lisondria

il sole risplende per tutti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: M4ri0
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 51
Prov: AL
 

AREA PERSONALE

 

CHI SONO..

mariosimona@hotmail.com per msn msg
 

FACEBOOK

 
 

FORTUNAM CRIMINIS PUDEAT SUI

si vergogni la fortuna del suo delitto... cioè di essere favorevole ai malvagi e contraria ai buoni.
si vede che ai tempi del poeta Fedro la fortuna faceva gli stessi scherzi che ai nostri giorni.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

TAG

 

 

idem velle e ite nolle...

Post n°34 pubblicato il 22 Maggio 2009 da M4ri0
 
Foto di M4ri0

volere e non volere le stesse cose... definizione proverbiale dell'amicizia fatta da Cicerone: Che rapporto ci deve essere fra ragione e sentimento nella scelta degli amici? Probabilmente il sentimentalismo mina una amicizia profonda... la scelta deve essere inizialmente ragionevole. Quello che si aspetta da un vero amico è la fedeltà e la confidenza assoluta.. al quale si può dire tutto senza il rischio che venga sbandierato ai quattro venti. Chi è per natura irascibile, mentitore, diffidente e chi è troppo loquace deve liberarsi dal proprio difetto. L'amicizia richiede impegno nella fiducia data.. non è solo attrazione per virtù naturali le quali illudono la speranza e idealizzano l'amicizia in chi non ha le doti per esserlo.

 

 
 
 

lo diceva spinoza...

Post n°31 pubblicato il 09 Agosto 2007 da M4ri0

 la democrazia è la forma più ragionevole poichè in essa ognuno sottomette al controllo delle autorità le sue azioni, ma non il suo giudizio e la sua ragione; e la voce di maggioranza ha forza di legge, dato che non tutti possono pensare allo stesso modo.
il difetto della democrazia è la sua tendenza a mettere la mediocrità al potere... e non v'è modo di evitare questo inconveniente, se non limitando gli uffici pubblici alle persone di "ben preparata capacità".
il numero, in sè,non può produrre saggezza e può riserbare, invece, ingiusti favori, in fatto di cariche ai massimi adulatori.
"la disposizione della moltitudine alla volubilità... fa disperare  coloro che la conoscono per esperienza..... perchè la democrazia è governata  solo da "emozioni" e non dalla ragione.
e si... il governo democratico diventa una processione di demagoghi, che passeranno in breve alle massime cariche, e le persone degne aborriscono ad entrare in liste che devono essere giudicate ratificate dai loro inferioriri petto alle loro capacità specialistiche e la loro intelligenza.
la democrazia deve risolvere ancora il problema di mettere in linea le migliori energie individuali pur dando a tutti ugualmente il potere di scegliere tra i più preparati e adatti dai quali si desidera essere governata.... e non da chi sa solo promettere e lavora per tentativi non troppo ragionati con la giusta preparazione.

purtroppo il genio di Spinoza prima di far luce sul problema centrale della politica moderna, muore e lascia imcompleto il suo pensiero.

 
 
 

Post N° 29

Post n°29 pubblicato il 26 Luglio 2007 da M4ri0

in nome degli ideali l'uomo difende i propri interessi

 
 
 

Nulla di nuovo sotto il sole

Post n°28 pubblicato il 21 Luglio 2007 da M4ri0

Nihil sub sole novum...  sulla terra tutte le vicende, liete e tristi  si ripetono.


.... il mondo...
varia così le sue vicende,
e sempre all'evento felice
il reo succede.
(Metastasio, Issipide)   

.... talora...
                  nasce lucido il dì da fosca aurora            
(Demetrio

....varia è la sorte, volubile e leggera:
quel che veste il mattin spoglia la sera.
(Don Chisciotte
 

 
 
 

Ciascuno è vittima delle proprie illusioni (Seneca)

Post n°26 pubblicato il 22 Giugno 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

...e vuol dimenticare che la natura non ha preso impegni con nessuno.
Non è ingiustizia ma stortura della mente umana, di chi non si rassegna ad uscire da d ove è entrato provvisoriamente.
l'ora del destino varia da uomo a uomo ma non tralascia nessuno.. noti e meno noti.
godiamoci tutto quel che ci sarà dato.
la fine non è la stessa per tutti... chi è abbandonato a mezza strada, chi proprio all'inizio, chi carico d'anni non ha più forza ne voglia.....
resisti alla comune sventura... il volto benigno della fortuna può mostrarsi in ogni momento...
un grande uomo disse di suo figlio: quando l'ho messo al mondo, sapevo che sarebbe morto... e l'ho allevato per questo.

 
 
 

I luoghi comuni ...sono sempre i più affollati

Post n°25 pubblicato il 19 Giugno 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

......

 
 
 

Preparàti alla guerra in difesa della pace

Post n°24 pubblicato il 16 Giugno 2007 da M4ri0

se vuoi la pace, prepara la guerra. l a sentenza, citata sotto varie forme da Vegezio a da altri scrittori, significa che per reggere uno stato occorre una politica energica e virile.
orazio nella sua terza satira descrive che

Quando sulla terra dei primordi strisciarono fuori gli "animali", gregge senza parola e bellezza, per ghiande e tane combattevano con le unghie e coi pugni, poi coi bastoni, e così di seguito con le armi che l'esperienza aveva fabbricato, finchè trovarono le parole ed i nomi, con cui individuare suoni e significati.
Da qui in avanti, cominciarono a desistere dalla guerra e si diedero a fortificare i villaggi, a stabilire leggi che uno non fosse ladro o brigante o adultero.
Anche prima di Elena infatti la fica fu la causa più spaventosa di guerre, ma di morte ignota perirono coloro che, alla maniera delle fiere, si prendevano una venere incerta: uno più forte di loro li uccideva.
Che il diritto fu inventato per paura del sopruso, devi per forza ammetterlo, se ti va di svolgere a ritroso i tempi e il calendario del mondo.
E non può essere la natura a separare l'ingiusto dal giusto, così come divide i beni dai loro contrari, ciò che è da fuggire da ciò che che va ricercato, nè il ragionamento potrà dimostrare che siano uguali, per quantità e qualità, la colpa di chi ha spezzato i cavoli ancora teneri nell'orto altrui e quelli di chi nottetempo, ha fatto man bassa dei sacri arredi degli dei.
Ci sia una regola, che irroghi pene commisurate alle colpe....

ma nell'applicazione della legge occorre equità. Cicerone scrive: eccesso di giustizia, eccesso d' ingiustizia.
Quando l'applicazione delle leggi è eccessivamente severa, non si ha più un freno e un castigo salutare, ma un'ingiustizia che può giungere alla prepotenza o alla tirannia.

... sotto un crudele impero
troppo mai no si tace.
Un sogno, un ombra
passa per fallo e si punisce;
è incerta d'ogni amico la fè;
le strade, i tempi,
le messe istesse, i talami non sono dall'insidie sicuri;
ovunque vassi
vi è ragion di tremar: parlano i sassi.

 
 
 

Bella matribus detestata Orazio

Post n°23 pubblicato il 14 Giugno 2007 da M4ri0

Le guerre che sono detestate dalle madri - frase che sintetizza tutti gli orrori della guerra.
In altri termini la sentenza esprime l'eterno desiderio dei popoli per la pace, la quale e la vera fattricedella civiltà s del progresso.
In questo senso vanno letti i versi di Graf:

...Pace decrepito mondo!
A che, in cospetto de' celi,
le stolte gare crudeli,
l'amaro crucio infecondo?

Decrepito mondo, pace!
A che, di fronte alla morte,
le arti subdole e corte,
la cupidigia verace?

Pace! Nel gorgo degli anni
tutto sprofonda e disviene,
gioie, rammarichi, pene,
speranze, timori, inganni.

Pace! doman fia l'oscena
tua storia, storia remota;
ecco, d'attori è gioia vota
l'abominosa tua scena

Pace! I tuoi vivi di ieri
son oggi polere e ombra:
la solitudine è ingombra
di ruderi e cimiteri.

E dove infierì Massenzio,
dove Sacùntala pianse,
dove il gran Corso s'infranse,
regna equo nume, il silenzio ..pace!

 
 
 

Ipocrisia (dedicato a http://spazio.libero.it/Miss.Shapes/ )

Post n°22 pubblicato il 11 Giugno 2007 da M4ri0

Ipocrisia... molte persone hanno la capacità di giudicare ipocrite altre persone solo perché non
capiscono come è possibile pensare e vedere le cose diversamente da loro.
Oppure per far sembrare che la loro
cognizione è più alta e sostengono per lo stesso motivo, che si cerca
di fare della morale dove non serve, i così detti: falsi
moralismi.
Ma quali sono quelli veri?
C'è una ragione universale per fare della morale comune, comunque giusta?
Mi è successo di vedere
un'immagine di una bella macchina in un blog... bella davvero e
desiderabile ma, il titolo che precedeva questa è: un lusso
sfrenato.

Non sono molto capace a leggere quel che non è scritto... e interpreto come :
lusso smodato, esagerato, senza freno, senza ritegno, eccessivo.... ;
capisco quel che è scritto come un commento negativo
dell'autore al lusso.
Non riesco a leggere nella mente, quindi ....io
ed un altro, commentiamo per quel che si capisce dalla combinazione
titolo e immagine.
Scrivo un motto antico che la dice lunga su chi
preferisce il bello all'utile.
Passo per
ipocrita, perchè non condivido il piacere che ha l'autore delle cose
belle e eccessivamente lussuose, quindi faccio falsi moralismi, e in più non capendo
l'errore fatto con il titolo prende la frase come un attacco
personale e mi scrive in modo da darmi più o meno del
maleducato.
Ritorno all'argomento del blog e commento il giudizio che mi è stato
fatto, e poi ritorno per spiegare, con due piccoli messaggi, il suo errore dimostrando la buona fede di entrambi nell'intendersi male.
Mi ha cancellato i messaggi per non dover loro rispondere o per non saperlo fare, evitando così le dovute scuse e spiegare quali erano le sue vere
intenzioni nel postare quell'immagine.
Il gesto non l'ho gradito, ero aperto a qualsiasi scenario, a questo no. Come se mi
tappassero la bocca perché non dimostrassi le ragione del mio pensiero e gli errori che hanno scatenato la discussione.
Bhè.. questo è un gesto da ipocrita.
È inutile cercare insultare e scrivere frasi ad effetto come se si è detentori  esclusivi della verità... e poi ci si nasconde per non saper spiegare i fatti
Ipocrita :
dal greco hipokritès, originariamente significava attore,
ossia colui che sulla scena deve simulare un personaggio diverso da
quello che realmente è. In questo senso, capita a tutti di
essere ipocriti, a volte anche per necessità....

 

 
 
 

Guai a staccarsi dal presente

Post n°21 pubblicato il 09 Giugno 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

E' impossibile pensare di stare bene e di curare gli sbalzi di umore ignorando la natura che è dentro è fuori di noi. Quanto più ci allontaniamo dalla natura infatti, tanto più perdiamo l'abitudine di osservarla, di sentirci parte di essa, tanto più la nostra linfa vitale si indebolisce.
I rimedio più naturale per il nostro umore ? E' il sole, lo sanno bene le donne che amano la tintarella.
Ho letto che in paesi come la Finlandia, Svezia.... dove, in inverno la luce solare è molto scarsa, la popolazione è più sogggetta alla depressione.
Sulla mia pelle e non solo..... trovo benefici passare del tempo all'aria aperta, facendo lunghe passeggiate... nel verde. mi guardo intorno, e sono attratto istintivamente dagli odori e dai colori .
Improvvisamente sono più sereno e... vivo meglio il presente.
Non è facile essere allegri e per uscire dal gorgo della depressione la parola d'ordine è naturalezza e natura. Si deve mettere al bando una vita sociale forzata che non migliora la nostra condizione psicologica. Importante è seguire i consigli che ci vengono dal cuore non dalla testa.
Spesso ci si fossilizza identificandoci nel nostro disagio. Ci si crogiola sempre nelle medesime riflessioni, a rimpiangere il passato, o a cercare di razionalizzare una situazioneche ci fa soffrire per giustificare ai nostri stessi occhi il dolore.
Ma capire non serve a nulla, non basta certo a mutare gli eventi che ci hanno fatto soffrire. Tanto più che, spesso, l'inizio della depressione si lega a un evento già passato e, come tale, immutabile. in questo modo ci allontaniamo dal presente, l'unico tempo che ci sia dato di vivere veramente.
Legare ad una sola persona o una situazione, la nostra realizzazione è limitante e sbagliato e può farci cadere nell'abisso più nero. C'è un detto che dice tutto è utile niente è indispensabile.


 
 
 

Mens sana in corpore sano

Post n°20 pubblicato il 09 Giugno 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

Anima sana in corpo sano (Giovenale,Satire) - nell'intenzione del poeta, l'uomo non dovrebbe aspirare che a questi due beni: sanità dell'anima e del corpo.
ma nel liguaggio "volgare" e nell'uso quotidiano, si attribuisce alla frase il senso di mente invece che disposizione dell'animo, cioè per avere integre e pronte le facoltà della mente, bisogna aver sane anche quelle fisiche.

 
 
 

Non fidarti troppo del colore

Post n°19 pubblicato il 08 Giugno 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

non bisogna credere alla prima impressione, alle apparenze, quindi è necessario andar con prudenza nel giudicare, perchè:

.....il tempo, il luogo
cangia aspetto alle cose.
Un'opra istessa è delitto, è virtù,
se vario il punto d'onde si mira.
Il più sicuro è sempre
il giudice più tardo,
e s'inganna chi crede al primo sguardo

insomma,non è tutto oro quel che fa luce

 
 
 

Ciascuno sia speranza di se stesso

Post n°18 pubblicato il 05 Giugno 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

ognuno confidi nelle proprie forze, nei propri mezzi... la fiducia negli aiuti degli amici e parenti troppo spesso resta delusa.
per questo il buon senso popolare ha coniato molti proverbi sulla disillusione della speranza: chi fa da se fa per tre; quante speranze se ne porta il vento; miser chi speme in cosa mortal pone ............

 
 
 

Nolo acerbam sumere

Post n°16 pubblicato il 03 Giugno 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

nondum matura est... non è matura, non voglio prenderla acerba.... chi conosce la popolare favoletta della volpe e dell'uva?
Ma quante altre piccole o grandi volpi adottano lo stesso strtagemma per rinunciare generosamente (!) a cose a cui, con le loro forze, non possono giungere!
ne conoscete qualcuna?

 
 
 

affrettati lentamente..

Post n°15 pubblicato il 31 Maggio 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

 festina lente....è un motto che sembra un paradosso, perchè in se antistetico, mentre esprime una grande verità, cioè: chi vuol arrivare a una grande meta non deve agire precipitosamente, con agitazione e tumulto, ma con ponderazione e prudenza, che conducono più facilmente e più celeramente allo scopo.
un proverbio simile è: chi va  piano, va sano e lontano. purchè la lentezza nel deliberare non degeneri in accidia o pigrizia nell'operare.


.....al risolver
è virtù la lentezza
...ma è vizio all'eseguir

 
 
 

l'apparenza...

Post n°14 pubblicato il 29 Maggio 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

discorrendo e commentando dei messaggi sulle qualità delle persone... mi è saltato alla mente questo acuto pensiero di Fedro

Luomo astuto quando si trova in qualche pericolo, suole uscirne con danno degli altri

il Rigutini in rima lo traduce così

"... quando lo scaltro in un periglio incappa,
sempre col danno di un minchion ne scappa.."

spesso...direi ormai si giudica così il mondo... è la triste storia che l'abito non fa il monaco ne la corda l'impiccato
Siamo ingannati dall'apparenza del bene... e scioccamente abbiamo poche parole per quelli che difficilmente possono farci del male, i mediocri, che riteniamo poco interessanti e incapaci di donare alcunchè, perchè le cose comuni non fanno impressione, anche per la sola amicizia ...e adoriamo chi potenzialmente ci può portare in rovina, affascinati dalla bellezza, dal modus vivendi, da alcuni aspetti del carettere , l'intelligenza, ecc., crediamo nel sentimento e scommettiamo nel sogno.. ma giustamente direi... però a volte... chi non è obiettivo, razionale e vive di sola ambizione....si fa più fregare
chi è meglio? credo non bisogna esluderci nessuno che non sia un criminale... forse
Nel consenso oraziano di Mediocrità Aurea il significato è che la condizione media , è pegno di tranquillità, e dev'essere preferita ad ogni altra cosa perchè a voli tropo alti e repentini il precipitare è fatale.
Dante invece condanna ....l'anime triste di coloro che visser senza infamia ne lodo....
il problema e che tutti vogliono sembrare speciali, si atteggiano, lo vogliono credere, molti imitano l'essere qualcuno, qualcuno che ha successo in generale...
ma non si può essere attori per sempre, e se l'apparenza ci ha ingannato, ad un certo punto ci troviamo vicino a persone sconosciute, che spesso ci deludono pechè hanno nascosto il peggio facendo credere di avere virtù non proprie...

 
 
 

la vita non è facile ... a volte basta un complice...

Post n°13 pubblicato il 28 Maggio 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

e tutto è già più semplice.... tratto dal testo di una cazone che lascio a voi indovinare.
la riflessione stà nella nostra continua ricerca di un complice che come dice la canzone non pretenda di essere il migliore.
 qualcuno che ci aiuti a soppravvivere alla noia, che sia capace a sostenerci e a far vedere le cose anche in un altro modo.
semplice, di compagnia, che ci permetta quella pazzia che aiuta a sopportare i vuoti di cui la natura ha orrore e che rendono ognuno mai completamente soddisfatto della propria condizione.
probabilmente, anche quel che faccio adesso ha questo motivo...
immagine

 
 
 

l'amore egoista...

Post n°11 pubblicato il 26 Maggio 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

ci si sente altruisti nell'amore, nel modo di cercare vantaggi ad un altro essere. l'idea d'altruismo sta nel nostro rinunciare per far piacere all'altro. nello stesso tempo si vuol possedere, averne l'esclusiva.
Beniamino Constant afferma che l'amore è il più egoista di tutti i sentimenti, e quindi, quand'è ferito, è il meno generoso.
sembra essere tutto in relazione dell' attrazione sessuale che sceglie il compagno per procreare e perpetuare la razza, quindi l'essenziale è il possesso non è la reciprocità.

Schopenhauer sostiene che... la profonda coscienza con la quale consideriamo ed esaminiamo ogni parte del corpo ...la critica scrupolosa con cui guardiamo la donna che comincia a piacerci... qui l'individuo agisce incosciamente, per ordine di qualche cosa che sta sopra di lui ...poi perde di attrattiva per l'individuo dell'altro sesso, secondo che egli o ella è lontano dal periodo più atto alla procreazione.
la gioventù senza bellezza ha sempre qualche attrattiva... la bellezza senza gioventù non ne ha più....
non sembra che la natura si dia pensiero se i genitori saranno dopo felici per sempre....

 
 
 

le poesie non danno il pane

Post n°10 pubblicato il 26 Maggio 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

pochissimi in vita ne hanno fruttato sostegno, cioè l'agiatezza e tanto meno la ricchezza.
Parini esprime nell'ode Educazione:

....ma chi diè liberale, essere ai sacri spiriti?
fuor che la cetra loro
non venne altro tesoro...

Anche l'Ariosto afferma che le sue poesie non gli hanno certo conferita la ricchezza...
...Apollo, tua mercè, tua mercè,
santo collegio delle Muse,
io non possiedo tanto per voi chio possa
farmi un manto...

infine un grazioso epigramma ribadisce la sentenza ...
...Morì di fame Omero; alle sue spese
vivea con lusso un traduttore inglese...

 
 
 

In vino veritas

Post n°9 pubblicato il 26 Maggio 2007 da M4ri0
Foto di M4ri0

nel vino sta la verità... tante cose che un uomo sobrio sa tenere segrete, un uomo brillo facilmente le propaga ai quattro venti; è in questo senso che va accettato il proverbio. l'imparò a sue spese Renzo tramaglino, prima di essere arrestato diceva al notaio: "...ieri sera veramente ero un pò allegro... questi osti alle volte hanno certi vini traditori e alle volte, come dico, si sa, quando il vino è giù, è lui che  parla...."

E così hanno deto del vino...:

 Pasteur
 c'è più filosofia in una bottiglia di vino che in tutti i libri.
Dante
 Guarda il calor del sole che si fa vino, giunto all'umor che dalla vite cola.
 Galileo
altro il vino non è se non la luce  del sole mescolata con l'umido della vite.
Orazio
 filtra i vini e poichè è breve lo spazio non guardare lontano, mentre parliamo già fugge e quanto meno pensa al futuro.
 Plutarco
il vino ha il pregio di far parlare liberamente e francamente e di far dire la verità.
Boilleau
 chi non sa bere non sa nulla.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: M4ri0
Data di creazione: 18/05/2007
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIME VISITE AL BLOG

jadesomikzazelvira_genoveserobyrubeatrice.sturzogiulialombattipucci15memediegoPersa_nella_RetegiulianoalunniDIAMANTE.ARCOBALENOgiannotti43xaymacaaathestrange86paolocuzziol
 

ULTIMI COMMENTI

 

<a href="http://bioetiche.blogspot.com/search/label/Abbecedario%20%28per%20i%20politici%29"><img border="0" alt="Abbecedario di Bioetica" src="http://4.bp.blogspot.com/_PXkVJ4XfoxU/R8VLNZHv0jI/AAAAAAAABHY/urMx9_jEYyE/s320/Immagine+12.png"/></a>