Creato da whiterose_m il 18/04/2006
Se la volontà è più forte del fato La speranza è solo attesa

Tag

 

Blog interessanti

I miei Blog Amici

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

« Stelle Solo un saluto »

Via dalla mia testa

Post n°8 pubblicato il 13 Agosto 2006 da whiterose_m
 
Foto di whiterose_m

Ciao piccola

Durante le fasi della mia rinascita, nel purgatorio in terra c'era chi stava bene e chi no. Tra tutti, pur senza fatti gravi, sono di quelli che ne hanno passate di più, ma alla fine sono riuscito a raccontarla. Non per tutti è stato così.
Un sentimento strano che vivevo in quel periodo, e continuo a vivere, è una specie di vergogna. Vergogna per avercela fatta. Ogni volta che qualcuno in non buone condizioni mi chiedeva "come stai" e io rispondevo "bene", mi sentivo come in colpa. E spesso ho visto questo senso di impotenza, di sgomento, di una incolpevole colpevolezza, negli occhi di chi mi parlava, durante le mie fasi buie.
Oggi continuo a sentirmi colpevole.
Colpevole di stare bene, di poter vivere la mia vita con una parvenza di normalità.

Ieri è morta una ragazzina di 15 anni. Lei non ce l'ha fatta.

La conoscevo, l'ho conosciuta piccolina, vispa e allegra come tutte le bambine. Era figlia di conoscenti.
Dio se l'è portata via in poche settimane. Non lo sapevo, ho parlato con lo zio il giorno prima della sua ascesa al cielo, gli ho detto "non preoccuparti, tutto si risolverà".
Oggi non me la sono sentita di andare al suo funerale.
Mi sarei sentito a disagio, con il mio senso di colpevolezza di fronte ai genitori e al loro dolore così terribile. Talmente colpevole che temevo qualcuno potesse accusarmi: "perchè tu sei qui con noi e lei, così piccola, così indifesa, non potrà più regalarci i suoi sorrisi".
E' un senso di colpa che non riesco a scrollarmi di dosso, la colpa di essere vivo.

Tempo fa ho rifuggito anche i funerali di mia cugina, diventata angelo così giovane e così immeritatamente, per non dover abbassare lo sguardo dinanzi alla famiglia, che mai e poi mai l'avrebbe detto, e forse mai pensato; ma quelle accuse me le sento continuamente nella testa: "perchè tu sei qui e loro non più? Perchè?"

Spero tu stia bene

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Ultimi commenti

io spero che lei ti legga, e' passato quasi un anno...
Inviato da: cinzia63
il 19/07/2007 alle 18:49
 
sono venuta a salutarti, e mi ritrovo in un precipizio,...
Inviato da: cinzia63
il 27/08/2006 alle 22:14
 
Grazie, sono passato a trovarti.
Inviato da: whiterose_m
il 15/08/2006 alle 11:09
 
E' dura. Tu hai ragione, ma è dura.
Inviato da: whiterose_m
il 15/08/2006 alle 10:57
 
Molto nobile, ma poco utile, direi. Ognuno ha a...
Inviato da: antobi
il 14/08/2006 alle 10:57
 
 

Ultime visite al Blog

mariomancino.mwhiterose_marturo7070snap1dglciropirodekster14Drashtasalsera721semplicementecomplic