Creato da: psicologiaforense il 14/01/2006
finchè vita non vi separi
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 795
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Contatta l'autore

Nickname: psicologiaforense
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 58
Prov: PD
 

umorismo e satira

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 795
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

 
« TU CHE BLOGGER SEI? ESTR...LA DOMANDA DEL GIORNO, I... »

RIFLESSIONE DELLA SERA: IDEE, OPINIONI, PENSIERI, RAGIONAMENTI, SUGGESTIONI... PER UN NUOVO GIORNO

Post n°8580 pubblicato il 04 Marzo 2016 da psicologiaforense

Pensieri sulla  vita  perchè la vita è intrisa di pensieri e i pensieri  spiegano la vita... pensieri sulla vita per fermarsi su idee corrose dalla banalità e riscoprirvi un senso sotteso  e per svegliarci nello stupore  della realtà... pensieri sulla vita  per ritrovare  la propria interiorità...


L'EQUILIBRIO DELL'ESISTENZA

Possiamo considerare la nostra vita come una bilancia con tanti piatti: piatti sui quali disporre l'amore, la famiglia, il lavoro, i divertimenti, gli amici, ecc. Nostro scopo è quello di mantenere in equilibrio questi insoliti pesi, e impedire che uno di essi schiacci gli altri e finisca col travolgere noi stessi. Per sentirsi in equilibrio con la vita bisogna progettarne i suoi momenti: almeno quelli che non sfuggono al libero arbitrio dell'uomo. Il fatalismo è pernicioso, non conduce che all'indifferenza e al nulla. Certo non bisogna essere dei pedanti organizzatori della propria giornata, dividendola rigidamente, secondo orari da collegio: basterebbe un piccolo imprevisto per buttare all'aria tutti i nostri piani, senza contare che una progettazione di questo tipo sarebbe noiosa e ci renderebbe noiosi. Nessun piano deve essere inflessibile o tale da escludere la piacevolezza di una novità. La volontà di disporre del proprio tempo deve nascere, invece, dal bisogno di sentirsi padroni di se stessi, di prendere da soli le proprie decisioni, di pregustare certe giornate organizzate in anticipo per non affidare il proprio riposo al caso, agli altri e spesso alla noia. Guai a colui che dice: "Mi piacerebbe far questo e quest'altro, ma non trovo mai il tempo!". Lo trovi!!  Magari rinunci a qualcosa che, per il suo benessere interiore, è meno importante. Se non riesce a dedicare qualche ora a ciò che la renderebbe sereno e felice, significa che il suo interesse è spento e che le sue lamentele nascono da un'abitudine alla scontentezza.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog