Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Il libro proibitoQuando la "destra" era sociale »

Scétate, Napule!

Post n°697 pubblicato il 08 Giugno 2008 da vocedimegaride
 

di Enrico Moscarelli

Sia pure in presenza di una congiuntura internazionale molto seria, tuttavia in particolare per Napoli (e credo per l’intero Sud) non si intravedono prospettive positive di nessun genere. Per quanto riguarda, in particolare, la Campania, che ormai è la regione più povera dell’Unione Europea, reati che altrove non sono reati, saranno reati qui da noi, e in parte già lo sono. Avremo, cioè, Leggi Speciali. Avremo presto anche una Magistratura Speciale. Siamo stati ingiuriati davanti a tutto il mondo e nessuno ci ha ancora chiesto scusa. Dei tanti nostri avvelenatori non si è saputo fino ad ora neppure un nome. Si insiste nella volontà di utilizzare discariche improponibili, manu militari. Di uno sviluppo, o quanto meno della difesa della nostra economia, non si parla nemmeno. Sono elementi che evidenziano un fatto: Napoli e dintorni si possono ormai ritenere, a tutti gli effetti, da ultimo anche giuridici, una colonia del ricco Nord. E tra poco avremo il federalismo. Ma nessun paese al mondo diventa una federazione, dopo essere stato unitario. Le federazioni si fanno prima, non dopo. Non si può parlare di federalismo dopo centocin-quant’anni di vita unitaria, indirizzata nell’esclusivo interesse del Nord, con de-industrializzazione del Sud, distruzione dell’agricoltura meridionale, emigrazioni transoceaniche di milioni di cittadini, due guerre mondiali con perdite umane spaventose. Non si può parlare di federalismo fiscale, quando, alla fine del processo unitario, è evidente che una parte nord è ricca, molto ricca, e una parte sud è povera, molto povera: non si può, per decenza, imporre un federalismo, neppure se misericordiosamente solidale. è cosa sperabile, ma davvero improbabile, si capisce, che l’Italia inverta la rotta e marci verso l’uguaglianza, e quindi promuova una politica economica, culturale, e via discorrendo, riequilibratrice e quindi effettivamente riparatrice nei confronti del Sud (con o senza il beneplacito dell’Europa, sempre pronta ad insorgere contro gli “aiuti di Stato”, sebbene qui si tratterebbe di “restituzioni” di Stato). Ed è evidente che l’Italia non intende dirigere le sue strategie politiche ed economiche verso la realizzazione del principio costituzionale che vuole la rimozione degli ostacoli all’uguaglianza dei cittadini, e anzi sembra evidente che si dirige verso la direzione opposta. Pertanto, se non intendiamo essere più, e ancor più, cittadini di serie B, e meno che mai una colonia consapevole di esserlo, sarebbe nostro dovere morale promuovere un Referendum per l’Indipendenza di Napoli e, se altri lo vuole, del Sud. Non so chi potrebbe darci torto, visto che siamo sotto la spazzatura, anche tossica, e terrorizzati da una criminalità che lo Stato, con le sue polizie, i suoi servizi segreti e i suoi eserciti, si dice incapace di eliminare e che lascia che strangoli la nostra asfittica economia. Per lanciare i primi segnali in questa direzione, basterebbe chiedere ai cittadini se non sia il caso di cambiare una certa toponomastica di Napoli, davvero offensiva, come Via dei Mille, Piazza Garibaldi, Piazza Cavour, Corso Vittorio Emanuele (il Corso, come è noto, fu voluto da Ferdinando II di Borbone e fu una delle prime “tangenziali”). Potremmo cominciare con il chiedere la restituzione dei resti di quei poveri giovani meridionali che furono fatti morire perché non vollero tradire il loro Paese per un’Italia in cui non credevano, ed erigere loro qualche dignitoso monumento. Il mio sogno, a questo punto, se non è possibile un’Italia che si possa e si debba amare, e che soprattutto renda giustizia a chi da troppo tempo l’attende invano, è una Repubblica Napoletana, una Napoli Città Libera d’Europa, ovvero una Campania Regione d’Europa, ovvero una Repubblica Democratica dell’Italia Meridionale. Potremmo solo così difendere direttamente Napoli e, se lo volesse, tutto il Sud, non attraverso il filtro velenoso degli interessi degli affaristi del Nord, proprietari di tutti i giornali, di tutte le tv e di tutte le banche, che da sempre amano allearsi con i peggiori figli di questo martoriato Paese. Non sarebbe il caso di parlarne?

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: