Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Dagli amici di AgrigentoAgnesina Pozzi scrive a ... »

Sì, sono un pregiudicato!

Post n°764 pubblicato il 09 Agosto 2008 da vocedimegaride
 

di Maurizio Belpietro
Dunque sono un criminale. Anzi: un pregiudicato. Un giudice, la dottoressa Maria G. Rispoli in servizio a Milano, mi ha condannato qualche giorno fa a sei mesi di carcere. Vi posso assicurare che non ho né violentato né molestato nessuno. E neppure ho commesso un furto o uno scippo. Avessi compiuto simili reati, probabilmente mi avrebbero congedato con un buffetto o un congruo sconto di pena. Secondo la dottoressa Rispoli ho fatto ben di peggio. Da direttore del Giornale, non ho vigilato come avrei dovuto, consentendo la pubblicazione di un articolo di Lino Jannuzzi dedicato alla procura di Palermo. Jannuzzi, che i lettori di Panorama conoscono bene, da anni conduce una personale battaglia, denunciando quelli che – a suo dire – sono i danni commessi da alcune toghe siciliane. Prima che Giulio Andreotti fosse assolto (per l’uccisione di Mino Pecorelli e per il bacio a Totò Riina, accuse manifestamente ridicole), Lino accusò i pm d’aver imbastito un processo politico. Nel corso degli anni, si è schierato a difesa di Bruno Contrada, il poliziotto condannato a dieci anni con l’accusa d’essere colluso con i mafiosi, e di altri servitori dello Stato, tra cui l’ex capo del Sisde, il generale dei carabinieri Mario Mori. Secondo Lino tutti questi processi hanno un solo filo conduttore che porta agli orientamenti del gruppo di pm che per anni ha gestito le indagini della procura palermitana. Ma la critica a un magistrato, a cominciare da quella d’imbastire processi politici, in Italia è vietata: viene equiparata alla delegittimazione del pubblico ministero, anzi alla sua diffamazione. Non lo può fare un giornalista e non lo può fare neppure un senatore della Repubblica. Già, perché Jannuzzi all’epoca dei fatti era un parlamentare. Teoricamente in questo Paese la Costituzione tutela la libertà di parola e pure la libertà di stampa, ma ancor di più difende il diritto di senatori e deputati di esprimere liberamente le loro opinioni. L’insindacabilità dell’azione dei rappresentanti del popolo è una prerogativa prevista dall’articolo 68 della Carta su cui si fonda lo Stato. Ma quando c’è di mezzo un giudice, la tanto celebrata Costituzione diventa carta straccia. Se a querelare è un magistrato, pur se è pendente un giudizio di legittimità costituzionale, il processo non si ferma. Se è un giudice a dirsi vittima per un articolo di un parlamentare, che il Parlamento ritiene che non possa essere perseguito, si persegue il direttore che ha consentito la pubblicazione dell’articolo. Così, con un metodo obliquo, si colpisce comunque il diritto di parola di un senatore. Così l’insindacabilità dell’opinione di un rappresentante del popolo diventa sindacabile, anche se per interposta persona. Insomma, si condanna il direttore per condannare Jannuzzi. Chissà se questo metodo obliquo, che viola le prerogative di un membro del Parlamento, sarà oggetto di valutazione da parte di Gianfranco Fini e Renato Schifani, che del Parlamento sono i garanti massimi. Io credo che li riguardi da vicino, in quanto è loro preciso compito difendere le prerogative costituzionali di senatori e deputati, però, francamente, mi riesce difficile immaginare che abbiano la forza di censurarlo. Per quel che mi riguarda, sono a un bivio. Posso decidere di rinunciare a Lino Jannuzzi e alla sua rubrica, spesso oggetto di attacchi giudiziari delle toghe, così come a quella di Paolo Guzzanti, altro senatore della Repubblica. Posso insomma decidere di mettere il bavaglio a loro e anche a Panorama. Oppure di rischiare altre condanne oblique e quindi anche il carcere. Dal mio punto di vista, non ho dubbi. Continuerò a pubblicare Jannuzzi (che peraltro ora rischia quanto me, perché non è più parlamentare, ma almeno è protetto dallo scudo dell’età che gli evita il carcere) e anche Guzzanti. Mi mettano pure in galera. Continuino a condannarmi e ad arricchirsi con sentenze di autotutela (negli anni alcuni magistrati hanno accumulato milioni esentasse dicendosi vittime). Se devo finire dietro le sbarre pur di essere libero d’affermare che i giudici sono una casta che un giornalista non può criticare, nemmeno quando sbagliano, bene: sono pronto. Così mi riposo.
P.S. Non vorrei sembrarvi incosciente. Conosco il carcere per essere stato costretto a lavorarci per quasi un anno quand’ero militare. So del dolore causato dalla lontananza forzata dalle persone amiche e dalla propria casa. Non ignoro il disagio dovuto a una convivenza obbligata, che impedisce di godere di un po’ di solitudine. Ho cognizione del fastidio di stare in una cella in cui l’odore degli avanzi di cibo si mischia a quello di chi vi abita fino a incollarsi sulla pelle. Conosco insomma cosa prova un detenuto. Soprattutto se innocente.
venerdì, 8 agosto 2008

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: