Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19cassetta2falconblu1937elyravMARGO129pferlantripcoslascrivanaEremoDelCuoresurfinia60comunesenso11hrc.rossanosoltanto_unsognoe_d_e_l_w_e_i_s_sAltheaDiMare
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« C'ERA UNA VOLTA IL TERSORIUMMA CHE ROBA E'? »

ALIENI: UMANOIDI O SOLO MACCHINE?

Post n°3958 pubblicato il 22 Giugno 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Di segnalazioni, di apparizioni e di ufo ne abbiamo collezionati a bizzeffe: si perdono nella notte dei tempi gli avvistamenti nei cieli di ogni parte del pianeta. Il canovaccio è sempre lo stesso: qualcuno osserva, fissa l'immagina su una foto (oggi molto più facile con un cellulare) e la prova è bella che confermata. Recentemente anche una grande nave da guerra statunitense, ha incrociato qualcosa precisamente identificata e parrebbe che fosse una astronave. Addirittura, pare che gli USA abbiano carteggi, pratiche, faldoni segretissimi su questi avvistamenti e tutto però resta segreto per non allarmare il mondo che di "uccelli senza zucchero", ne ha tanti per la testa. Io che ho sempre rifiutato la fantascienza e le sue intriganti vicissitudini, ora mi sento tranquillo su quanto abbia appreso circa gli alieni. Lo spazio che ci circonda è immenso, è vastissimo, illimitato e non percorribile: oltre la nostra galassia, ve ne sono tante altre molto, ma molto lontane e se gli alieni dovessero giungere dalle nostre parti, dovrebbero compiere viaggi della durata di migliaia di anni. Come spesso abbiamo immaginato, ci capita sulla testa una bella e grande astronave, si ferma, atterra in uno spiazzo bello largo e scendono omini più o meno simili a noi che presumibilmente siano dotati di braccia, gambe, occhi e...tanto carbonio, ovvero, l'unica base vitale che conosciamo. Ecco se fosse così, se le condizioni fossero queste, allora sarebbero alieni morti e finiti. Il dottor Shostak sostiene: "Le loro capacità cognitive probabilmente non saranno alimentate da una massa spugnosa di cellule che chiameremmo cervello. Probabilmente saranno andate oltre l'intelligenza biologica e, in effetti, oltre la biologia stessa". Ovvero: nessun genere vivente potrebbe affrontare un viaggio lungo migliaia di anni; anche avanti biologicamente, non sarà mai possibile. Pertanto, se avverrà mai qualcosa del genere, noi incontreremmo macchine artificiali: vive sì, ma artificiali! Pensate se una entità biologicamente viva sia disposta ad affrontare un viaggio infinito e giocarsi la vita in un mezzo che viaggia nel tempo. Quindi solo le macchine potrebbero essere disponibili: non si lamenterebbero, non avrebbero bisogno di cibo, ossigeno, servizi igienici, svago e distrazioni, non morirebbero di noia e non scasserebbero le palle a nessuno con interventi del tipo: "Houston, abbiamo un problema: fateci tornare indietro, ci stiamo grattando i...gomiti!".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog