Creato da liberante il 05/03/2005
Che anche nella più delirante delle fantasie il bianco su cui scrivo sia la mia verità.

IO

immagine

 

Ultimi commenti

Sei una persona speciale, forse non quella a cui mi...
Inviato da: liberante
il 03/06/2019 alle 12:21
 
Non se speciale o meno.. ma io, quel vasetto di margherite,...
Inviato da: di passaggio
il 03/06/2019 alle 06:51
 
...ah, scrivi... Ogni tanto. Un abbraccio. Rob.
Inviato da: Ruggero
il 30/12/2018 alle 01:34
 
Anche a me piaceva il tuo blog...titti
Inviato da: titti
il 16/12/2018 alle 17:15
 
Gentile Ospite, hai ragione. Le margherite ti guardano...
Inviato da: titti
il 16/12/2018 alle 17:13
 
 

Ultime visite al Blog

andre.ribesil_tempo_che_verraalea4dglUomopiricomariomancino.mla_locandaossimoraliberantetastoexploraditantestelleannisexantaCoulomb2003Narcyssedaunfiore
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 58
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 

Copyright ©

Creative Commons License
Questo/a opera č pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

 

« mezzanotte e un quartoventitrè e trentacinque »

ricordando un altro tempo

Post n°566 pubblicato il 31 Marzo 2013 da liberante
Foto di liberante

.

.

.

Romanzo popolare   

E' un film del 1974 diretto da Mario Monicelli. Il film è una delle migliori opere del regista; ironica e malinconica commedia, tende a trasformarsi in melodramma trattando temi quali il conflitto tra nord e sud, l'emancipazione femminile e le differenze sociali tra lavoratori e imprenditori.
Grazie al perfetto impianto scenografico di Lorenzo Baraldi, il film descrive efficacemente gli ambienti e il costume degli anni '70.
Giulio Basletti è un metalmeccanico milanese, fervente attivista sindacale e tifoso del Milan. Un giorno egli incontra Vincenzina, una ragazza diciassettenne cui era stato padrino battesimale in quanto figlia di un suo collega emigrante da Montecagnano, in provincia di Avellino e quindi venuta a vivere a Milano. Presto innamoratosi di lei decide di sposarla e da ciò nasce Francesco "Ciccio", per il quale Vincenzina resta in casa ad accudirlo.
A seguito di una manifestazione di piazza, un giovane poliziotto, Giovanni, resta ferito negli scontri ma per una serie fortuita di eventi diventa amico di Giulio e comincia a frequentarne la casa. Tra Giovanni e Vincenzina nasce inevitabilmente del feeling mentre Giulio è in Campania per un funerale di un parente di lei. Giulio intuisce tutto e dapprima cerca di controllarsi poi perde le staffe dopo aver ricevuto una lettera anonima in realtà scritta dallo stesso Giovanni, così caccia di casa moglie e bambino e tenta il suicidio. Cambiando idea Giulio decide di vendicare il proprio onore tentando di uccidere Giovanni mentre Vincenzina si è appena rifugiata in un pied à terre del poliziotto. Madre e figlio sono nascosti nel bagno e lì odono un battibecco tra i due dove ciascuno rivendica Vincenzina come "roba sua", così indignata decide di abbandonarli entrambi fuggendo dalla finestra per poter scegliere da sola il proprio avvenire.
Qualche anno dopo Giulio è in pensione, Vincenzina è capo reparto e membro del consiglio di fabbrica di un'industria d'abbigliamento, mentre Giovanni è stato trasferito in un'altra questura e ha sposato una ragazza del posto. Il finale lascia intendere una riconciliazione tra gli ex coniugi, attraverso un invito a pranzo. (da Wikipedia)

.

.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

DA LEGGERE

 

Antonio Gramsci "La Città Futura" (1917)   

 

" Odio gli indifferenti: credo come Federico Hebbel che “vivere vuol dire essere partigiani”. Non possono esistere i solamente uomini, gli estranei alla città. Chi vive veramente non può non essere cittadino, e partigiano. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. L’indifferenza è il peso morto della storia. E’ la palla di piombo per il rinnovatore, è la materia inerte in cui affogano spesso gli entusiasmi più splendenti, è la palude che circonda la vecchia città e la difende meglio delle mura più salde, meglio dei petti dei suoi guerrieri, perché inghiottisce nei suoi gorghi limosi gli assalitori, e li decima e li scoraggia e qualche volta li fa desistere dall’impresa “eroica”. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. ".......

..... continua qui  

 

Tag