Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« caso Contrada: ultime "s...In memoria del martire d... »

Antropologia sùdicia

Post n°667 pubblicato il 08 Maggio 2008 da vocedimegaride
 

di Marina Salvadore
E’ singolare come noi napoletani siamo  stati presentati al mondo, tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento all’affermarsi in Italia della teoria razziale del Lombroso sull'inferiorità del Mezzogiorno, amplificata dal Niceforo, principale divulgatore della teoria della “Razza Maledetta”: una razza sottosviluppata… clonata molto maldestramente dal cercopiteco, il cui unico progresso evolutivo si arresta ahinoi allo stadio dell’umanoide. Non ci viene in aiuto neppure la maschera della Commedia dell’Arte adusa a rappresentarci da allora: Pulcinella, sempre pronto a soddisfare l’appetito vorace di spaghetti e quello sessuale-volgare, fatto di parole, chiacchiere e allusioni lascive ma privo di “funzione” per Colombina… anche se Pulcinella è, in realtà, una maschera molto più antica e connotata molto diversamente, carica di riferimenti filosofici e spirituali . Pazienza! E’ nell’immaginario collettivo, grazie anche ai luoghi comuni  postumi all’Unità d’Italia, il “napoletano” caro all’Antropologia Criminale piuttostochè all’Antropologia Culturale; quella che si diparte, per noi, da li rami de li sommi padri greci! Napoli è quindi il “Pianeta delle Scimmie”: il napoletano suscita ilarità, divertimento, soprattutto quando i  visitatori dello zoo gli lanciano generosamente noccioline e banane attraverso le sbarre della gabbia, fotografando e commentando come e quanto gli occhi, le mani, i capezzoli di quelle scimmie siano incredibilmente simili a quelli degli “umani”… Oibò! Inammissibile, sacrilego, per  gli umani civilizzati dell’Altra-Italia! Allora, ecco che intellettuali e “giornalai” di regime rimarcano e rilanciano il “divertente” ed ammuffito folklore sùdicio . Non l’han fatto i quotidiani locali (sì… anche a Napoli abbiamo la “stampa”, peraltro antichissima. Il primo a “tirare” una policromia a quattro colori, pensate un po’, fu il principe di Sangro di Sansevero) ma ci ha pensato il Corriere della Sera ad enfatizzare, come negli ottocenteschi feuilleton del Grand Tour, la notizia: “… nel  quartiere Fuorigrotta - Pubblicità con seni prosperosi, traffico rallentato a Napoli - Tantissimi automobilisti fanno frenate improvvise oppure soste troppo prolungate per dare una occhiata” Il titolo a caratteri grandi di stampa ridonda di morbosità indotta ma il testo, poco più di un trafiletto, spegne nell’inutile cronaca di un fatto privo di interesse ogni sordido clamore: “fotografie di seni prosperosi coperti solo dalle mani di una modella su quattro maxi cartelloni pubblicitari, che si estendono per una ottantina di metri, stanno creando non pochi disagi alla circolazione stradale. Tutto ciò accade a Napoli, nel quartiere di Fuorigrotta dove da qualche giorno, come riferiscono i residenti, tantissimi automobilisti fanno frenate improvvise oppure soste troppo prolungate per dare una occhiata alla pubblicità. Le foto sono utilizzate per la campagna promozionale di una compagnia di navigazione nazionale.”  A riguardo, perché non scrivere, invece,  del dramma del logorio della pubblicità selvaggia che, nel caso specifico, incombe come una gigantesca pressa in capo ai cittadini intesi ormai solo quali “consumatori”?  Perché non sottolineare che i vari divieti posti dall’etica di chi è alla guida di un veicolo e, spesso dal Codice,  circa l’uso del telefono cellulare,  la somministrazione di alcolici, il fumo di sigaretta, l’assenza della cintura di sicurezza… sono poi vanificati dall’improvviso pericolo non segnalato di queste monumentali barriere architettoniche che con la velocità del fulmine,  svoltato l’angolo del  tipico violetto napoletano, ti piovono addosso, annientandoti , in un poltergeist… un tornado di PSYCO-PUBBLICITA’? …e solo per annunciare al cercopiteco napoletano che L’Etna ed il Vesuvio sono da oggi più vicini, come le  immaginifiche tette del tabellone, nuovo glifo araldico dell’antico Regno delle Due Sicilie ! Certamente, questa nomea di “sottosviluppati” ce la portiamo appesa al collo da immemore tempo e molta confusione continua a produrre nel relazionarci con altri mondi, definiti “civili”. Non se ne sa più nulla: giornali e televisioni non ci aggiornano da più di una settimana sul dramma che sta vivendo nella ridente “city”padana di Basiglio quella sventurata famigliola di “sùdici”cui hanno strappato i figli, credendoli sessuofobi in erba, per via di un disegno rinvenuto sotto il banco di scuola della piccina di nove anni che raffigura la bimba ed il suo fratellino dodicenne impegnati in un rapporto incestuoso, con il motto: “…X fa sesso con suo fratello Y per 10 euro”. Al 30 di aprile erano già 58 giorni di “confino politico” dei due bambini in strutture semi-penitenziarie e semi-rieducative per infanti. Pare siano ancora colà reclusi – lungaggini della burocrazia – nonostante la dichiarazione spontanea di una mamma autoctona che ha riferito essere la propria bambina padana l’autrice del disegno, per la quale – stranamente – non sono stati adottati gli stessi provvedimenti “restrittivi” e la psicopedagogia nonché la pubblica istruzione e magistratura locali non sono insorte con ugual raccapriccio, trattandosi di figlia del “popolo eletto” o “d’elite” della metropoli di Basiglio (che manco figura nelle cartine geografiche) ERGO bambina di “non sottosviluppata” e “civile” famigliola dove le intenzionali locuzioni “fare sesso”e “a pagamento” solitamente imputabili a linguaggio ed espressività da ADULTI e “SCAFATI” non hanno minimamente indotto insegnanti, preside, assistenti sociali e magistrati, a preoccuparsi della moralità e delle abitudini del nucleo familiare della piccola autrice di quel “capolavoro” poco artistico e… tanto inquietante!… Due pesi, due misure. Da sempre. Dagli esordi della teoria della Razza Maledetta, fatta di dolicocefali e brachicefali, di nord e di sud, di “Civilizzati” e “Selvaggi”... di “SottoSviluppati”… e, mi si perdoni la volgarità - ma quando 'ce vò... ce vò - nella categoria dei cercopitechi, l'ancor più meridionese e abominevole specie di “Sviluppati Sotto”!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: