Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 176
 

Ultime visite al Blog

oixumf8162principerossodueviaggiatore1962Terbarlakaaii0bionda66vandernightstefano.bonagabuldgl2k_o_d_i_n_obeppefabrodottore10ross.brescimax.cerianidelfino
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« UN TRE PER DUE... CHE CI...E TUTTI A MANGIARSI...IL FEGATO! »

E SE FACESSIMO GIA' L'ALBERO DI NATALE?

Post n°4419 pubblicato il 22 Novembre 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

"Amo'....dove sei?", chiamata più volte, non ricevo risposta. Alzo leggermente la voce: "Oh... ma dove sei? Non mi senti?".  Mi alzo dalla scrivania e raggiungo la stanza dove generalmente lavora, la porta è chiusa. La apro dopo un toc: "Ma sei qui? Ti sto chiamando invano, non mi rispondi...", solleva la testa dalla macchina per cucire e volgendo lo sguardo torvo e minaccioso verso di me: "Come avrei potuto sentirti, con la porta chiusa e il fruscio della macchina? E poi, la devi smettere di chiamarmi, devi alzare le natiche, non puoi continuare a stare seduto, uscendo poco e passando il tempo alla scrivania, devi camminare pigrolo!". Sono basito, stai a vedere che tutto 'sto casino è colpa mia: "Pigrolo? Ekkedè?...", "Un nome nuovo che mi è venuto in mente, magari i nani di Biancaneve erano otto e uno si chiamava Pigrolo perché era sempre lì a non far niente. Vabbè, dimmi cosa c'è? Che vuoi?".  Mi seggo sul divano, sono esausto, la invito a sedersi accanto, battendo la mano vicino al mio posto: "Segga signora delle tramelie...le devo fare una proposta...". Sorride l'infame, sa tutto e non riesco mai a sorprenderla: "...Signora delle tramelie? Ekkevordì?". "Beh, tu puoi inventarti nomi nuovi e io non posso affibbiarti una etichetta che coniughi Camelie e trame? Ascoltami, facciamo subito l'albero di Natale? Addobbiamo la casa come ogni anno?". Incredula, quasi avessi detto una colossale cazzata, strabuzza gli occhi: "L'albero di Natale...il 22 novembre? E di grazia, ponendo la domanda spontanea, perché non aspettare l'otto dicembre come da tradizione?". "Semplice, ho letto or ora che chi addobba e mette su l'albero di Natale con anticipo, è più felice, più sereno e trascorre tutto il periodo prenatalizio, natalizio e festivo fino al 6 gennaio, in un clima di assoluta pace e tranquillità: i ricordi dell'infanzia tornano alla memoria, le atmosfere di quando eravamo piccoli riempiono di gioia i nostri cuori. I sentimenti si arricchiscono di bontà, l'atmosfera natalizia ci culla in un etereo senso di beatitudine e il....", mi da una gomitata nel fianco e sbotta: "Ma che t'è preso, ma dove leggi tutte ste cazzate, come fai ad immergerti in quella fogna che è diventata ormai la rete, sei ormai strafatto e credo sia giunta l'ora di smetterla. Domattina chiamo Alfredo (mio cugggino lo psichiatra) e lui saprà come sedarti".   Fine di un momento magico, pensavo di fare una pausa, di creare nuove emozioni, ma evidentemente la proposta era insulsa e poco convincente. Sono andato a rileggere l'articolo! 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog