Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« L’“AMICA GENIALE” E QUEL..."La faccia oscura della... »

Morgan, il vip che insulta i lavoratori

Post n°2068 pubblicato il 26 Giugno 2019 da massimocoppa
 

MORGAN, IL VIP CHE INSULTA I LAVORATORI

Ieri è stato eseguito lo sfratto del cantante Morgan dalla sua casa di Monza: l’abitazione è stata pignorata a causa di debiti accumulati per non aver pagato gli alimenti all’ex moglie Asia Argento (ed alla loro figliola), oltre che ad un’altra ex.

Sono brutti momenti che, ovviamente, dalle “vittime” vengono vissuti come un’ingiustizia.

Tuttavia non è giusto il fiume di contumelie che il cantante ha vomitato contro l’ufficiale giudiziario venuto ad eseguire lo sfratto e contro gli agenti di polizia che l’accompagnavano: tutte persone che non c’entrano niente in questa triste vicenda e che stavano solo facendo il loro lavoro, in cambio di uno stipendio molto probabilmente assai modesto.

Sul sito Internet di “Repubblica” è apparso un filmato, sottotitolato, che documenta la violenza verbale di Morgan, il quale si atteggia a vittima ed a martire della libertà: “Boia, faccia da sbirro, analfabeti, ridicoli, facce di gente che ha preso sempre cinque a scuola”, sono alcune delle sue espressioni riservate agli esecutori dello sfratto. E dopo, ai giornalisti, ha dichiarato che lui ha usato le armi della parola, declamando ai poliziotti sonetti di Shakespeare e loro, per reazione, hanno portato la mano alla pistola: due circostanze a dir poco inverosimili (i sonetti da Morgan e la reazione eccessiva dei poliziotti).

Mi sento molto vicino agli agenti ed al personale del Tribunale, veri proletari che, per campare, devono sorbirsi le ingiurie di Morgan, un vip che si sente in diritto di offendere dei lavoratori per attirare su di sé compassione.

Non siamo in una dittatura (non ancora, almeno), non c’è nessun arbitrio dietro il provvedimento di sfratto, ma il culmine di una lunghissima procedura giudiziaria e fiscale dove il cantante ha avuto tutte le possibilità di difendersi, e dove sono state rispettate le norme ed i regolamenti, per quanto triste sia stato l’epilogo.

La polizia, poi, come si dice dalle mie parti, “dove vede e dove ceca”: fosse stato un povero cristo, di fronte a questa reazione avrebbe reagito come minimo con una denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale. Invece, nessuna reazione. Perché? Perché si tratta di un cantante “famoso”?

Il sindacato nazionale dei poliziotti non ha niente da dire su questa vergognosa circostanza che vede degli operatori mortificati gratuitamente?

Nel filmato si vede l’immagine di un giovane, probabilmente un poliziotto in borghese, evidentemente amareggiato per il boccone amaro che ha dovuto subire; il linguaggio del corpo sembra voler dire: “che si deve fare, per campare”…

Alla fine l’ex Bluvertigo ne ha avute anche per quelli che ha definito falsi amici: Vasco Rossi, Jovanotti e Ligabue, forse colpevoli di non essersi voluti svenare per le sue pazzie. Secondo lui, essi pensano solo al loro ultimo disco, come se tutto il mondo aspettasse questo, neanche se fossero Stockhausen o Stravinskij”...

Ebbene, caro Morgan, ho una brutta notizia per te: il mondo aspetta effettivamente i dischi di Vasco, Jova e Ligabue: semmai sono i tuoi dischi che non sono attesi da nessuno. Fai un bagno di umiltà e di realismo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog