Sorridere è Amare

...Crederci e mettersi in gioco sempre...

 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: pazza105
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Etą: 38
Prov: RE
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG PREFERITI

ULTIME VISITE AL BLOG

tempestadamore_1967DRAGO_18pazza105Coulomb2003costel93fwanted_2013carloreomeo0tantiriccirossivita.perezRotolandonelventosurfinia60zeronuvolettamariano6Lady_SeleKtaFLORESDEUSTAD
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

chissą Tu.

Post n°262 pubblicato il 16 Marzo 2018 da pazza105

 

Per me:

... un giorno, tre autunni...

 
 
 

Ed Sheeran - Perfect Symphony (with Andrea Bocelli)

Post n°261 pubblicato il 25 Febbraio 2018 da pazza105

 

I found a love for me 
Oh darling, just dive right in and follow my lead 
Well, I found a girl, beautiful and sweet 
Oh, I never knew you were the someone waiting for me 
'Cause we were just kids when we fell in love 
Not knowing what it was 

I will not give you up this time 
But darling, just kiss me slow, your heart is all I own 
And in your eyes, you're holding mine 


Baby, I'm dancing in the dark with you between my arms 
Barefoot on the grass, listening to our favourite song 
When you said you looked a mess, I whispered underneath my breath 
But you heard it, darling, you look perfect tonight 

Sei la mia donna 
La forza delle onde del mare 
Cogli i miei sogni i miei segreti molto di più 
Spero che un giorno 
L'amore che ci ha accompagnato 
Diventi casa la mia famiglia diventi noi 

E siamo sempre bambini ma 
Nulla è impossibile 
Stavolta non ti lascerò 
Mi baci piano ed io 
Torno ad esistere 
E nel tuo sguardo crescerò 
Ballo con te 
Nell'oscurità 
Stretti forte e poi 
A piedi nudi noi 
Dentro la nostra musica 
Ti ho guardata ridere 
E sussurrando ho detto 
Tu stasera vedi sei perfetta per me 

Ballo con te 
Nell'oscurità 
Stretti forti e poi 
A piedi nudi noi 
Dentro la nostra musica 
Ho creduto sempre in noi 
Perché sei un angelo e io ti ho aspettato 
Quanto ti ho aspettato 
Perché tu stasera sei perfetta per me 

 
 
 

Sento che...

Post n°260 pubblicato il 24 Febbraio 2018 da pazza105

 

 

 

... tu sei Mia...

 

 

 

 

 

 
 
 

Concerto..

Post n°259 pubblicato il 28 Gennaio 2018 da pazza105

 

Ricomincia nella notte questa storia troppe volte
E ha tirato botte
Colpi bassi mentre vivo
Che mi tolgono il respiro
E mi danno la certezza che mi ostinerò a mancarti senza raddrizzare il tiro

Quante volte avremmo detto con fermezza che tra noi era finita
Da domani ricomincia un’altra vita
Tranne poi tornare dove siamo stati sempre certi di trovarci
Siamo sempre stati forti
A lasciarci negli abbracci
A proteggerci dai sassi
A difenderci dagli altri
A lasciarci i nostri spazi
A toccare con un dito questo cielo che spalanca l’infinito
Quante volte ci ha deluso
E quante volte ci ha sorriso

Come te che mi hai dato
Il mio giorno più bello nel mondo
L’ho vissuto con te

Solo tu mi hai donato
Un sorriso che nasce anche quando un motivo non c’è
E da quando c’è stato sembra schiudere tutte le porte
Sembra schiuderle tutte le volte
Che sto con te

Non lasciamo che sia il tempo a cancellarci senza un gesto
Far la fine dei graffiti abbandonati alle pareti
Lentamente sgretolati dalla pioggia e dal calore
Fino a quando c’è uno stronzo che passando li rimuove
Senza avere la certezza di aver dato tutto
Prima di mollare, di tagliare corto
Di imboccare quella strada senza più un rimorso
Fino a quando arriverà qualcuno che starà al mio posto
A lasciarci negli abbracci
A proteggerci dai sassi
A difenderci dagli altri
A lasciarci i nostri spazi
A toccare con un dito questo cielo che spalanca l’infinito
Quante volte ci ha deluso
E quante volte ci ha sorriso

Come te che mi hai dato
Il mio giorno più bello nel mondo
L’ho vissuto con te

E’ con te che è iniziato
Il mio viaggio più bello nel mondo io l’ho fatto con te
E’ un sorriso che è nato
Sembra schiudere tutte le porte
Sembra schiuderle tutte le volte
Che sto con te

Eravamo solo due perduti amanti
Quando l’universo ha ricongiunto i punti
Sole luna caldo freddo in un secondo solo
Quando finalmente riprendiamo il giro
E’ una sensazione che mi sembra innata come se con me fossi sempre stata
Come se ti avessi sempre conosciuta
Ma la meraviglia è che ti ho incontrata

E sei tu che mi hai dato
I miei giorni più belli nel mondo li ho vissuti con te
Solo tu mi hai donato un sorriso che nasce anche quando un motivo non c’è
Sembri schiudere tutte le porte
Sembri schiuderle tutte le volte che sei con me
Sembri schiuderle tutte le volte
Che sto con te

 
 
 

..forse..

Post n°258 pubblicato il 22 Gennaio 2018 da pazza105

Perché tu mi manchi, 

mi manchi tanto, 

mi manchi, tutto.

 

 
 
 

...

Post n°257 pubblicato il 16 Gennaio 2018 da pazza105

.. Amati..

 

.. Ama-Te..

 

Mi basta.

 
 
 

Fogli di giornale..

Post n°256 pubblicato il 11 Gennaio 2018 da pazza105

Stupita e disorientata. 

Una distesa di fogli di giornale, una sala piena, tanti, tantissimi, più strati, infiniti.
Al via una corsa per scivolarci dentro.

Buttarsi, essere riempiti di fogli volanti e poi cavalcarli e poi nascondercisi sotto ed esserne immersi sopra, e poi correre, scivolare, inciampare..
e poi affondarsi nella montagne di cumuli e stare, ascoltare il proprio respiro e immaginarsi "a morto" sul mare. 
Tu ferma, distesa, rilassata e sentire le onde come in burrasca infrangersi cattive sugli scogli e poi sentirne altre più lontane, come uno sciacquettio dolce, calmo, che da pace e quiete, e sì, perchè tu sei distesa, ma gli altri continuano a giocare ed è il correre vicino o lontano che porta alla mia mente questa straordinaria onomatopea.

Mi è sembrato incredibile riconoscerlo così chiaramente tanto che più mi entrava dentro più cercavo di sentirlo, più lo sentivo e più cercavo di andargli incontro ed entrarci dentro. Mi guardavo intorno ed ero felice.

Avevo immaginato tanto davanti a quella distesa di fogli ma mai mi sarei immaginata tutta quella potenza.

 

 
 
 

...

Post n°255 pubblicato il 05 Gennaio 2018 da pazza105

Le onde...

 

Graduale progressione per entrare in relazione con l'altro. Utilizzare vari oggetti, quelli più comuni, la palla, i cerchi e poi le corde... infine arrivare ad utilizzare uno strumento già sperimentato ed essere serena nel mettersi in gioco nuovamente.

La benda la indosso appena me la consegnano e senza esitazione continuo a camminare nello spazio. Mi rendo conto solo dopo che le mie mani non sentono il pericolo, rimangono distese lungo il corpo. Sento i passi, sento le vicinanze e le distanze di chi mi sta intorno, sento il mio respiro e ci resto, in relazione con me stessa.
Mi sento addirittura più libera rispetto al 'gioco' con gli altri oggetti.
Mi ascolto, rimango, resto nel mio spazio, lo cerco e sto bene chiusa a pallina.

Cercare la relazione secondo quello che è il proprio bisogno, la propria necessità, muoversi nello spazio...
Allontano chi sorride incontrandosi, con una forte sensazione di rifiuto, sento nella pancia un gomitolo aggrovigliato che tenta di dimenarsi e di sciogliersi, sensazione, in quelle risate, di non rispetto per il mio sentire, lo stomaco in fiamme, vibrante di emozioni, con la musica che diventa elemento scatenante, poi nel vagare incontrare l'altro, sentirlo, innescare relazioni e d'un tratto incrociare una mano aperta, calda, sfiorarsi dai polsi fino a scivolarsi via sulle dita, come quelle scene d'addio dei film famosi..

..e sentire quel fuoco nello stomaco risalire rapidamente fino a trasformarsi in lacrime, fiumi di lacrime.
Cercare il mio spazio e il mio posto, ascoltare il mio respiro, allontanare gli odori e accogliere la morbidezza di un gesto avvolgente, che accompagna il respiro e calma.

Rimango sola e poi vengo ancorata al gruppo, mi divincolo con cautela perché lì in quello spazio e in quel tempo non c'è benessere, non lo sento.. cercare il mio luogo, vagare nel vuoto immenso, diventato infinito, ampio e sentirmi profondamente.
Sentirmi sola.
Sola con me stessa.

Quella mano che va via, un saluto.
Riavvolgo la mia vita, evento dopo evento.
Lacrime incontenibili.

Mani fredde le mie, che cerco di scaldare consapevole che probabilmente darebbero fastidio così gelide nell'incontro con l'altro, ma tant'è non c'è verso, si scaldano e sudano quando si intrecciano in altre mani, si raffreddano immediatamente appena finisce il contatto... poi ne incontro una forte, ferma, stretta, calda che mi tiene e mi abbraccia. Non volerla più lasciare, percorrere insieme un pezzetto di strada.. e poi via di nuovo sola, nello spazio.. 

..Fango

 

..io lo so che non sono solo anche quando sono solo..

 

 
 
 

Sbamm

Post n°254 pubblicato il 01 Gennaio 2018 da pazza105

 

E così accontento anche mio padre, ogni tanto mi chiede di accompagnarlo; oggi era la volta del cimitero e della pasticceria.
L’intenzione e la voglia non le avevo. L’intenzione e la voglia era di montare quel mobile, bene.

Poi, poi l’ho accompagnato. La mia macchina, lui passeggero.
Strade basse, di campagna, secondarie, di quelle che fai solo quando raggiungi certi luoghi, di quelle che percorro raramente oggi, ma che conosco nelle curve e nei cartelli sempre pendenti, nei cancelli delle case a ridosso della strada, nel profumo di questa campagna, che non ha tempo perché ogni tempo fa sentire la sua fragranza nell’aria.

A metà strada “sbamm”..

Alfa romeo Giulietta Grigia, sedili posteriori, poggia braccio centrale sempre abbassato a separarci, io a destra, Enrico a sinistra, io dietro mia madre, Enrico dietro mio padre, sempre.
L’occasione della festa dei santi, ma talvolta succedeva anche durante l’anno. Tutti e 4 al cimitero.
La mia mamma, capelli sciolti, truccata, la riga nera sugli occhi, fard per arrossire e allungare le gote, rossetto rosso, tacchi; poi pellicciotto nero, o pelliccia marrone che le aveva comprato mia nonna.
Perché mi piaceva, mi piaceva tanto guardarla, starle a braccetto e sentire il suo profumo.

Mio padre, jeans e maglione, giacca, barba sempre perfettamente fatta.

Mio padre che sbuffava ogni volta, perchè mia madre era in ritardo sulla partenza, ogni volta.
Oggi penso, mia madre andava nella stalla, finito arrivava in casa, si faceva il bagno nella vasca, ci svegliava e ci dava colazione, preparava me, preparava mio fratello, sistemava la colazione, preparava il pranzo, poi si vestiva e si preparava lei.
Mio padre, andava nella stalla, finito arrivava in casa, faceva colazione, si lavava, si vestiva, era pronto.

Ma io già la difendevo: mio padre pronto con la macchina accesa, io e mio fratello caricati, poi mi offrivo di andare a vedere a che punto era mia madre, andavo piano, la aspettavo e scendevo solo un attimo prima per dire “sta arrivando”...di corsa col tichettio dei tacchi sul marciapiede, un saluto ai cani e poi la ventata di profumo che mi arrivava quando chiudeva la portiera. Lei.

Quanto mi stimavo di starle a fianco, anche mio padre talvolta prendevo a braccetto, ma lei, lei trasmetteva qualcosa di più, calore, pace, armonia, affetto.

Erano rari i momenti in cui ci muovevamo insieme, le occasioni della domenica per cimiteri, dei sabati sera alle corse dei cavalli e le uscite in giornate dai parenti romagnoli.

Poi il cimitero.

Anche il cimitero è sempre stato per me un momento importante.
Quante volte ho chiesto a mio nonno di raccontarmi le storie e le vite, prima delle morti, dei vari parenti.
Con mio nonno poi si partiva da casa coi fiori freschi di giardino avvolti in 4/5 fogli del quotidiano La Gazzetta di Parma “vecchia” di qualche giorno. Ogni fiore aveva la sua sistemazione e a mio nonno piaceva, o almeno a me così è sempre sembrato, sistemare le varie  composizioni, le rose, almeno 3, posizionate a varie altezze e le calle, bianche e lunghissime, sempre splendide, (che raccoglievamo al bordo del fosso la mattina prima di partire) e poi cambiare l’acqua, ripulire, come a voler dar ancor più valore a quegl’affetti.  

Poi c’erano le storie di “corridoio”, quelle morti che avevano riscosso qualche clamore in più, che magari erano finite sui giornali, per lo più di persone abbastanza giovani e che ogni volta chiedevo di dirmi, di raccontarmi e nella mia testa immaginavo, visualizzavo la mia realtà, pensavo a dov’erano, cosa facevano, dove andavano, qualcuno che ha scelto di morire, qualcuno che ha avuto “sfortuna”, qualcuno che ha incontrato la malattia.
Sfilavano via uno dopo l’altro, i nome, le foto, le frase, le date nelle tantissime lapidi, a muro o a terra che incontravo nel passaggio tra un parente e l’altro... quanta matematica ho fatto al cimitero! Si perchè calcolavo l’età, cercavo chi era nato prima, cercavo chi aveva fatto la guerra, e poi mi trovavo davanti a bambini, o mamme appena spose, facevo il pieno di ogni tempo, e mi sentivo avvolta di vita, di storia, di famiglie e di tradizioni.

"Sbamm" dicevo..

 

Perché questa mattina ho ritrovato quelle storie, perché la strada tra un parente e l’altro è sempre la stessa ma ho rivisto quella bambina ricciolona e boccolosa, con le calze di lana bianche o rosa e gli stivaletti, che rifletteva sulla vita e si stimava per mano a suo nonno.

 
 
 

Pensieri e bilanci

Post n°253 pubblicato il 31 Dicembre 2017 da pazza105

Questa mattina pensare a un mobile adatto a una casa che accoglierà una convivenza e una nuova famiglia, 

Nel pomeriggio una cerimonia di matrimonio.

Ogni volta, come sempre, mi commuovo ai matrimoni. L'omelia per un verso o per l'altro mi colpisce e i gesti semplici mi fanno scivolare via le lacrime.

Una stretta di mano tra un padre e un figlio stavolta, quel che è servito.
Un passaggio, un accompagnamento, il segno della pace, la forza di riconciliarsi e gli sguardi, accorti e veloci a sciogliere il viso in un sorriso complice.

La famiglia.
Piangere abbracciando quel padre, piangere guardando gli sposi, commuovermi pensando alla promessa d'amore.

 


Avercela chiara, quella promessa, sentirla, sposarla.

 

..

 

Tempi di bilanci e di bilancia.
Un 2017 inaspettato. Che scombussola, scompensa, fra-s-tuona, lascia andare chili superflui, riporta a me stessa, all'ascolto, al sentire. 
Consapevolezze annebbiate, che è stata la paura di perderti, sapere di non averti più, e l'incomprensione del perchè la vita accade, così, senza chiedere permesso, succede.

Succede, e succede poi che comprendi che tutto quel che c'è rimane. Succede che vedersi è trovarsi, succede che parlarsi è capirsi, succede che scivolare nel bagno con la luce negli occhi di chi deve dirti qualcosa che non può aspettare è inaspettato, succede che mi abbracci, mi annusi e puzzo, succede che c'è complicità, succede che ogni cosa può succedere, succede che vince la verità del raccontarsi delle anime che tant'è, quello, succede sempre.

Succedono infinite cose.... che da dentro è sempre difficile riuscire a vedere e a guardare, ma ogni cosa che succede è giusta e necessaria perchè così si vivono ed è così che accade la vita.

 

Il 2018, cavalcare il suo fluire e fluire, prendere contatto con questa essenza del se più profondo, e gioire.

 

E poi Grazie, ogni giorno Grazie.

 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: pazza105
Data di creazione: 21/11/2005