Un blog creato da librodade il 26/01/2008

Canto XXXV - Inferno

Donne affette da Endometriosi

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

 

 
« STORIA DI MADDALENASTORIA DI TIZIANA »

STORIA DI MONIA

Post n°24 pubblicato il 26 Gennaio 2008 da librodade

18-12-07 Monia

Ciao,
sono Monia e l’endometriosi mi è stata diagnosticata il 12 settembre 2004 ..

la mia storia è simile a quella di molte di voi..c’e’ lo stesso dolore, la stessa sofferenza fisica e psicologica.
Vengo operata per due cisti di 6 e 8 cm sulle due ovaie e mi viene diagnosticata una endometriosi IV grado molto severa con complicazioni intestinali e renali..esco con terapia e decapeptyl da iniziare al ciclo successivo. Non ho fatto in tempo perché 15 giorni dopo rientro in ospedale con le ovaie di 12 e 10 cm..situazione al limite …vado nelle mani del primario e li’ comprendo realmente cosa significa endometriosi e quello che comporta..ma incontro anche la persona umana che tuttora mi segue…

Faccio alcune visite in centri specializzati (per sicurezza) che consigliano l’intervento solo se i sintomi peggiorano o se desidero una gravidanza attraverso una fivet..e inizia il mio percorso… Ho fatto diverse visite in centri specializzati per la fivet e comincio ad informarmi sull’adozione..si’ ..in parallelo perché dentro di me cercavo la risposta..la mia risposta...
Uscivo dai centri per la fivet demotivata mentre dagli incontri preliminari per l’adozione uscivo sempre con nuove domande per me e riuscivo a trovare la risposta..mi sentivo serena....
Ad un certo punto io e mio marito abbiamo scelto..di comune accordo, ci siamo arrivati con processi mentali diversi ma siamo arrivati insieme li’..allo stesso punto. Sarei stata una mamma di cuore non una di pancia..mi sentivo pronta, piena di paure ma pronta.

E piano piano la voglia del test positivo, del vestito pre-maman, del sentire crescere qualcuno nel ventre è andata in secondo piano…diventava importante per me trovare le risorse psicologiche ed affettive per accogliere mio figlio che sentivo essere da qualche parte nel mondo che mi aspettava, che aspettava me per essere finalmente un bambino, per poter piangere e ridere sicuro di non essere solo… Ho concluso il capitolo fecondazione senza neanche iniziarlo e ho cominciato quella che chiamo la mia gravidanza di testa e cuore, fatta di strane scartoffie, di colloqui con psicologi e assistenti sociali..fatta di libri per comprendere quello che mi aspetta, per prepararmi all’incognita…devo dire che ho incontrato persone disponibili e molto garbate…le difficoltà ci sono state e ci sono stati momenti in cui credevo che non sarei mai diventata mamma..pensavo che non avrei retto.. mi facevo tutte le domande che si fanno in molti sull’adozione ma poi ho capito che la differenza è solo nel modo in cui arriva il bambino poi il resto lo costruisci giorno dopo giorno… le incognite sono le stesse..non si possiede nessuno, tanto meno i figli..loro attraverso te creano il loro destino ma sono loro i protagonisti..tu li devi accompagnare nel migliore dei modi e senza sapere come andrà..allora in questo cosa rende me diversa dalle mamme biologiche??? Io so che mia figlia aveva una mamma biologica che non era in grado di fare la mamma perché partorire non significa automaticamente essere genitori.. Non mi spaventano le domande di mia figlia perché le darò le risposte, quelle che potro’ dare..forse non saranno sempre quelle giuste ma saranno risposte e i bimbi hanno bisogno di risposte per capire, per creare la loro identità..Mia figlia saprà che c’era una donna che l’ha partorita ma che non sapeva fare la mamma, che non sapeva farle le coccole e baciarla quando piangeva..non era cattiva e lei non si dovrà mai vergognare, semplicemente non sapeva amarla come la sua mamma Monia che non avrebbe potuto volere una bambina diversa da lei… Forse vi sembrero’ patetica, ma oggi ricordo a fatica l’ansia del percorso adottivo, le paure e i timori…oggi mi sento completa e piu’ serena anche con “l’opzional “ dell’endometriosi che non scompare, è sempre li’ ma oggi ho un motivo in piu’ per cercare di stare bene, un motivo in piu’ per non arrendermi allo sconforto..

Ogni tanto sento cose che non condivido in merito all'adozione e mi piace puntualizzare che:
1. adottare non è “comprare”. Vengono sostenute spese di assistenza legale e gestione pratiche nel paese straniero (in fondo come si paga l'assistenza medica nelle PMA private). Le spese per adozione sono monitorate, certificate e detraibili fiscalmente (convenzione dell’aia)....se sentite cifre da leggenda metropolitana significa che qualcosa non è stato fatto correttamente ed in questo è fondamentale il nostro ruolo nella scelta dell’ente e dei paesi in cui opera…

2. io non mi sento mamma di serie B, sono semplicemente una mamma, cosi’
come mia figlia non è figlia adottiva è semplicemente figlia.

Mia figlia è nata il 12 settembre 2004….
Monia
 

Voi ci credete ai casi della vita?
Mentre Monia  il 12 settembre 2004 scopriva di avere l'endometriosi, dall'altra parte del mondo, lo stesso giorno, nasceva sua figlia.
Ho conosciuto Monia e la piccola Sarita sabato mattina al Convegno di Sassuolo e devo dire, il mio cuore è rimasto con quella piccola, bellissima bambina che appena ti vede ti butta le braccia al collo per abbracciarti forte.
Grazie Monia per averci raccontato che si può essere mamme in tanti modi. Credo che la tua esperienza farà riflettere tutte noi.
Veronica

 

Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 
 
 
 
 

IN QUESTO MOMENTO SIAMO IN

web stats