Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« La CIA e l’FBI contro gl...La storia, malata grave ... »

Campagna elettorale alle ultime battute, ma chi l’ha vista? E chi andrà veramente a votare?

Post n°2033 pubblicato il 28 Febbraio 2018 da massimocoppa
 

CAMPAGNA ELETTORALE ALLE ULTIME BATTUTE, MA CHI L’HA VISTA? E CHI ANDRA’ VERAMENTE A VOTARE?

La campagna elettorale per le elezioni legislative è alle ultime battute.

Ho detto “campagna elettorale”? Ma perché, c’è stata una campagna elettorale? Qualcuno se ne è accorto?

Sull’argomento, in tutta onestà, non sono lucido, perché ho maturato un rigetto verso tutti gli attuali protagonisti della scena politica (vecchi, nuovi e seminuovi) che mi porta a chiudere occhi e orecchie di fronte al teatrino politico interno degli ultimi trenta giorni e che, forse, per la prima volta in vita mia mi condurrà a disertare le urne.

Non mi sta bene nessun politico (di professione o prestato) attualmente in circolazione: per ognuno ho una sfilza di riserve e di critiche (a ragion veduta) da riservargli. Non mi viene di scegliere nessuno, nemmeno “turandomi il naso” alla Indro Montanelli.

Tuttavia, al di là di questo mio (credo giustificato e diffuso) atteggiamento mentale attuale, non mi sembra che la campagna elettorale sia stata scoppiettante, ma nemmeno interessante. Una cosa è certa: nell’epoca dei social network e del 3.0 la campagna classica è morta. Qualcuno ha ascoltato un comizio in piazza? Credo praticamente nessuno.

Non ne parliamo di confronti in tv: tutti a fuggire, tutti convinti che ormai non serva a vincere le elezioni.

Persino di manifesti se ne vedono pochissimi.

Di politica non sento parlare da nessuna parte: non se ne parla in famiglia, né al lavoro, ma nemmeno al bar.

Insomma, diciamo la verità: queste elezioni non interessano a nessuno. Credo che l’astensionismo si confermerà primo partito, ma stavolta avrà dimensioni enormi. L’annuncio (dato praticamente da tutti) che dalle urne non emergerà una maggioranza certa ha raffreddato ancor di più i già tiepidi entusiasmi… Non aiuta nemmeno il sistema elettorale varato per l’occasione: un guazzabuglio ibrido (come al solito) che porta problemi anche pratici; il rischio di farsi annullare la scheda è altissimo.

Però bisogna anche considerare una cosa: il potere vuole proprio che diventiamo apatici e non andiamo a votare, anticamera del non disturbare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog