Creato da stelladimare_711 il 08/09/2010

PASSO DOPO PASSO

parole in libertà

 

« IL VIZIO DI SCRIVERESOGNI »

L' ATTIMO FUGGENTE

Post n°2 pubblicato il 14 Settembre 2010 da stelladimare_711

Sei e trenta del mattino, suona la sveglia, la spengo e mi rigiro dall’altra parte, il dolce tepore del letto mi circonda con il suo abbraccio e sto ricadendo nell’oblio dei sogni......ma quel trillo fastidioso riparte, già le sette!

Salto dal letto, sveglio Riccardo e in mezz’ora siamo fuori da casa.

Il suo primo anno di superiori, il liceo non è distante, ma stamattina piove, decido di accompagnarlo invece di lasciarlo andare in bici come al solito.

Entrano tutti presto questi ragazzi del liceo, alle 7,30 del mattino sono tutti su quella strada con i loro libri, i jeans, le scarpe da ginnastica .

Guardo i loro visi, dai ragazzi più piccoli come il mio a quelli del quinto anno, percorrono quel lungo marciapiede che li porta all’ingresso della scuola chiacchierando e ridendo, qualcuno cammina con gli occhi chiusi, le ragazze sono sempre in gruppetti di tre o quattro mentrei ragazzi si muovono da soli o in due.

Mi incanto a guardarli, cercando di spiare cosa si raccontano a quell’ora del mattino, cercando di carpire i loro sogni , le loro aspettative, i loro progetti.........

vite che ancora devono affacciarsi e immergersi nella realtà del mondo,

vita,tutta da fare, tutta da desiderare, tutta da costruire....

Riccardo scende dall’auto

“ Ciao ‘Ma, se non piove vengo a piedi!”

“ Ciao Amore, non mi dai un bacio ? “

Mi fulmina con lo sguardo e se va.

Lo segue con lo sguardo, è arrivato nel grande giardino del liceo, prima delle porte di ingresso alla scuola, lo perdo e si confonde con tutti gli altri.

Resto ancora lì, immobile, il via vai delle auto aumenta, stanno arrivando anche i ragazzi delle medie, chiudo gli occhi e prego, la stessa preghiera di tutte le sere dopo che li ho baciati e ho augurato la buonanotte ad entrambi :

Oh Dio, ti prego, non mi interessa che Riccardo diventi un ingegnere e Irene un avvocato, non mi interessa che abbiano un posto al sole nella società di domani, l’unica cosa per cui ti prego e che ti chiedo è che possano realizzare i loro sogni !

– Non tradirli!

E in quest’attimo fuggente, giro l’auto, mi dirigo in ufficio, vado a farmi quattro risate, ben lontane dai miei sogni di ragazza liceale !

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

FACEBOOK

 
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom