Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« ... ALMENO QUESTO !A CHI SERVE PIU' LA RET... »

…e…voi…cosa ne pensate del Whistleblowing in Common law ?

Post n°1852 pubblicato il 28 Febbraio 2015 da vocedimegaride
 

da redazione

Traduzione in volgo : Delazione Anonima Legalizzata
A prescindere dal fatto che questa "novità"istituzionale è stata strombazzata persino nei tiggì nazionali quasi fosse un'iniziativa eroica di alto contenuto sociale ... ed invece è una vergogna che traccia ancor più il solco della diffidenza tra cittadini e pubblico impiego... ed ancor più ingiustamente favorisce la "guerra tra i poveri", dipendenti pubblici e privati, perfidamente scatenata per creare caos strumentale con le illazioni tra la diversa applicazione di pene e censure nei due ambiti ma con l'unico obiettivo di far passare quella porcata dei Job's Act...  depreco anche la terminologia impiegata nella comunicazione, fitta di inglesismi che non ci appartengono. Sarebbe possibile, in Italia, tornare ad adoperare l'alighiera lingua, per la quale, a scuola, ci hanno impegnati mello studio approfondito? 

Per il resto, il contenuto in se' del proclama richiama squallidamente il metodo TAVISTOCK degli americani ed i tristemente noti Manchiurian Kandidates o, per dirla all'italiana, gli squallidi pseudo-pentiti di mafia utilizzati in alcuni noti processi ad esponenti delle Forze dell'Ordine per i quali centinaia di rispettabilissimi ed autorevoli testi a favore furono sgominati dalle testimonianze di tre o quattro pendagli da forca...E' storia! Basta leggersi gli atti processuali, per chi coltiva l'hobby della criminologia o delle scienze forensi...
Senza ulteriormente divagare, il pomposo termine inglese che identifica la "novità" si potrebbe tradurre nel più semplice e volgare (inteso come "del volgo") PALLA AVVELENATA; un giuoco tutto italiano, abituati come siamo, noi italiani, a farci del male pure quando giochiamo... Cosa produrrà questa "novità" che vogliono farci passare per progresso etico e civile? Produrrà solo mobbing della peggiore specie, tra subalterni, specialmente tra quelli della ciurma impiegatizia dal profilo basso che eternamente cova rancore e odio per chi è migliore o semplicemente più qualificato o più brillante...
Se in programma c'era di distruggere definitivamente la Pubblica Amministrazione, il cui compito precipuo, tra bombardamenti di burocrazia e iniquità, è quello di seminare lo scompiglio e sollevare come  kamikaze votati al suicidio quel che resta di un Popolo affranto, stremato, disorientato...ebbene, ci sono riusciti! Il terrorismo degli yuppies di Stato adotta armi letali legalizzate più distruttive delle convenzionali dei terroristi; la bomba chimica sfrutta il gas letale prodotto dagli umori venefici della putrefazione di individui falliti. incapaci, letargici... il cui ultimo respiro esalato può essere solo quello della bieca vendetta personale; in quell'estremo zozzo momento il delatore per eccellenza crederà di poter aspirare al Whalalla degli eroi epici! Gli occhi del sordido moribondo si chiuderanno col suggello di un ghigno malefico impresso sull'eroico volto. 

Da chi proviene, poi, questa genialata amministrativa considerata letteralmente una "pratica" di servizio? Proviene dai vertici dell'Agenzia delle Entrate, sorta nel 2000, a distruzione avvenuta delle Intendenze di Finanza autorevolmente dipendenti dall'omonimo Ministero ovvero dallo Stato Italiano! Nessuno mai ha inteso far luce sulla paccottata di mazzette e beneficiari impiegati nello smembramento di un pezzo di Stato e nella relativa progressione geometrica di agenzie su tutto il Territorio... Il motto vincente, per tener buoni tutti, era che le Agenzie fossero al servizio del Cittadino e non dello Stato; invece, il cittadino l'ha solo "preso a quel servizio" perchè il caro vecchio organigramma degli spesati pubblici delle Intendenze, tra consulenti esterni, megadirettori, sottodirettori, servizi inutili e costosi, uffici-stampa, telematica, programmazione...annessi & connessi... è uno "status" nello Stato, lievitato oltremisura ad indici iperbolici di emolumenti a cranio. Pensare che da decenni il Ministero Finanze diceva di voler combattere l'evasione, di voler redistribuire il reddito...bla ..bla..bla..... invece, per l'Agenzia delle Entrate si sono inventati persino una legale Partita Iva, come se l'Agenzia fosse un imprenditore che produce manufatti o servizi del terziario...... Ciò è amorale non immorale!

Le mele marce esistono dappertutto, in ogni ambiente lavorativo pubblico e privato, nell'associazionismo, persino nelle eroiche onlus che vanno per la maggiore.. persino nelle parrocchie dove si prega Dio... Emarginarle, sulla base di prove certe e certificate raccolte,è compito dei diretti Superiori in coordinamento con le Forze dell'Ordine e la Giustizia; anche questo è un compito che dovrebbe giustificare gli elevati appannaggi dei Vertici di ogni Amministrazione. Non si può delegare, per pigrizia e ignavia, alla ciurma acefala e rancorosa l'utilizzo di un'arma letale, specie alle soglie di una Rivoluzione civile indotta per apatìa, inoculata come il vaccino pernicioso di una Multinazionale del Farmaco! Non si può! Vergogna!
I cittadini, quelli soliti monitorati, tracciati, perseguiti e perseguitati dal Fisco, che spesso hanno trovato civile accoglienza presso gli sportelli dell'Agenzia delle Entrate e consulenza adeguata da parte dei funzionari (e sono tanti!) preparati, onesti, votati al servizio pubblico dovranno rinunciare anche a questa umana, etica, predisposizione professionale dei tanti dipendenti pubblici che da questo momento si guarderanno bene le spalle dall'essere autodidatta, gentili, accoglienti, disponibili con gli utenti, per non incorrere nell'invidia patologica del collega sfigato e demotivato, con il risultato che i servizi offerti a quel pubblico che ogni tre mesi, agli sportelli, è burlescamente invitato a dichiarare anonimamente la "CUSTOMER SATISFACTION" (altra inutile e stupida prassi d'esercizio, per far contenti gli utenti considerati beoni), non saranno più spontaneamente offerti perchè pericolosi per la sopravvivenza ed incolumità del funzionario brillante e motivato!  
 Ricordiamoci che tra le tante peculiarità, noi italiani siamo perniciosamente individualisti ed egoisti. Prevedo cose tristi! TRISTISSIME!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/lavocedimegaride/trackback.php?msg=13133268

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
vocedimegaride
vocedimegaride il 04/04/15 alle 11:25 via WEB
NELL'INTRANET DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNO DEI VERTICI "AZIENDALI" (perchè è un'AZIENDA, con tanto di partita IVA!) S'E' PRESO LA BRIGA DI ILLUMINARE I DIPENDENTI CIRCA LA RECENTE SENTENZA DELLA CONSULTA CHE, DI FATTO, RISPEDISCE TRA I COMUNI MORTALI OVVERO LA CIURMA CIRCA 1200 DIRIGENTI SENZA TITOLO.SI E' BRILLANTEMENTE AGGIRATO L'OSTACOLO DEL PRIVATO/PUBBLICO LUDIBRIO, CONFERENDO MULTIPLI INCARICHI AD INTERIM, PER OGNI DIREZIONE REGIONALE E DIREZIONE PROVINCIALE, AI QUATTRO GATTI GIA' IN ORGANICO ED EFFETTIVI DIRIGENTI, SENZA CHE CIO'VENISSE A CONOSCENZA DEI POVERI CONTRIBUENTI, AL SERVIZIO DEI QUALI SORSERO LE AGENZIE FISCALI!!!... MA LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE TRA DIPENDENTI E VERTICI SULL'INTRANET AZIENDALE CONTINUA A PREDICARE PRINCIPI DI ETICA E, AL COLMO DEL MOMENTO TOPICO, SENZA PUDORE VERSO LA CIURMA IMPIEGATIZIA OPERATIVA NEGLI UFFICI E VERSO GLI IGNARI UTENTI SI MAGNIFICANO I RECENTI STRUMENTI LEGALIZZATI DELLA DELAZIONE ANONIMA TRA DIPENDENTI, CON TONI TRIONFALI.. GIUDICATE, VOI MEDI SENZIENTI: Il 25 febbraio scorso l’Agenzia ha introdotto l’uso del whistleblowing per la segnalazione interna di condotte illecite e comportamenti scorretti (direttiva prot. 27201). Cerchiamo di fare un bilancio di questa prima fase. Finora, sono pervenute in tutto 54 segnalazioni di cui: 42 tramite il sistema informatico dedicato; 12 tramite gli altri canali previsti (e-mail e posta ordinaria). Un altro dato che può ritenersi interessante è il numero di accessi alla home page dell’applicativo: circa 1.300 a ulteriore conferma dell’interesse suscitato dall’iniziativa. Di rilievo anche le oltre 1.800 visualizzazioni della “bacheca” delle segnalazioni. Durante questa prima fase, abbiamo potuto constare, in generale, un utilizzo appropriato e responsabile dell’istituto. Non sono pervenute, infatti, segnalazioni palesemente denigratorie od offensive; nella maggior parte dei casi si tratta di segnalazioni sufficientemente dettagliate, circostanziate e “pertinenti” che dimostrano una notevole maturità da parte dei nostri dipendenti nell’utilizzo della procedura. Per 18 segnalazioni è stato necessario richiedere ulteriori elementi integrativi, indispensabili per l’avvio della fase istruttoria, elementi che sono stati forniti, però, solo in 6 casi. Precisiamo che per la maggior parte delle segnalazioni, sono già state avviate le attività di approfondimento istruttorio, i cui esiti saranno resi noti ai segnalanti. Alla luce dei dati esaminati, in definitiva, l’avvio del whistleblowing in Agenzia può considerarsi sicuramente soddisfacente e in linea con quanto auspicato alla vigilia. Il vero successo dell’iniziativa, in effetti, potrà essere valutato appieno solo nel momento in cui maturerà, nei nostri dipendenti, una sempre più convinta consapevolezza che la collaborazione spontanea nell’attività di contrasto dei fenomeni corruttivi non può che costituire, come chiarito nella Direttiva, un momento di effettiva realizzazione del senso civico. ____ FORZA! UN APPLAUSO, SCHIAVI!
 
vocedimegaride
vocedimegaride il 10/04/15 alle 18:20 via WEB
L'illegittima nomina di 767 dirigenti dell'Agenzia delle Entrate genera dubbi che vanno risolti quanto prima di Alessandro De Nicola Ora che si è posata un po' della polvere sollevata dalla sentenza della Corte Costituzionale del 17 febbraio scorso (e depositata il 17 marzo) che ha dichiarato illegittima la nomina di 767 dirigenti dell'Agenzia delle Entrate in quanto avvenuta senza concorso, è bene porsi quattro semplici interrogativi da indirizzare al governo e alle forze politiche presenti in Parlamento. Primo quesito: gli atti firmati dai dirigenti rimossi dal loro ruolo sono annullabili? Che conseguenze può avere una tale illegittimità? In linea di massima, infatti, applicando dei semplici principi generali si potrebbe concludere che chi non ha il potere di firmare un atto ne inficia la validità. I pareri, invece, sono contrastanti. Alcune sentenze, riferendosi alla Pubblica Amministrazione in generale e non all'Agenzia delle Entrate, hanno stabilito che l'invalidità della nomina non rende nullo l'atto in quanto è sufficiente che esso sia riferibile all'ufficio che lo ha emanato. Secondo un altro orientamento, invece, l'atto potrebbe essere annullato purché impugnato entro i termini e si adduca quale motivo di illegittimità la nullità della nomina del soggetto che lo ha adottato. Molte sentenze, poi, tra cui una recente della Corte di Cassazione, adottano un ragionamento molto più lineare prevedendo che un avviso di accertamento è nullo se non reca la sottoscrizione del capo dell'ufficio o di altro dirigente. Ergo, se chi ha sottoscritto non è dirigente perché la sua nomina era illegittima, anche l'atto lo sarà. Anche i commentatori si sono divisi tra favorevoli all'annullamento e prudenti, come il noto tributarista Lupi il quale afferma che il vizio di nomina non avrebbe «effetti meccanici» sulla validità degli atti e potrebbe semmai essere un «elemento rafforzativo» di altri vizi.Non entriamo nel merito, ma notiamo che l'orgogliosa sicurezza con la quale la direttrice dell'Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi ha scoraggiato i contribuenti a fare ricorso perché sarebbero «soldi buttati», rischia di fare la medesima fine di quella dell'esercito austro-ungarico menzionata nel comunicato del 4 novembre del generale Diaz. È bene che i burocrati imparino a non emettere sentenze mediatiche prima dei giudici. Secondo quesito: chi paga? Ammettiamo pure che l'Erario non si trovi a dover restituire valanghe di soldi ai contribuenti. Tuttavia è certo che questo pasticcio crea notevoli danni che verranno sopportati dal contribuente: nuovi concorsi, ricorsi a non finire, disfunzionalità degli uffici. Il sottosegretario all'Economia Enrico Zanetti ha già ricordato come, invece che parlare di sanatorie, è bene cominciare a capire chi ha responsabilità amministrative e politiche di questo pastrocchio. Chi ha errato, paghi: i cittadini sono perseguiti con un certo zelo anche se sbagliano involontariamente, ci aspettiamo che non si facciano eccezioni per i funzionari pubblici. Terzo quesito: come rimpolpare i ranghi dirigenziali dell'Agenzia? E i maggiori stipendi percepiti dai non-dirigenti che fine faranno? Per favore ci si risparmi un tacon peso del buso (espressione veneta comprensibile a chiunque, immagino) quali proroghe o sanatorie camuffate: si indicano concorsi rapidi, scaglionati, per titoli ed esami e si riporti la legalità all'interno di quegli enti che sarebbero preposti a far rispettare il diritto. Quarto e ultimo quesito: non è ora di ripensare un po' alla struttura del nostro apparato fiscale? «Vaste programme» avrebbe detto De Gaulle. Però non è normale che in Francia, Germania, Gran Bretagna o Stati Uniti nessuno sappia il nome dei capi della burocrazia fiscale e da noi prima Befera e ora la Orlandi siano più conosciuti dei ministri. In altre parole, nonostante lo Statuto dei Contribuenti di cui viene fatto in continuazione strame, si ha l'impressione che l'Agenzia delle Entrate e annessi e connessi (Equitalia, Guardia di Finanza) siano diventati autoreferenziali e dettino la linea ai ministri. Non è raro che ad interrogazioni parlamentari rivolte al Mef si risponda con l'incipit «L'Agenzia delle Entrate riferisce quanto segue: ( )» senza alcuna valutazione del Ministero stesso. Eppure, dovrebbe essere il Mef il depositario dell'interpretazione delle norme fiscali e non l'Agenzia che è la controparte del contribuente (salvo poi che un giudice non trovi anche l'interpretazione del Ministero scorretta). E, d'altronde, l'intera vicenda della gestione delle nomine dirigenziali denota una libertà di manovra dell'Agenzia piuttosto elevata. Quindi, come suggerisce uno dei decani del diritto tributario italiano, Enrico De Mita, forse è il momento che vi si ripristini una guida politica chiara per supervisionare l'apparato delle entrate e assumersi le responsabilità politiche. Se non si vuole reintrodurre il Ministro delle Finanze, si nomini un vice ministro forte, competente e dedicato alla materia: ovviamente non per piegare le scelte tecniche dei funzionari a convenienze politiche, ma perché sia chiaro, come diceva il presidente Truman «dove finisce lo scaricabarile».
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: