natural life

ecologia,stili di vita alternativi,popoli nativi

 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: arabafenice1972
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 51
Prov: MO
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultimi Commenti

arabafenice1972
arabafenice1972 il 07/02/24 alle 00:09 via WEB
“Può darsi che sembriamo pazzi agli occhi dei bianchi perché siamo un popolo molto semplice. Viviamo accanto a nostra madre, la terra. Crediamo nel nostro Dio come voi credete nel vostro, ma pensiamo che il nostro Creatore sia meglio per noi. Egli ci parla e ci dice cosa bisogna fare. Ci dà le nuvole cariche di pioggia, la luce del sole, il mais e tutte le cose necessarie alla vita. Ci ha dato tutto questo ben prima che avessimo sentito parlare del vostro Dio. Se il vostro Dio è così grande, fate in modo che mi parli come mi parla il mio: al mio cuore e non attraverso la voce di un uomo bianco.” (HOPITU SCHINUMU, indiano Hopi)
 
arabafenice1972
arabafenice1972 il 30/10/23 alle 17:08 via WEB
https://www.greenme.it/animali/animali-selvatici/la-straordinaria-bellezza-di-una-volpe-melanica-immortalata-da-un-fotografo/
 
arabafenice1972
arabafenice1972 il 31/08/23 alle 16:19 via WEB
"I nostri figli devono andare a scuola per essere civilizzati. Lì vengono a conoscenza delle chiese. Sembra che esse siano state costruite con l’intenzione di addossarsi colpe l’uno con l’altro. Quando la gente trova da ridire sulle chiese anche Dio viene coinvolto nelle loro contese. La chiesa di mio nonno non era costruita da uomini: quindi lui non avrebbe mai potuto insegnarmi a litigare con Dio. La nostra chiesa era la natura. Abbiamo perso così tanto. Sebbene le circostanze fossero contro di noi, la colpa è anche nostra. Non abbiamo saputo affrontare lo shock che l’uomo bianco ci inflisse. Sono nato in una cultura che viveva in case aperte a tutti. Tutti i figli di mio nonno e le loro famiglie vivevano in un’abitazione di 26 metri e mezzo di lunghezza, vicino alla spiaggia, lungo una insenatura. Le loro camere da letto erano separate da una tenda composta di canne, ma un unico fuoco comune nel mezzo serviva ai bisogni culinari di tutti. In case come queste la gente imparava a vivere e a rispettare i diritti di ognuno. I bambini dividevano i pensieri del mondo degli adulti e si trovavano circondati da zie e zii e cugini che li amavano e non li minacciavano. Oltre a questa reciproca accettazione, c’era un profondo rispetto per ogni cosa presente in natura che li circondasse. Per mio padre la terra era la sua seconda madre. Era un dono del Grande Spirito e l’unico modo di ringraziarlo era quello di rispettare i suoi doni. L’uomo bianco invece ama solo le cose che possiede: non ha mai imparato ad amare le cose che sono al di fuori e al di sopra di lui. In realtà o l’uomo ama tutto il creato o non amerà niente di esso. La mia cultura dava valore all’amicizia e alla compagnia, e non guardava alla privacy come a una cosa cui tenersi aggrappati, poiché la privacy costruisce muri su muri e promuove la sfiducia. La mia cultura viveva in grandi comunità familiari, e fin dall’infanzia le persone imparavano a vivere con gli altri. La mia gente non dava valore all’accaparramento di beni privati: tale azione era disonorevole per la nostra gente. L’indiano guardava a tutte le cose presenti in natura come se appartenessero a lui e supponeva di dividerle con gli altri e di prendere solo quelle di cui aveva bisogno. Ognuno ama dare nello stesso modo in cui riceve. Nessuno desidera continuamente ricevere. Tra poco sarà troppo tardi per conoscere la mia cultura, poiché l’integrazione ci sovrasta e presto non avremo valori se non i vostri. Già molti fra i nostri giovani hanno dimenticato le antiche usanze, anche perché sono stati presi in giro con disprezzo e ironia e indotti a vergognarsi dei loro modi indiani." Capo Dan George- Tsleil-Waututh Nation, una delle tribù costiere Salish la cui riserva si trova a Burrard Inlet nella zona sud-orientale del distretto di North Vancouver, British Columbia, Canada.
 
arabafenice1972
arabafenice1972 il 25/04/23 alle 12:46 via WEB
"Non conosco alcuna specie di pianta, uccello o animale che non si sia estinta dopo l'arrivo dell'uomo bianco. L'uomo bianco considera la vita naturale degli animali come quella del nativo su questo continente: come un fastidio. Non c'è alcun termine nella nostra lingua con il significato di "fastidio". Orso in piedi, Lakota - Sioux-
 
arabafenice1972
arabafenice1972 il 02/03/23 alle 16:59 via WEB
"O Grande Spirito, la cui voce sento nei venti e il cui respiro dà vita a tutto il mondo, ascoltami. Vengo davanti a Te, uno dei tuoi tanti figli. Sono piccolo e debole. Ho bisogno della tua forza e della tua saggezza. Lasciami camminare tra le cose belle e fa’ che i miei occhi ammirino il tramonto rosso e oro. Fa’ che le mie mani rispettino ciò che Tu hai creato e le mie orecchie siano acute nell’udire la Tua voce. Fammi saggio, così che io conosca le lezioni che hai nascosto in ogni foglia, in ogni roccia. Cerco forza, non per essere superiore ai miei fratelli, ma per essere abile a combattere il mio più grande nemico: me stesso. Fa’ che io sia sempre pronto a venire da Te, con mani pulite ed occhi diritti, così che quando la vita svanisce, come la luce al tramonto, il mio spirito possa venire a te senza vergogna." Preghiera di Allodola Gialla, capo indiano Sioux
 
arabafenice1972
arabafenice1972 il 07/12/20 alle 13:44 via WEB
"I bianchi si burlano della terra, del daino e dell'orso. Quando noi uccidiamo un animale, ne mangiamo tutta la carne. Quando raccogliamo radici commestibili, facciamo solo piccoli solchi. Quando costruiamo le nostre case, facciamo dei piccoli buchi. Quando bruciamo l'erba a causa delle cavallette, non roviniamo tutto. Noi ci procuriamo le ghiande e le pigne scuotendo gli alberi. Facciamo uso solamente di rami secchi. L'uomo bianco, invece, ara la terra, abbatte gli alberi, distrugge ogni cosa. L'albero dice: "Fermati, sono ferito, non farmi ancora male!" Ma l'uomo bianco lo abbatte per venderlo. Cosi lo spirito della terra lo odia. L'uomo bianco strappa gli alberi e sconquassa tutto sino alle radici; sega gli alberi, toglie loro la vita e questo è male. L'uomo bianco fa esplodere le rocce e le lascia sparse al suolo. La roccia dice: "Fermati, mi fai male!" M l'uomo bianco non ci fa caso e prosegue. Quando gli indiani utilizzano le pietre, invece, prendono quelle che trovano, le prendono piccole e rotonde per fare il loro fuoco. Come lo spirito della terra potrà amare l'uomo bianco? Dovunque egli vada, qualsiasi cosa tocchi, lui lascia una piaga, lascia una striscia di sangue dietro di sé." Una donna Wintu
 
arabafenice1972
arabafenice1972 il 23/09/20 alle 23:23 via WEB
https://www.greenme.it/informarsi/natura-a-biodiversita/pietre-vive-romania/
 
arabafenice1972
arabafenice1972 il 04/08/20 alle 11:14 via WEB
https://video.virgilio.it/guarda-video/la--bellissima-tartaruga-gialla-avvistata-in-india_bc6177910724001
 
arabafenice1972
arabafenice1972 il 26/06/18 alle 23:02 via WEB
Vinicunca, la montagna arcobaleno in Perù: https://www.google.it/search?q=vinicunca+immagini&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ved=0ahUKEwjDstfjnPLbAhWJIsAKHZdjDNwQsAQIJw&biw=1517&bih=735
 
arabafenice1972
arabafenice1972 il 17/05/18 alle 13:51 via WEB
http://www.eticamente.net/60410/il-codice-etico-degli-indiani-damerica-per-vivere-felici.html?refresh_ce
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: arabafenice1972
Data di creazione: 26/01/2009
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

arabafenice1972Assaggio.Di.Passionemarabertowje_est_un_autrepeppinello62falco20050sagredo58correggio.invetrinaombrello.rossoToscanagnudacfciccio1Carambolaimpazzitasibillixlucasexy2
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963