**TEST**
Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19corradino55woodenshiplascrivanaprolocoserdianae_d_e_l_w_e_i_s_smarta80_Anina.monamoursimona_77rmedocostruzionimariateresa.savinoSpiky03divinacreatura59NoRiKo564
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« CREDEVA FOSSE UN CALESSE...SE TRA LUI E LEI...VOLAN... »

DAI TIRATI SU: PARLA CON IL GATTO!

Post n°3450 pubblicato il 18 Gennaio 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

Caro gatto, sei preferito dalle donne, stringi amicizia con loro, sei più confidenziale con loro che con gli uomini. Chi ti ama ti coccola, ti riserva il miglior trattamento possibile e ti rende padrone assoluto della sua casa. Non mi sembra di aver esagerato, so per certo che questo, prevalentemente, sia il rapporto che una donna instauri con il suo gatto: lui non la delude, è fedele come un cane, è affabile, è giocherellone e non ho mai sentito di persona che sia delusa dal suo micio. Il rapporto che si crea tra donna e gatto è unico e lo si capisce anche dagli approcci e dai dialoghi che spesso vengono intrapresi tra donna e animale. Mi ha incuriosito molto quanto accaduto a Abby Govindan, una ventiduenne americana di Houston. La giovane donna si è lasciata con il fidanzato, non c'è stata possibilità di rimettersi insieme e sta soffrendo molto perché lo ama tanto. Si consola con il suo fedele micione, ma non le basta evidentemente, il gatto non le da risposte ovviamente, ma avendo conosciuto anche il lui, Abby spera che comprenda il vuoto che si sia creato nella casa. Beh,  il gatto il vuoto lo ha notato, si rende conto che il maschio non sia più in giro, anzi, forse manca anche al felino visto che tra i sue v'era un bel feeling. Insostenibile situazione per Abby, poiché non potendo continuare a parlare con il suo gatto, ha deciso l'altro giorno di twittare una domanda: "Come posso fare per spiegare al mio gatto, che ci  siamo lasciati?". Azz! Bella domanda diretta, precisa e legittima. Lei ha spiegato quanto sia utile la sua vicinanza, l'aiuta a superare le emozioni, le paturnie e gli stati d'animo piuttosto agitati per i motivi facilmente comprensibili. Ebbene, nel giro di poco tempo, la Govidan ha ricevuto 250.000 like e centinaia di persone hanno suggerito, indicato e suffragato la sua richiesta confortandola a meraviglia. Mi piacerebbe sapere se fossero tutti specializzati ad avere buoni rapporti con i gatti e a parlarci facendosi intendere da loro e quindi, dare consigli utili. Insomma, un twitter virale e recepito con una facilità unica, mi lascia un po' basito. Ma veramente basta così poco per coinvolgere in pochissimo tempo, centinaia di migliaia di persone e sollecitare tantissimi consigli per intrattenere un rapporto più intimo e personale col gatto e avviare persino una "virtuale" conversazione? Mi ha sollevato un po', solo un commento tra i tanti: "I gatti sono strane creature, ma capaci di provare emozioni e mostrare attaccamento". Voi che ne pensate? Possibile che si sia mossa tanta gente perché vi fosse "comunicazione" più profonda tra Abby e il suo gatto Anjali? Sapevo dei cani, ma dei gatti francamente no. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog