Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19JosephSuperFreecassetta2b.calettieredidauriadivinacreatura59emtoniettilascrivanafedechiaradomenico.merolabeamat12angelfire765Bigfreevgodot620manuari2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 18/09/2020

CRONICITA' DI UN MALE IN FORTE ESPANSIONE

Post n°3676 pubblicato il 18 Settembre 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Aereo in partenza, affollato mentre i passeggeri a bordo si affrettano a prendere posto correttamente secondo i numeri assegnati. Una donna bianca sulla cinquantina, siede al suo posto affianco ad un nero. E' a disagio, è turbata, chiama la hostess: "Prego signora, c'è qualche problema?". La donna non si fa ripetere la domanda: "E me lo chiede? Mi avete messo accanto ad un negro! Non sopporto di star seduta accanto ad uno di questi signori disgustosi. Assegnatemi un altro posto, per favore!". Il tono della donna non ammette discussioni. "Calmatevi signora...." riprende la hostess con garbo:"....quasi tutti i posti di questo volo sono occupati, adesso accerto cosa si può fare". Dopo alcuni minuti la hostess ritorna: "Signora, mi spiace ma in classe economica non ci sono posti disponibili. Il comandante mi ha confermato che non ci sono posti nemmeno nella classe executive. Tuttavia, c'è un posto libero in prima classe..." e prima che la signora possa replicare, la hostess riprende: "...La nostra compagnia generalmente  non permette ad un passeggero di  classe economica di sedere in prima classe, ma viste le circostanze, il comandante riterrebbe scandaloso obbligare qualcuno a sedersi accanto ad una persona così ripugnante..." L'hostess a quel punto, rivolgendosi verso il signore di colore: "...Pertanto, signore, se lo desiderate, prendete pure il vostro bagaglio e seguitemi: un posto in prima classe vi attende!". Tutti i passeggeri presenti, scioccati e ammutoliti dalla sceneggiata spregevole della signora, non hanno potuto far altro che  abbandonarsi  ad  uno scrosciante applauso!  Una vera e propria, standing ovation!

Ora, l'epilogo che serve ad insegnarci qualcosa:

 CARI FRATELLI BIANCHI...

 *Quando sono nato ero nero.

 *Quando sono cresciuto ero nero.

 *Quando vado al sole sono nero.

 *Quando ho paura sono nero.

 *Quando sono ammalato sono nero.

 *Quando morirò sarò nero.


 ...MENTRE TU UOMO BIANCO:

 *Quando sei nato eri rosa.

 *Quando sei cresciuto eri bianco.

 *Quando vai al sole sei rosso.

 *Quando hai freddo sei blù.

 *Quando hai paura sei verde.

 *Quando sei ammalato sei giallo.

 *Quando morirai sarai grigio.

E dopo tutto ciò, hai la faccia tosta di chiamarmi uomo di colore?

"Io non domando a che razza appartiene un uomo; basta che sia un essere umano. Nessuno può essere qualcosa di peggio".   (M.Twain)



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso