Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« 'O PazzarielloChi è senza peccato scag... »

Premiata Ditta F.lli Moscarelli

Post n°700 pubblicato il 11 Giugno 2008 da vocedimegaride
 

All’approssimarsi dell’evento culturale “LA CANZONE NAPOLETANA TRA VECCHI E NUOVI CANTORI” curato da Luigi Rispoli per la Provincia di Napoli in collaborazione con Umberto Franzese e che si svolgerà in Napoli presso la Chiesa di S. Severo al Pendino – Via Duomo 286, lunedì 16 giugno 2008, alle ore 17,00, ci è gradita l’occasione per promuovere, extra programma dell’evento, un’autentica chicca della storia della canzone napoletana, meritevole di ampia divulgazione. ”Bottega F.lli Moscarelli – autori di canzoni napoletane” è il titolo glamour di una raccolta di canzoni pensata umilmente come omaggio agli amici ma che, presto, sarà doverosamente inserita nella grande distribuzione. Paolo Moscarelli, realizzando questo CD si è tolto lo sfizio di cantare canzoni composte da lui (musicista) e dal fratello Enrico (autore dei testi) e coglie l’occasione per ringraziare Peppino di Capri, Carlo Missaglia e Pino Barra per averne già interpretato e inciso la maggior parte. La realizzazione di questo CD è anche frutto del sapiente apporto dei musicisti Giorgio Savarese, Maurizio Pica e Salvatore Minale. C’è infine un omaggio di Paolo a Salvatore Di Giacomo, di cui ha musicato e cantato una delle più famose liriche”Pianneforte ‘e notte”. LA VOCE DI MEGARIDE annuncia che a breve presenterà in anteprima assoluta in rete il promo-video di questa deliziosa rassegna napoletana, per offrire ai lettori l’opportunità di ascolto di qualche brano ed agli autori un segno di vivo apprezzamento.
*******
 
Enrico Moscarelli nasce a Napoli, ai piedi del promontorio di Pizzofalcone, nei pressi del Castel dell’Ovo, il 29 aprile 1939. Già all’età di dieci anni, suo nonno, Enrico Parziale, poeta e musicista, gli ha insegnato a scrivere, come si deve, nella lingua napoletana. A diciannove anni vince il primo concorso letterario del primo Comitato Studentesco del Liceo “Umberto I” di Napoli, e a ventiquattro anni (1963), dopo aver concluso una notevole attività semi-professionale di cantante solista di complesso (un anno intero, tutte le sere, a Roma, in famosi “Night Club” e due stagioni sulla Riviera Adriatica), scrive il testo letterario di quella “Signo’ dint’ a ‘sta Chiesa”, che rimane la canzone più famosa dei due fratelli. La canzone, come è noto, fu incisa per la prima volta nel 1971 e portata lungamente al successo da un grande Peppino di Capri, che l'ha anche nuovamente interpretata nel 2005 e inserita in un suo CD di brani incisi dal vivo. Più recentemente la canzone è stata ancora incisa da Carlo Missaglia e da Pino Barra. Tra le notizie riguardanti Enrico, dottore in giurisprudenza, non si può mancare di includere la sua attività di funzionario, di elevato livello, di un importante ente pubblico, e il suo straordinario interesse per la filosofia antica e per la filologia classica, nonché la sua singolare conoscenza del greco antico e dell’antica Ellade, che egli considera, tra l’altro, parte viva e profonda dell’anima di Napoli: sua è la prima traduzione mondiale delle “Testimonianze” e dei “Frammenti” di Ecateo di Mileto (Edizione: La Città del Sole, Napoli, 1999), presentata all’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. Appena qualche anno fa ha realizzato un’altra, più ampia, pubblicazione: il libro, intitolato "I quattro grandi Milesi – Talete, Anassimandro, Anassimene, Ecateo - testimonianze e frammenti, con testi originali a fronte (Edizioni Liguori), con il patrocinio del già nominato Istituto, che rappresenta il più importante traguardo raggiunto fino ad ora da Enrico nel settore degli studi umanistici. Dopo “Signo’ dint’ a ‘sta Chiesa”, molte sono le composizioni note di Enrico: da “Paura ’e muri’”, su musica di Peppino di Capri e del fratello, a “Gelusia” (1973) a “Zitto zitto”(1985) a “Jamme, ja’” (1991), canzone che, con “Signo’ dint’a ‘sta Chiesa”, testimonia la possibilità di coniugare la canzone napoletana “alta” con l’impegno civile, e che, per tale impegno, non è necessario ricorrere alle sottoculture, spesso oltremodo promosse e corteggiate.
Paolo Moscarelli nasce a Napoli (Via Chiatamone) il 16 gennaio 1942. Scopre la chitarra a 12 anni e, pochi anni dopo, comincia, come tanti altri ragazzi, a suonare nei “complessi”. Lo ritroviamo, a cavallo tra liceo e Università, come cantante, in giro per l’Italia, in un gruppo insieme al fratello Enrico con il quale comporrà la maggior parte delle sue canzoni, che saranno poi interpretate, in modo assolutamente prevalente, da Peppino di Capri, ma anche da altri. Tra le tante canzoni ricordiamo “Signo’ dint’’a ‘sta Chiesa”, “Zitto zitto”, “Me dice ‘o core”, “Limone d’oro”, “Jamme, ja’”, “Gelusia”. Nel 1971 lascia l’attività di “orchestrale” e, laureatosi in giurisprudenza, diventa Commissario di polizia e viene inviato a Palermo. L’impegno delicato (essendo stato destinato alla squadra mobile di quella Questura) non gli impedisce di comporre canzoni (sempre con il fratello Enrico (che nel frattempo aveva vinto un concorso per dirigenti INPS ed inviato a Trento) canzoni regolarmente incise da Peppino di Capri, nel corso degli anni ’70. Nel 1980 Paolo viene trasferito prima a Napoli (dove coglie l’occasione per comporre canzoni anche per Fred Buongusto (“Facciamo pace”, “Stretti” e altre) e poi a Roma, dove ricoprirà, da Questore, incarichi di alto prestigio istituzionale. A Roma Paolo compone anche musiche da film (sua è la colonna sonora del film-fiction “Senza confini”, storia dell’eroico Commissario Palatucci, interpretato da Sebastiano Somma e Chiara Caselli, e musiche per il teatro di Vittorio Marsiglia (ancora su testo letterario del fratello Enrico). Nel 2002 Paolo lascia l’Amministrazione degli Interni, perché chiamato a dirigere l’antipirateria della Società Italiana Autori ed Editori. Comincia in questo periodo la collaborazione con Gianni Belfiore (autore di tutti i testi italiani di Julio Iglesias) e tuttora compone canzoni con il fratello Enrico.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: