Creato da: psicologiaforense il 14/01/2006
finchè vita non vi separi
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 792
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Contatta l'autore

Nickname: psicologiaforense
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 60
Prov: PD
 

umorismo e satira

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 792
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

 
« COME CERVO CHE ESCE DI F...IL SESSO DAVANTI ALLO SP... »

PANICO, OSSESSIONI , FOBIE… SI POSSONO VINCERE CON LA REALTÀ VIRTUALE CHE CATAPULTA I PAZIENTI A CONTATTO CON LE LORO PAURE

Post n°8955 pubblicato il 23 Gennaio 2017 da psicologiaforense

Sono i mali oscuri del terzo millennio. L’ansia. Il panico. Il disturbo ossessivo compulsivo. Le fobie e mille  paure paralizzanti… che, oggi,   si possono curare con la realtà virtuale la quale   permette di ricreare, tramite algoritmi e protocolli, le situazioni ansiogene in cui il paziente prova disagio o panico.
In buona sostanza,  il paziente  indossa  la classica apparecchiatura (occhiali in particolare) che gli permette  di visualizzare in video il contesto a rischio. 
Prendiamo, ad esempio, il panico da ascensore. All’inizio facciamo entrare il paziente in un ascensore (virtuale)   grande, rassicurante e vuoto. Poi sempre più piccolo, ansiogeno e stretto. La stessa cosa vale per chi ha paura di viaggiare con l'auto in autostrada. O per chi ha paura di volare, ecc...  Di seduta in seduta si aumenta il grado di difficoltà. Insomma, un’azione di desensibilizzazione tramite le nuove tecnologie.  È chiaro che il dialogo con lo psicoterapeuta  resta basilare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog