Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19neopensionataelyravMARGO129Dott.Ficcagliariccardoacetosiicavallidirosscassetta2g1b9amici.futuroierie_d_e_l_w_e_i_s_sworlordfedechiarapanteradicuorifianna.mb
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi di Agosto 2022

DISCUTIBILI OPINIONI

Post n°4333 pubblicato il 09 Agosto 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Ripresa dallo scienziato Etienne Kleine, questa è una foto in primo piano di una nuova stella scoperta recentemente nello spazio. Un cosmo che non finirà mai di proporci nuovi e affascinanti pianeti, stelle e altri corpi dei quali magari gli stessi scienziati non sono in grado di  fornirci spiegazioni. L'hanno chiamata "Slice of ham", e dandole ampio spazio in rete, la gente si è appassionata per questa scoperta curiosa e interessante. Definirei questa scoperta un colpaccio, una emozione da poco o una storia disonesta buttata lì per dimostrare come una opinione possa passare per una verità assoluta. La foto dello scienziato Kleine, altro non è che una semplice e banale foto di una fetta di soppressata. Avete letto bene, e se vi prendete la briga di fissarla bene, non  avrete dubbi in merito. Un esperimento voluto e messo in circolo per dimostrare come conti molto nel virtuale della rete, una impressionante opinione che solleciti fanatici tifosi, ignoranti fan e sostenitori a priori, di verità fantastiche. Pare che l'esperimento sia riuscito, molti hanno abboccato e quando si dice "Ma hai gli occhi foderati di prosciutto" per intendere chi non sia in grado di vedere esattamente ciò una persona abbia dinanzi agli occhi, sappiate che non è una frase fatta, ma una ineludibile realtà. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SAREBBE ORA DI DARSI UNA CALMATA

Post n°4332 pubblicato il 08 Agosto 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

 

"Riprendiamoci la nostra libertà".  I giovani specialmente, stufi di accontentarsi dei social evitando di uscire il meno possibile, hanno atteso con ansia il momento di riconquistare la libertà assoluta e per riprendere le care e sacre abitudini del precovid.  Ora, siamo in grado di osservare che i ragazzi sono tornati alla grande e purtroppo sono tornati anche a scontrarsi tra di loro e/o a scontrarsi con adulti che ignari delle loro pretese, dei loro scopi e dei loro freni inibitori, hanno dovuto beccarsi violenze gratuite e accettare situazioni molto pericolose per la loro salute. C'è una forte recrudescenza di violenza gratuita e perversa, dopo essere stati fermi per due anni,  hanno dato fuoco alle polveri, hanno raccolto tanta di quella rabbia dentro, che oggi basta una piccola scintilla per scatenare l'inferno. Si picchiano ovunque, si scontrano dappertutto e si menano come se fosse un gioco.  Un'aggressività inaudita, cercano il modo per esaltarsi e i social sono il miglior luogo per esibire le loro bravate. Tik Tok è una base per queste esibizioni e francamente mettono a repentaglio non solo la loro sicurezza, ma anche quella degli altri che disgraziatamente e inconsciamente, si trovano nelle vicinanze.  Linus, il noto dj, da grande saggio ha argomentato il problema su "Oggi": pur essendo d'accordo con lui, non condivido un dettaglio molto importante. Secondo lui le famiglie di costoro non vanno coinvolte perché non sono al corrente di ciò che combinano e di cosa siano capaci di provocare, quindi i genitori (là dove ci siano) non hanno colpe secondo Linus. Ecco, dissento e purtroppo le famiglie sono sempre coinvolte: educazione, rispetto, diritti, doveri e tutto ciò che eticamente serva a questi ragazzi, non escludono le famiglie. Secondo me hanno le loro responsabilità più o meno evidenti. Voi che pensate? 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

FIGLIA VIRTUOSA O PADRE PRESUNTUOSO?

Post n°4331 pubblicato il 05 Agosto 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Brava Evelina, hai tenuto a bada tuo padre e non hai dovuto chinare il capo dinanzi alle sue inaudite volontà. Non riesce a tutti (generalmente) contraddire Vittorio Sgarbi, non è facile e chi decide di farlo, spesso deve mettere in conto di subire insulti e parolacce. Molti di voi sanno che non apprezzo il multiforme ingegno dell'uomo Sgarbi: amo solo la sua cultura artistica e le sue "lezioni", ma è insopportabile per tutte le sue esternazioni di qualsiasi genere. Un carattere che non mi piace e un mestiere che soddisfa solo il suo ego sproporzionato. Lui ha tre figli nati da relazioni "sparse" un po' ovunque: due ragazze e un giovanotto. Li ha riconosciuti e per loro lui è un padre come tutti gli altri: non quotidianamente presente per questioni logistiche, ma sempre pronto e attento alle loro necessità. Le cronache attuali parlano di uno scontro tra Evelina e Vittorio, circa il possibile inserimento della giovane figlia ventiduenne (studentessa), nel nuovo cast del "Grande Fratello Vip": Signorini e la sua redazione vorrebbero averla nel programma, ma la giovane non intende ficcarsi in un puttanaio ormai sgradito, poco elegante  assolutamente fuori da ogni logica. "Ma come?..." ha gridato il padre: "...hai l'occasione di fare soldi senza fare un cazzo e ti lasci scappare questa grande occasione?". Su questa aperta diatriba, i due hanno litigato di brutto e non si parlano da giorni. Vittorio insiste sui social raccontando il siparietto, addirittura ricorda come fosse richiesta la sua partecipazione all' "Isola dei Famosi": Mediaset avrebbe fatto carte false per averlo nel cast. Ma l'offerta ricevuta da Sgarbi di 800 mila euro, non era esaustiva e precisò di fare il grande passo solo per 2 milioni di euro! "Non ho tempo da perdere, sono impegnato come sindaco, assessore e deputato". Questo è Vittorio Sgarbi, e per lui il diniego della figlia Evelina al GFVip, è solo uno...sputare sui soldi. Bene, lascio giudicare a voi il padre, mentre l'uomo non ha più bisogno di essere conosciuto, almeno da me. Se questo è un uomo...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CHE DANNAZIONE LA PLASTICA

Post n°4330 pubblicato il 04 Agosto 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

Non l'avessero mai inventata, oggi non staremmo a grattarci la rogna. Oppure,  se una volta inventata,  da subito ci avessero insegnato come eliminarla e riporla nel modo più corretto, avremmo evitato gli scempi che da decenni e decenni ci trasciniamo in questa valle di ...plastica e lacrime. La plastica, ci sta mettendo in un angolo e a poco servono le misure introdotte per recuperarla e stivarla senza colpo ferire. In Australia, è accaduto che una piccola tartarughina marina, sia stata rinvenuta sulla spiaggia in cattive condizioni di salute. Soccorsa immediatamente e portata in uno spedale specializzato, il piccolo animale a parte le ferite e un peso molto limitato, ha defecato per sei giorni di seguito, solo frammenti di plastica di cui inconsciamente si nutriva sull'arenile. Tutto poi si è risolto e la piccolina è tornata nel suo habitat in buona salute. Questo problema  che si sviluppa molto sulla spiaggia, è l'emblema della profonda e severa lotta alla plastica monouso che viene lasciata con noncuranza nelle giornate che i bagnanti vivono alla grande nel periodo estivo. Il monouso non si può riciclare e l'abbandono cinico e sprovveduto, fa male all'habitat e alla natura marina. In verità le stanno provando tutte: nuovi materiali, nuovi prodotti di natura diversa, stanno sperimentando per fornire  confezioni di bevande/succhi e tutto l'accessoriato (posate e cannucce), insomma non si riesce a trovare il prodotto definitivo che ci tiri fuori dall'impiccio. Se fossimo più attenti, magari raccoglieremmo tutto in maniera corretta ma purtroppo, plastica e altro, restano sugli arenili o si disperdono dappertutto finendo direttamente in mare. Pertanto, alla luce di quanto riportato, siamo a batterci con un monouso che è deleterio e irrecuperabile dal sistema del riciclo e in attesa di trovare la soluzione definitiva per i prodotti riciclabili, invito tutti a non mollare nulla a casaccio: recuperare tutto ciò che sia plastica e salvarla per il giusto riciclo. L'esempio della tartarughina australiana sia esemplare: cacare sei giorni di seguito frammenti di plastica ingoiati a mo' di cibo, non so se sia giusto per qualsiasi essere vivente. 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MA CHE VE LO DICO A FARE?

Post n°4329 pubblicato il 03 Agosto 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Il colore per antonomasia: una volta era solo quello, era il blu il colore che connotava l'auto di servizio...della politica.  Finché queste auto erano a disposizione dei politici impegnati al governo, a una delle due camere e/o in servizi specifici inerenti il loro mandato, potevano anche starci, ma quando poi il fenomeno si diffuse anche nei comuni, nelle regioni e in quella "benedetta" sanità locale, allora l'abuso e lo spreco si allargarono a macchia d'olio. Giunse anche il momento di stringere la cinghia: strettezze economiche portarono a decidere di risparmiare e ridurre l'uso delle vetture. Sono passati anni da allora e tra un governo che cade e la politica dei buffoncelli, le macchine blu sono sempre là, resistono, si nascondo, ma sono sempre presenti per scialacquare il pubblico danaro. Sapete quante ne sono oggi? Circa 30 mila in tutto il paese: servono a  Roma, ma soprattutto servono in tutto il paese presso comuni, regioni e sanità. Il 66% sono quelle destinate alle prestazioni e alle necessità della politica periferica, non c'è un signore tra questi che operino a tutti i livelli, pronto a rinunciare all'auto di sevizio. Dovunque vada, a prescindere dalla destinazione, lui deve stare nella macchina blu o di colore diverso, l'importante è che vi sia sempre il solito lampeggiante sul tetto, pronto ad entrare in funzione in caso di necessità. Ebbene, se a Roma si contengono e cercano di essere moderati nella necessità, il grosso dello spreco è tutto nelle periferie, è là che nasce la voglia dell'ostentazione, della visibilità, del mostrare l'importanza del ruolo ricoperto. Solo così questi politici o funzionari, riescono a soddisfare il loro ego e la loro boria. Ve l'immaginate mentre il politico o il funzionario di turno, corre in auto con il lampeggiante acceso per andare a fare il servizio urgente che gli ha chiesto per telefono la moglie? Oppure riuscireste a fantasticare mentre corre per andare immediatamente là dove lo possiamo mandare noi? Come dove? Affan'cucolo!!!


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso