Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"

DAL 20 MAGGIO 2022 QUESTO BLOG
NON ACCETTA PIU' COMMENTI ED HA CANCELLATO LA LISTA AMICI.
SE VUOI SAPERE PERCHE', CLICCA
QUI.

 


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo puņ perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 

 
« ITALIA ED EUROPA CONTINU...QUEI RELIGIOSI DAL TERZO... »

MUSSOLINI IN GIAPPONE, UNA FANTASTORIA MADE IN ITALY

Post n°2162 pubblicato il 14 Novembre 2022 da massimocoppa
 

MUSSOLINI IN GIAPPONE, UNA FANTASTORIA MADE
IN ITALY

E se il Duce non fosse stato ucciso, in quel fatidico aprile del 1945, e fosse invece fuggito all’estero?
Se fosse andato in Giappone?
“Mussolini in Giappone”, di Angelo Paratico, Gingko Edizioni, è la new entry nel mondo della storia alternativa esposta sotto forma di narrativa.
Di Hitler sopravvissuto all’assalto sovietico al bunker della Cancelleria, a Berlino, e riparato in Sud America, dove avrebbe vissuto in incognito il resto dei suoi giorni, si è spesso parlato e scritto, per non dire favoleggiato. A morire tra le macerie berlinesi sarebbe stato un suo sosia.
Ma di Mussolini non si è mai ipotizzato niente del genere. Forse perché mentre sul cadavere del Fuhrer c’è stato mistero sin dal primo momento, con niente di certo a causa del fatto che le spoglie (sue o di qualcun altro) vennero poi bruciate, del Duce pensiamo di sapere tutto perché esistono migliaia di testimonianze dal vivo, e quindi le foto che testimoniano che il suo corpo, quello di Claretta Petacci e di molti altri gerarchi, fu esposto, appeso a testa in giù, ad una pensilina in Piazzale Loreto, a Milano.
Poi, ai resti del dittatore fu fatta persino un’autopsia.
Ma se ad essere fucilato non fosse stato il Duce, ma un suo sosia?
È possibile e, per certi versi, anche verosimile.
Da questa premessa parte la ricostruzione fantasiosa della rocambolesca fuga di Mussolini verso il Giappone, ultimo Paese a resistere all’urto angloamericano e sovietico dopo l’armistizio dell’Italia e la distruzione della Germania.
Dalle riflessioni che Angelo Paratico, forte di una solida preparazione storica e di un soggiorno ultradecennale in Estremo Oriente, immagina fatte da un Mussolini messo di fronte al fallimento della sua dimensione politica ed umana, emerge un profilo problematico ed interessante, non privo di spunti suggestivi. Il dittatore non si autoassolve, anzi: ma trascina con sé le potenze occidentali, accusandole di accordi sottobanco poi rimangiati. Poi, umanamente esausto per la sconfitta, per la fuga, per la morte della Petacci e per la divisione dalla famiglia, Mussolini sembra volgersi addirittura verso un ideale ascetico e monastico.
Ma un clamoroso epilogo rimetterà tutto in discussione.
Storia originale, interessante e materia di riflessione, specie alla luce delle polemiche politiche odierne, questo “Mussolini in Giappone” è sicuramente da leggere.

Non è possibile commentare questo post

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog