Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 171
 

Ultime visite al Blog

mariateresa.savinomonellaccio19chiedididario66g1b9forte.marina1955e_d_e_l_w_e_i_s_sEstelle_klascrivanagalahad3corseixforddissechealdoabbaziaALDRINSISprolocoserdiana
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« QUANTO VALE LA VITA DI U...SE QUESTO E' UN UOMO... »

SMETTIAMOLA CON LA BATTUTA "SO' RAGA'..."

Post n°3600 pubblicato il 25 Giugno 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Altro che bravata e bene ha fatto la Digos di Udine, ad aprire un'inchiesta su qualcosa che va oltre la bravata dei soliti idioti. A Lignano Sabbiadoro sabato scorso, qualcuno ha telefonato ad una nota discoteca del posto e ha chiesto di riservare un tavolo a nome di un fantomatico gruppo: "Centro Stupri". Chi ha raccolto la telefonata, non si è stupito e nemmeno scomposto per un richiesta quanto meno strana. Puntuale un gruppo di ragazzi, si è presentato all'ingresso per accedere alla discoteca: stranamente indossavano tutti una T-shirt con la scritta "Centro Stupri". Ma chi ha badato a questi giovani? Si sono accomodati e ridendo e scherzando hanno cominciato a bere e a divertirsi per festeggiare il compleanno di uno di loro. Già nei giorni passati, in rete si sono mostrati con le magliette riportanti la scritta e il web era insorto per la scomoda e offensiva scritta. Questi, per nulla impensieriti, scattavano foto, si immortalavano e postavano sottolineando, con frasi razziste e poco convenienti, gli scontri in rete. Il cartello del tavolo riservato è stato rimosso dalla direzione (finalmente) e i ragazzi anche un po' brilli, cominciavano anche ad esagerare. Giunta la polizia, i ragazzi sono usciti e sono stati identificati. Le indagini sono passate in mano alla Digos e alla Polizia postale. Solo ieri, come spesso va a finire in questi casi, i micioni timidamente e con la coda tra le gambe, hanno chiesto scusa e si sono giustificati per la...bravata! CDV...come volevasi dimostrare e come per tutte le situazioni del genere, si è tentata la risoluzione come un buon avvocato suggerisce. Non la vogliamo smettere no? I genitori non si risentono? Ricorrono alla solita frase ormai lisa e consunta: "So' ragazzi, si divertono, non fanno male a nessuno...". Vedete a che punto siamo giunti? Si scherza su uno stupro, ormai c'è solo da sghignazzare su uno stupro. Leggerezza e sufficienza tracimano, esondano per scadere nel ridicolo e farsi quattro grasse risate. I genitori cambino registro, si impegnino per la vigilanza perenne e costante, intervenendo opportunamente su ogni segnale sospetto. Tengano presente costoro e tutti coloro che non riescono a prendere coscienza della violenza alle donne, che c'è gente là fuori che si fa un mazzo così per queste battaglie e per raggiungere il pieno riconoscimento del vile atto. Non è più tempo di cazzeggiare e respingere responsabilità chiare e accertate. La situazione degenera a piccoli passi e  molti giovani, ragazzi ignari della gravità dell'atto, ritengono di poter coglionare chi si batte per un gesto che più aberrante, schifoso e violento, non potrebbe essere. Occhio...voi che pensate di scherzare, potreste piangere lacrime amare a tempo debito, quando le frittate saranno in tavola e l'appetito sarà passato. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog