Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 176
 

Ultime visite al Blog

cassetta2OgniGiornoRingrazioDoNnA.Smonellaccio19Vince198gianor1elyravDott.FiccagliaAlfe0Sassar0liAliNasir.386ImperfettaDonnahesse_fSono44gattinfilax6.2bubriska
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

 

« COME TI SVEZZO IL PUPOABBEVERATEVI DOVE POTETE »

CARA PORTA: QUANTO MI COSTI?

Post n°4861 pubblicato il 02 Aprile 2024 da monellaccio19
 

 

 

 

 

 

 

La scena è memorabile, il film da cui è tratta, resta un must nella storia del cinema mondiale. Rose e Jack sono all'epilogo del Film "Titanic" di J. Cameron: un capolavoro del 1997 che narra l'affondamento del famoso transatlantico colpito da un grosso e massiccio iceberg. Ecco, Jack è a mollo nell'oceano, lei si salva stendendosi su una porta galleggiante tra i tanti relitti, e in quella posizione si salverà, mentre il buon Jack, ferito e congelato dall'acqua fredda, morirà felice di essere vicino alla sua amata donna. Spero di avervi immerso in quella situazione drammatica, perché adesso presumo, vi deluderò: quel pezzo di legname marcio, proprio quello che vedete nell'immagine, quella porta usata dalla produzione per girare l'epica scena, è stata venduta all'asta per la modica cifra di 718.750 dollari. Insomma, una porta/zattera lunga 2,4 metri e larga 1 metro, composta da detriti provenienti dai relitti veri della nave e ricostruita per fare...la parte della porta. Scusate il bisticcio letterario, ma vi sembra normale che un pazzoide spenda una cifra ragguardevole per accaparrarsi una porta del genere? Sarà anche oggetto "prezioso e di culto", sarà anche parte dell'immensa nave, ma aggiudicarsi una porta fradicia a quelle condizioni sembra proprio...un pesce d'aprile bello e buono. Tuttavia se pensate che nella stessa asta sia stata venduta la famosa frusta di Indiana Jones, per soli 525 mila dollari, allora siate certi che il dubbio si allarga: con una frusta importante pagata a quel prezzo, che ci fa l'acquirente? Flagella la moglie o la moglie flagella il marito...a caro prezzo?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/monellaccio19/trackback.php?msg=16755085

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Vince198
Vince198 il 02/04/24 alle 11:12 via WEB
Quel che conta, per me, è chi si è appoggiato su quella porta, chi ha usato la notoria, celebre frusta.. Mandi, bon martars ^____^
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 02/04/24 alle 17:05 via WEB
Tu opini? Beh, se non consideri tanti i soldi spesi per i due iconici oggetti, allora ben giungano nella tua preziosa collezione. Con tutto il rispetto, io personalmente non avrei commesso questo genere di follia! Bella serata mio caro Vince.
(Rispondi)
 
 
 
Vince198
Vince198 il 03/04/24 alle 00:57 via WEB
Opino, opino .. ahahaha .. Non mi passa neanche per la mente di acquistare, a caro prezzo, oggetti del genere solo perchè sono stati utilizzati in scenografie di film da attori famosi. Tra l'altro i soldi spesi da chi ha preparato le scenografie interessate, secondo me sono stati recuperati dal successo che hanno avuto quei film in tutto il mondo. Rivenderli significa lucrare ancor più. O no? Ti saluto augurandoti la buonanotte ^____^
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 03/04/24 alle 08:13 via WEB
Esatto, sapessi cos'altro abbiano venduto in quel contesto d'asta. Comunque sono d'accordo con te: spendere per questi oggetti signifcativi ma "inutili", non solo dimostra come il danaro speso sia abbondante e tracimante nelle mani di tanti, ma proprio per questo motivo, viene sperperato senza alcun ritegno. Una bella giornata per te Vince.
(Rispondi)
 
nel.silenzio.di.noi
nel.silenzio.di.noi il 02/04/24 alle 11:53 via WEB
Buongiorno Carle'. Certa gente, i soldi probabilmente, non li ha sudati, e li butta via. Ti auguro una buona giornata, e ti sorrido.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 02/04/24 alle 17:08 via WEB
Una giusta osservazione: soldi spesi male, visto ciò che ci stia accdendo gurdandoci intorno. Un interesse ingiustificato per due oggetti poco interessanti, sotto il profilo artistico e culturale. Splendida serata mia cara Sprint.
(Rispondi)
 
Spiky03
Spiky03 il 02/04/24 alle 11:55 via WEB

Non posso sapere cosa succede nella testa di un collezionista, non avendo mai collezionato qualcosa. Credo sia una malattia come gli accumulatori seriali.
Come quella di possedere dei cimeli delle celebrità, pronti a pagare cifre vertiginose per portarsi a casa magari un fazzoletto sporco usato dal personaggio famoso.
Non so dire sinceramente, non capisco il motivo, eppure alle aste vendono venduti tanti di quegli oggetti inutili.
Buona giornata a te monel;)

(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 02/04/24 alle 17:12 via WEB
Un perplessità che condivido mia cara. Con tutto il rispetto per arte e cultura, questi due reperti accaparrati in un'asta, non mi sembrano così importanti da spenderci tanti soldoni. Ti poni giusti interrogativi. Bella serata Spiky.
(Rispondi)
 
cassetta2
cassetta2 il 02/04/24 alle 17:45 via WEB
qui ci vuole una bella vetrinetta: https://www.acrylicdisplaycases.co.uk/it/product-category/movie-memorabilia-display-cases/
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 02/04/24 alle 18:16 via WEB
Chissà cosa ne penserebbe mia moglie vedendo una vetrinetta (lei impazzisce per le vetrinette all'inglese) contnente una porta fradicia e una frusta impressionante come quella di Indiana Jones. Oggi vedrebbe bene al posto del pianoforte verticale posto nel salone, una gnerosa e piacevole vetrinetta colma di ricordi come quella che già possediamo in un altro lato della stanza. Il pianoforte è là da decenni e purtroppo (con tanto nostro rammarico) soffriamo perché nessuno dei figli ha continuato a studiarlo. Ora è là perché ci gioca la più piccola delle nipotine.
(Rispondi)
 
hesse_f
hesse_f il 02/04/24 alle 18:22 via WEB
se avessi potuto permettermelo, avrei anche io comperato una porta. Quella di Ansel Adams, e ora me la guarderei sognante. L'ho cercata online, dopo aver letto il tuo post, ma sembra scomparsa dalla faccia della terra. Adams è Adams ci sono centinaia di foto sue bellissime in giro, paesaggi, porte, cimiteri etc etc, ma... quando ti innamori di "una porta."...è per sempre
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 02/04/24 alle 18:49 via WEB
Dopo aver letto questo tuo commento, sono stato un bel po' di tempo a rimirare la porta in oggetto; ti sono sincero: per quanti sforza abbia fatto, non mi sono innamorato di essa, non ho provato nulla di particolare e a parte una sufficiente simpatia, null'altro ha toccato i miei sentimenti. Ho dato un'occhiata alle foto in bianco e nero di Adams e ammetto (da amante del novecento) che sono molto intriganti e belle da vedere: il bianco e nero sono (in campo fotografico e cinematografico) i...miei colori preferiti. Bye cara.
(Rispondi)
 
OgniGiornoRingrazio
OgniGiornoRingrazio il 02/04/24 alle 18:54 via WEB
Non lo so cosa possa voler dire desiderare qualcosa così tanto da essere disposti a spendere cifre spropositate,ma avviene continuamente ,con ogni tipo d'oggetto. Certo c'entra il possesso ,il bisogno di dichiarare una cosa tua, non l'emozione suscitata dal suo uso ma l'appartenenza.Mi ricordo di essere rimasta sconvolta davanti all'opera di Bansky che ssi autodistruggeva dopo essere stata battuta all'asta.Il proprietario neanche un fiato.Non lo so carissimo,forse perché non ho ho mai avuto una disponibilità tale da arrivare a desiderare oltre l'essenziale.Sarei curiosa di saperne di più.Buona serata*_*
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 02/04/24 alle 19:03 via WEB
Brava simona. I soldi sono essenziali, in questa scelta sulla quale discutiamo. Il possesso è relatvo ai soldi, ovvero, secondo quanto possiedi, puoi concederti qualcosa che ti attrae. Se poi sei attratta da tanta "roba" che ti offre questo mondo gratuitamente te lo permetti e con immenso piacere: un'alba spettacolare, un mare bellissimo da ammirare, un paesaggio incredibile e tanto altro ancora, te lo permetti perché te lo godi senza pagare. Il senso reale dei soldi è ciò che ci spinge a comprare ciò che ci piace ma che non serve a nulla, oppure soldi giusti per comprare ciò che serve e/o poco oltre, secondo le disponibilità. Prendere possesso della realtà è fondamentale, non essere folli e capaci di gestirsi è sintomo di saggezza e distinzione dei beni. Un'amicizia gratuita, se schietta e sincera, oltre ad essere gratis, sai che bel dono? Bella serata mia cara.
(Rispondi)
 
elyrav
elyrav il 03/04/24 alle 11:19 via WEB
Ma facciamo un pò per ciascuno :) ahahhaha buongiorno
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 03/04/24 alle 11:50 via WEB
Sì, dividiamo le spese e spartiamoci porta e frusta!!!! AhAhAhAhAhAh!!!!! Bella giornata Ely.
(Rispondi)
 
 
 
elyrav
elyrav il 04/04/24 alle 10:19 via WEB
ahahhahaha :) ciaooooo
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 04/04/24 alle 10:48 via WEB
Pace e serenità sempre. Bye.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963