Creato da KARATEKID5 il 20/04/2010
Karate e Formazione

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

KARATEKID5Lalla3672orchidea74263mauronexcaliennotizianamaria.cristallinoprofilo_in_scioperogradiva1940giocom1960MarquisDeLaPhoenixa.amato_2011aras08spesdossi78adrifun27
 

Ultimi commenti

Napolitans do it better.
Inviato da: bahkty
il 13/05/2011 alle 11:48
 
BUON INIZIO SETTIMANA !!! BACETTI E SORRISI ! ^______^...
Inviato da: hengelucedivita
il 26/04/2010 alle 14:39
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Karate al PalaSele, OPENCAMPANIA 2017: premi per tutti

Post n°82 pubblicato il 19 Novembre 2017 da KARATEKID5
 
Foto di KARATEKID5

 Il Karate WKF/FIJLKAM sarà presente ai Giochi Olimpici di Tokio 2020, in funzione di sport dimostrativo. Dopo lunga e penosa anticamera il nostro sport, che è anche una disciplina marziale di combattimento, avrà la possibilità di dimostrare al mondo intero le sue grandi potenzialità educative, spettacolari e culturali. Una serie di appuntamenti calibrati sulla platea di praticanti italiani, possono elevare il livello tecnico. Da qui l'esigenza di dare corso anche in Campania, regione al top delle specialità di kumite e kata, alle gare OPEN. Il PalaSele di Eboli(Sa), il più grande palazzetto dello Sport della Campania e fra i più capienti della nazione, ospiterà nei giorni 1-2-3 Dicembre 2017, la nona edizione dell’Open Campania Internazionale di Karate con il patrocinio di Regione, Provincia, Comune di Eboli, Coni, Fijlkam e Csen e col supporto tecnico dell’Adidas. Le precedenti edizioni hanno riscosso notevole successo in termini di adesioni e per la qualità organizzativa dimostrata, quest’anno la Federazione ha incaricato a coordinare l’evento, il Gruppo Sportivo Karate Bracciante di Salerno. Al team che ha organizzato con grande professionalità numerosi eventi sul territorio il più importante dei quali è il Memorial Ciro Bracciante, è richiesto uno sforzo davvero straordinario e siamo sicuri che gli obiettivi verranno raggiunti. Grazie anche al supporto della Consulta di Settore e alle società della Campania Unita che onorano la gara. L’auspicio di superare i numeri degli anni scorsi, numerosi atleti partecipanti, ai vertici delle classifiche internazionali, un folto gruppo di tifosi e tecnici al seguito, numerose delegazioni straniere e ottima posizione logistica a ridosso delle festività natalizie, creano la formula vincente per questa manifestazione che è ritenuta ormai da tutti “la classica di fine d’anno” che riesce a coniugare sport e turismo. La kermesse, intitolata al grande dirigente sportivo Cesare Baldini, è valida per l’accesso all’attività internazionale, e anche stavolta ospiterà grandi campioni di kata e kumite comprese le classi giovanili, seniores, master e diversamente abili. Domenica 3 Dicembre sfocerà in una grande festa dello sport con la “ Coppa di Natale” riservata ai giovani karateka dai 4 ai 12 anni. Per info : www. opencampania.org

 Senza nulla imputare agli atleti, a volte inconsapevoli, taluni dirigenti, indipendentemente dalla condivisione dei valori olimpici, mentono sulla natura delle proprie organizzazioni. IL KARATE OLIMPICO E LA RETE VI SMENTISCONO:CLUB OLIMPICO 2017

http://www.coni.it/images/1-Primo-piano-2017/PrimoPiano2017_bis/Club_Olimpico_2017_Giunta_24_0tt__2.pdf

Le iscrizioni dovranno essere inviate esclusivamente via mail: openkaratecampania@virgilio.it per qualsiasi informazione: M° Antonio Lallo 345 7968 856

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Storia del Karate Campano di Cesare Baldini-estratto

Post n°81 pubblicato il 02 Dicembre 2013 da KARATEKID5

Premessa a cura di Salvatore Baldini Delegato provincia Caserta FIJLKAM Campania

Quest’anno ricorre il decennale della scomparsa del M° Cesare Baldini, mio padre e mio Maestro. D’accordo con mia madre e mia sorella e con lo storico gruppo delle cinture nere del Musokan, nel corso delle consuete serate in pizzeria per celebrare il Suo ricordo, abbiamo deciso di far conoscere alle nuove generazioni un pezzo di storia del Karate Campano attraverso le parole che Egli ha impresso nei nostri cuori e mediante degli estratti delle pubblicazioni di due Albi Regionali delle Cinture Nere che hanno rivestito un’importanza fondamentale per l’avvio di una nuova stagione per il karate campano. Crediamo che sia giusto che i giovani possano verificare quanto siano solide le fondamenta di questa disciplina che tanto ha dato a molti di noi anche nelle nuove forme di comunicazione. E’ nostra intenzione continuare nell’opera cominciata da questo importante protagonista del karate nostrano, perpetuando i Suoi insegnamenti. Le parole del M° Baldini risuonano ancora nelle menti di coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e molte delle Sue intuizioni si sono, oggi, realizzate. In attesa della pubblicazione di un nuovo albo offriamo a Voi lettori le introduzioni e le postfazioni delle opere che sono state pubblicate negli anni scorsi e che fanno parte della Storia del Karate Italiano. Proprio questo è il titolo dell’opera che mio padre stava curando per volontà dei dirigenti della Federazione e che purtroppo è rimasta incompiuta. Spero nei prossimi mesi di trovare la forza di continuarla e di catalogare il tanto materiale raccolto. Intanto leggiamo insieme come è nato il karate nella nostra regione e quanto siano attuali alcune dinamiche che sicuramente saprete cogliere, insieme ai nomi di quelli che oggi sono grandi personaggi nel panorama nazionale. Nel ringraziare il Comitato regionale settore Karate coordinato dal M° Nicola Mirabella, per il sostegno accordatomi, vi aspetto al 5^ OPEN CAMPANIA INTERNAZIONALE DI KARATE all’interno del quale si svolgerà il 10^MEMORIAL CESARE BALDINI.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Karate campania

Post n°80 pubblicato il 20 Aprile 2013 da KARATEKID5

ominciamo a postare i risultati degli atleti della ns. regione impegnati in questo affollato week-end di karate.
Superlativo Bronzo per Gianluca De Vivo alla Bosphorus Cup in Turchia. L'atleta in forza allo Shirai S. Valentino Torio(Sa) tiene alto in vessillo tricolore nei 67 kg in una trasferta dominata da giudizi in favore degli atleti di casa. La finale di Valdesi ne è una prova comunque il giudizio con 10 ??? medaglie totali è più che positivo

Open D'Italia Biella 

Cat 68 kg U21 Oro per Luca Maresca Luca Wellness Zone(Na) del M° Mario Cicchella, Argento per Pasquale Filosa Pasquale Univesal Center (Na) e bronzo per Angelo Crescenzo Angelo Shirai S.Valentino(Sa) del M° Antonio Califano
Cat 76 kg Argento per De Stefano Antonio Shizoku Avellino e Bronzo perDomenico Tesoro Giuseppe Champion Center del M° Massimo Portoghese. 
Cat 68 kg Jun Bronzo per Vincenzo Acerbo Vincenzo Shoizoku Avellino
Cat 78 kg U21 Oro per Sarnataro Emanuele Sarnataro Champion Napoli
at +78 kg U21 Oro per Longobardi Pasquale Longobardi Champion Center(Na) e bronzo per Renzulli Vincenzo Shizoku Avellino del M°Emilio Fotino
A presto per gli altri risultati sperando di non commettere leggerezze ma purtroppo la classifica è sprovvista del nome delle società e la memoria gioca brutti scherzi

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Open Campania Internazionale di Karate 2012

Post n°79 pubblicato il 19 Aprile 2013 da KARATEKID5

n virtù delle nuove norme di pubblicazione per la rivista federale ATHLON, le cronache regionali devono essere inviate attraverso i Comitati. In attesa delle decisioni degli organismi competenti  e poiché il "pezzo" è ormai datato  vogliamo comunque offrire a coloro che hanno voglia di seguirci una descrizione di quanto successo. Dott. Giuseppe Gendolavigna Addetto Stampa Fijlkam Karate Campania

4^ Open Campania Internazionale di Karate di Giuseppe Gendolavigna foto estratte da Facebook

Pozzuoli(Na) 15.16/12/2012

Due bellissime giornate di sport in terra campana a ridosso delle festività natalizie anche in presenza di  una situazione meteo incerta, hanno consentito agli oltre 1200 partecipanti, da Esordienti A fino a Master, con il folto gruppo di accompagnatori al seguito, di godere delle bellezze del Golfo di Napoli. 

La quarta edizione dell’Open Campania intitolata alla memoria del Maestro Cesare Baldini ha determinato l’aggiornamento delle classifiche per l’accesso all’Attività Internazionale della Nazionale giovanile di Karate Fijlkam che vedrà protagonista al 40^ Campionato Europeo Cadetti, Juniores & Under 21 in Turchia a febbraio, la pattuglia agguerrita dei  campioni di casa nostra.

Il livello di qualità raggiunto dai nostri giovani consente di essere ottimisti per il futuro. Molti hanno confermato il podio e l’ottimo momento di forma: Chiara Zuanon, Sara Ballerini, Nicole Forcella, Angelo Crescenzo, Luca Maresca, Vincenzo Acerbo, Giuseppe Cartelli, Antonio Vastola, Emanuele Sarnataro e nel kata Terryana D’Onofrio, Serena Bonuccelli, Chiara Masnata, Michaela Di Desiderio,  Alessandro Iodice e Gabriele Petroni sono solo alcuni dei protagonisti di queste due belle giornate di sport e di amicizia.

La città di Pozzuoli (Puteoli), territorio nel quale insiste il Palabutangas di Monteruscello (Na) ha origini antichissime e nei precedenti articoli ne abbiamo esaltato le bellezze termali. La storia di questa comunità  è legata ai traffici mercantili provenienti dall’Egitto e prima che fosse completato il porto di Ostia, era una delle porte dell’impero romano che ha lasciato anche qui antiche vestigia, tra le quali ricordiamo il Tempio di Serapide (Macellum) e l’Anfiteatro Flavio. Nel nuovo testamento negli Atti  (23,13-14;) S. Paolo proveniente da Reggio giunge a Pozzuoli con alcuni fratelli  per poi proseguire per Roma. Noi proseguiamo nella cronaca della gara.

La Commissione Attività Giovanile al completo, con il Coordinatore Vito Simmi, i componenti Santo Torre e Gennaro Talarico con gli onnipresenti Tiziana Costa e Vincenzo D’Onofrio, osservava e pregustava il sapore delle prossime vittorie.
Pianificare il lavoro dentro e fuori la palestra oggi per molti insegnanti della Fijlkam è diventata un’ attività primaria e tanti vivono proprio di karate. Queste scelte determinano aspettative che possono e devono essere realizzate con elevati livelli di professionalità. Studio e pratica senza fine è il segreto per fare del buon karate. I Maestri di queste giovani promesse sono esperti della materia …
I
l V. Presidente Mirabella e la Consulta ancora una volta per organizzare degnamente l’Open Campania Internazionale di Karate, hanno chiesto e ottenuto i patrocini dell’Amministrazione puteolana, della Regione Campania, della Fijlkam e della Unione delle Federazioni di Karate del Mediterraneo rispondendo ai criteri di qualità richiesti da questo genere di eventi.
Ovviamente c’è sempre da migliorare ma quest’anno che è stato veramente vissuto a 300 km all’ora ci ha regalato  grandi soddisfazioni sia per le vittorie sportive, sia per il grande lavoro di squadra che abbiamo ancora una volta saputo mettere in campo. Grazie a tutti i componenti degli staff che come sempre hanno lavorato per la riuscita di questa gara che è di tutti i karateka campani.

Lo sport non è un episodio. Nella parte agonistica si enfatizza l’impegno fisico ma “Sport” è anche cultura. La FIJLKAM ha puntato tutto sulla formazione dei quadri tecnici sia in veste di insegnanti tecnici che in quella di ufficiali di gara. Possiamo affermare che i numeri di oggi sono frutto delle scelte oculate di ieri. La pratica deve essere supportata da un sapiente lavoro per innalzare il livello di conoscenza degli associati e il numero di ore richieste per ottenere le qualifiche della Fijlkam sono in linea con il piano di formazione dei tecnici emanato dal Coni.

Consentiteci di esaltare due tecnici della nostra regione che in questo quadriennio hanno veramente vinto di tutto e che tutta la nazione ci  invidia: Massimo Portoghese e Antonio Califano. Il primo, con la sua creatura Champion Center (Na),  ha vinto la classifica per società del quadriennio 2009/2012. Il secondo con il suo Shirai S.Valentino Torio (Sa) si è classificato al 1° posto per società nel 2012 creando i presupposti per una scia di successi guadagnati con anni di sacrificio.

La fine del 2012  ha portato alle elezioni per il rinnovo del Consiglio Federale che è composto dal neoeletto Roberto D’Alessandro dalla Puglia, e i riconfermati Pietro Zaupa dal Veneto, Salvatore Nastro dalla Campania e Sergio Donati dalla Toscana. Questi ultimi due erano presenti insieme al neo Presidente Onorario delle Fijlkam Prof. Giuseppe Pellicone in rappresentanza della Federazione e hanno augurato a tutti Buone Feste a  nome del Presidente Dott. Matteo Pellicone. Erano inoltre presenti i V. Presidenti del settore Karate del Comitato Calabria Gerardo Gemelli, Puglia Sabino Silvestri e Lazio Giuseppe Della Lama da sempre amici della ns. regione.

A dispetto di alcuni cali di tensione elettrica, quella che non è mai calata è la tensione agonistica che ha caratterizzato la prestazione delle categorie di giovani ma anche dei Master che hanno sfoderato tutta la loro esperienza per primeggiare e farsi onore perché in questa formula di gara si privilegiano <> (M.Pellicone Athlon Luglio/Agosto 2012 pag. 6).
A proposito di Master uno storico Maestro della Campania, Mario Massimiano ha deciso di concludere la propria attività di insegnante dopo anni impiegati per la diffusione della disciplina nell’area di Sapri (Sa). Il Comitato Regionale campano ha inteso onorare l’annuncio con una targa alla carriera. Il Prof. Giuseppe Pellicone incaricato della premiazione ha comunicato che nel prossimo Consiglio di Settore sarà richiesto al Presidente Matteo Pellicone di conferire il 5° Dan Motu proprio al M° Massimiano per l’impegno nella diffusione delle discipline Fijlkam.

La medaglia d’oro coniata in occasione del 4^ Open Campania, ad opera della famiglia Baldini anche quest’anno presente alla cerimonia di apertura, è stata conferita ad un altro storico pioniere delle Arti Marziali al quale di recente è stato conferito l’ottavo dan di judo: il Presidente del Comitato Regionale Aldo Nasti.
Un particolare ringraziamento agli Ufficiali di Gara che hanno lavorato con grande professionalità, riuscendo a valutare con  equilibrio e duro sacrificio specie al sabato.

I due componenti della Commissione Francesco Rizzuto e Roberto Tanini hanno assicurato il necessario raccordo fra i 7 tatami ed è doveroso ringraziarli per questi 4 anni di grande lavoro nell’ombra in un settore che tempo fa era sempre pronto a surriscaldarsi. Oggi non più!!! Era presente anche il M°Giuseppe Zaccaro membro della Commissione Arbitrale Mondiale WKF e numerosi arbitri internazionali. Il giusto plauso anche alle gentili Presidentesse di Giuria coordinatrici D.ssa Raffaella Lauciello e Antonella Carillo

Nelle discipline di combattimento organizzate dalla Fijlkam le componenti di aggressività sono sublimate, spostate in maniera da rendere poco invasivo l’attacco sull’altro, attraverso l’uso di regolamenti studiati in funzione della Psicologia dello Sviluppo dei praticanti. Solo in questo modo la proposta sportiva potrà essere offerta in maniera diffusa per rispondere in maniera efficace alle richieste della società civile che chiede alle Arti Marziali di essere parte del movimento sportivo italiano che continua ad avere successo non solo in termini di medaglie ma anche per il grande valore morale che solo esse sanno dare.
All’interno della famiglia CONI,  la FIJLKAM dal 1902, è leader delle discipline da tappeto. Una grande organizzazione che nel rispetto di valori millenari di cui le Arti Marziali sono portatrici, adegua la proposta formativa adattandola ai tempi. Dopo Parigi 2012 il Karate Italiano è al 3° posto nel ranking mondiale.

Questo  quadriennio ha regalato un altro record alla FIJLKAM: le 1000 medaglie(L.Toschi Athlon 2012, Mag/Giu pag. 9). La nostra  Federazione è ancora impegnata sia come direzione centrale che come organismi periferici  in eventi agonistici e formativi per consolidare le posizioni raggiunte.
Da un analisi dei dati e tenuto conto dei principi della Psicologia delle Organizzazioni possiamo affermare che il “sistema” FIJLKAM  è efficiente poiché il rendimento è al massimo delle possibilità stante le risorse impiegate. Inoltre le decisioni della Federazione si rivelano  efficaci visto che le scelte hanno determinato i risultati desiderati.

Questa è l’eccellenza e come dichiarato dal Presidente Federale Matteo Pellicone <<…I Tecnici si formano ad ogni livello di dirigenza in quella grande fucina che è costituita dai Comitati Regionali. Lì ogni giorno si fa esperienza sul campo a contatto con la  base che è composta da volontari che operano a titolo gratuito. La forza del ns. sport è seguire la via italiana che ci ha consentito di essere presi ad esempio>> (Athlon Maggio/Giugno 2012 pg.6,par 3).

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Karate per tutti

Post n°78 pubblicato il 10 Aprile 2013 da KARATEKID5
 
Tag: .gg
Foto di KARATEKID5

Nonostante i contrasti e le divisioni che ne caratterizzeranno sempre la storia, spinto dalla sua intrinseca bellezza e validità il Karate attuale è un confronto totale tra i contendenti che comprende sia tecniche di percossa apportate con gli arti, che proiezioni che si concludono con il colpire l’avversario anche a terra. In sostanza nel Karate sono applicabili tutte le tecniche concepibili nelle migliaia di Arti e stili di combattimento esistenti, escludendo soltanto l’uso di qualsiasi tipo di arma. Diverso è il discorso quando questa disciplina si pratica nel suo aspetto sportivo. Qui sono fissate regole ferree che pongono in primo piano l’incolumità dell’atleta e la tutela della sua integrità fisica, onde far si che una disciplina con un potenziale letale enorme, possa essere praticata in perfetta sicurezza a tutti i livelli ed a tutte le età. Ne ha avuto origine uno sport vario e spettacolare, piacevole da vedersi che si è rapidamente diffuso in tutto il mondo fra decine di milioni di praticanti. Il Karate è una disciplina che richiede una preparazione fondamentale simmetrica che impegna l’intero apparato muscolare e favorisce al massimo la lateralizzazione, quindi lo sviluppo armonico del corpo nei giovanissimi ed il potenziamento globale nei meno giovani; attività intensa e non ripetitiva, crea con la sua variabilità lo stimolo a reazioni velocissime e a rapide decisioni strategiche e tattiche, apportando benefici e miglioramenti evidenti di ordine psicofisico a chi lo pratica con costanza e serietà sotto la guida di un buon Maestro. Oggi, in Italia il Karate è ufficialmente riconosciuto come disciplina sportiva dal CONI che ne ha affidato il coordinamento alla FIJLKAM ( Federazione Italiana Judo, Lotta, Karate e Arti Marziali ) la quale ne organizza egregiamente l’attività e conta ben oltre un centinaio di migliaia di appassionati praticanti su tutto il territorio nazionale. Ottimamente strutturata, la Federazione oggi dispone di eccellenti Dirigenti e Tecnici che hanno portato la nostra nazione a primeggiare in questa disciplina in campo mondiale ponendola sempre ai primissimi posti delle classifiche nelle gare internazionali. La grande intuizione per continuare la scia di successi iniziata nel 1902 e che ha portato il bottino della FIJLKAM ad oltre 1000 medaglie, è stata puntare ad intercettare le fasce giovanili con una proposta polivalente per avvicinarli al mondo delle Arti Marziali: il Progetto Sport a Scuola. I piccoli karateka dai 5 agli 11 anni si possono cimentare in una formula di gara nata circa 15 anni fa che sancisce nei riscontri di partecipazione, la straordinaria capacità di analisi della segmentazione sociale e delle linee di tendenza demografiche. La profonda conoscenza della ns. arte marziale coniugata ad una grande cultura dello sport hanno consentito di usare un linguaggio comprensibile all’articolato mondo delle istituzioni scolastiche e di far uscire il karate da una visione da parte dei media, che lo relegavano a mero spettacolo teatrale con rottura di ammennicoli vari. Il Karate e le Arti Marziali, attraverso un adeguato percorso progettuale, permettono ai ragazzi in età scolare di sviluppare funzioni importanti di tipo neuro-cognitivo e di potenziare la motricità di base, la motricità relazionale ed i comportamenti sociali. Dal punto di vista metodologico, oltre all’approccio multilaterale, va sottolineata la particolare attenzione al contesto ludico ed alla stimolazione della capacità di collaborare nelle fasi di apprendimento. Le Arti del combattimento sviluppano un’organizzazione mentale che regola sequenze psicomotorie, favorendo nei bambini e nei ragazzi una concentrazione mentale necessaria per eseguire gli schemi delle discipline sportive. Tale mentalità è senz’altro utile ai giovani di oggi abituati a distrarsi facilmente, mantenendo la concentrazione dell’attenzione su bassi valori nel tempo. Inoltre, permette agli allievi di assumere processi decisionali che consentono di assumersi delle responsabilità. Le Discipline FIJLKAM, seguendo un proprio codice morale, insegnano principalmente i comportamenti psicomotori: il prodotto è una lotta non violenta finalizzata al controllo dell’avversario. Tali specialità sono portatrici di ricchezza culturale e sono state completamente rivisitate e adeguate metodologicamente alla luce delle scienze motorie e della moderna pedagogia e didattica. Tuttavia, lo Sport non può essere praticato in età evolutiva se prima non è stata sviluppata adeguatamente la motricità di base, che attualmente nei paesi occidentali è ridotta a poca cosa, a causa dell’ipocinesi e della sedentarietà dilagante. Per gli individui in età evolutiva ciò comporta problemi allo sviluppo di funzioni neuro-cognitive e allo sviluppo dei grandi apparati. L’ipocinesi colpisce in vario modo tutte le fasce di età, ma in maniera pressoché irreversibile gli individui tra i 5 e i 13-15 anni. Ciò è stato compreso dalle famiglie che sempre più frequentemente chiedono soluzioni all’Associazionismo Sportivo e alle Federazioni, le quali si devono fare carico di problematiche complesse. Le agenzie educative hanno compreso che oltre al messaggio intrinseco nell’aspetto della festa/gioco, il GPG è uno strumento di grande efficacia per una valida e costruttiva carriera sportiva che contempla l’interrelazione e l’interazione collaborativa con i compagni, oltre all’acquisizione di coerenti comportamenti ispirati alla sicurezza ed al fair play e il motto Ludere non Laedere. Senza questi parametri non è possibile alcuna forma di apprendimento o addestramento nella visione moderna dello sport che nel terzo millennio richiede maggiore professionalità agli operatori del settore. In questo senso oltre alle fasce giovanili sono state stanziate importanti risorse in progetti di ricerca con varie Università per evidenziare i benefici della pratica del Karate lungo tutto l’arco di vita e per il contenimento del fenomeno dell’abbandono precoce. L’esigenza di rimodulare i Bisogni di Formazione per calibrarli sulle nuove esigenze della società è un dovere per ogni organizzazione che oltre alla preparazione fisica si pone come obiettivo l’insegnamento di valori: nella FIJLKAM questo c’è Fonti: www.fijlkam.it www.fijlkamcampania.it http://gendolavigna.wix.com/arti-marziali

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »