Creato da pino.bullara il 24/04/2011
Poesie di Pino Bullara

Benvenuti

 

 

Ognuno può esprimere

il proprio parere liberamente.

Le persone fanatiche,

bigotte e volgari

 non sono gradite.

 ------------------

 L’autore delle poesie
di questo blog è
Pino Bullara.
Ai sensi del D.L.196/2003,
il materiale qui contenuto
NON può essere copiato
o utilizzato da altri,
senza il permesso dell’autore.

 

blowing in the wind

 

 

Omino

La disubbidienza civile ( Gandhi)

  «La disobbedienza civile diviene un dovere sacro quando lo Stato diviene dispotico o, il che è la stessa cosa, corrotto. E un cittadino che scende a patti con un simile Stato è partecipe della sua corruzione e del suo dispotismo» (Gandhi).

 

Ultime visite al Blog

capbat1p.desimone2008pino.bullaragioia58_rxxxl_tuttasuifianchisabbia_nel_ventoansa007abisperiellyslssuperferrarirussoimmobiliaresrllubopoSky_Eaglemakavelikarobi19700
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

http://blog.libero.it

Agrigento: la valle dei templi.

 

L'agnello pasquale di Favara

 

Il mio sito

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

« CassandraLucrezia »

Rosa

Post n°129 pubblicato il 01 Giugno 2012 da pino.bullara

 

Rosa

«Vidi la luce il primo giorno di Primavera,

al quinto anno di quella maledetta era.(1)

Rosa rossa sbocciata tra spine e arsura,

tuttavia, crebbi forte e ancora più sicura.

 

A quindici anni finì la mia giovinezza:

un compagno imposto, dolore e amarezza.

Altra vita, altri luoghi sognava il cuore,

ma, intorno a me, solo miseria e squallore .

 

Lasciai la mia terra per una più fortunata,

portando nel cuore, sempre, la mia Licata.

Le sofferenze e i dolori della mia terra cantai,

dei fanciulli sfruttati in miniera raccontai.

 

Il venti settembre del millenovecentonovanta,

a Palermo, rifiutando preti e acqua santa,

volai nel vento, portando la mia bandiera rossa;

a Trespiano riposano, in pace, le mie ossa.

 

Ma il mio spirito aleggia sulla mia Licata:

amara terra ingrata... ma tanto amata.

E quando sulle onde del mare soffia il vento,

si sente cantare la mia voce... il mio lamento.»

                             (Pino Bullara)

                     (1)  21 Marzo dell'era fascista, cioè, del 1927

A_Rosa

Omaggio in siciliano

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog