Creato da dott.nippur il 15/09/2010
Il blog del malcontento democratico

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

ITALIANOinATTESAgiovanni.artioliVittorio_The_Dreamerchopin83cE03mara_dolcemaraenrico505Elemento.Scostanteclaudio2012sdott.nippurCosimino1968mrjnkslacey_munrofrancesca632velodicristallo
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Doppiopesismo di SinistraDeja vu a Sinistra »

Abolite le province ... ma non il provincialismo

Post n°368 pubblicato il 14 Settembre 2015 da Cosimino1968

Ci sono stati un paio di episodi negli ultimi giorni che mi hanno mostrato, ancora una volta, che gli italiani sono davvero dei provinciali, nonostante questa inutile istituzione (la provincia, intendo) sia scomparsa dal nostro ordinamento.

Prima notizia: due tenniste italiane, fatto mai successo in passato, si sono ritrovate insieme nella finale di un importantissimo torneo internazionale, al termine di partite memorabili, contro avversarie fortissime.

Matteo Renzi ha fatto allora una cosa a dir poco giusta: ha mollato l'inaugurazione dell'annuale fiera del Levante (tanto, andrà a quella prossima ...) ed è corso negli States per dimostrare la "presenza" delle Istituzioni accanto, per una volta, all'Italia migliore, quella capace di vincere le sfide, anche quelle impossibili.

Non si è intestato nulla di quella situazione, sarebbe stato ridicolo, ma ciò che ad altri è stato sempre permesso, ovvero presenziare ad una finale (lo fece pure Sandro Pertini, nel 1982 ... ma forse andava bene perchè era il calcio), a Renzi lo si è rinfacciato ... doveva stare a casa ...

La seconda notiza, che coinvolge nuovamente Renzi, è quella inerente il nuovo aereo che utilizzerà la presidenza del consiglio (e non solo) per i viaggi internazionali.

Dal 1981 ci si affida a tre Airbus A319 che, più che aerei, sono dei pullman con le ruote; per intenderci sono quelli che usa Easyjet per la sua flotta. Sono piccoli, lenti, scomodi e sono per il corto raggio; per fare un viaggio più lungo è necessario fare uno o più scali tecnici in qualche sperduta isola dell'atlantico o in Siberia.

Nessuno paese del G8, oltre l'Italia, ha simili trabiccoli; adesso, spendendo una decina di milioni di euro l'anno, arriverà un aereo nuovo preso in leasing (non si conosce ancora il modello)

Per carità, è vero che ci sono milioni di disoccupati e "ben altri problemi", però è anche vero che non si sta parlando dell'acquisto di un bene di lusso ma di un bene di servizio ...

Questo, però non basta: è partita un indicibile cagnara contro lo spendaccione Renzi (Letta, suo predecessore, s'è premunito nel dire che l'attuale aereo va benissimo ... ma, del resto, Letta ha mai preso anche solo una decisione?).

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/poverademocrazia/trackback.php?msg=13274822

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento