Creato da m.oebius il 20/06/2007

il garage patafisico

il mio zoo personale ovvero cose senza capo né coda

 

 

Ciao Jean

Post n°31 pubblicato il 11 Marzo 2012 da m.oebius
 
Foto di m.oebius

Ciao Jean.

 
 
 

Polvere

Post n°30 pubblicato il 15 Dicembre 2008 da m.oebius
 

Lo so che sarebbe ora di alzarsi, lo capisco dalla luce che filtra attraverso la persiana un po' aperta. Quando la luce prende quella direzione, assume quelle striature allungate sulla parete alla mia destra capisco che sarebbe ora di alzarsi. Ho ancora gli occhi semichiusi, devo aver dormito forte e a lungo. Mi capita spesso. Mi capita così spesso che la mattina non ho mai la forza di alzarmi. Dormire è come scalare una montagna in bicicletta per me, quando la salita è finita sono senza energie. E non so mai se riuscirò a farla tutta, se dovrò appoggiare il piede giù dal pedale. Poi devo aspettare che passi l'intera giornata per recuperare un po' di quella energia, per pensare di poter affrontare un'altra notte di sonno. Ma adesso, qui, nel mio letto, sotto questa coperta forse troppo pesante per la stagione, non ho proprio la forza di alzarmi. Lui dev'essere uscito da tanto, forse molte ore fa. Sarà sgattaiolato giù dal letto in silenzio, come fa di solito, attento a non svegliarmi. Si sarà lavato e vestito in bagno, per evitare di accendere la luce qui in camera. È sempre attentissimo a me, così attento che certe volte mi dà ai nervi. Come se fossi solo una bambola di porcellana esposta ad ogni pericolo, un animaletto da custodire. Sul tavolo della cucina ci sarà un biglietto, come al solito, con le solite poche dolciastre parole. “Buongiorno, amore. Hai visto che bel sole?”. “Passa una buona giornata, tesoro. Io torno presto”. Cose dolciastre, contornate a volte dal disegnino di un fiorellino, scritte mentre beveva il caffè prima di prepararmi una nuova caffettiera e lasciarmela pronta sul fornello. Basta accendere. Dio, quanto mi dà ai nervi tutto questo. Non ho voglia di alzarmi, di andare a leggere quell’insulso biglietto, vedere se ha disegnato il fiorellino, accendere il fuoco sotto la caffettiera. Vorrei solo richiudere gli occhi e rimettermi a dormire anche se so quanta fatica mi costerà poi riaprirli ancora più tardi. Mi giro nella coperta, che giorno è oggi? Non ne ho idea, non è rilevante. Se è un giorno di sole ci sarà scritto sul biglietto in cucina: "hai visto che bel sole?". Non riesco a pensare ad altro, adesso. Sono stanca, devo recuperare dalla salita, stanotte è stata molto lunga. Spero che non ci sia il sole e nessun biglietto dolciastro. Nessuna caffettiera pronta da accendere. Nessun fiorellino. Mi chiedo se abbiamo fatto l'amore ieri sera o stanotte. Non me lo ricordo. Forse no, forse ieri avevo mal di testa o forse lui era stanco. Apro un po' di più gli occhi e guardo attraverso le persiane per capire se c'è il sole. Le sottili lame di luce che filtrano dalle persiane sono troppo accese per far pensare ad una giornata nuvolosa. Guardo la polvere che si ammassa e si muove e si scompone dentro quelle strisce luminose. È un turbinare violento e vorticoso, mi dà una specie di vertigine se cerco di seguirlo. Perdo gli appigli intorno a me, mi sembra di fluttuare anch'io nel vuoto di quella lama di luce, la stanza si espande fino ai punti più lontani e più bui dell'universo, non ci sono più i mobili, l'armadio in fondo, il comò con la tv, la poltrona: tutto si allontana per sempre negli angoli del cosmo. Abbiamo fatto l'amore stanotte? Non lo so, proprio non me lo ricordo. Prima lo sapevo sempre, prima ricordavo i rari giorni in cui non lo facevamo con un piccolo rimpianto. Era un salto al centro del mondo, una piega dell'universo intero che si fermava proprio qui, sotto le mie labbra, tra le mie gambe. Sprofondavo dentro quella piega nuova ogni volta. Ogni volta c'era un'uscita dalla quale riemergevo rinata e dimentica di tutto. Cerco tra i movimenti dei granelli di polvere una risposta, se vanno a sinistra è sì, se vanno a destra è no. Ma non mi importa. Non m'importa. M'importa di allungare le gambe, adesso, di spingerle fino al bordo del letto a cercare un appiglio anche minimo. Sono naufraga nel mio letto. Stanca come appena scampata a una tempesta, attaccata solo a una tavola di legno, impigliata a questo corpo esigente, senza lo sciabordio dell’acqua intorno a me ma solo il rumore della polvere che si muove, nessuna concreta possibilità di fuga e solo le notti da percorrere in salita. Mi giro ancora per vederla guizzare meglio tra la luce. Fa dei movimenti strani adesso, si riavvolge in piccoli risucchi ruotando attorno a se stessa. Penso che quel movimento l’ho creato io voltandomi nel letto in questa penombra azzurrina. Ma non so se sarò capace di produrne altri, ho solo sonno, sonno da morire.

 
 
 

Umori

Post n°29 pubblicato il 19 Maggio 2008 da m.oebius
 

Nuvole stratiformi sulla città improvvisamente fermatasi. Il vento dei giorni scorsi lascia spazio ad un'aria composta, intatta, rassegnata. Lo sguardo non vola oltre obiettivi vicini e sensibili. Come se il tempo avesse fatto una curva e si fosse rimesso a scorrere partendo da un punto precedente. Cose già viste, già fatte, già vissute. Specchi della memoria come immagini reali e contorni che sfumano fino a perdersi in ciò che poteva essere e forse è stato senza saperlo. Una direzione contraria uguale e reciproca. L'esizialità delle scelte, apparse un tempo ineluttabili, ridotta al lancio di una monetina. Un filo sottile che lega ogni decisione, ogni momento, forse spezzato girandosi nel sonno. Ho l'impressione che stia per piovere, ma ce l'ho da parecchio. O forse ha piovuto e non me ne sono accorto. Nessuno si muove.

 
 
 

Le parole per dirlo

Post n°28 pubblicato il 08 Aprile 2008 da m.oebius
 
Tag: Amori, Donne

Mia carissima,
questa volta ti sbagli. Nelle mie parole non c'era alcuna velata polemica né alcun tipo di recriminazione. Ho fatto appello alla invero poca ironia di cui dispongo al momento per replicare con parole leggere alle tue parole leggere.
Ti assicuro che in questi anni ho avuto tempo e modo di pensare al perché ci siamo persi di vista e, al di là di ogni possibile spiegazione che non credo nemmeno sia necessario darci, credo di aver sviluppato un'ampia comprensione di ciò di cui si può aver bisogno o semplicemente che si riesce a fare. E questo vale per entrambi.
La lontananza di cui puoi aver (avuto) bisogno la capisco senza ulteriori parole. Semplicemente perché l'ho vissuta anch'io prima e sentita addosso dopo. Non cambia il mio pensiero verso di te, forse cambiano i modi in cui si mantiene un rapporto, se si mantiene.
Ma quello che forse a volte ti sfugge nel pensare a me è che io non sono polemico nei tuoi riguardi. Capisco che possa averti strappato un sorriso leggerlo adesso dati alcuni trascorsi e soprattutto che possa essere difficile da verificare ora che i nostri rapporti sono minimi, ma vorrei davvero credessi che l'ultima cosa che mi interessa è creare degli improbabili sensi di colpa o costringerti a fare qualcosa o ad agire in un modo che non senti. Ogni altra considerazione dovrebbe tener conto di questo, anche quella relativa al fatto che sia difficile avere a che fare con me. Non voglio sindacare su questa tua sensazione, ma, oltre a non vellicare la mia vanità ormai consumata, questa mi appare come una bella perifrasi per dire che di certe fatiche si farebbe volentieri a meno. E lo dico davvero senza il minimo rancore o malumore e con un'interpretazione che si spinge ben oltre le tue parole.

No, non è facile raccontarci le cose che succedono, né le sensazioni che si provano. Non lo è stato in questi anni e non lo è neanche adesso. Ne abbiamo persa l'abitudine da tempo e per l'appunto non c'è da stupirsene.
Mi fa sorridere con una punta d'amaro leggere che vorresti entrare nel mio mondo di adesso, anzi che vorresti che fossi io a fartici entrare. Ma anche qui senza il minimo intento polemico. No, di raccontarmi non ne ho davvero voglia. E spero tu capisca che non è contro di te che lo dico, che non è una presa di posizione a priori e che non escludo che possa accadere in modi e occasioni che però adesso ignoro.

In sostanza e in conclusione vorrei ti fosse chiaro che non ce l'ho con te in alcun modo. Che non imputo a te, se non quanto a me stesso, il fatto che i nostri rapporti siano al minimo storico. Che, infine (e soprattutto), il fatto che per te possa nutrire un bene particolare è ininficiabile da qualsiasi evenienza, immutabile ad ogni cambiamento.

Ti abbraccio.

 
 
 

Dai Diari di D. (three)

Post n°27 pubblicato il 29 Gennaio 2008 da m.oebius
 

                                                                         mercoledì 1 marzo 1995
                                                                                           h 15:00 
                                                                                      Hofstade Zemst

In altre parole Hofstade quello sbagliato. E sì, perché in Belgio di Hofstade, a quanto ho capito, ce ne sono tre o quattro ed ho avuto subito la sensazione di starmi dirigendo in uno di quelli sbagliati. Quasi un'ora ad aspettare il pulmann che mi riportasse a Mechelen. Ho provato a fare l'autostop, ma i belgi non si degnano. Ogni tanto piove, come forse le macchie sul quaderno (non sono ancora lacrime) lasciano intuire.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Misssgracehicetnunc1971giuna64mlr777indiangingerGrafica_Marym.oebiusOLD.AND.WISEfalco58dglmaxicontemaxm.edeamonroyscoontrosainfinito.Garbo
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom