Creato da Nereide_81 il 08/12/2006

Ambrosia e cicuta

Vorrei che la moralità fosse una stella filante, da soffiare e sciogliere al vento

GEISHA2

 

GEISHA

 

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

aquarius6senor11Kaos_101laura.leone2005Il_giocatore0YearendilsciarconazziKittyktupac1980andy_hZoe68derosamercedesMatteos73alipes222ladyamira1
 

Legami al tuo cuore
Stretta, un po' più stretta
Così che non possa scappare

 

FACEBOOK

 
 
ROI tracking
 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 

 

« tuInquietudine »

E.

Post n°224 pubblicato il 07 Luglio 2010 da Nereide_81

Con quello del post precedente è finita come volevo. Ora, non lo voglio più. E' stato un errore, un terribile errore. Ora appiccica, ma in effetti è colpa mia.

 

In questi giorni penso ad E.

E' il primo uomo con cui io abbia fatto l'amore, non nel senso di scopata. Avevo 16 anni, e mi piaceva tanto che la prima volta che siamo rimasti soli, nella casa al lago, tremavo come una foglia pensando che avere le sue mani addosso e il suo sesso dentro fosse una cosa troppo, troppo orribile per il sentimento puro che provavo.

 

Lui mi vide tremare, per la prima volta ragazzina ai suoi occhi, e disse che no, non mi avrebbe toccato.

Mi amava, scriveva pensieri per me, diceva che era presto, ma avrebbe voluto una famiglia.

4 mesi dopo, il 1°maggio, giorno di festa da scuola, facemmo l'amore. Non poso dire che fu bello, non sentii nulla, avevo ancora troppo anestesia addosso, a 16 anni non si può essere già così scafati di bestialità maschile com'ero io.

Ma lui s'inginocchiò ai miei piedi, mi ringraziò, e da lì in avanti fu tutto bellissimo.

E. aveva una caratteristica che amo negli uomini: bastava un gesto, un profumo, bastava varcare la soglia di casa, e lui si eccitava. Era bello sapere che l'eccitavo così, senza fare la sgualdrina, solo per quello che ero. Anzi, amava sentirmi parlare, amava giocare a scacchi insieme, o prendere un gelato sul lago.

 

Inutile dire, che passati imesi lo tradii, lo ferii, gli spezzai il cuore in mille frammenti. Non è che adesso abbia molti scrupoli, ma a 16 anni ero veramente spietata. Non lo amavo più, o forse mi mancava la mia vita da puttana randagia, che avrei recuperato a breve.

 

Oggi E. è un uomo bellissimo. Sta con G. che è più giovane di me. Non so cosa sia successo, ma il gioco è iniziato. E stavolta è veramente, veramente dura.

Mi trema la pancia, ho le farfalle dell'agitazione progettando le prossime mosse.  Qui veramente ho un 1% di possibilità. Tenendo conto che dopo 1 anno e mezzo di malattia ne sono uscita visibilmente provata, sia psicologicamente che fisicamente, è dura. Non so nulla di lui e lei, e questo è l'altro punto debole.

Non ho mai cercato qualcuno che fosse fidanzato, ma lui lo voglio. Troppo. Mi serve per uscire dalla tristezza della malattia. Ne ho bisogno. Ho bisogno del gioco...

Non esiste un uomo che non si possa prendere. Tutto dipende dai mezzi che si usano, dagli errori che si commettono nell'usarli. Ci proverò...

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/nereide/trackback.php?msg=9032586

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
dolcissima63dgl0
dolcissima63dgl0 il 08/07/10 alle 09:29 via WEB
Ciao, nei tuoi scritti cè sempre molto tormento....non ti chiedere più se le cose sono giuste o sbagliate....sono cosi e basta, segui solo il tuo cuore... cerca di agire in modo da non avere rimpianti.....ti abbraccio
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

 
Mi dispiace, oltre ad essere socialfobica, sono fondamentalmente un'asociale. La diffidenza è una caratteristica pregnante della mia personalità. Non sono tipa da quattro chiacchiere, o frasi smielate. Scrivo perché mi fa bene, tutto qui. Non m'interessa di fare nuove amicizie. Sono una persona molto indipendente, ma fragile. Molto fragile. E forse anche molto forte. Mi piacciono le cose vere della vita. Le emozioni, la schiettezza, odio la formalità e le prese di posizione. Il virtuale è solo un modo per fare il punto della situazione.
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963