**TEST**
Creato da pino.bullara il 24/04/2011
Poesie di Pino Bullara

Benvenuti

 

 

Ognuno può esprimere

il proprio parere liberamente.

Le persone fanatiche,

bigotte e volgari

 non sono gradite.

 ------------------

 L’autore delle poesie
di questo blog è
Pino Bullara.
Ai sensi del D.L.196/2003,
il materiale qui contenuto
NON può essere copiato
o utilizzato da altri,
senza il permesso dell’autore.

 

blowing in the wind

 

 

Omino

La disubbidienza civile ( Gandhi)

  «La disobbedienza civile diviene un dovere sacro quando lo Stato diviene dispotico o, il che è la stessa cosa, corrotto. E un cittadino che scende a patti con un simile Stato è partecipe della sua corruzione e del suo dispotismo» (Gandhi).

 

Ultime visite al Blog

pino.bullaragioia58_rxxxl_tuttasuifianchisabbia_nel_ventoansa007abisperiellyslssuperferrarirussoimmobiliaresrllubopoSky_Eaglemakavelikarobi19700il_pablopsicologiaforense
 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

http://blog.libero.it

Agrigento: la valle dei templi.

 

L'agnello pasquale di Favara

 

Il mio sito

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

« ArpaliceCassandra »

Una Matita

Post n°127 pubblicato il 30 Maggio 2012 da pino.bullara

Una Matita

 

« Io fui soltanto una piccola matita,

una semplice matita tra le Sue dita.

Di Dio fui solo un mezzo indegno,

per la realizzazione del Suo disegno.

 

Ama il prossimo tuo come te stesso

e senza distinzione di età e di sesso,

di razza, di credo politico e religioso,

io amai tutti: dal povero al facoltoso.

 

Col nome Teresa, a Lui mi votai tutta.

Lasciai Skopje e andai a Calcutta.

Con tutto l’amore, la fede e la bontà

cercai, soltanto, di fare la Sua volontà.

 

In ogni fratello vedevo il Suo volto,

quel che facevo non era mai molto,

mi assillava solo una preoccupazione:

non essere abbastanza a disposizione.

 

E infine, quando lasciai questo regno,

alle sorelle ricordai il nostro impegno:

a Dio abbiamo consacrato la vita,

siamo solo matite, tra le Sue dita.»

                                 (Pino Bullara)

Questa poesia, ovviamente, la dedico

 a Teresa, alias gioia58_r, visto che

si è messa a pregare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog