Creato da corallinadoc il 11/02/2009

Simm'e Napule paesà

Napoli, tu e io

AREA PERSONALE

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

FACEBOOK

 
 

Io voglio bene a Napule
pecchè 'o paese mio
è cchiù bello 'e na femmena,
carnale e simpatia.
E voglio bene a te
ca si napulitana
pecchè si comm'a me
cu tanto 'e core 'mmano.
Saje scrivere, saje leggere
parole 'e passione;
saje ridere, saje chiagnere
sentenno na canzona.
Napule, tu e io...
simme tre 'nnammurate:
simmo na cosa sola,
gentile e appassiunata.
Nuie simmo 'e figlie 'e Napule,
Vommero, Margellina :
quanno se dice "Napule"
s'annomena 'a riggina!

 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

 

 

'O SSAJE COMME FA 'O CORE...

 

'Napule è ’nu paese curioso:'
'e' 'nu teatro antico,
sempre apierto.
Ce nasce gente ca senza
cuncierto
scenne p' 'e strate e sape recita'.
Nunn’è c' 'o ffanno apposta;
ma pe'lloro 'o panurama
è 'na scenografia,
'o popolo e' 'na bella cumpagnia,
l'elettricista e' Dio ch' 'e fa campa'..


 

 

 


Vide 'o mare quant''e bello!
Spira tantu sentimento,
Comme tu a chi tiene mente,
ca scetato 'o faie sunna'.
Guarda, gua' chistu ciardino;
Siente, sie' sti sciure arece:
Nu prufumo accussì fino
Dinto 'o core ase ne va...
E tu dice: "I' parto, addio!".
T'alluntane da stu core...
Da la terra de l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turna'?
Ma nun me lassa',
Nun darme stu turmiento!
Torna a surruento,
Famme campa'!
Vide 'o mare de Surriento
Che tesoro tene nfunno;
Chi ha girato tutto 'o munno
Nun l'ha vista comm'a cca'
Guarda attuorno sti Sserene,
Ca te guardano 'nacantate
E te vonno tantu bene...
Te vulessero vasa'.
E tu dice: "I' parto, addio!".
T'alluntane da stu core...
Da la terra de l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turna'?
Ma nun me lassa',
Nun darme stu turmiento!
Torna a surruento,
Famme campa'!

 

 

 

SAN GENNARO

Madonna mia,
te ringrazio c' 'a faccia'mbruscenata pe' terra ca m'hé fatto vedé'
na bbona e santa nuttata, comme spero 'e vedé' na bbona e santa jurnata.
Faccia 'ngialluta (1), accurre e stuta 'sta vampa de lo 'nfierno.
Ora pro nobis.
San Gennaro mio potente, scioscia chesta cennere e sarva tanta gente d' 'a morte e lav' ardente.
Ora pro nobis.
Miserere! Miserere! So' 'e peccate, so' 'e peccate! San Gennaro miserere, San Gennaro ora pro nobis.
Dille a Dio, a Cristo a 'e Santi ca pentite simme nuje,
ca peccà' cchiù nun vulimme.


 

 

 

 

'O TRAFFICO A NAPOLI (riflessioni)

Post n°25 pubblicato il 25 Marzo 2009 da corallinadoc

Non so se vi è mi capitato di girare a Napoli in macchina.Uno mi dira’ e va be’… nelle ore di punta in tutte le grandi citta’ è cosi, macchè, ripeto macchè, a Napoli è tutta ora di punta, la punta di un ICEBERG. Sara’ il traffico, sara’ l’indisciplina ma ne succedono delle belle.
Parliamo dei semafori ,che spesso sono solo un abbellimento luminoso, questo è vero, ma fateci caso spesso si blocca tutto pecchè na vota ce sta chi ti vuole’ pulire’ i vetri i, ed è inutile che azioni il tergicristallo, lui aspetta che si spostano a destra e a sinistra ,te li pulisce lo stesso. Pulisce mo’, te li inziva ,perché non ha fatto o cagne e l’acqua dalla marcia su Roma. Parte la prima moneta.Al semaforo successivo ci sta sempre quello che ti dice :tu dare a me un euro io rom e tu rispondi:” se me ne dai 5 tu a me rorm pur’io.”Comunque parte un’altra moneta.Poi incontri quello che ti butta il pacco di fazzoletti sul cruscotto, e tu glie lo ributti, e lui lo ributta a te, e tu a lui, quando ti accorgi che intorno s’è fatta a folla che tifa o pe tte o per lui, anzi è capitato pure che qualcuno ha gridato:”NET”Dopo questa sudata parte un’altra moneta.E mentre credi che sia finita, ecco che ti arriva lo zingaro:” me daie na cusarella tengo 7 figli” e a te te vene voglia e dicere” azz tu futte e i figli te li campo io?”Ma poiché” tene na faccia brutta” , per togliertelo dalle scatoglioni, parte un’altra moneta. Ora a questo punto pensate sara’ finita’, macchè , sei avvicinato da uno di quei tizi che a Napoli chiamano “autogrill”, cioè da quelli che in un cesto hanno piu’ roba loro che le Pavesi sull’autostrada.Cominciano con l’accendino e tu dici grazie non fumo, e lui e appicciate o gas ,e tu nu me serve! e “vulisseve nu cd ?”tu dici no no grazie” vulisseve na cassetta e Julo Iglesias? Tu dici no no grazie nu me piace, e lui” ma questa è l’ultima..e tu ..putesse essere pure a primma ..nu me piace! Lui continua imperterrito: “ aggio capito nu bello CD pornografico? Noooooooo! Na macchina fotografica, fotografate a mugliera vosta ed esce o prevete a dinte? Noooooooo!Vulisseve stu cagnolino che move a capa si mette su cruscotto di dietro? E vulisseve sta "scigna di piluscio"?Nooooooo! A questo punto esausto, opti per l’accendino e parte cosi’ un’altra moneta. Non sei ancora andato al lavoro e ti accorgi di aver gia’ speso una parte del tuo stipendio .E poi dicono che a Napoli nu tenimme o core buono, o tenimme ,o tenimme

 

 
 
 

'A primmavera

Post n°24 pubblicato il 21 Marzo 2009 da corallinadoc

'A primmavera

Stammatina ‘o sole ha lassato
‘o posto a na nuvola tutta nera,
me pare nu quadro appriprato
criato apposta p’ ‘a primavera:
Chest’è na nuvola ‘e passaggio
e mentre ‘o sole trase e ghiesce…
schezzechea, accussì: p’arraggio…
po’ dint’a n’attemo fernesce. 

Siente pe’ dint’ ‘all’aria rinfrescata
n’addore ‘e turreno mprufumato,
nu raggio ‘e sole scenne curiuso
e brilla ncoppe ‘a na rosa nfosa. 

‘E rrondine svolazzano cantanno..
na mamma  c’ ‘a criatura s’arrecreja,
pecchè dint’ ‘o turreno sta pazzianno
cu na maruzza mano ca scapuzzeja.
‘A nenna cu ‘e mmane sporche ‘e turreno
Aiza ‘a capa,guarda ‘ncielo e dice tutta allera:
“Uh, mammà  guarda ce stà  ll’arcobaleno!
E ‘a mamma :“Nennè chest’è ‘a primmavera!”

 
 
 

Per te Papą...resterai per sempre con me...

Post n°23 pubblicato il 16 Marzo 2009 da corallinadoc

‘O pate è ‘o pate
nun se po lamentà maje cu nisciuno
adda fà sempe ‘o forte, adda fà ‘o pate
è capo, ma nun sape cumannà.
‘O pate è ‘o pate
sempe annascuso, nun se vede maje
ma sape tutto chello ca succede
e quanno vò se sape fà sentì
e c’’a fatica ‘nfaccia e dint’ all’ossa
va cammenanno cu ‘e penziere appriesso
se cresce ‘e figli dint’’o
portafoglio
sempe cchiù chino ‘e ‘sti fotografie
nisciuno ‘o sente quanno parla sulo
e se fa viecchio sestimanno e guaje
e si ‘o faje male s’astipa ‘o dolore areto a nu sorriso
e se va a ‘ppendere dint’ ’o scuro
a ‘na lacrema d’ ’o core
ca ogni tanto ‘o fa cadè.
‘O pate è ‘o pate
nun se po’ rassignà si ‘o juorno è niro
pe’ forza adda truvà nu piezze ‘e sole
pe’ scarfà ‘a casa soja primma ‘e partì;
‘O pate è ‘o pate
‘o primmo amico ‘e quanno si criaturo
ca fore ‘a scola nun ‘o truove maje
ma sta tutte ‘e mumente addò staje tu,
‘o truove sempe cu ‘o piacere ‘n mane
si nun vuò niente te vo’ dà coccosa
e se sta zitto pe’ guardà ‘e parole
ca so’ carezze ca isso t’ ’a ‘mparato,
acale l’uocchie quanno te saluta
e sott’ ‘e diente dice statt’accorto
e chella mano ca te tocca ‘a spalla è ‘o coraggio ca tiene
e nun te miette cchiù paura,
pecchè saje ca nun si sulo
quanno ‘a vita è contro a te.

 
 
 

'A penna!

Post n°22 pubblicato il 14 Marzo 2009 da corallinadoc

 

 
 
 

Ova 'mpriatorio

Post n°21 pubblicato il 09 Marzo 2009 da corallinadoc

In tempo di Quaresima (ma anche per dare qualche colpo di rifinitura alla linea) è bene avere a portata di mano una ricetta semplice, veloce da cucinare, ma leggera.
Allora cosa di meglio che preparare una semplice salsa di pomodoro e farci cuocere dentro un paio di uova? … ed ecco pronto un bel secondo economico e nutriente.
Quel nome, poi, ova ‘mpriatorio (uova in purgatorio) , mi ha sempre incuriosito, fin da bambina: l’origine del nome secondo varie fonti sarebbe dovuto all’aspetto del piatto, che richiama alla mente le rappresentazioni delle anime del purgatorio presenti nelle edicole votive di Napoli.

Ed ecco la ricetta delle uova in purgatorio:


Per 4 persone:
- 8 uova
- 500 g di pomodori pelati
- mezza cipolla, uno spicchio d’aglio
- olio di oliva
- sale, pepe, prezzemolo o basilico


La preparazione è molto semplice: in una padella o in una teglia larga soffriggere la cipolla ed uno spicchio d’aglio nell’olio d’oliva. Aggiungere poi i pomodori pelati e far cuocere la salsa per una decina di minuti a fuoco lento. Salare e pepare. A questo punto praticare nella salsa dei piccoli incavi che accoglierano le uova. Rompete dentro questi incavi le uova e far cuocere a tegame coperto un’altra decina di minuti a fuoco moderato. Attenzione a non far fuoriuscire le uova dagli incavi, la salsa non deve bollire troppo intesamente. A termine della cottura il bianco dell’albume deve risultare bello sodo, mentre il tuorlo deve restare morbido. Decorare con basilico o prezzemolo e, chi lo gradisce, può spolverare con un pò di formaggio.

 
 
 
Successivi »
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ficoarchitettocarsgasaltamomarinamarino04fragolina72dglmady.gpontone.francosimonaimprota1982mimmocicatiellomic30djboogiefrancescosimminijulycfiore.salvnadiabat5
 

 

Quanta storia

sotto o' Vesuvio

 

 

'O 'rraù
'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà.
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
io nun songo difficultuso;
ma luvàmmel' 'a miezo st'uso

Sì,va buono:cumme vuò tu.
Mò ce avéssem' appiccecà?
Tu che dice?Chest' 'è rraù?
E io m' 'o mmagno pè m' 'o mangià...
M' ' a faja dicere na parola?...
Chesta è carne c' ' a pummarola

 

E DAMM' STA VUCCHELLA...
CA PE M'AVVELENA'
 E ZUCCHERO SE FA'...

 

 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
PERCHE' A NAPOLI SI DICE COSI'
'A messa scaveza

Detta anche 'A messa pezzuta, è paragonata alla cerca che le fanciulle facevano scalze per raccogliere fondi da destinare alla celebrazione di una messa votiva. Quindi una persona che fa 'A messa scaveza, al fine di ottenere i risultati prefissi, insiste oltre ogni limite con chiunque gli capiti a tiro.
Ji' truvanne a Cristo dint' 'e lupine.

Così viene indicata l'eccessiva pignoleria. La frase fa riferimento alla leggenda secondo cui la Madonna, per ricompensare il pino che l'aveva aiutata a nascondere il figlio, facesse sì che l'interno dei pinoli avessero la forma della mano di Cristo. Il privilegio non fu concesso alla pianta di lupini perché aveva negato il suo aiuto.

Quanno 'a gallina scacatea, è signo ca à fatto ll'uovo.
Letteralmente: quando la gallina starnazza vuol dire che ha fatto l'uovo. Quando ci si scusa reiteratamente, significa che si è colpevoli.
Petrusino, ògne menesta.
Letteralmente: Prezzemolo in ogni minestra. Così è detto l'incallito presenzialista, che non si lascia sfuggire l'occasione di esser presente,di intromettersi in una discussione e dire la sua, quasi come il prezzemolo che si usa mettere in quasi tutte le pietanze o salse partenopee
E chesto te piace 'e fa'.
E' una espressione tipica per sottolineare un comportamento usuale, ancorché ripetitivo, della persona alla quale ci si sta rivolgendo, evidenziandone quindi la tendenza al godereccio a danno di altra attività più redditizia.
Fattella cu chi è meglio 'e te e refunnece 'e spese.
L'invito è a frequentare persone che si ritengono migliori di se stessi al fine di acquisirne i pregi e le virtù, anche sostenendo i costi dell'operazione, considerato il sicuro ritorno personale, sotto l'aspetto umano e formativo.
Secondo me, tu si gghjuto ca' capa 'nterra.
Frase che si adopera nei confronti di chi, con il suo comportamento, dimostra di non essere al meglio delle sue capacità psico-fisiche nonché mentali.




 

FOTO


Maschio Angioino


Piazza del Plebiscito


Palazzo Reale


Galleria Umberto I