno del Parco Archeologico di Cuma, lo spettacolo "Antrum Immane", drammatizzazione liberamente tratta dal VI Libro dell'Eneide. Stefano Taranto, Martina Di Leva e Marika Manzoni rappresenteranno l'incontro di Enea, con la sacerdotessa Deifobe, nota come la Sibilla Cumana così come narrato nell'opera di Virgilio. La regia, le traduzioni, i costumi, le musiche e gli adattamenti sono a cura dell'Associazione Flegreando. Lo spettacolo, a cui si potrà assistere gratuitamente, su invito, da richiedere direttamente all'Associazione, sarà preceduto da una speciale visita al Parco Archeologico di Cuma. Come ormai consueto nelle iniziative di Flegreando, i miti e le leggende legate ai Campi Flegrei, faranno da "guida" in un viaggio che ci riporterà alle origini della cultura del nostro territorio. Flegreando ringrazia la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, per la disponibilità dimostrata. ufficiostampa@cirobiondi.it  393.5861941
-------------------
da Gennaro Capodanno pres. Comitato Valori Collinari – Vomero -
In occasione della festa del 1° maggio, grande delusione dei vomeresi che hanno trovato sbarrato l’ingresso della villa Floridiana, l’unico parco di verde pubblico a disposizione del quartiere collinare della città. Molte le persone - numerose le mamme con bambini piccoli - che, approfittando della bella giornata di sole, avrebbero voluto fruire del verde del parco, ma non c’è stato nulla da fare. I cancelli erano chiusi e così sono rimasti per l’intera giornata. Delusione anche tra i turisti che si erano arrampicati sulla collina nella speranza di visitare il museo delle ceramiche Duca di Martina, posto all’interno dello stesso parco. E’ a dir poco singolare la situazione che si crea in queste occasioni nel capoluogo partenopeo, e non da oggi. Così, mentre in tutte le città d’Italia e d’Europa, nelle giornate di festa, il patrimonio mussale ed ambientale viene offerto alla fruizione sia dei residenti che dei visitatori, a Napoli, dove è in atto, per le ben note ragioni, una e propria debacle sul fronte del turismo, nonostante gli infruttuosi, a tutt’oggi, tentativi di rilanciare l’antica metropoli come capitale della cultura, si chiudono i parchi pubblici con annessi musei, come appunto nel caso di villa Floridiana. Non vedo proprio come si possano poi versare lacrime di coccodrillo da parte delle autorità competenti per la mancata ripresa in un settore vitale per l’economia della Città. (nota della redazione: se per questo, risultavano chiusi gli scavi di Pompei e di Ercolano; a Napoli, il Palazzo Reale ed il Museo Archeologico, praticamente tutti i siti gestiti dal Ministero… Sarebbe questo l’aiuto governativo a ricostruire l’immagine decorosa di questa regione, dopo l’apoteosi munnezzara di quest’inverno che ha sotterrato nella vergogna la bellissima Napoli?)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: