lisondria

il sole risplende per tutti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: M4ri0
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 51
Prov: AL
 

AREA PERSONALE

 

CHI SONO..

mariosimona@hotmail.com per msn msg
 

FACEBOOK

 
 

FORTUNAM CRIMINIS PUDEAT SUI

si vergogni la fortuna del suo delitto... cioè di essere favorevole ai malvagi e contraria ai buoni.
si vede che ai tempi del poeta Fedro la fortuna faceva gli stessi scherzi che ai nostri giorni.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

TAG

 

 

« Bella matribus detestata OrazioI luoghi comuni ...sono ... »

Preparàti alla guerra in difesa della pace

Post n°24 pubblicato il 16 Giugno 2007 da M4ri0

se vuoi la pace, prepara la guerra. l a sentenza, citata sotto varie forme da Vegezio a da altri scrittori, significa che per reggere uno stato occorre una politica energica e virile.
orazio nella sua terza satira descrive che

Quando sulla terra dei primordi strisciarono fuori gli "animali", gregge senza parola e bellezza, per ghiande e tane combattevano con le unghie e coi pugni, poi coi bastoni, e così di seguito con le armi che l'esperienza aveva fabbricato, finchè trovarono le parole ed i nomi, con cui individuare suoni e significati.
Da qui in avanti, cominciarono a desistere dalla guerra e si diedero a fortificare i villaggi, a stabilire leggi che uno non fosse ladro o brigante o adultero.
Anche prima di Elena infatti la fica fu la causa più spaventosa di guerre, ma di morte ignota perirono coloro che, alla maniera delle fiere, si prendevano una venere incerta: uno più forte di loro li uccideva.
Che il diritto fu inventato per paura del sopruso, devi per forza ammetterlo, se ti va di svolgere a ritroso i tempi e il calendario del mondo.
E non può essere la natura a separare l'ingiusto dal giusto, così come divide i beni dai loro contrari, ciò che è da fuggire da ciò che che va ricercato, nè il ragionamento potrà dimostrare che siano uguali, per quantità e qualità, la colpa di chi ha spezzato i cavoli ancora teneri nell'orto altrui e quelli di chi nottetempo, ha fatto man bassa dei sacri arredi degli dei.
Ci sia una regola, che irroghi pene commisurate alle colpe....

ma nell'applicazione della legge occorre equità. Cicerone scrive: eccesso di giustizia, eccesso d' ingiustizia.
Quando l'applicazione delle leggi è eccessivamente severa, non si ha più un freno e un castigo salutare, ma un'ingiustizia che può giungere alla prepotenza o alla tirannia.

... sotto un crudele impero
troppo mai no si tace.
Un sogno, un ombra
passa per fallo e si punisce;
è incerta d'ogni amico la fè;
le strade, i tempi,
le messe istesse, i talami non sono dall'insidie sicuri;
ovunque vassi
vi è ragion di tremar: parlano i sassi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: M4ri0
Data di creazione: 18/05/2007
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIME VISITE AL BLOG

jadesomikzazelvira_genoveserobyrubeatrice.sturzogiulialombattipucci15memediegoPersa_nella_RetegiulianoalunniDIAMANTE.ARCOBALENOgiannotti43xaymacaaathestrange86paolocuzziol
 

ULTIMI COMMENTI

 

<a href="http://bioetiche.blogspot.com/search/label/Abbecedario%20%28per%20i%20politici%29"><img border="0" alt="Abbecedario di Bioetica" src="http://4.bp.blogspot.com/_PXkVJ4XfoxU/R8VLNZHv0jI/AAAAAAAABHY/urMx9_jEYyE/s320/Immagine+12.png"/></a>